Nuova musica per i fondatori di Kazaa

Un nuovo servizio di streaming e sottoscrizione musicale. Supportato dai denari di due celebri imprenditori che in passato hanno avuto rapporti burrascosi con le etichette

Roma – Si chiama Rdio ed è l’ultima avventura imprenditoriale di Niklas Zennstrom e Janus Friis, due che con la musica e il multimedia in rete ci trafficano da sempre o quantomeno sin dai tempi dell’esplosione della supernova di Napster nel 2001. Per la coppia Zennstrom/Friis il nuovo orizzonte musicale online non è più il download del P2P ma lo streaming a pagamento basato su sottoscrizione.

I due imprenditori sono responsabili prima della creazione di Kazaa – network di condivisione divenuto tristemente noto per il malware proliferante e le decine di migliaia di cause legali intentate dalle major multimediali – e poi del VoIP di Skype. Rdio è una novità che in parte sa di già sentito, un servizio di streaming che promette libertà di utilizzo e condivisione in salsa social dei gusti e delle opinioni degli utilizzatori.

Disponibile nei “tagli” da 4,99 e 9,99 dollari al mese, Rdio offrirà accesso a un ricco catalogo musicale composto da 5 milioni di brani apparentemente con bollino di approvazione da parte delle Grandi Sorelle del disco (EMI, Sony, Warner, Universal). La differenza di prezzo starebbe nel tipo o nella quantità di dispositivi che si possono abilitare alla fruizione dei propri acquisti, capaci di raggiungere l’utenza iPhone come quella BlackBerry e in futuro anche Android.

Caratteristica distintiva del servizio, che i promotori sperano lo faccia emergere in una categoria sempre più affollata, sono gli elementi sociali di condivisione tra gli utenti. Che non potranno giammai scambiarsi file (modello di business in via di sepoltura, azzardano quelli di Rdio) ma solo recensioni, “collezioni”, liste di preferiti e gusti personali in fatto di band e generi musicali.

Riuscirà la nuova avventura degli ideatori di Kazaa a raggiungere il suo obiettivo? Di certo il mercato della musica digitale è in crescita continua , e secondo Forrester Research vale (nel solo 2009) 1,87 miliardi di dollari – 209 milioni dei quali provenienti proprio dai servizi di sottoscrizione come Rdio. Non a caso allo streaming remoto pensano anche Apple e Google, la prima con una possibile riconversione di iTunes (dopo l’ acquisto di Lala ) e il secondo con un potenziale marketplace musicale per dispositivi basati su Android.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • SuicideRun scrive:
    Sì, come no...
    Per la serie: "non sappiamo più come fare per avere un po' di pubblicità per salvare le schifezze che ultimamente produciamo"!Quella della sceneggiatura rubata, della pellicola pre montaggio messa in circolazione o altro. Le bugie che non sanno inventarsi.Ragioniamo: una persona perché dovrebbe rischiare di finire in galera (o pagare una penale) per mettere a disposizione di altri (a gratis) una sceneggiatura rubata (e magari incompleta)?Saluti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 giugno 2010 20.51-----------------------------------------------------------
    • fiertel91 scrive:
      Re: Sì, come no...
      - Scritto da: SuicideRun
      Ragioniamo: una persona perché dovrebbe rischiare
      di finire in galera (o pagare una penale) per
      mettere a disposizione di altri (a gratis) una
      sceneggiatura rubata (e magari
      incompleta)?Sì, che a me poi non annuncia niente di grandioso.
      • lordream scrive:
        Re: Sì, come no...
        - Scritto da: fiertel91
        - Scritto da: SuicideRun

        Ragioniamo: una persona perché dovrebbe
        rischiare

        di finire in galera (o pagare una penale) per

        mettere a disposizione di altri (a gratis) una

        sceneggiatura rubata (e magari

        incompleta)?

        Sì, che a me poi non annuncia niente di grandioso.mah.. tutto sto trambusto non lo capisco.. pubblicità gratis al film che mi scarichero in dvdrip.. se mi piace me lo compro.. imho si fanno troppi problemi e poche XXXXXXXX
  • M.R. scrive:
    Si, ma come c'è finito online?
    Danno la colpa al P2P, ma online chi ce lo ha messo?Come fanno i controlli al personale?A chi passano i documenti?
Chiudi i commenti