Nuova Zelanda, Kim Dotcom contro l'intelligence

Il boss del file hosting avvia la sua personale causa contro il governo neozelandese, accusato di aver intercettato illegalmente le sue comunicazioni private

Roma – Autorizzato in sede d’appello, il founder di Megaupload Kim Dotcom ha denunciato il governo neozelandese e in particolare l’agenzia di intelligence Government Communications Security Bureau (GCSB), accusata di aver condotto le operazioni d’intercettazione delle sue comunicazioni private dopo il raid scatenato dagli Stati Uniti contro il mega-impero del file hosting.

L’imprenditore di origini tedesche – che da diversi anni è residente agli antipodi – chiede un totale di 8,5 milioni di dollari locali (circa 5 milioni di euro) come forma di risarcimento per le attività illecite di sorveglianza da parte del Bureau , espressamente vietate dalla legge kiwi sulle intercettazioni nei confronti di tutti i cittadini .

Alla High Court di Auckland, Dotcom ha denunciato l’adozione di tattiche invasive ed eccessivamente aggressive nei confronti della sua famiglia, quando la moglie Mona veniva strappata ai suoi tre figli durante il raid statunitense, dopo un assalto aereo in tenuta anti-terrorismo alla villa neozelandese. Il founder di Megaupload ha inoltre denunciato il vicepremier Bill English, reo di aver sepolto le intercettazioni illecite ancor prima della visita a casa Dotcom.

Mentre si consuma l’attesa per il processo che potrebbe portare all’estradizione dei responsabili di Megaupload, Dotcom ha trovato forza nel significativo vizio formale all’interno del mandato di perquisizione e sequestro voluto dal governo di Washington. Il boss del file hosting vuole essere risarcito anche per i danni alla casa e soprattutto alle costose attrezzature informatiche sequestrate dalla polizia. Il processo all’intelligence neozelandese dovrebbe iniziare nel prossimo marzo .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Consigli di LUCO, GRATUITI e LEGALI
    Nell'attesa di Netflix in Italia, cosa si può guardare gratis e legalmente:1) La serie "Scuola di botte" di Cicalonehttp://tinyurl.com/scuoladibotte2) La serie "Next stop" sulla linea D di Roma:http://tinyurl.com/ozsqkzz3) I canali televisivi (oltre 300, molti interessanti) di Streamit:http://tinyurl.com/prfrmco4) I video di Matteo Montesihttp://tinyurl.com/matteomontesi5) I video di Andrea Diprèhttp://tinyurl.com/andreadipre6) I video di Christian Icehttp://tinyurl.com/christianice7) I video di Yotobihttp://tinyurl.com/nmpqdud8) Il film Homehttp://tinyurl.com/ntyn3pg9) Il film Calma Apparentehttp://tinyurl.com/calmaapparente10) La musica dei Prophilaxhttp://tinyurl.com/prophilax
    • LOL scrive:
      Re: Consigli di LUCO, GRATUITI e LEGALI
      mamma che gusti... :|
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Consigli di LUCO, GRATUITI e LEGALI
        - Scritto da: LOL
        mamma che gusti... :|Sei in grado di dire in maniera obiettiva che i miei gusti siano peggio del 99% della gente che invece si sente Justin Bieber e/o Lady Gaga e che come film di riferimento hanno quelli con Christian De Sica?
  • cicciobello scrive:
    Doppioni?
    Vogliono proporre ciò che la gente HA GIÀ SCARICATO? Che senso ha? Chi pagherebbe per vedere una cosa che ha già?Perchè non provano a proporre qualcosa che la gente non ha ancora visto?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Doppioni?
      contenuto non disponibile
      • asdf scrive:
        Re: Doppioni?
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Anche se li hai già su un HD fai prima a cliccare sulla
        versione di netflix.La vedo dura in italia anche mi sembra che netflix abbia qualche cache che permette di scaricare in anticipo.
  • unaDuraLezione scrive:
    com'era...
    contenuto non disponibile
    • MacGeek scrive:
      Re: com'era...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      ...quel concetto buffo che le playlist sono
      protette dal diritto
      d'autore?Questa mi mancava. Davvero?
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: com'era...
        contenuto non disponibile
        • MacGeek scrive:
          Re: com'era...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: MacGeek

          - Scritto da: unaDuraLezione


          ...quel concetto buffo che le playlist
          sono


          protette dal diritto


          d'autore?



          Questa mi mancava. Davvero?

          accomodati, e preparati a ridere:
          http://punto-informatico.it/3883961/PI/News/spotif :| :|
Chiudi i commenti