NVIDIA, tra Volta e conti in attivo

La corporation californiana comunica risultati finanziari più che positivi, mentre nel futuro ci sono le GPU basate sulla nuova architettura che, come da tradizione, arriveranno sul mercato prima di tutto in formato HPC

Roma – NVIDIA ha comunicato i risultati finanziari del primo trimestre del nuovo anno fiscale (2018), periodo che si è chiuso il 30 aprile scorso e che ha fatto registrare il segno più su tutti i fronti. Gli affari della inventrice della “GPU” vanno a gonfie vele , e il progresso tecnologico marcia a ritmi serrati verso un futuro apparentemente fatto di machine learning, guida autonoma e altro ancora.

I ricavi complessivi incamerati da NVIDIA negli ultimi tre mesi ammontano a 1,94 miliardi di dollari, una crescita del 48 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso ; i profitti operativi arrivano a 554 milioni di dollari, con un aumento più che significativo del 126 per cento anno-su-anno.

Come sempre, a fare la parte del leone negli affari dell’azienda sono le GPU discrete (1,56 miliardi di dollari), un settore in cui NVIDIA ha sottolineato la domanda crescente per i prodotti dedicati al gaming su PC e alle applicazioni nei data center. Il settore “business” (tra GPU fisiche e servizi) vale 409 milioni di dollari, un altro incremento dichiarato notevole del 186 per cento anno-su-anno.

Santa Clara ha a disposizione soldi “liquidi” in banca per ben 6,21 miliardi di dollari, una leggera contrazione rispetto ai 6,8 miliardi del trimestre precedente che garantiscono in ogni caso una sicurezza economica invidiata da molti altri protagonisti di uno dei settori tecnologici più avanzati.

Non che NVIDIA sia intenzionata a dormire sugli allori, beninteso: Volta, la nuova architettura di GPU che dovrà succedere alla pluripremiata Pascal , si è già incarnata in un prodotto commerciale fatto e finito con la GPU Tesla V100 per data center e High Performance Computing (HPC).

La GPU V100 è stata realizzata dalla fonderia TSMC con un processo produttivo a 12 nanometri, una tecnologia di prodotto “ai limiti della fotolitografia” che compatta ben 21 miliardi di transistor in un processore da 815 millimetri quadrati. Il chip comprende 5120 stream processor che girano a 1455MHz di frequenza, utilizza 16 Gigabyte di VRAM di tipo HBM2 (per una banda teorica di 900 GB/s) e comunica con gli altri componenti del sistema tramite una interconnessione NVLink di seconda generazione (300 GB/s).

La nuova unità V100 – che non può nemmeno vantare la dotazione “massima” di core computazionali previsti dalla microarchitettura Volta – offre un incremento prestazionale di cinque volte rispetto a Pascal, dice NVIDIA, ed è 15 volte più performante di Maxwell (che a sua volta ha lasciato il posto a Pascal) e può vantare performance da 120 Teraflop in calcoli a bassa precisione INT8. Per fare un confronto, l’ unità TPU di Google è in grado di raggiungere valori dichiarati di 92TFLOP.

Tesla V100 è un prodotto espressamente pensato per “accelerare” le applicazioni di intelligenza artificiale e machine learning, sostiene NVIDIA, con componenti hardware dedicati e la compatibilità già aggiornata sui costosi sistemi HPC DGX-1.

Tra le applicazioni di machine learning/deep learning più “hot” del momento c’è naturalmente quella della guida autonoma, e non è un caso che in contemporanea al debutto di Volta – alla stessa conferenza tecnologica GTC – sia stata annunciata una partnership fra NVIDIA e il colosso dell’automotive Toyota.

La compagnia nipponica utilizzerà il supercomputer Drive PX a base di GPU NVIDIA per installare un “co-pilota automatico” nei suoi veicoli futuri. In realtà i termini dell’accordo sono ancora un po’ fumosi, nondimeno si tratta di uno sviluppo significativo perché coinvolge uno dei maggiori produttori automobilistici al mondo e la società che ha a disposizione un know-how estremamente sofisticato nei supercalcoli necessari a far viaggiare su strada un’intelligenza artificiale a prova (si spera) di incidenti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • yasmina scrive:
    Ciao
    Buongiorno, lo scusate per questo messaggio imprevisto, ma occorre che testimonio: Se ho trovato il sorriso è grazie a signore al nome FAYE che ho ricevuto un prestito di 170000 ad un tasso di 3% per il mio progetto e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questo signore senza alcuna difficoltà. Vi consiglio più non di fuorviarsi di nessuno. Se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché questo signore mi ha fatto bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato questo signore onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarla e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. il suo smalto: jeanlucfaye50@gmail.com
  • trullollero scrive:
    si ripete, si ripete
    Il Campanello era perso nella sua mente, ed è per questo che non si è accorto di una cosa che è evidente a chiunque, tranne che a lui.E cioè la gente è condannata a ripetere sempre gli stessi errori perché quello che conta è l'esperienza e non la conoscenza.Venti di guerra stanno di nuovo sorgendo ovunque proprio per questo.E se non si trasformeranno in guerra reale sarà solo per via di una formidabile e continua repressione di massa come quella attuale.Ma prima o poi la storia si ripeterà, ricordo o no.Ogni genitore lo sa, ma il Campanello era troppo perso nelle sue elucubrazioni per accorgersi di questa banalità.
    • pino scrive:
      Re: si ripete, si ripete
      Già, ogni genitore sa che non si può comunicare l'esperienza, e che il figlio dovrà farsi la propria facendo tutti gli errori del caso.
      • eheheh scrive:
        Re: si ripete, si ripete
        quindi tutti noi ci buttiamo nel vuoto e sbattiamo le braccia per capire che non possiamo volare come gli uccelli?oppure tutti noi mettiamo la mano sul fuooc per capire che brucia e fa male
  • IL NORD scrive:
    ...
    [img]http://billmurray.it/leganord/vu.JPG[/img]
  • oderzo scrive:
    cronicità e giri viziosi
    L'unica logica attuale è quella commerciale di breve periodo.D'altra parte sono interessate in questi discorsi proprio le grandi aziende che hanno imposto questa logica di economia al centro e uomo alla periferia (perlomeno, gli altri uomini, rispetto ai supermanager).Quanto ai politici, sono una massa di incompetenti totali (la prova è come siamo ridotti oggi a causa delle loro decisioni di ieri), vivono isolati dagli altri cittadini, però legiferano come se conoscessero di prima mano cosa vuol dire vivere in società.E quando non sono solo incompetenti sono anche corrotti (in italia la corruzione politica costa dai 40 ai 90 miliardi all'anno, molto più dell'evasione fiscale agitata come uno specchietto per le allodole-cittadini e causata da un fisco mostruoso).Fare leggi che stanno al passo con i tempi, che siano flessibili e non in conflitto fra di loro è un compito impossibile per gli umani, la storia lo dimostra.Aspetto che siano le IA a prendere il posto degli incompetenti corrotti di cui sopra.
  • yasmina scrive:
    Ciao
    Buongiorno, lo scusate per questo messaggio imprevisto, ma occorre che testimonio: Se ho trovato il sorriso è grazie a signore al nome FAYE che ho ricevuto un prestito di 170000 ad un tasso di 3% per il mio progetto e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questo signore senza alcuna difficoltà. Vi consiglio più non di fuorviarsi di nessuno.Se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché questo signore mi ha fatto bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato questo signore onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarla e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. il suo smalto: jeanlucfaye50@gmail.com
    • ... scrive:
      Re: Ciao
      Gli unici che potrebbero fidarsi di chiederti un prestito sono "iRoby" e "collione". Anzi, probabilmente si crederebbero pure furbi.
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: Ciao
        - Scritto da: ...
        Gli unici che potrebbero fidarsi di chiederti un
        prestito sono "iRoby" e "collione". Anzi,
        probabilmente si crederebbero pure furbi.Non dimenticarti panda, altrimenti si mette a piangere
        • Il Fuddetto scrive:
          Re: Ciao
          - Scritto da: Il Fuddaro
          - Scritto da: ...

          Gli unici che potrebbero fidarsi di
          chiederti
          un

          prestito sono "iRoby" e "collione". Anzi,

          probabilmente si crederebbero pure furbi.
          Non dimenticarti panda, altrimenti si mette a
          piangereE tre puntini ... non c'è lo metti? Lui la prende a male.
  • ... scrive:
    domanda
    Perché solo i robot di produzione e non anche tutti gli altri sistemi? Macchine medicali, autovetture ecc.?
    • Mao99 scrive:
      Re: domanda
      - Scritto da: ...
      Perché solo i robot di produzione e non anche
      tutti gli altri sistemi? Macchine medicali,
      autovetture
      ecc.?Quoto sia Te che l'articolo.. oggi tutti online e Cloud..Nulla di quello che è importante deve essere collegato ad internet
    • rudy scrive:
      Re: domanda
      le performance ottenibili collegando in rete i dispositivi sono spesso insostituibili, p.es. in automotive(acXXXXX ai dati traffico, ecc), in medicali(condivisione di dati medici, ecc), su robot in connessione locale consente un monitoraggio p.es con VPN, eccquindi andrebbero obbligati a fare un po di ordine (che oggetto si vuole ottenere dalla connessione, a cosa e *quando* serve, come e' implementata, serve veramente?) invece che chiedere di bloccare tutto, cosa che vedo improbabile.e un bell'interruttore manuale sulla connessione, visto che molti usano i wifi.
      • 3.141592 puntini scrive:
        Re: domanda
        - Scritto da: rudy
        le performance ottenibili collegando in rete i
        dispositivi sono spesso insostituibili, p.es. in
        automotive(acXXXXX ai dati traffico, ecc)e c'è bisogno di collegare in rete anche la centralina del motore, quella dell'ABS e quella dell'antifurto, per visualizzare il traffico sullo schermo della radio?
        • apo scrive:
          Re: domanda
          Ah ah, ecco uno dei 24 indefessi allo scopertoHai ragione, collegare l'ABS ad internet non servirebbe ad una benemerita mazza, ma è così.La gente come dice cassandra non vuole conoscere la storia, ma non solo quella antica, nemmeno quella contemporanea, quella così contemporanea che sarebbe più corretto chiamarla attualità.Basta andare indietro di qualche mese e PI raccontava con tanto di video di un hackeraggio da remoto di un'auto moderna dove venivano attivati i tergicristalli ed i lavavetri ed infine si disattivavano i freni.L'unica utilità che posso vedere è quella di dare a chi può o deve armi facili e pulite per compiere omicidi e ogni altra porcheria... poi succederà che anche il bombarolo di turno scoprirà che con un normalissimo arduino da 20$ possono dirottare una autocisterna di carburante contro un ospedale di NY direttamente dalla loro catapecchia in Afganistan così poi saranno giù tutti a dire... siamo in guerra... bla bla bla...Intanto servizi segreti e compagni vari faranno fuori con incidenti pilotati tutti i personaggi scomodi che incontreranno... ed il mercato delle armi ne beneficierà come sempre. Ovvero, la storia che si ripete.- Scritto da: 3.141592 puntini
          - Scritto da: rudy

          le performance ottenibili collegando in rete
          i

          dispositivi sono spesso insostituibili,
          p.es.
          in

          automotive(acXXXXX ai dati traffico, ecc)

          e c'è bisogno di collegare in rete anche la
          centralina del motore, quella dell'ABS e quella
          dell'antifurto, per visualizzare il traffico
          sullo schermo della
          radio?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 maggio 2017 17.28-----------------------------------------------------------
          • Gia successo nella storia recente.. scrive:
            Re: domanda
            Modificato dall' autore il 12 maggio 2017 17.28
            --------------------------------------------------Quello da te auspicato, è già stato fatto ad un certo austriaco, che era divenuto scomodo a qualcuno.
Chiudi i commenti