Obama ha una squadra Internet

Diversi fedelissimi e un ex-dirigente Google nel new media team appena nominato dalla Casa Bianca. Mentre le iniziative già intraprese in materia di Internet sollevano elogi e critiche

Roma – Barack Obama ha ufficializzato la composizione del suo new media team . Della squadra fanno parte diversi collaboratori di lunga data del neo-presidente, nonché una ex dirigente di Google. Ma mentre l’approccio all’eGovernment proposto negli USA con Recovery.org viene mutuato anche nel Regno Unito, in patria le ONG cominciano a fare le pulci alla nuova amministrazione.

Nello scegliere i dirigenti dello staff Internet presidenziale, spiega Cnet , Obama ha “pescato” prima di tutto tra i propri collaboratori storici. Il ruolo di direttore dei nuovi media è stato assegnato a Macon Phillips, già responsabile del celeberrimo sito Change.gov (nonché dell’intero comparto online communication ) nel corso della campagna elettorale democratica. Vice-direttore delegato è stata invece nominata Cammie Croft, che durante i mesi pre-elettorali supervisionava l’unità di “risposta rapida” new media dell’allora senatore afro-americano.

Tanto Phillips quanto Croft hanno fatto altresì parte del transition team che ha accompagnato Obama nei mesi precedenti al suo insediamento ufficiale. E Phillips ha firmato il suo primo post sul blog di WhiteHouse.org già lo scorso 20 gennaio, prima ancora di essere ufficialmente nominato.

Ma la nomina che più ha fatto parlare gli addetti ai lavori è stata senz’altro quella di Katie Stanton, scelta come direttore del settore Partecipazione dei cittadini . Stanton è stata a lungo dirigente del new business development team di Google, che ha sfornato negli anni servizi come Google Finance, Google News, e Blog Search, ma anche altri servizi che hanno svolto un ruolo importante nel coinvolgimento dei cittadini nella campagna elettorale, come OpenSocial, Google Moderator.

Ma non tutto sembra procedere senza malumori: alcune organizzazioni non governative hanno aspramente criticato Obama per aver chiesto l’archiviazione di una causa a suo tempo intentata contro l’amministrazione Bush, colpevole dello smarrimento di 5 milioni di email ufficiali. “Ci dispiace constatare come la nuova amministrazione non sembri più attenta della precedente rispetto alla necessità di recuperare le email smarrite, e di implementare un sistema in grado di preservare adeguatamente dei documenti che appartengono al popolo americano”, ha dichiarato Anne Weismann, a capo di una delle due ONG coinvolte nel caso.

Mentre i critici si scaldano, comunque, i progetti Internet già avviati dalla nuova amministrazione cominciano a fare scuola altrove. È il caso ad esempio di Recovery.gov , il cui approccio di OpenGovernment è stato mutuato in Gran Bretagna con RealHelpNow , dove si documentano tutte le iniziative assunte dal locale governo in materia di contrasto alla crisi economica. La filosofia di Recovery.org era stata apertamente lodata anche dai responsabili della Confindustria britannica, i quali ne avevano sottolineato l'”eccellente template” ed avevano chiesto che un analogo spazio venisse approntato anche nel Regno Unito per “dare al pubblico ed alle imprese un’idea più chiara di ciò che realmente si sta facendo”.

Giovanni Arata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e Nome scrive:
    Sig. Beghelli
    Ma il signor Beghelli perchè non fa un salto anche lì
  • InR8U scrive:
    E la multa?
    Se mando l'sms mentre sto guidando mi becco anche la multa!
  • Antani scrive:
    A me quest ecologia a tutti i costi....
    Mi ha cosi rotto i maroni....Tutta sta rottura di scatole per ? 4000 eu l'anno ???Ma si ritirassero su un isoletta deserta a coltivare l'erbetta che gli piace tanto....
    • Serafino scrive:
      Re: A me quest ecologia a tutti i costi....
      Forse non ti sei ancora reso conto delle conseguenze dell'inquinamento sul nostro organismo e sull'ecosistema in generale. Mi dispiace che anche tu, come molti, ci arriverai da solo e ti accorgerai che avresti potuto acquistare la giusta coscienza della realtà molto prima.Il problema energia e il problema spesa pubblica, così come il problema inquinamenti di vario tipo, sono all'ordine del giorno e saranno primoritari nel futuro molto prossimo.
  • Gino Pilotino scrive:
    Alta Sassonia
    Dov'è l'Alta Sassonia? :-)
  • bubu scrive:
    Notizia vecchia
    già data in TiVù un paio di mesi addietro (TV7?, non ricordo bene)
  • Ciccio scrive:
    Bastava qualche infrarosso passivo
    per rilevare macchine e persone evitando di rubare soldi e tempo a chi invia gli sms e illuminando i ladri che ovviamente non mandano l'sms.
    • Virgoss scrive:
      Re: Bastava qualche infrarosso passivo
      Purtroppo l'infrarosso passivo accende anche se passano cani, gatti o altri animali, inoltre ha il difetto che accende la luce a caso anche in presenza disturbi elettrici, tipo temporali. Non so se esistano modelli più sofisticati che riescono a distinguere meglio, però io ne ho uno a casa è mi funziona così...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 febbraio 2009 11.00-----------------------------------------------------------
      • Nemo_bis scrive:
        Re: Bastava qualche infrarosso passivo
        D'altro canto i LED si accendono immediatamente e non sono danneggiati da continue accensioni e spegnimenti, quindi le due tecnologie unite potrebbero essere utili.
  • punto scrive:
    LED informatevi bene...
    le lampade a LED per illuminazione stradale non sono ancora convenienti:- a parita di luce emessa i LED consumano di più rispetto alle tradizionali lampade al sodio / mercurio- maggior costo delle lampade a LED- durata alle intemperie...Il Comune ha probabilmente dovuto mettere in campo un ragionamento di 'risparmio energetico' probabilmente per avere diritto a dei finanziamenti... un plauso comunque per aver voluto provare un nuovo tipo di illuminazione
    • Fabrix scrive:
      Re: LED informatevi bene...

      - durata alle intemperie???
    • A.Milano scrive:
      Re: LED informatevi bene...
      Hai fonti? non è una critica, sono solo interessato.Grazie,AM- Scritto da: punto
      le lampade a LED per illuminazione stradale non
      sono ancora
      convenienti:

      - a parita di luce emessa i LED consumano di più
      rispetto alle tradizionali lampade al sodio /
      mercurio
      - maggior costo delle lampade a LED
      - durata alle intemperie
      ...

      Il Comune ha probabilmente dovuto mettere in
      campo un ragionamento di 'risparmio energetico'
      probabilmente per avere diritto a dei
      finanziamenti... un plauso comunque per aver
      voluto provare un nuovo tipo di
      illuminazione
    • Funz scrive:
      Re: LED informatevi bene...
      - Scritto da: punto
      le lampade a LED per illuminazione stradale non
      sono ancora
      convenienti:

      - a parita di luce emessa i LED consumano di più
      rispetto alle tradizionali lampade al sodio /
      mercurio
      - maggior costo delle lampade a LED
      - durata alle intemperie
      ...Hai qualche riferimento? Specie il primo punto mi sembra molto strano.
      Il Comune ha probabilmente dovuto mettere in
      campo un ragionamento di 'risparmio energetico'
      probabilmente per avere diritto a dei
      finanziamenti... un plauso comunque per aver
      voluto provare un nuovo tipo di
      illuminazioneIo penso che prima di cambiare le lampade (che comunque ogni tot anni si cambiano lo stesso) sarebbe meglio spegnere un bel po' di illuminazione inutile: monumenti e palazzi (bastano 1-2 ore dopo il tramonto, se proprio necessario)carreggiate per le auto: le auto hanno i fari! Illuminate meglio i marciapiedi e i passaggi pedonali, piuttostopalazzi pubblici con tutte le luci accese anche se dentro non c'è nessuno.Eccetera.Il problema è che la luce costa decisamente troppo poco, e la gente piuttosto che fare uno sforzo per risparmiare la spreca. Ci vorrebbero tariffe per famiglie e amministrazioni pubbliche differenziate in base al consumo: gratis fino ad un certo limite (basso, ma raggiungibile con consistenti azioni di risparmio energetico), poi prezzo crescente in modo da penalizzare notevolmente chi spreca.Peccato che le soluzioni sensate non siano mai quelle adottate.
    • Edison scrive:
      Re: LED informatevi bene...
      - Scritto da: punto
      le lampade a LED per illuminazione stradale non
      sono ancora
      convenienti:
      Mi associo, fonti, voglio fonti. Cercando in giro tutti dicono che funzia e promette meraviglie, tu da dove ricavi i dati?PS E ocio che se non rispondi vuol dire che fai solo disinformazione alla cavolo.
      • Uomo Banale scrive:
        Re: LED informatevi bene...
        - Scritto da: InR8U
        Seguendo il link
        (http://www.ecoblog.it/post/4587/torraca-il-comune
        "investimento, grazie a fondi regionali, di
        280mila
        euro"
        Cioe' costa, ma non e' abbastanza, se costa ma con il tempo si rientra e poi si guadagna e' un affare.Non hai detto abbastanza, io ho capito che gli hanno mollato un contributo da 280.000 ma ho anche capito dal link che hai dato che dal sesto anno vanno a pari e cominciano a guadagnare.Ho anche capito dal link che hai indicato che il taglio della bolletta c'e'.Proprio perche' voglio capire e verificare ho chiesto informazioni, a me servono link dove spiegano che e' impossibile rientrare nei costi (tipo le lampadine costano un occhio ed e' matematico che si cambiano ogni 2 giorni e giu' di conti), va bene tutto.Ma per intanto non ci sono informazioni. Appena appena una indicazione di un link che parla di 280.000 euro di fondi ma anche che dal sesto anno conviene, quindi se devo dare attendibilita' al link che hai dato e' vera una cosa ma anche l'altra.Siamo a 0.Informazioni. Grazie. Oppure questa cosa e' vera, si risparmia.
      • Teo_ scrive:
        Re: LED informatevi bene...
        - Scritto da: Edison
        - Scritto da: punto

        le lampade a LED per illuminazione stradale non

        sono ancora

        convenienti:



        Mi associo, fonti, voglio fonti. Cercando in giro
        tutti dicono che funzia e promette meraviglie, tu
        da dove ricavi i
        dati?Non la trovo, ma avevo letto questa estate una bella analisi su una rivista di illuminotecnica che confermava il fatto delleconomia delle lampade mercurio rispetto ai led.Me lo ha confermato un amico che progetta illuminazione pubblica. Magari fra qualche anno si inveriranno le cose.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 febbraio 2009 17.00-----------------------------------------------------------
    • Nemo_bis scrive:
      Re: LED informatevi bene...
      - Scritto da: punto
      - a parita di luce emessa i LED consumano di più
      rispetto alle tradizionali lampade al sodio /
      mercurioVero, ma ci sono LED e LED: http://it.wikipedia.org/wiki/Efficienza_luminosa.Il grande costo, poi, è l'inquinamento luminoso, cioè la luce sprecata per illuminare il cielo e nasconderci le stelle. La sostituzione di vecchi lampioni con nuovi lampioni a LED è l'occasione per installare lampioni meglio progettati da questo punto di vista, anche se non so se il LED sia migliore per l'inquinamento luminoso (in http://en.wikipedia.org/wiki/Light-emitting_diode#Disadvantages si dice di no, ma mi sembra strano perché i LED hanno frequenze molto variabili).
      - maggior costo delle lampade a LEDQuesto è sempre meno vero; bisogna considerare anche i minori costi di installazione, dato che i LED durano tranquillamente 100.000 ore contro le 18.000 delle lampade ai vapori di sodio a bassa pressione, la cui efficienza comunque si riduce abbastanza a fine vita (http://en.wikipedia.org/wiki/Sodium_vapor_lamp#Low_pressure_sodium).
      • Serafino scrive:
        Re: LED informatevi bene...
        Che i led durano 100mila ore è ancora tutto da provare, sono solo ore dichiarate "stime"Poi è facile confrontare i risparmi con le vecchie lampade al mercurio.Il mio comune, a conti fatti, ha preferito le lampade gialle (sodio) con buono apparecchi ad alto rendimento made in italy. Sono collaudati, risparmi consistenti e certi, nulla di sperimentale ma tutto già ampiamente collaudato e ammortizzabile in tempi certi.Il tempo del led ha ancora da venire? LO sapremo tra 100 mila ora (anzi, molto molto meno pare...)
  • frank72 scrive:
    sistema macchinoso
    leggendo le prime righe dell'articolo ho subito pensato: avranno dotato i lampioni di un dispositivo che quando rileva un segnale radio proveniente da un dispositivo mobile, con potenza superiore ad una certa soglia, accende la luce. Invece poi si scopre che per avere la strada illuminata devi inviare un sms o fare una chiamata, ma a che numero? certamente lo riporteranno sui lampioni, ma se c'è buio, come cavolo faccio a leggere questo numero? e rimango al buio.
    • bubu scrive:
      Re: sistema macchinoso
      ma sopratutto quando passi sotto un lampione sei in transito, non ci devi stazionare per dei minuti ... a meno che tu non sia una lucciola
  • dante scrive:
    lampioni a led?
    non pensavo che l'illuminazione a led potesse sostituire quella a lampadase e' possibile (montando lampioni tradizionali) complimenti al comune che l'ha adottatoqua in zona, hanno realizzato una camminata con lampade da 20 watt ( circa 100 per 3km) senza utilizzare lampioni :risultato??si son fregati le lampadine e rotto i portalampada...........l'illuminazione on demand invece fa sorridere, per risparmiosa possa essere
    • gohan scrive:
      Re: lampioni a led?
      per risparmiare 4000 l'anno!!!! ma quanto gli è costato mettere in piedi tutto l'impianto? Sarebbe bello che insieme a questi dati ci fosse un'indicazione del ROI, se no si possono considerare solo "esercizi di stile"
      • W la birra scrive:
        Re: lampioni a led?
        Secondo me quella dell'illuminazione a led è un ottima idea per costi, durata e risparmio.Anche se il costo iniziale è alto il risparmio che se ne ricava accoppiato ad un miglior servizio fornito compensa tutto.Ovviamente tutto ciò che è pubblico va messo in sicurezza contro vandali e ladri, altrimenti il risparmio lo butti via a comprare la roba che si son fregati.Per quanto possa risultare meno poetico o romantico sacrificare lo stile per la sicurezza in un comune è una buona scelta.
  • Mr.Bil scrive:
    Bastava un pulsante
    E' ovvio che per chi ha approvato un sistema del genere il risparmio energetico viene forse in secondo piano...in primo piano viene il lucro economico dato dall'invio dell'SMS, che dubito costi i 0,15 cents.Si chiama "illuminazione pubblica" significa che è gia pagata dai cittadini. Io avrei trovato piu intelligente (come ha fatto il prete nel campetto da basket del mio paese) posizionare un interruttore e un timer in punti stabiliti delle vie buie. Insomma tipo la luce delle scale.Così si evita pure il problema di eventuali litigi fra passanti...vi immaginate Tizio che attiva con l'SMS il lampione...e Caio passa dopo 2 minuti e gli "scrocca" la luce, si finisce per litigare.Mi auguro tra l'altro che assieme a questa tecnologia abbiano adottato lampade a led, o neon ad innesco rapido, perchè se utilizzano ancora le lampade allo xeno che ci mettono dei minuti prima di illuminare, non so quanto possa fargli bene accendersi e spegnersi piu volte in poco tempo
  • ano_nimo scrive:
    Che razzate!
    Una fotocellula o un sensore di movimento non erano meglio? Ci manca anche che devo telefonare al palo della luce perchè si accenda...ina volta se si spegneva gli si dava un calcio...evviva le nuove tecnologie (applicate malamente)!
    • Ledz scrive:
      Re: Che razzate!
      - Scritto da: ano_nimo
      Una fotocellula o un sensore di movimento non
      erano meglio? Ci manca anche che devo telefonare
      al palo della luce perchè si accenda...ina volta
      se si spegneva gli si dava un calcio...evviva le
      nuove tecnologie (applicate
      malamente)!Purtroppo le lampade usate per illuminazione stradale (a scarica)richiedono un certo lasso di tempo per scaldarsi e illuminare correttamente. Una fotocellula in prossimita' del lampione acenderebbe questa lampada alla massima potenza solo dopo 1 o 2 minuti il passaggio dell'auto. Oltretutto dopo che si spengono, alcuni modelli necessitano per forza di un periodo di 'riposo' entro il quale non possono essere subito riaccese.Inutile.
    • Serafino scrive:
      Re: Che razzate!
      Si, meglio un sensore di presenza, ma è solo questione di tempo.....si arriverà anche a quello!
Chiudi i commenti