Office 14 sì, ma non quest'anno

Il boss di Microsoft, Steve Ballmer, ha confermato che il successore di Office 2007 giungerà sul mercato nel 2010. Come Windows Mobile 7. Quasi sicuramente questo sarà invece l'anno di Azure

Roma – Se ormai sembra certo che Windows 7 farà il suo debutto entro l’anno, la nuova major release di Office non seguirà le stesse tempistiche. In una conferenza tenuta con gli analisti a New York, Steve Ballmer ha infatti detto en passant che Office 14 non è un prodotto previsto per l’anno in corso.

Quanto dichiarato dal CEO di Microsoft, e confermato da un portavoce statunitense dell’azienda, non sorprende più di tanto: le previsioni parlavano infatti del rilascio di una prima beta verso la fine dell’anno, suggerendo dunque che la release finale non avrebbe potuto arrivare che l’anno successivo.

E così, a differenza di quanto accaduto con Windows Vista e Office 2007, è ormai praticamente certo che Windows 7 e Office 14 raggiungeranno i negozi in tempi differenti : a sentire certi osservatori, tra il completamento del primo e il completamento del secondo potrebbero passare anche più di otto mesi. Non è del resto un segreto che W7 sia il progetto di BigM con maggiore priorità, e quello su cui il colosso di Redmond punta maggiormente per contrastare la recessione economica.

Che Office 14 esca quest’anno o il prossimo, alla stragrande maggioranza degli utenti importa ben poco : molti devono ancora venire a capo di Office 2007 e della sua nuova interfaccia, ed altri si trovano benissimo con gli ormai collaudati e familiari Office XP e 2003. Senza poi contare chi, nel frattempo, ha scelto alternative gratuite come OpenOffice.

Un eventuale ritardo di Office 14 potrebbe invece sconvolgere i piani , come spiegato in questa analisi apparsa su Betanews , di tutte quelle aziende che pianificano il proprio business in base alle roadmpap di Windows e Office.

Ballmer ha depennato dalle campagne di lancio del 2009 anche la versione 7 di Windows Mobile, nome in codice Photon . Per quest’anno, dunque, BigM dovrà affrontare concorrenti vecchi e nuovi con Windows Mobile 6.5, presentato la scorsa settimana e atteso sul mercato dopo l’estate.

Il boss di BigM ha infine aggiunto che il testing di Azure , la prima piattaforma di Microsoft dedicata al cloud computing, sta procedendo secondo i piani: se non ci saranno sorprese, dovrebbe raggiungere il mercato entro la fine dell’anno . Ballmer ha anche chiarito che Azure costerà meno di un server in hosting , e offrirà alle aziende diversi modelli di licensing, quali pay-as-you-go e pagamento anticipato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bah.. scrive:
    Troppe Storie
    Alcuni ragionamenti posso purecapirli ma quando si esagera si esagera.... è Come comprare una macchina alla toyota e pretendere che posso scegliere di montarci un motore ferrari dalla fabbrica...
    • bibop scrive:
      Re: Troppe Storie
      se il motore della "toyota" non va a benzina ma a bOnzina (che non segue VOLUTAMENTE le specifiche del consorzio che detta le specifiche della benzina) e i distributori per un motivo o per l'altro decidono di offrire solo bOnzina e io non voglio una "toyota" se permetti ho il diritto di inca//armi cosi' come lo hanno quelli che producono macchine compatibili con la benzina eccecc stare nel 2009 a difendere la posizione di microsoft e la sua politica criminale (perche' i processi, gli accordi extragiudiziali e i vari documenti resi pubblici sono li a testimoniarlo) e' anacronistico... qua nn si parla della bonta' o meno dei prodotti microsoft (nello specifico si parla di un pessimo prodotto ma e' un discorso secondario) ma delle pratiche di abuso di posizione dominantedifendere microsoft (azienda) e' ridicolo e miope
      • nome e cognome scrive:
        Re: Troppe Storie
        Va bene che microsoft distribuisca firefox se apple mette come home page www.live.com o il browser chrome www.msn.it
        • bibop scrive:
          Re: Troppe Storie
          i soliti paragoni senza capo ne coda... apple non e' microdoft, mozilla foundation non e' microsoft nessuno nel mondo dell'it ha la posizione di microsoft... hai spostato il discroso e nel contempo hai scritto una emerita stupidaggine...
  • pandadisoss ato scrive:
    se lavori per la gloria è un conto...
    E' notevole come periodicamente si torni sempre su gli stessi argomenti, per quanto ne so microsoft ha subito solo negli Stati Uniti almeno 5 di questi processi ma la situazione non è mai cambiata.Il motivo è semplice, e si chiama explorer (non iexplorer badate bene).La shell grafica di windows e internet explorer sono praticamente la stessa cosa, non ci avete mai fatto caso?Rimuovere internet explorer significa semplicemente limitare le potenzialità dell'interfaccia standard di navigazione file del loro sistema operativo.Io non uso praticamente mai ie se non quando sviluppo siti internet per verficarne il rendering e non ho mai avuto alcun problema nel decidere di mia spontanea volontà ce browser utilizzare, safari non mi piace, opera lynx e firefox si, ma sono gusti gente.Il problema non è la presenza di ie nei sistemi ma l'impossibilità di poter scegliere in fase di installazione che browser di default usare.Come già qualcuno ha fatto presente se dovessimo puntare il dito lo dovremmo fare con tutte le tools presenti a partire dal notepad (perchè non usare textpad a me piace di più!?)Nessuno obbliga microsoft a fornire e mantenere tutte le utility di sistema presenti nei loro sistemi operativi se lo fanno è perchè in questo modo chi fa uso dei loro sitemi parte sin da subito con uno strumento in gradi di far lavorare l'utente, così com'è per mac osx e linux (chi ha detto che va chiamato ubuntu? è solo una delle decine di distribuzioni, io preferisco Slackware ma al solito sono gusti).Negli ultimi anni microsoft ha migliorato il suo supporto in maniera evidente, updates quasi giornalieri, prodotti software base free per tutti documentazione approfondita per gli sviluppatori sempre reperibile online (aka msdn) etc. Certo non lo fa di sicuro per non averne un tornaconto, ma ovviamente deve essere così trattandosi di un'azienda. Io voto per l'opzione "disabilita funzionalità di esplorazione internet (impostata di default a disabilitata)" così chi vuole se lo attiva e chi preferisce altro o non sa come attivarlo può sempre scegliere un competitor.Il vero nodo della questione sono gli utenti, poco smaliziati e incapaci di cambiare le loro abitudini, lo sbaglio se così possiamo chiamarlo di microsoft è quello di usare questo loro problema per abituarli ad usare ie, ma chi è il vero colpevole un'azienda commerciale che fa i suoi interessi o i pecoroni che se gli cambia il disegnino dell'icona salva chiamano il supporto tecnico?Pandadisossato
    • pabloski scrive:
      Re: se lavori per la gloria è un conto...
      non credo che l'UE sottilizzi su questa tematicanel senso che a loro va benissimo se Trident rimane nel sistema, ma sparisce IE in questo modo windows continua ad usare il motore di ie, ma c'è la possibilità per altri browser di infiltrarsi
  • max scrive:
    microsoft
    Si sa la microsoft da fastidio. viva la microsoft
  • andy61 scrive:
    perché nessuno punta al problema reale?
    Il vero problema non è che Microsoft regali questo o quel browser.Il problema è legato alla politiche orientate a non supportare gli standard.Non ci credete? Provate ad accedere alle funzionalità avanzate di SharePoint con un browser diverso da IE: o non sono disponibili, o hanno un comportamento diverso (ed inferiore) da quello che si ha se si utilizza IE.Altro esempio?Provate a consultare la web mail di Exchange (via OWA) con IE e con un browser diverso, e guardate la differenza.E questo a cosa è mirato: a costringere i clienti (in particolare quelli grandi) ad installare per forza Windows sui client, perché altrimenti i servizi che hanno comperato non funzionano al 100%.Finché il cliente (e la P.A. e l'Europa sono i primi clienti/utenti) non impongono che i sistemi che acquistano siano realmente conformi agli standard ufficiali, rimarranno sempre legati al fornitore monopolista.Finché accetto di veder circolare documenti in formato .docx, che non è neppure conforme al nuovo standard ratificato dall'ISO, non posso sperare nell'interoperabilità con altri prodotti.Dixi.
    • Renji Abarai scrive:
      Re: perché nessuno punta al problema reale?
      Hai citato 2 prodotti MS.Ovvio che loro garantiscono l'utilizzo con il loro prodotto.Se gli altri Browser non funzionano a dovere saranno loro a dover chiedere le specifiche a MS per sistemare il tutto.come pretendere di voler andare in macchina ma usando solo 2 ruote.
      • RunAway scrive:
        Re: perché nessuno punta al problema reale?
        In situazione di monopolio l'azienda monopolita non può permettersi certi lussi (almeno in teoria) come appunto l'abuso della propria posizione per mettere in atto strategie anticompetitive come quelle descritte da andy61.Certo è che una buona volta dovrebbero essere i clienti a non cadere in trappola legandosi ad una sola azienda.Sono tutte strategie scorrette (e spesso anche illegali data la posizione di monopolio già citata) che ms adotta ogni volta che sa che un suo prodotto è inferiore o comparabile ad uno concorrente. Invece di proporre qualcosa di melgio usa questi sporchi trucchi.(Tale pratica è documentata negli Halloween Documents, ma anche senza quelli è sotto gli occhi di tutti la politica adottata)http://en.wikipedia.org/wiki/Halloween_Documentshttp://it.wikipedia.org/wiki/Halloween_Documents
        • Renji Abarai scrive:
          Re: perché nessuno punta al problema reale?
          scusa ma io i prodotti me li testo sulle mie cose.Allora fai causa alla nokia che da la garanzia solo con le sue batterie originali e non su quelle compatibili?
          • RunAway scrive:
            Re: perché nessuno punta al problema reale?
            - Scritto da: Renji Abarai
            scusa ma io i prodotti me li testo sulle mie cose.
            Allora fai causa alla nokia che da la garanzia
            solo con le sue batterie originali e non su
            quelle compatibili?Nokia non ha il monopolio nel suo mercato.Eppoi non si parla di supporto o di altro, ma semplicemente che se sei monopolista è scorretto, e illegale, abusare della tua posizione impedendo aritificiosamente l'interoperabilità, o usando altre pratica volte ad ottenere lo stesso scopo.
          • Renji Abarai scrive:
            Re: perché nessuno punta al problema reale?
            Non è impedita.Puoi provarci.Se poi non ci riesci chiedi alla MS le specifiche.Cavolo non riesco a vedere mediaset premium con la mia scheda fatta in casa!
          • chepalle scrive:
            Re: perché nessuno punta al problema reale?
            - Scritto da: Renji Abarai
            Non è impedita.
            Puoi provarci.
            Se poi non ci riesci chiedi alla MS le specifiche.
            Cavolo non riesco a vedere mediaset premium con
            la mia scheda fatta in
            casa!Se proprio tonto tu.Falla finita di continuare a replicare con cose totalmente inutili e fuorvianti.Se non vuoi capire fai pure pero' basta sparare commenti a caso.scadi nel patetico.
          • RunAway scrive:
            Re: perché nessuno punta al problema reale?
            - Scritto da: chepalle
            Falla finita di continuare a replicare con cose
            totalmente inutili e fuorvianti.
            Se non vuoi capire fai pure pero' basta sparare
            commenti a caso.

            scadi nel patetico.Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
          • Epureiomisc occio scrive:
            Re: perché nessuno punta al problema reale?
            - Scritto da: Renji Abarai
            Non è impedita.
            Puoi provarci.
            Se poi non ci riesci chiedi alla MS le specifiche.
            Cavolo non riesco a vedere mediaset premium con
            la mia scheda fatta in
            casa!Caro Renji, sai cos'è uno standard? La scheda volendo la puoi fare anche tu in casa visto che è uno standard (mediaset premium usa una scheda tale e quale a quella di la7 quindi parla con cognizione di causa). Se però mediaset premium avesse creato un decoder proprio per vedere la televisione, avesse dotato ogni televisore di quel decoder, e tu potessi vedere la televisione solo con tale decoder, saresti o no obbligato a comperare il loro decoder? Forse messa in questi termini lo capisci meglio cosa significa "abuso di posizione dominante". Ignorante!
          • chepalle scrive:
            Re: perché nessuno punta al problema reale?

            Forse messa in questi
            termini lo capisci meglio cosa significa "abuso
            di posizione dominante".
            Ignorante!Quello non capisce manco quanto e' lungo.
      • Andrea scrive:
        Re: perché nessuno punta al problema reale?
        sei proprio ignorante.quello che hai scritto non ha senso. le specifiche non ha alcun diritto di farle Microsoft, solo ANSI ISO W3C e compagnia bella devono farle. Microsoft ha tutto il diritto di garantire la compatibilità fra i PROPRI prodotti, ma siccome internet NON E' un loro prodotto hanno il DOVERE di garantire la compatibilità verso il mondo esterno. Microsoft NON E' PADRONA DELLA RETE, MA E' OSPITE COME TUTTI.
    • pabloski scrive:
      Re: perché nessuno punta al problema reale?
      infatti uno dei punti sollevati da Opera è proprio questo e cioè la dialettizzazione dei servizi accessibili via browsercosa che peraltro sarebbe risolvibile da parte di MS semplicemente rendendo i propri formati open
    • pippo75 scrive:
      Re: perché nessuno punta al problema reale?
      - Scritto da: andy61
      Il vero problema non è che Microsoft regali
      questo o quel browser.IE è gratis esattamente come i copertoni della tua auto, a meno che i sviluppatori del browser non lavorino a casa loro senza spese per MS ( e quindi anche gratis )
      Non ci credete? Provate ad accedere alle
      funzionalità avanzate di SharePoint con un
      browser diverso da IE: o non sono disponibili, o
      hanno un comportamento diverso (ed inferiore) da
      quello che si ha se si utilizza IE.Quindi il problema è SharePoint non Windows o IE.
      E questo a cosa è mirato: a costringere i clienti
      (in particolare quelli grandi) ad installare per
      forza Windows sui client, perché altrimenti i
      servizi che hanno comperato non funzionano al
      100%.e utilizzare altri servizi?
      Finché il cliente (e la P.A. e l'Europa sono i
      primi clienti/utenti) non impongono che i sistemi
      che acquistano siano realmente conformi agli
      standard ufficiali, rimarranno sempre legati al
      fornitore monopolista.Sono loro che devono richiedere quello che vogliono, MS propone e loro decidono se accettare.
      Finché accetto di veder circolare documenti in
      formato .docx, che non è neppure conforme al
      nuovo standard ratificato dall'ISO, non posso
      sperare nell'interoperabilità con altri
      prodotti.Infatti se vai su tantissimi siti della PA trovi HTML o PDF.
    • Punto G scrive:
      Re: perché nessuno punta al problema reale?
      Vendor Lock-in:http://en.wikipedia.org/wiki/Vendor_lock-in
  • Gianni Di Girolamo scrive:
    senza parole
    L'utente deve avere la possibilità di scegliere quale sistema operativo vuole!!! specie nell'acquisto dei portatili!!!! Il portatile deve essere fornito VERGINE. E poi l'utente decide che cosa metterci.
    • Renji Abarai scrive:
      Re: senza parole
      Succede sui modelli FreeOS e sono praticamente invenduti.La gente si fionda sul modello simile che costa uguale ma con XP/Vista.Perchè mai una società come HP, ASUS, ACER, DELL dovrebbe tenere aperto un mercato che non porta guadagni o ne porta pochissimi?
    • Furetto. scrive:
      Re: senza parole
      Come ho già avuto modo di scrivere: questo è vero in un mercato maturo dal punto di vista della concorrenza dove l'utente medio è sufficientemente preparato per fare una scelta consapevole tra sistemi operativi che, sempre dal punto di vista dell'utente medio, pari sono.Questo, ad oggi, non è il caso del mercato desktop/portatili.Se facessimo da subito quello che dici tu non cambierebbe nulla, la stragrande maggioranza degli utenti medi sceglierebbe ancora Windows, per comodità.Iniziamo invece a mettere a disposizione un SO alternativo accanto a Windows.Così facendo, non solo i privati, ma anche le aziende e la PA saranno più incentivate ad utilizzare OS Open Source.Si tratta di allargare "forzatamente" lo spettro della scelta per rompere il monopolio e far fiorire la concorrenza.Furetto.- Scritto da: Gianni Di Girolamo
      L'utente deve avere la possibilità di scegliere
      quale sistema operativo vuole!!! specie
      nell'acquisto dei portatili!!!! Il portatile deve
      essere fornito VERGINE. E poi l'utente decide che
      cosa
      metterci.
    • pippo75 scrive:
      Re: senza parole
      - Scritto da: Gianni Di Girolamo
      L'utente deve avere la possibilità di scegliere
      quale sistema operativo vuole!!! specie
      nell'acquisto dei portatili!!!! Il portatile deve
      essere fornito VERGINE. E poi l'utente decide che
      cosa
      metterci.Fai una raccolta di firme, se posso andare a firmare nel mio comune, saro felice di farlo.Fino ad ora non c'è una legge che lo obbliga ( in caso contrario mi dite di quale legge, non inviate il link ad una sentenza di non ricordo quale tribunale, li si parla di altro ) .
    • Punto G scrive:
      Re: senza parole
      Prova a vendere smartphone senza SO e vedi cosa succede :DCasomai dovrebbero fare come le automobili: quando la ordini, puoi decidere se installarci un propulsore a benzina, diesel o metano. Certo, puoi sempre "installarci" il metano dopo o installarti tu un motore a parte, ma è più problematico che averlo "preinstallato" :P
  • andy61 scrive:
    Si sta preparando un nuovo contrattone
    ... staranno già lavorando ad un nuovo contrattone europeo alla Microsoft.Così fanno contento il popolo affibbiando una multa esemplare, e poi restituiscono alla Microsoft il maltolto, sotto forma di nuovi appalti.Come la volta scorsa.
  • Antani scrive:
    Software libero nella P.A.
    Quando ci sarà finalmente una Autorità (Italiana o Europea) che obbligherà la Pubblica Amministrazione ad usare software libero?Oltre ai problemi legati alla sicurezza ed al fatto di dipendere da un monopolista, il risparmio economico sarebbe notevole, soprattutto per quanto riguarda i prodotti di office automation.Per l'utilizzatore la differenza sarebbe minima, una volta che gli si da in mano un sistema ben configurato dal personale IT.
    • Renji Abarai scrive:
      Re: Software libero nella P.A.
      e l'assistenza la fanno gratis i tecnici in nome della diffusione dell'open....
      • andy61 scrive:
        Re: Software libero nella P.A.
        ????????????????????????????L'assistenza è un servizio, e la paghi.Ma essendo 'aperto', l'oggetto da manutenere, chiunque può mettersi in competizione.Competizione significa maggior qualità a prezzi competitivi.Ed i soldi che non investo in licenze li posso spendere in personalizzazioni e nell'evoluzione del software, o in servizi aggiuntivi, oppure me li tengo, ed abbasso il costo della P.A.
      • Antani scrive:
        Re: Software libero nella P.A.
        L'assistenza è già appaltata a ditte esterne o a personale interno. Di certo se hai Windows non va tutto sempre liscio per cui se ne fa a meno!
      • Renji Abarai scrive:
        Re: Software libero nella P.A.
        Ok per la gestione.E per la formazione dell'user?
        • Antani scrive:
          Re: Software libero nella P.A.
          Ma perché, credi che l'utente della P.A. nasce "imparato" Windows?!?Ti assicuro che, per le 4 operazioni che devono fare gli utenti medi, una qualunque distro Linux va più che bene.Ma forse tu non hai mai provato per più di 5 minuti una distro Linux.
        • rusty scrive:
          Re: Software libero nella P.A.
          Da SysAdmin, e solo per esperienza personale, ti dico:in ogni caso per me e' un bagno di lacrime :-(Non vi e' via di scampo... E' inutile.Personalmente assisto una discreta quantita' di utenti delle tre principali piattaforme, ed alla fine non vi e' gran differenza tra il non saper usare un programma su Windows e non saperlo usare su *nix.Come non trovo che il personale PA che ho avuto modo di incontrare abbia poi questa grande conoscenza che andrebbe persa [1]L'unica differenza che trovo e' tra un utente avanzato (il quale difficilmente mi verra' a chiedere cose sciocche, indipendentemente da cosa usa) e l'utente generico (che non ha cultura informatica, che NON sa usare i programmi al di fuori di una procedura, che non sara' certo parte della knownledge base aziendale)2 cents[1] di quale knownledge base aziendale si parla? le volte che ho visto un dipendente pubblico usare un SO era da mettersi le mani nei capelli a parte che alcuni vivono all'interno di applicazioni personalizzate e non usano null'altro se non l'applicativo per il loro lavoro]
          • Antani scrive:
            Re: Software libero nella P.A.
            Perfettamente d'accordo con te, rusty!Il bagno di sangue sarà per i SysAdmin, per lo staff tecnico, per chi dovrà reingegnerizzare alcuni processi e per chi si occupa di formazione... non di certo per l'utilizzatore finale.Se all'utente dai un pc chiavi in mano, tutto configurato, con OpenOffice e gli applicativi specifici della sua Amministrazione (che vanno sempre più sul web based), non vedo quali difficoltà possa avere (a parte le solite nel tenere in mano un mouse).
      • pabloski scrive:
        Re: Software libero nella P.A.
        no la fanno le aziende che vincono gli appalti
        • Antani scrive:
          Re: Software libero nella P.A.
          e non solo... molte PA hanno personale interno specializzato.- Scritto da: pabloski
          no la fanno le aziende che vincono gli appalti
          • pabloski scrive:
            Re: Software libero nella P.A.
            quindi posti di lavoro in più in loco, senza andare ad ingrassare qualche ricco signore a Redmondinsomma miglior redistribuzione della ricchezza....l'opposto della globalizzazione in pratica....guardacaso la globalizzazione ci ha portato al punto dove siamo oggi ( col mondo in preda ai crack )....forse forse provare una strada diversa è la scelta migliore
    • pippo75 scrive:
      Re: Software libero nella P.A.
      - Scritto da: Antani
      Quando ci sarà finalmente una Autorità (Italiana
      o Europea) che obbligherà la Pubblica
      Amministrazione ad usare software
      libero?Prima dagli il tempo di esistere, di essere valido e di costare poco.E se obbligassero a utilizzare SW closed tu cosa ne diresti?
  • lellykelly scrive:
    non capisco
    ie è con windows, safari è con macosx, konqueror o qualsiasi altra cosa è con qualsiasi distro.mica c'è l'impedimento di installare altro?perchè non fanno processi per non vendere accoppiati ai tv i telecomandi proprietari? perchè quelli della meliconi non fanno causa??
    • Tie in scrive:
      Re: non capisco
      http://www.usdoj.gov/atr/cases/f212700/212767.htmIl punto è che MS ha guadagnato una posizione di dominazione nel mercato tramite pratiche anticompetitive. Se vuoi ti spiego com'è andata ;-)
    • scorpioprise scrive:
      Re: non capisco
      E' un fatto, tuttavia, che una volta che scegliessi di non usare Explorer, non puoi decidere di disinstallarlo, se non tramite procedure non tanto semplici. Cosa che puoi invece fare per gli altri da te citati (Safari lo trascini nel cestino, per intenderci). E, nota a margine, gli exploit di explorer sono strasfruttati da controlli activex dentro ai programmi... hai mai lanciato programmi che si collegano a siti esterni E hai come browser predefinito Firefox? Ti apre Explorer, per quanto tu non voglia.... solo alcuni, beninteso....
      • Tie in scrive:
        Re: non capisco
        Se leggi la dichiarazione di Sibley, troverai l'impossibilità di disinstallare agevolmente Explorer come uno degli effetti delle manovre anticompetitive.L'origine del problema, è derivante dalle pratiche anticompetitive e dal tie-in illegale dei due prodotti (SO e browser). In estrema sintesi, se tutti gli attori della filiera (OEM, ISP e content provider) volevano ottenere la licenza di windows, dovevano per forza di cose distribuire Explorer a discapito degli altri browser esistenti. Quindi per gli attori della filiera la scelta era obbligata. Se guardi i dati delle quote di mercato all'inizio degli anni 90, si vede palesemente come questi accordi restrittivi hanno consentito a MS di conquistare la leadership di mercato a discapito dell'allora monopolista Netscape.Comunque il discorso è intricato e complicato, anche per la natura dei prodotti software, che tipicamente sono soggetti a effetti di rete (leggete la dichiarazione di Sibley che spiega tutto :-P)
        • Sandro kensan scrive:
          Re: non capisco
          - Scritto da: Tie in
          Se leggi la dichiarazione di Sibley, troverai
          l'impossibilità di disinstallare agevolmente
          Explorer come uno degli effetti delle manovre
          anticompetitive.

          L'origine del problema, è derivante dalle
          pratiche anticompetitive e dal tie-in illegale
          dei due prodotti (SO e browser).
          ...Grazie Tie in le tue spiegazioni sono state molto illuminanti, mi pari molto competente al contrario di molti qui nel forum (me compreso).
        • Furetto. scrive:
          Re: non capisco
          Quello che scrive Sibley è vero, ma risale a circa 7/8 anni fa quando la situazione era abbastanza diversa da oggi.Oltretutto anche lui riconosce (nella sezione "Integrating Internet Functionality into Windows") che per motivi di efficienza ci sono degli innegabili benefici ad integrare il browser nel SO.Era vero con Windows98, figuriamoci adesso con il trend di avere le applicazioni su rete.Comunque quando hanno risolto con il browser si è presentato il problema MediaPlayer, qualcuno citava qui il mail client, il prossimo sarà Office.Non finisce più.Il problema va risolto alla radice, cambiando il rapporto di sudditanza tra OEM e MS a livello di sistema operativo.Furetto.- Scritto da: Tie in
          Se leggi la dichiarazione di Sibley, troverai
          l'impossibilità di disinstallare agevolmente
          Explorer come uno degli effetti delle manovre
          anticompetitive.

          L'origine del problema, è derivante dalle
          pratiche anticompetitive e dal tie-in illegale
          dei due prodotti (SO e browser). In estrema
          sintesi, se tutti gli attori della filiera (OEM,
          ISP e content provider) volevano ottenere la
          licenza di windows, dovevano per forza di cose
          distribuire Explorer a discapito degli altri
          browser esistenti. Quindi per gli attori della
          filiera la scelta era obbligata. Se guardi i dati
          delle quote di mercato all'inizio degli anni 90,
          si vede palesemente come questi accordi
          restrittivi hanno consentito a MS di conquistare
          la leadership di mercato a discapito dell'allora
          monopolista
          Netscape.

          Comunque il discorso è intricato e complicato,
          anche per la natura dei prodotti software, che
          tipicamente sono soggetti a effetti di rete
          (leggete la dichiarazione di Sibley che spiega
          tutto
          :-P)
    • andy61 scrive:
      Re: non capisco
      IE non è un browser sul sistema operativo, come gli altri: lui è dentro.Non lo puoi mai realmente disinstallare, perché alcuni suoi componenti sono utilizzati dal sistema operativo stesso.Anche se ti fanno credere di poterlo disinstallare, in realtà lo rendi soltanto invisibile.
      • Renji Abarai scrive:
        Re: non capisco
        e che fastidio ti reca? A sto punto per pochi Kb.... (.cit)
        • Antani scrive:
          Re: non capisco
          se stai citando il mio messaggio delle 13:04, io mi riferivo al dual boot manager... mica al browser microsoft!!!- Scritto da: Renji Abarai
          e che fastidio ti reca? A sto punto per pochi
          Kb....
          (.cit)
      • lellykelly scrive:
        Re: non capisco
        ma, e non mi schiero con o contro nessuno, se è stato progettato in quella maniera per vari motivi, mica pretenderai che riscrivano windows per quello?da quello che ho capito vista non lo ha, ma, e questa è una domanda, se nella finestra dove c'è scritto il percorso ci metto www.wc.net, da errore o compare la pagina?
  • Furetto. scrive:
    Come rompere il dominio....
    Ripeto: se si obbligano i produttori di PC a fornire sistemi dual-boot sono sicuro che sarà solo questione di tempo e anche Linux inizierà a prendere quota.A tutto vantaggio della concorrenza e dell'innovazione tecnologica, probabilmente in termini di prestazioni di Windows e di usabilità delle varie distro Linux.Dal momento che i produttori di PC non faranno mai questa mossa di loro spontanea volontà, deve essere una decisione politica e quella decisione non può che prenderla la Commissione Europea.
  • Francesco Pizzetti scrive:
    ma sarà la stessa cosa per safari?
    mi chiedo se poi la UE applicherà gli stessi principi per safari e ilife su OSX.
    • Renji Abarai scrive:
      Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
      no perchè non è considerato monopolio.....Però mi scappa da ridere.Pensiamoci un pochetto.Linux VS WinSi da la colpa al preinstallato per colpa della scarsa diffusione del primo che zoppetta all'1% quando va grassa.FF VS IEFF arriva oltre al 30% dimostrando che le quote del cosiddetto "preinstallato" non sono assolutamente cementate se il prodotto è di buona qualità.Insomma tutte le scuse sono buone per lamentarsi.
      • aZZ scrive:
        Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
        - Scritto da: Renji Abarai
        no perchè non è considerato monopolio.....

        Però mi scappa da ridere.Ma dai.
        Pensiamoci un pochetto.

        Linux VS Win
        Si da la colpa al preinstallato per colpa della
        scarsa diffusione del primo che zoppetta all'1%
        quando va
        grassa.Nel mercato del venduto home!Altrimenti i dati sono diversi, e no non serve darli a nessun fan-boy di nessuna fazione ;-) Tempo perso tanto quanto parlare di Minima Moralia con un cattolico, o della belta' di certi santi con un laico.

        FF VS IE
        FF arriva oltre al 30% dimostrando che le quote
        del cosiddetto "preinstallato" non sono
        assolutamente cementate se il prodotto è di buona
        qualità.
        Esattamente, un prodotto di buona qualita' puo' erodere il mercato del preinstallato quando il preinstallato e' di peggiore qualita'. Allora ci si chieda, in regime di libero mercato effettivo, cosa ne sarebbe del prodotto inferiore o se le quote di mercato sarebbero le stesse. Ma si sa' io sono un liberista mica un pro oligarchia o deviazioni di mercato che si allontanano da una forma di capitalismo degna di tal nome.Qui Renij sembri proprio un comunista staliniano!
        Insomma tutte le scuse sono buone per lamentarsi.O per tirar l'acqua al proprio mulino.Ma almeno dopo tutti questi anni di fedele servizio un vantaggio lo avrai ben avuto?
      • gnulinux86 scrive:
        Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
        Il settore desktop lo muovi solo con il preinstallato, il preinstallato da sempre si chiama Windows, che ha generato una situazione permanente di monopolio, che danneggia la concorrenza.Firefox è riuscito a guadagnarsi, fette importanti di diffusione, non soltanto grazie la qualità del prodotto, ma grazie anche la sponsorizzazione di Google.Un altro browser di qualità come Opera non ha uno sponsor che spinga verso l'adozione, pur essendo un prodotto superiore ad Internet Explorer non riesce a ritagliarsi una fetta significativa nel mercato browser, perchè danneggiato dal monopolio, non dimentichiamo che giustamente sono stati quelli di Opera a far partire la causa causa contro IE Microsoft.Il discorso con Safari cambia, Safari è standard compatibile, disinstallabile e scisso da Mac Os X e non esistono motivi che spingono verso l'adozione di esso.Internet Explorer è ancora l'unico browser ad avere la percentuale più bassa di compatibilità con gli standard web.
      • pabloski scrive:
        Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
        vuoi mettere la facilità con cui si installa un browser con le complicazioni insite nel setup di un OS?dai realisticamente non sono nemmeno lontanamente paragonabilitanto per capirci pensa a quanta gente installa windows da sè e quanta va dal tecnico di fiducia.....nemmeno un 10% sa installare windows
      • Antani scrive:
        Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
        Scusami ma il paragone non regge assolutamente!Una cosa è installare Firefox (un paio di click e ce l'hai sul desktop), un'altra è installarsi una distribuzione Linux e magari pure su un pc con su Windows, con disco da partizionare e senza rischiare di perdere i dati.
      • Funz scrive:
        Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
        - Scritto da: Renji Abarai
        FF arriva oltre al 30% dimostrando che le quote
        del cosiddetto "preinstallato" non sono
        assolutamente cementate se il prodotto è di buona
        qualità.Ma il fatto che IE sia preinstallato è comunque un grosso danno per Mozilla, perché se l'utente fosse costretto a scegliere il browser invece di vedersi rifilare IE di default, le percentuali di diffusione sarebbero come minimo invertite.E la stessa cosa vale per i sistemi operativi, dove Windows domina in virtù (per modo di dire) delle sue pratiche commerciali monopolistiche più che della qualità.
    • pippo75 scrive:
      Re: ma sarà la stessa cosa per safari?
      - Scritto da: Francesco Pizzetti
      mi chiedo se poi la UE applicherà gli stessi
      principi per safari e ilife su
      OSX.Hai una ditta che produce un Browser per Mac e ti ritieni danneggiato da una concorrenza sleale, bene denuncia Apple e magari qualcosa ottini ( funziona in questo modo ).Consiglio: per ottenere poco alla partenza devi chiedere tanto, per cui chiedi almeno 10 milioni di euro di danni.
  • Guido Cappio scrive:
    Tanto MS si sa difendere
    Guarda un po'UE fa multe a MS, ma intanto VISTA costa ben di più se si compra in Europa che in USA...se ne sono accorti, quelli dell'UE? Altro che convenienza poi per l'utente finale...cari salutiguido
    • Renji Abarai scrive:
      Re: Tanto MS si sa difendere
      - Scritto da: Guido Cappio
      Guarda un po'
      UE fa multe a MS, ma intanto VISTA costa ben di
      più se si compra in Europa che in
      USA...

      se ne sono accorti, quelli dell'UE? Altro che
      convenienza poi per l'utente
      finale...

      cari saluti
      guidoHai mai comprato fuori dall'UE e poi importato?
      • drkMaster scrive:
        Re: Tanto MS si sa difendere
        Sie ho deciso non compor m$, ne in europa ne all'estero !Ma di che parli ? in europa non ci sono dite che realizzano confezioni ? o stampano CD ?li devi far stampare in USA ?ma il software te lo spedisco via FTP !!!!MA PER FAVORE. parlate di software come se si trattasse di prosciutto!
        • Renji Abarai scrive:
          Re: Tanto MS si sa difendere
          Ok gli os li stampano per te in cantina sotto casa tua. Hai ragione.Il SW non si compra in dollari ma in vecchie lire e non si compra di importazione perchè la Microsoft è una ditta di Bergamo alta.Entra nel mondo della distribuzione e del lavoro prima di aprire bocca va!
    • Punto G scrive:
      Re: Tanto MS si sa difendere
      - Scritto da: Guido Cappio
      Guarda un po'
      UE fa multe a MS, ma intanto VISTA costa ben di
      più se si compra in Europa che in
      USA...

      se ne sono accorti, quelli dell'UE? Altro che
      convenienza poi per l'utente
      finale...

      cari saluti
      guidoPeggio per MS, se poi gli utenti europei passano ad altro. Siamo davvero obbligati ad usare Windows? Perché se la risposta è "sì" e può fare i ricatti che vuole, allora la cosa è inquietante, non trovi?
  • Anunnaki from Nibiru scrive:
    Da fastidio perchè domina
    Microsoft è nel mirino perchè domina, e allora bisogna attaccarsi a tutto, anche a Explorer.E' vero come dice qualcuno, basta renderlo disinstallabile.La domanda è comunque un'altra: Microsoft perchè domina? Ve lo siete mai chiesto veramente?Per me la risposta è chiara: non ci sono alternative!Partiamo dal Mac: è fuori gara, perchè ti obbligano a comprare il computer con il sistema operativo, cosa unica al mondo. Facile capire che il Mac non avrà mai la maggioranza perchè taglierebbe fuori addirittura tutti gli altri produttori di computer (Sony, Acer, Hp, Dell, ecc. ecc.), assurdo...Andiamo avanti con Linux e le sue tantissime distro: 1%Qualcuno ha mai pensato perchè è solo all'1%?Anche qui una risposta io ce l'avrei: ho provato Ubuntu per alcuni mesi, e poi sono tornato a Windows perchè lo ritengo più facile ed immediato.Tante altre persone hanno fatto come me, quindi la posizione dominante di Microsoft non è forzata (forzata poi da chi?...)
    • liga scrive:
      Re: Da fastidio perchè domina
      per forza che lo ritieni più facile è il frutto di anni di informatica di mercato che viene propagandata da tutte le parti scuole e produttori hw compresi secondo la quale esiste solo finestre e gli altri non si devono neanche tenere in considerazione tanto l'informatica è M$
      • Wermut scrive:
        Re: Da fastidio perchè domina
        - Scritto da: liga
        secondo la quale esiste
        solo finestre e gli altri non si devono neanche
        tenere in considerazione tanto l'informatica è
        M$Perchè, vedi qualcosa di alternativo alle finestre?Vogliamo tornare alla riga di comando?Ci sentiamo degli esperti informatici se usiamo la linea di comando?
        • Steve Austin scrive:
          Re: Da fastidio perchè domina
          - Scritto da: Wermut
          - Scritto da: liga

          secondo la quale esiste

          solo finestre e gli altri non si devono neanche

          tenere in considerazione tanto l'informatica è

          M$
          Perchè, vedi qualcosa di alternativo alle
          finestre?
          Vogliamo tornare alla riga di comando?
          Ci sentiamo degli esperti informatici se usiamo
          la linea di
          comando?E si che sei esperto, perché fare semplicemente drag and drop per copiare i files sul server? Meglio una bella riga di comando con 20/30 caratteri da digitare!Anche se il linux ha il suoi bei client ftp.
    • Giambo scrive:
      Re: Da fastidio perchè domina
      - Scritto da: Anunnaki from Nibiru
      Microsoft è nel mirino perchè domina,Chiaro, mi pare si chiami "abuso di posizione dominante"
      Per me la risposta è chiara: non ci sono
      alternative!Le alternative c'erano, ma Microsoft, usando tecniche anche illegali, le ha spazzate via.
      Tante altre persone hanno fatto come me, quindi
      la posizione dominante di Microsoft non è forzata
      (forzata poi da
      chi?...)La condanna di Microsoft dice altro.E la sua posizione dominante e' forzata dai contratti per la fornitura del preinstallato (Vedi vicenda beOS)
    • pabloski scrive:
      Re: Da fastidio perchè domina
      sciocchezzeMS domina perchè in 25 anni ha impostato formati, api, rubacchiato qua e là le migliori idee, imposto sanzioni agli OEM che avevano intenzione di "sgarrare"ecco perchè dominanon perchè i suoi software sono migliori, cosa che peraltro si più verificare leggendo i security advisory in giro per la rete
    • drkMaster scrive:
      Re: Da fastidio perchè domina
      se ritieni windows più facile è immediatoallora o sei di parteo hai qualche problema di coordinazione psicomotoria
      • Mi scoccio di loggare scrive:
        Re: Da fastidio perchè domina
        - Scritto da: drkMaster
        se ritieni windows più facile è immediato
        allora o sei di parte
        o hai qualche problema di coordinazione
        psicomotoriaOk, ora puoi toglierti le fette di prosciutto dagli occhi e dire come stanno effettivamente le cose.Installi una distro e se i componenti non sono "compatibili al 100%", ecco che mediamente non parte il motore grafico.E per farlo partire, devi andare su un'altro pc, bazzicare nei forum, cercare i driver giusti, ricompilare il kernet e sperare che tutto giri nuovamente.Se la scheda grafica non e' compatibile in Windows che accade? Driver a 800x600 Standard Vga, hai la possibilità di navigare e di poter trovare le info DIRETTAMENTE DAL PC COL PROBLEMA, scarichi i driver, li unzippi, doppioclick e se tutto funziona, la risoluzione si aggiusta da sola.Ora quale sistema e' "Piu' facile e immediato"?Anche se Linux ha fatto passi da gigante, non e' ancora all'immediatezza di Windows. fatevene una ragione.
        • Cognome e Nome scrive:
          Re: Da fastidio perchè domina
          Io ho avuto parecchie difficoltà ad installare Windows, l'installazione è più complessa e lunga se confrontato con una distro Linux come Ubuntu.Dopo aver installato Vista, il computer è diventato lento, ed ho avuto difficoltà nel reperire i driver, mentre sullo stesso computer con Ubuntu mi ha riconosciuto tutto l'hardware e mi anche proposto il download automatico dei driver della scheda video.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Da fastidio perchè domina
            - Scritto da: Cognome e Nome
            Io ho avuto parecchie difficoltà ad installare
            Windows, l'installazione è più complessa e lunga
            se confrontato con una distro Linux come
            Ubuntu.

            Dopo aver installato Vista, il computer è
            diventato lento, ed ho avuto difficoltà nel
            reperire i driver, mentre sullo stesso computer
            con Ubuntu mi ha riconosciuto tutto l'hardware e
            mi anche proposto il download automatico dei
            driver della scheda
            video.Non e' che hai scambiato i cd dei due sistemi?Vista esce preinstallato con i driver gia' pronti.Ubuntu se sei fortunato idem, altrimenti vai a cercare in giro i driver compatibili...
        • pabloski scrive:
          Re: Da fastidio perchè domina
          installare windows non è certo una bazzecolaanche su questo punto bisognerebbe togliersi le fette di salame dagli occhiinstallare una versione retail di windows implica andare in giro a scovare tutti i driver, driverini e programmini di supporto del produttore del computer...per fortuna ci sono, ma alcune volte ( il caso di Vista ) capita che non ci sono e non hai la possibilità di usare driver generici o per hardware simile come accade con linuxnon puoi parlare di usabilità di linux confrontando un soggetto che deve installare linux da solo su hardware non supportato e un altro soggetto a cui arriva il pc con windows preinstallato e settato
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Da fastidio perchè domina
            - Scritto da: pabloski
            installare windows non è certo una bazzecola

            anche su questo punto bisognerebbe togliersi le
            fette di salame dagli
            occhi

            installare una versione retail di windows implica
            andare in giro a scovare tutti i driver,
            driverini e programmini di supporto del
            produttore del computer...per fortuna ci sono, ma
            alcune volte ( il caso di Vista ) capita che non
            ci sono e non hai la possibilità di usare driver
            generici o per hardware simile come accade con
            linux

            non puoi parlare di usabilità di linux
            confrontando un soggetto che deve installare
            linux da solo su hardware non supportato e un
            altro soggetto a cui arriva il pc con windows
            preinstallato e
            settatoOk, specifichiamo meglio :Scenario : 3 Anni faSistema Operativo : Windows XpDriver : Tutti gia' pronti o se si andava sul sito del produttore c'era il driver per Windows Xp aggiornatoSistema Operativo : UbuntuDriver : Ti arrangiaviScenario : OggiSistema Operativo : Windows XpDriver : Tutti gia' pronti per l'uso o al massimo sul sito del produttore lo troviSistema Operativo : UbuntuDriver : Se l'hardware non e' recentissimo, e' disponibile, altrimenti devi sperare che sul sito del produttore ci siaSistema Operativo : Windows VistaDriver : per schede "secondarie" i driver si troveranno solo sul sito del produttore ( se non compatibili con quelli di Windows XP )Insomma... i produttori PUNTANO ancora a realizzare i driver PRIMA per Windows e solo se hanno tempo per sistemi *NixDire che non e' cosi, e' eresia.
    • pippo75 scrive:
      Re: Da fastidio perchè domina

      Qualcuno ha mai pensato perchè è solo all'1%?Secondo me per lo stesso motivo che il VHS era il più diffuso anche se c'erano altri formati.Baterebbe che le ditte da oggi sviluppino solo per Ubuntu e vedrai gli effetti ( è richiesto anche che gli utenti spendino qualcosa ).
      Anche qui una risposta io ce l'avrei: ho provato
      Ubuntu per alcuni mesi, e poi sono tornato a
      Windows perchè lo ritengo più facile ed
      immediato.Io mi tengo windows per altri motivi, comunque non dici cosa hai trovato di difficile.
      Tante altre persone hanno fatto come me, quindi
      la posizione dominante di Microsoft non è forzata
      (forzata poi da chi?...)Qui si puo disctuere per anni senza giungere ad una soluzione. Tutti si tengono la loro idea considerandola come vangelo.
  • sdsd scrive:
    ma se con linux
    ma se con linux ti forniscono gratuitamente di tutto qualcuno mi spiega perchè microsoft non può fornire il browser?!?
    • ITA84 scrive:
      Re: ma se con linux
      Perché in Windows non si può rimuovere Internet Explorer, mentre sugli altri OS è sempre possibile.Potrei aggiungere 'perché IE si paga con Windows', ma la cosa potrebbe essere applicata ad altri OS commerciali.
    • pabloski scrive:
      Re: ma se con linux
      perchè MS sta in monopolio ed è vietato dalla legge abuso del monopolio per imporre software, formati e soluzioni IT
      • Tie in scrive:
        Re: ma se con linux
        Il punto della questione non è tanto la distribuzione congiunta dei due prodotti, ma per il fatto che MS utilizzi pratiche anticompetitive derivanti dall'abuso della sua posizione dominante.
      • Mi scoccio di loggare scrive:
        Re: ma se con linux
        - Scritto da: pabloski
        perchè MS sta in monopolio ed è vietato dalla
        legge abuso del monopolio per imporre software,
        formati e soluzioni
        ITOgni parola ha un suo significato.Monopolio e' quando non esiste un concorrente, ed in ambito S.O., non c'e' settore piu' concorrenziale.Al massimo e' in Posizione Dominante, ma tutto cio' viene fatto ( e ditelo se avete le pa**e ) perche' M$ e' un'azienda che sforna milioni al secondo e pertanto chiunque ( governo e/o società ), cercano un cavillo o altro per spillar soldi.Pure Google ora pretende "qualcosa".Allora domani apro un'azienda di 10 cinesi, li pago (tutti insieme) 1000 euro per svilupparmi una sorta di browser e mi unisco al coro dei "danneggiati", richiedendo il mio milione di dollari di danno...Suvvia, siamo seri....Google poi, che con Chrome ancora in fase "beta" pretende di aver subito qualche "danno"...
        • pabloski scrive:
          Re: ma se con linux
          non è questo il puntose leggi le accuse formalizzate da Opera allora capisci cos'è che stanno chiedendoOpera si è impuntata su due temi1. Windows al 90%, IE veicolato tramite Windows2. IE non standard, molti formati proprietari chiusi, quindi grazie alla posizione dominante di Windows, IE impone dei cappi ai servizi webè così difficile da capire?per molto meno la AT&T fu smembrata e pure nel caso della AT&T c'erano la Bell, la Century, la Comcast, la TDS, la Charter, ecc....ma i comportamenti di AT&T erano anticoncorrenzialichi ottiene un monopolio deve accettare di rendere le proprie soluzioni interoperabili....è così che la legge è fatta, c'è ben poco da discutere e fantasticare
        • massimilian o scrive:
          Re: ma se con linux
          chrome non è piu' in fase betavista a me pare piuttosto che sia in fase beta :)
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: ma se con linux
            - Scritto da: massimilian o
            chrome non è piu' in fase beta
            vista a me pare piuttosto che sia in fase beta :)Non e' la scritta "beta" a rendere un progetto "beta" o meno...Insomma... se domani immetto una versione 0.1a e dopodomani immetto la stessa copia solo con il numero di versione 1.0, vuol dire che il mio progetto e' STABILE?
    • Punto G scrive:
      Re: ma se con linux
      - Scritto da: sdsd
      ma se con linux ti forniscono gratuitamente di
      tutto qualcuno mi spiega perchè microsoft non può
      fornire il
      browser?!?Non proprio: esistono differenti distribuzioni di GNU/Linux che forniscono differenti software e anche differenti browser. Quindi su GNU/Linux trovi molta varietà, mentre su Windows no (e neanche su MacOS, infatti guardacaso Safari è diffuso circa come MacOSX... però la posizione di Microsoft ha un potere di condizionare il mercato "leggermente" maggiore, avendo il 90% del mercato, da cui l'accusa di abuso di posizione dominante).
  • Furetto. scrive:
    siamo ancora al browser?
    IMHO, il problema del browser è secondario.Vista la distinzione sempre più blanda tra sistema operativo e Internet, MS ha tutto il diritto di integrare in modo sempre più profondo il proprio browser con il proprio S.O.Oltretutto, il fatto che IE sia sempre più integrato nel SO non ha impedito agli altri browser di guadagnare quote di mercato negli ultimi anni.Quindi questo è un falso problema.La vera questione è incentivare la concorrenza e l'innovazione nel più ampio mercato dei sistemi operativi.Se la Commissione Europea vuole risolvere questo caso una volta per tutte ed incentivare la concorrenza e l'innovazione, non deve concentrarsi sulle applicazioni ma sul sistema operativo stesso, obbligando i produttori di PC ad offrire computer dual-boot dove l'utente può scegliere all'accensione se utilizzare Windows oppure un OS open-source.La tecnologia è sufficientemente matura per realizzare questo.Questa mossa incentiverebbe gli investimenti sia da parte di MS per migliorare il proprio S.O. sia da parte di altri soggetti su sistemi operativi alternativi, a beneficio dell'innovazione e dei consumatori.
    • pabloski scrive:
      Re: siamo ancora al browser?
      il problema è che nonostante si faccia di tutto per incentivare la concorrenza, non ci si riescegli OEM dormono, gli utenti non hanno interesse a provare altrol'unico modo è incentivare la produzione di hardware di altro tipo ( non di PC quindi ) basato su sistemi operativi differentivedi com'è dinamico ad esempio il mercato degli smartphone....per i PC una cosa del genere è pura utopia
      • lellykelly scrive:
        Re: siamo ancora al browser?
        le ragioni strane sono per caso i giochi con scritto PC in grande, i cd nelle riviste, le enciclopedie e i cd nei cereali?lasciando stare il mercato professionale, come rendi i figli zitti? non con linux.quando faranno giochi o robe simili indipendenti dall'os, allora un motivo per preferire windows non esisterà.IMHO
        • Furetto. scrive:
          Re: siamo ancora al browser?
          OK, finchè Windows domina non faranno i giochi per Linux, ma se non fanno i giochi per Linux Windows continuerà a dominare.Per me è chiaro chi e come deve interrompere questo circolo vizioso.CHI: la Commissione Europea.La Commissione Antitrust Americana non lo ha fatto (vedi articolo che ho postato precedentemente) e ora come ora con quell'aria "Buy American" non lo farà.Tantopiù che le distro Linux più popolari sono Europee, quindi avrebbe anche "l'alibi" per farlo.COME: obbligando il dual-boot.Nel tempo che Linux ci mette a prendere piede, MS ha tutto il tempo per attrezzarsi per la futura competizione in regime di concorrenza. Quindi è una decisione che non danneggerebbe troppo MS.Furetto.- Scritto da: lellykelly
          le ragioni strane sono per caso i giochi con
          scritto PC in grande, i cd nelle riviste, le
          enciclopedie e i cd nei
          cereali?
          lasciando stare il mercato professionale, come
          rendi i figli zitti? non con
          linux.
          quando faranno giochi o robe simili indipendenti
          dall'os, allora un motivo per preferire windows
          non
          esisterà.
          IMHO
          • lellykelly scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            una volta che hai il dual boot ma non hai i sw cosa fai? con quale os partirai sempre?
          • Furetto. scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            Certo, non è che si passi da un regime di monopolio alla concorrenza in 24h!Ci vorrà del tempo, ma per me il dual-boot è come aver messo il seme della concorrenza sul desktop.Prima o poi la pianta nasce.Metti il S.O. e la gente inizierà a fare il SW.Ripeto bisogna rompere questo circolo vizioso e il primo passo è il dual-boot.E' come Dufour: non basta ma aiuta!Furetto. - Scritto da: lellykelly
            una volta che hai il dual boot ma non hai i sw
            cosa fai? con quale os partirai
            sempre?
          • Antani scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            Ma di quali SW parlate? Per Linux ci sono già software per qualunque cosa!
          • lellykelly scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            continuando,quando ero piccolo gli altri avevano i 286 e io il mac, loro mille giochi a 16 colori e io 4 a 256.chi era invidioso io o loro?però, chi non prendeva virus? chi aveva davanti agli occhi qualcosa di decente?quanto tempo ci ho messo per capirlo?e sono stato fortunato ad non avere il pc, a parte un vecchio 8086, perchè ho potuto successivamente scegliere.però qualcuno prima aveva gia scelto per me mettendo un mac in casa, e non il cassone, queste cose ti cambiano la vita perchè ti permettono di avere altri punti di vista.come per chi ha avuro l'amiga, uguale.se non c'è scelta, si è succubi di uno standard imposto.per avere scelta ci vuole conoscenza, e questa la impari dagli altri, quindi per seguire gli altri ti incanali nel pensiero unico.bisogna imparare a rischiare e a provare le differrenze, ma bisogna anche essere messi nella condizione di poterlo fare.
          • Bah.. scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            Ma cosa dite.... e pensate che le persone che sono smaliziate nell'uso del computer non usino già o provano ad usare linux? Una volta che mettete il dual boot che si risolve? Immaginate gente che non riesce a fare neanche click su un'icona con windows sotto linux...! A che servirebbe il dual boot se poi non saprebbero usare linux?
          • pabloski scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            si ma di quale mercato stiamo parlando?il settore gaming per PC perde il 20% all'anno, a favore delle consolledi gente che usa AutoCAD e Photoshop non ne vedo molta in giroil 90% dei PC è usato per chattare, navigare, guardare i pornazzi e compagnia....allo stato attuale Linux può fare tutte queste cose senza problemiimponendo a MS di non cambiare il protocollo MSN ogni 6 mesi ( per tenere fuori la concorrenza, visto che motivazioni tecniche non ce ne sono ), si potrebbe favorire lo sviluppo pieno di soluzioni concorrenti anche ai servizi di IM di microsoft
          • lellykelly scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            daccordissimo, ma allora non mi spiego la sua diffusa assenza nel mercato home.e non credo che sia ms li col fucile a puntare sui costruttori perchè qualcuno ci ha provato a metterlo con i pc.la gente vuole windows, non so il perchè, ma lo vuole.a scula cosa usano?al lavoro cosa usano?a casa, per abitudine, si fa uguale.sarò una voce fuori dal coro, ma secondo me ms non c'entra o c'entra in parte. per me è colpa nostra che siamo pigri e ignoranti.
          • pabloski scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            la gente non vuole windows, altrimenti non si spiegherebbe perchè comprano cellulari con symbianse provi a dare uno sguardo alla catena di distribuzione dei PC, noterai un astio incredibile nei confronti di linux...a cominciare dagli OEM che preinstallano Linpus senza i driver per la webcam, a finire al commesso che fa pubblicità negativa a Linux e ti esorta a prendere Windowsè naturale che l'utente a quel punto si fida dei consigli del commessose Linux non fosse apprezzato, non si spiegherebbe l'affermazione di Asus secondo cui le percentuali di reso degli eeepc con windows e linux sono identiche....e non si spiegherebbe nemmeno il perchè stanno per lanciare massicciamente i netbook con arm e androidriguardo il monopolio di MS, è vero che ad oggi si autoalimenta, ma in passato è stato costruito di veri e propri furi di proprietà intellettuale ( vedi la causa Apple contro MS ), accordi vessatori con gli OEM e ritorsioni ( tutto documentato nel proXXXXX a MS del '94 )piuttosto mi chiedo come sia possibile che le autorità hanno lasciato correre senza intervenire pesantemente, come invece è sempre avvenuto in passato
        • Antani scrive:
          Re: siamo ancora al browser?
          Ci sono intere distribuzioni (LIVE... non le devi nemmeno installare) piene zeppe di giochi.
          • Punto G scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            Al massimo c'è OpenArena (basato su Quake III Arena, col codice rilasciato da ID Software) e alcuni giochetti amatoriali. Poi ci sono gli emulatori di ogni genere per i retrogamers e infine Wine, che oltre a far girare programmi di Windows, fa andare anche diversi giochi (lì dipende, migliora sempre, ma ancora non è il massimo se ti interessano i giochi in primo luogo).Però in effetti è vero: se GNU/Linux fosse più diffuso, li farebbero anche per lui, validi uguale, come faceva un tempo ID Software. Basta pensare che i giochi sono sempre più console-centrici e su nessuna consolle c'è mai stato Windows a farli girare, nemmeno nelle xbox:http://blogs.msdn.com/xboxteam/archive/2006/02/17/534421.aspx
        • pabloski scrive:
          Re: siamo ancora al browser?
          e come mai si è in questa situazione?forse perchè MS ha imposto un certo DirectX, quando poteva benissimo usare OpenGLforse perchè MS ha lanciato WMA/WMV/ASF quando poteva usare xvid, theora e compagniaforse perchè MS continua a lanciare formati assurdi tipo XAML che è un dialetto dell'XML, quando appunto c'è l'XMLquesto è abuso di posizione dominante, non c'è altro modo per definirloe pertanto MS dev'essere perseguita
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: siamo ancora al browser?
      - Scritto da: Furetto.
      IMHO, il problema del browser è secondario.
      Vista la distinzione sempre più blanda tra
      sistema operativo e Internet, MS ha tutto il
      diritto di integrare in modo sempre più profondo
      il proprio browser con il proprio
      S.O.mi hai rubato le parole di bocca
      Oltretutto, il fatto che IE sia sempre più
      integrato nel SO non ha impedito agli altri
      browser di guadagnare quote di mercato negli
      ultimi
      anni.concordo anche qui, tanto piu che chi usa browser alternativi li sceglie, in un panorama opensource e gratuito (ma non solo) ampio e a disposizione Se la Commissione Europea vuole risolvere questo
      caso una volta per tutte ed incentivare la
      concorrenza e l'innovazione, non deve
      concentrarsi sulle applicazioni ma sul sistema
      operativo stesso, obbligando i produttori di PC
      ad offrire computer dual-boot dove l'utente può
      scegliere all'accensione se utilizzare Windows
      oppure un OS
      open-source.obblighi no, sarebbe come obbligare i ristoranti italiani a servire solo pasta italiana o a mettere nel menu, per forza, vari tipi di pasta. I "clienti" possono scegliere, e non ho bisogno di un dual boot per legge, chiunque può farlo, chiunque può comprare OS X, chiunque può comprare un Pc assemblato e montarci LinuxSe poi per pigrizia si prende Windows... viva Microsoft e chi l'ha inventata, onore al merito per il mercato conquistato, se libero mercato deve essere che sia, ma quello del browser integrato nel sistema non è un abuso IMHO semmai una logica conseguenza che sfugge spesso a chi parla di queste cose.my 5 eurocents ;)LucaS
      • Furetto. scrive:
        Re: siamo ancora al browser?
        - Scritto da: Luca Schiavoni
        - Scritto da: Furetto.

        IMHO, il problema del browser è secondario.

        Vista la distinzione sempre più blanda tra

        sistema operativo e Internet, MS ha tutto il

        diritto di integrare in modo sempre più profondo

        il proprio browser con il proprio

        S.O.

        mi hai rubato le parole di bocca


        Oltretutto, il fatto che IE sia sempre più

        integrato nel SO non ha impedito agli altri

        browser di guadagnare quote di mercato negli

        ultimi

        anni.

        concordo anche qui, tanto piu che chi usa browser
        alternativi li sceglie, in un panorama opensource
        e gratuito (ma non solo) ampio e a
        disposizione



        Se la Commissione Europea vuole risolvere questo

        caso una volta per tutte ed incentivare la

        concorrenza e l'innovazione, non deve

        concentrarsi sulle applicazioni ma sul sistema

        operativo stesso, obbligando i produttori di PC

        ad offrire computer dual-boot dove l'utente può

        scegliere all'accensione se utilizzare Windows

        oppure un OS

        open-source.


        obblighi no, sarebbe come obbligare i ristoranti
        italiani a servire solo pasta italiana o a
        mettere nel menu, per forza, vari tipi di pasta.

        Nel caso di ristoranti italiani siamo in regime di concorrenza, qui siamo nel caso di un monopolio e se si vuole rompere il monopolio di MS nel mercato desktop la commissione deve intraprendere delle azioni in questo senso.
        I "clienti" possono scegliere, e non ho bisogno
        di un dual boot per legge, chiunque può farlo,
        chiunque può comprare OS X, chiunque può comprare
        un Pc assemblato e montarci
        Linux
        Ma l'utente medio non lo farà mai allo stato attuale, è "viziato" dal monopolio di Windows che per l'utente significa comodità ma che porta con sè una distorsione del mercato.Io dico: forziamo per legge a mettere Linux in ogni desktop accanto a Windows, ci vorrà del tempo, ma piano piano prenderà piede, OEMs e altri soggetti ci investiranno, diventerà più "user friendly" e arriverà il momento nel quale anche questa forzatura di avere sistemi dual-boot per legge non avrà più senso perché avremo finalmente un mercato dei PC desktop in regime di concorrenza.A quel punto per gli utenti ci sarà vera scelta, non inficiata dal monopolio MS.Furetto.
        Se poi per pigrizia si prende Windows... viva
        Microsoft e chi l'ha inventata, onore al merito
        per il mercato conquistato, se libero mercato
        deve essere che sia, ma quello del browser
        integrato nel sistema non è un abuso IMHO semmai
        una logica conseguenza che sfugge spesso a chi
        parla di queste
        cose.

        my 5 eurocents ;)

        LucaS
        • Antani scrive:
          Re: siamo ancora al browser?
          Sono d'accordo con Furetto: si tratta solo di aumentare l'offerta di prodotti, con sistemi a scelta dell'utente.Un po' come succede adesso che, per quasi ogni pc, si può scegliere il proXXXXXre Intel o AMD, non vedo che male ci sarebbe a mettere in listino pc Windows-Ubuntu, Windows-OpenSuse, Windows-Qualsiasialtracosa...La creazione di un dual-boot e il partizionamento del disco è un ostacolo insormontabile per la maggior parte degli utenti medi.
        • Renji Abarai scrive:
          Re: siamo ancora al browser?
          Siete i primi a lamentarvi che ci sono ben 2 Mb occupati da IE e mi devo trovare sul disco più di 100 Mb occupati da un sistema linux che non userò mai?E poi chi decide che versione? Prendendone una fai un torto ad un altra.
          • Furetto. scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            Gli HD di oggi hanno come minimo 250/320GB.Hanno già la partizione di ripristino di Windows che occupa spazio.Lo spazio su disco, diciamocelo francamente, non è più un problema.20GB per una partizione Linux sono niente in confronto ad un HD esterno da 1TB che oggi come oggi porti a casa con 100.La distro la sceglie l'OEM, così ognuno sceglierà la propria a beneficio ancora una volta della concorrenza.Se sei uno smanettone Linux la puoi sempre cambiare.L'utente medio si prenderà quella che ha scelto l'OEM, che avrà customizzato sull'HW della macchina.Ritengo che questa sia la via più semplice e fattibile, non perfetta, ma veloce da implementare e avrebbe il pregio di portare in tempi tutto sommato rapidi la concorrenza in un mercato distorto.Furetto.- Scritto da: Renji Abarai
            Siete i primi a lamentarvi che ci sono ben 2 Mb
            occupati da IE e mi devo trovare sul disco più di
            100 Mb occupati da un sistema linux che non userò
            mai?
            E poi chi decide che versione? Prendendone una
            fai un torto ad un
            altra.
          • Antani scrive:
            Re: siamo ancora al browser?
            Ma se a te non interessa nemmeno provare Linux, puoi sempre prendere un pc con solo Windows.Il fatto che abbia il dual boot può occupare solo pochi Kbyte.
  • Paoloz scrive:
    E il client di posta elettronica?
    Scusate... Ma tutto questo trambusto per il browser web e gli altri programmi non li fila nessuno?Il client di posta elettronica, ad esempio.. Ma perché non anche l'editor di testo o la calcolatrice?E poi, vi ricordate che qualche tempo fa era sorta la stessa storia per Media Player? Secondo voi è cambiato qualcosa da prima a dopo?
    • Tie in scrive:
      Re: E il client di posta elettronica?
      Il problema è che MS non ha adottato delle pratiche anticompetitive per entrare nel mercato dei client di posta elettronica.
    • lellykelly scrive:
      Re: E il client di posta elettronica?
      e msn?com'è che i suoi protocolli sono sempre "diversi" da quelli negli IM? se "devo" comunicare tramite i protocolli di msn, ma preferisco usare un sw alternativo e compatibile, perchè ci sono dei problemi?se metto pidgin ad un bm, non sarà contento, perchè non vedrà milioni di faccine e gif comparirgli davanti. ne vedà poche, riusirà a leggere e sarà triste.è un esempio XXXX, però msn è dominante in questo settore e nessuno dice niente.
      • Tie in scrive:
        Re: E il client di posta elettronica?
        Infatti. Nessuno dice nulla perchè MS non ha imposto contratti restrittivi per conquistare il mercato! Questa è la piccola differenza. MS è diventata leader nei browser in maniera illegale. Questo non è vero per MSN, per i client di posta, ecc...E poi, non si discute affatto il monopolio, ma si discute il fatto che MS sia arriva lì in maniera illegale!
        • tardi per fare il log scrive:
          Re: E il client di posta elettronica?
          ah gia...la versione Simplex di windows messenger sul mio xp è solo un illusione???ma dai, la MS tenta di imporsi ovvunque.poi che windows live sia un ottimo software (o lo sarà di nuovo appena il plus sarà a livelli della vecchia versione)e imho lo preferisco a tutte le alternative....e sto col pinguino(linux) :Ddella storia "vinca il migliore"..beh li ha vinto M$
    • pippo75 scrive:
      Re: E il client di posta elettronica?

      Il client di posta elettronica, ad esempio.. Ma
      perché non anche l'editor di testo o la
      calcolatrice?perchè non ti ricordi, già fatto ma sembra che le pratiche di queste non avessero troppa spinta dietro.
      E poi, vi ricordate che qualche tempo fa era
      sorta la stessa storia per Media Player? Secondo
      voi è cambiato qualcosa da prima a
      dopo?No, solo che per il momento hanno altri interessi.
      • Tie in scrive:
        Re: E il client di posta elettronica?
        Visto che la discussione si fa seria, è interessante capire quali sono le dinamiche economiche che regolano i browserhttp://it.wikipedia.org/wiki/Economie_di_rete
        • Tie in scrive:
          Re: E il client di posta elettronica?
          Cioé, in termini estremamente pratici, le economie di rete funzionano così: il benessere di un cliente nell'adottare un bene è tanto superiore quanto più è elevato il numero di utenti che già utilizzano quel bene, ossia quanto è più ampia la rete.Questi effetti possono essere diretti o indiretti.Sono diretti nel caso in cui il beneficiario è direttamente il cliente (e.g. sarò tanto più invogliato a comprare un prodotto quante più solo le persone che utilizzano quel prodotto).Sono indiretti nel caso in cui il beneficiaro è un intermediario commerciale (e.g. lo sviluppatore software svilupperà tante più applicazioni per il prodotto che ha un maggior numero di utenti).Questo risponde a tutte le domande. Se tu MS imponi contratti restrittivi agli sviluppatoro software dicendogli: se vuoi la mia licenza devi sviluppare programmi compatibili solo con la mia architettura, riesci ad internalizzare degli effetti indiretti di rete, generando un'aspettativa nei confronti del cliente finale a discapito dei competitori.L'internalizzazione degli effetti di rete non è un reato. Il reato è l'abuso della posizione dominante per il raggiungimento di una data posizione di mercato, ossia vado a drogare i meccanismi competitivi a mio vantaggio in maniera illegale.
  • OEM scrive:
    Basterebbe lasciare fare agli OEM
    Che decidano loro che cosa preinstallare nei loro PC-Windows: quali software in bundle, compreso antivirus e browser (tanto poi fanno accordi a suon di dollaroni e ci troviamo lo stesso le solite cose, quindi IE :'( )
    • Tie in scrive:
      Re: Basterebbe lasciare fare agli OEM
      Contratti restrittivi.
      • Tie in scrive:
        Re: Basterebbe lasciare fare agli OEM
        Giusto per la cronaca, l'analisi fatta da David Sibley in occasione del proXXXXX contro Microsoft tenutosi nel 1995 negli USA.http://www.usdoj.gov/atr/cases/f212700/212767.htm
  • Megalomane Psicopatic o scrive:
    Basta rendere IE dininstallabile
    Non vedo qual'è il problema, ubuntu di default mi installa firefox, os x esce con safari, l'unica differenza vera con windows e IE è che quest'ultimo in un modo o nell'altro non viene completamente rimosso. Basterebbe obbligare microsoft a rendere removibile IE e il gioco è fatto, mi scarico il browser che più mi aggrada lo installo e tolgo IE, non credo che nessuno pianga per dover usare Internet Explorer per 5 minuti.
    • TDC scrive:
      Re: Basta rendere IE dininstallabile
      quotone... questo devono imporre, dev'essere possibile la totale rimozione e sostituzione di IE senza dare grane di nessun tipo (win update, ma anche msn...) sarebbe una bella vittoria.
      • Renji Abarai scrive:
        Re: Basta rendere IE dininstallabile
        - Scritto da: TDC
        (win update, ma anche msn...) Su vista non accade. Msn usa il browser predefinito e win update non utilizza IE.
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Basta rendere IE dininstallabile
          - Scritto da: Renji Abarai
          - Scritto da: TDC

          (win update, ma anche msn...)

          Su vista non accade.
          Msn usa il browser predefinito e win update non
          utilizza
          IE.Si ma oltre a questo come ha più volte detto il competente Tie in occorre che gli oem possano installare insieme a vista anche browser differenti da IE senza incorrere in sanzioni economiche da parte di microsoft oppure senza dovere rinunciare a vista se non installano IE.
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Basta rendere IE dininstallabile
      - Scritto da: Megalomane Psicopatic o
      Non vedo qual'è il problema, ubuntu di default mi
      installa firefox, os x esce con safari, l'unica
      differenza vera con windows e IE è che
      quest'ultimo in un modo o nell'altro non viene
      completamente rimosso. Basterebbe obbligare
      microsoft a rendere removibile IE e il gioco è
      fatto, mi scarico il browser che più mi aggrada
      lo installo e tolgo IE, non credo che nessuno
      pianga per dover usare Internet Explorer per 5
      minuti.E' più di un anno che non uso Windows, ma quando lo usavo non ho potuto disinstallare IE perché il sito degli aggiornamenti software della Microsoft funzionava con IE ma non con Mozilla Firefox. Non è più cosi?
      • fiertel91 scrive:
        Re: Basta rendere IE dininstallabile
        No, con Windows Vista gli aggiornamenti si effettuano separatamente dal browser, quindi Internet Explorer non è più così vincolante. Io non capisco perché questa crociata contro IE di Windows e non contro Safari di Mac OSX. Non vorrei fosse solo per la sua posizione più esposta.
        • freax scrive:
          Re: Basta rendere IE dininstallabile
          "No, con Windows Vista gli aggiornamenti si effettuano separatamente dal browser, quindi Internet Explorer non è più così vincolante. Io non capisco perché questa crociata contro IE di Windows e non contro Safari di Mac OSX. Non vorrei fosse solo per la sua posizione più esposta."windows: ma come faccio a toglierlo? non possoosx: prendo l'icona e la trascino fuori dalla dock
          • lellykelly scrive:
            Re: Basta rendere IE dininstallabile
            questa risposta è una boiata, se non riesci da solo qualcuno ti aiuterà, comunque non è così difficile...sai, esiste anche il menù di aiuto... da poco lo uso, ma ho scoperto un mondo nuovo.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Basta rendere IE dininstallabile
            http://www.litepc.com/ieradicator.htmlQui trovi il software "IEcleaner" che ti risolverà il problema della disinstallazione. Un po' come il Norton removal.
      • pippo75 scrive:
        Re: Basta rendere IE dininstallabile


        E' più di un anno che non uso Windows, ma quando
        lo usavo non ho potuto disinstallare IE perché il
        sito degli aggiornamenti software della Microsoft
        funzionava con IE ma non con Mozilla Firefox. Non
        è più
        cosi?che sapevo io è da anni che permette di farlo anche con altri browser, cambia solo la procedura.
    • melamarcia scrive:
      Re: Basta rendere IE dininstallabile
      mai sentito parlare di "posizione dominante"?la differenza che c'è tra osx, ubuntu, o qualsiasi altro OS e windows è che quest'ultimo ha il 90% del mercato mentre i primi le briciole (tranne osx che si avvicina al 10%) di conseguenza se hai il 0,5% puoi fare tutte le pratiche che vuoi, compreso impedire che sul tuo sistema operativo si possano installare programmi che non ti piacciono, se hai il 90% hai una posizione dominante e se ne abusi, imponendo tuoi programmi o altro, sei senzionato.e smettiamola con sti continui paragoni con osx e ubuntu, la legge non dice che ogni os debba fare politiche di apertura, ma solo uno se è dominante, se windows vuole avere il 5% del mercato poi potrà anche imporre il suo accrocchio di IE, ma per la quota che ha ora, veda di stare buono e di togliere ie outlook msn e tutte quelle porcherie
      • lellykelly scrive:
        Re: Basta rendere IE dininstallabile
        fin che esistono ancora siti che funzionano male con ie e non funzionano con altri browsers, puoi rendere eliminabile quello che vuoi...
      • TDC4ever scrive:
        Re: Basta rendere IE dininstallabile
        lasciamo stare come fa gli aggiornamenti vista... un sistema operativo che ti può installare arbitrariamente robe, di sua iniziativa senza che tu possa far nulla per impedirlo...Che poi parlare di Vista si basa sull'assunto che sia un sistema operativo seriamente adottabile per fare qualunque cosa... chi usa vista a piene funzionalità e con piena soddisfazione in pc non dotati di 5 o 6 giga di memoria...? (in pratica tutto il mercato home) Se ci siete aiutatemi a fare altrettanto perchè sono tra i poveri stolti che hanno pagato insieme all'acquisto del pc un sistema operativo inutilizzabile (ci ho provato per un paio di mesi prima di mollare definitivamente), la cosa è abbastanza frustrante :Spoi dicono che fai le guerre di religione...
  • omissis scrive:
    ie, imho, è un pessimo browser
    Come sviluppatore, non ho mai provato software di navigazione peggiore. Ci sono problemi in continuazione: css, javascript(pure con jquery), oggi persino con un form di drupal(scritto in php, quindi generato lato server)!Non voglio fare il talebano, ma qualsiasi altro browser, per quanto mi riguarda, si è sempre comportato meglio.
    • Sandro kensan scrive:
      Re: ie, imho, è un pessimo browser
      - Scritto da: omissis
      Come sviluppatore, non ho mai provato software di
      navigazione peggiore. Ci sono problemi in
      continuazione: css, javascript(pure con jquery),
      oggi persino con un form di drupal(scritto in
      php, quindi generato lato
      server)!
      Non voglio fare il talebano, ma qualsiasi altro
      browser, per quanto mi riguarda, si è sempre
      comportato
      meglio.Questo è risaputo. Da parte mia posso aggiungere che anni fa con IE i siti si vedevano bene mentre con i browser che rispettavano le regole del web consortium (o come si chiama) i siti si vedevano con diversi difetti.Questo per dire di come funzionava male IE che non rispettava le regole di scrittura del codice html.Adesso che firefox dilaga i siti sono tutti scritti bene e i difetti di IE vengono fuori.
  • Sandro kensan scrive:
    Spero la condannino alla massima multa
    In un periodo di crisi e con il massimo della multa i vari vista o windows 7 costeranno di più e ci sarà più spazio per linux soprattutto nella PA:http://linux.slashdot.org/article.pl?sid=09/02/19/1652202La più grande installazione di pc linux al mondo:350 mila unità: «"Millions of Brazilian schoolchildren will soon be 'brought up right' running Linux on over 350,000 seats each using PC sharing hardware and software from Userful and KDE»
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Spero la condannino alla massima multa
      Parliamo di soldi?Allora per una PA come quella brasiliana o meglio un settore educativo, 350 mila postazioni rifornite con i programmi closed source analoghi ai programmi open source che metteranno in Francia:http://www.ossblog.it/post/4689/la-francia-fornisce-un-laptop-agli-studenti-delle-scuolecredi non comporti un risparmio di denari a molti zeri?Segue la notizia da ossblog, licenza CC:«Il dipartimento dellOise nel nord della Francia, ha reso noto di voler fornire agli studenti degli ultimi anni delle scuole (4°, 5° e 6° anno) pubbliche e private, un laptop multimediale al fine di integrare le nuove tecnologie al percorso di studi dei ragazzi francesi in maniera tale da consentirne la fruizione alla più vasta parte della popolazione.Il portatile, un Toshiba Satellite Pro l300, pur montando come sistema operativo Windows Vista, verrà dotato di numerosi strumenti opensource tra i quali Openoffice, Gimp, Blender e molti altri la cui lista completa è consultabile sul sito ufficiale.La messa in opera di questa operazione avverrà in modo graduale dal 2009 al 2011; lo studente manterrà luso del portatile per tutto il percorso scolastico e potrà riscattarlo trascorsi 6 anni. Il costo del progetto viene stimato intorno ai 28 milioni di , ma consentirà di alleggerire lonere per le famiglie nellacquisto di strumenti per leducazione e formazione dei propri figli.»Tra l'altro saranno fornite:- Clamwin (antivirus)- Firefox (navigateur internet)- Kompozer (éditeur de site web)- Mozilla Thunderbird (messagerie électronique)- Pindgin (messagerie instantanée)- Spybot search and destroy (destructeur de logiciels espions)e tantissimi altri sw OS, vedere il link al sito dell'OISE
      • p4bl0 scrive:
        Re: Spero la condannino alla massima multa

        Allora per una PA come quella brasiliana o meglio
        un settore educativoesatto.. PA o settore educativo.. l'Anonimo a cui hai risposto parlava di sviluppatori, una mbito completamente diverso per le esigenze
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Spero la condannino alla massima multa
          - Scritto da: p4bl0

          Allora per una PA come quella brasiliana o
          meglio

          un settore educativo

          esatto.. PA o settore educativo.. l'Anonimo a cui
          hai risposto parlava di sviluppatori, una mbito
          completamente diverso per le
          esigenzeDimentichi che se la Pubblica amministrazione in generale passa a linux come sta succedendo nel grandissimo Brasile, allora non c'è modo per i ragionieri di non passare a linux o nel peggiore delle ipotesi al software open source che la PA richiede per esempio per i modelli di dichiarazione delle tasse.Se nella PA Open Office fosse obbligatorio, la gente direbbe addio a Microsoft office e così con tante altre applicazioni closed.Ci sarebbe un enorme spazio per i softwaristi che venderebbero il codice alle PA.Comunque cambiando discorso perché Punto informatico non ha mai pubblicato questo articolo?http://blog.panorama.it/culturaesocieta/2008/01/09/meglio-non-fare-i-furbi-i-finti-blog-che-criticano-la-concorrenza-rischiano-pesanti-multe/«come ha ricordato nei giorni scorsi Il Sole 24 Ore, anche lItalia si appresta a punire con multe salatissime (fino a 500.000 euro) tutte quelle aziende che mettono in campo azioni di marketing poco corrette. Anche nei casi in cui si sfrutta lanonimato del web per promuovere i propri prodotti attraverso recensioni di finti consumatori.»Aggiungo recensioni finte, blog finti e commenti finti.Multa da 500 mila euro ad aziende che praticano l'astroturfing cioè commenti sui forum fatti da dipendenti. Mai vista questa notizia su PI.
      • Mi scoccio di loggare scrive:
        Re: Spero la condannino alla massima multa
        E secondo te, questo "risparmio" non verra' poi speso in "certificazioni", "addestramento", "consulenze", "tecnici" etc.etc.?Suvvia, se il problema era solo l'O.S. la soluzione era molto semplice.
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Spero la condannino alla massima multa
          - Scritto da: Mi scoccio di loggare
          E secondo te, questo "risparmio" non verra' poi
          speso in "certificazioni", "addestramento",
          "consulenze", "tecnici"
          etc.etc.?

          Suvvia, se il problema era solo l'O.S. la
          soluzione era molto
          semplice.Questa domanda la dovresti fare a Santos Dumont, lui è in Brasile dove una buona parte della PA è già passata a Linux e quindi si parla di pratica e non di teoria.Adesso vogliono portare pure l'intera scuola sotto linux e quindi i loro conti li hanno fatti.Comunque questo è un argomento teorico già dibattuto con lunghi e noiosi discussioni basate sul nulla. Ci vogliono esperienze pratiche come quella brasiliana:«La società Userful ha annunciato la distribuzione di oltre 355 mila postazioni Linux destinate alle scuole brasiliane.In collaborazione con la Brasiliana ThinNetwork, saranno rilasciati un certo numero di PC Desktop mediante i quali, utilizzando software di virtualizzazione, potranno lavorare fino a 10 utenti semplicemente collegando il monitor, il mouse e la tastiera.Grazie anche alla scelta di Linux come sistema operativo, che permette una notevole riduzione dei costi, la Userful prevede che entro la fine del 2009 quasi tutti i giovani studenti del brasile, avranno acXXXXX a queste piattaforme. La prima fase del progetto è stata già avviata con sucXXXXX, permettendo la distribuzione di oltre 18 mila postazioni.»OSSBLOG licenza CC, link:http://www.ossblog.it/post/4678/linux-nelle-scuole-brasiliane
    • Pit scrive:
      Re: Spero la condannino alla massima multa
      Ma tu dove vivi? Ancora con questa cosa dell'open source che costa meno? Nella PA? AhahahahahLe PA non hanno risorse per gestirsi l'open source (se le avessero, nel lungo periodo, potrebbero ottenere effettivi vantaggi): dietro i progetti "open source" ci sono fornitori IT esattamente come nel caso di progetti utilizzano prodotti "commerciali" e, cosa mai evidenziata, anche nei progetti "open" si annidano prodotti commerciali al 100% (ad es. Oracle nella PA italiana è considerato un prodotto "standard" spesso richiesto nei bandi di gara anche nei casi in cui si richiede l'uso di Java e piattaforme open....).Non guardate al mondo col prosciutto sugli occhi piuttosto guardate chi sponsorizza il sedicente open source (IBM, tanto per dirne una) e capirete come stanno davvero i giochi...
    • pippo75 scrive:
      Re: Spero la condannino alla massima multa
      - Scritto da: Sandro kensan
      In un periodo di crisi e con il massimo della
      multa i vari vista o windows 7 costeranno di più
      e ci sarà più spazio per linux soprattutto nella
      PA:e da domani solo politici onesti e non condannati :)
    • asd scrive:
      Re: Spero la condannino alla massima multa
      quoto.... triste ma vero
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: Spero la condannino alla massima multa
      Ma perche' leggo il tuo post in questo senso?" Data la grossa crisi, spero che Microsoft fallisca, in questo modo, tutti gli enti passeranno al mondo linux, ed io che so usarlo abbastanza bene ho piu' possibilità di essere assunto presso le P.A., o per lo meno, di spacciarmi per un tecnico esperto e ritagliarmi le mie consulenze con la pubblica amministrazione"...Insomma...dobbiamo andar a controllare le schifezze che fanno le software house quando installano qualcosa?Perche' Ubuntu non ha nel suo file di installazione anche la possibilità di scegliere Internet Explorer come browser?La legge e' uguale per tutti ( teoricamente).
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Spero la condannino alla massima multa
        - Scritto da: Mi scoccio di loggare
        Ma perche' leggo il tuo post in questo senso?

        " Data la grossa crisi, spero che Microsoft
        fallisca, in questo modo, tutti gli enti
        passeranno al mondo linux, ed io che so usarlo
        abbastanza bene ho piu' possibilità di essere
        assunto presso le P.A., o per lo meno, di
        spacciarmi per un tecnico esperto e ritagliarmi
        le mie consulenze con la pubblica
        amministrazione"...Non fare un proXXXXX alle intenzioni, non si finirebbe mai di discutere.

        Insomma...dobbiamo andar a controllare le
        schifezze che fanno le software house quando
        installano
        qualcosa?

        Perche' Ubuntu non ha nel suo file di
        installazione anche la possibilità di scegliere
        Internet Explorer come
        browser?
        La legge e' uguale per tutti ( teoricamente).Come ha detto "Tie in" microsoft viene accusata di "vendere" Ie insieme a vista, se gli OEM vogliono vista devono installare solo e solamente IE, niente concorrenza.Ti invito a leggere i suoi numerosi interventi di seguito estremamete illuminanti, se vuoi faccio un copia e incolla.
        • Mi scoccio di loggare scrive:
          Re: Spero la condannino alla massima multa
          - Scritto da: Sandro kensan
          Da quel che ho capito io ci sono le prove
          dell'obbligo per gli OEM di avere IE insieme al
          sistema operativo Microsoft pena la non fornitura
          del sistema operativo
          all'OEM.

          Comunque chiedi a persone più esperte di me su
          questa causa legale come mi pare sia Tie
          in.Tie In forse e' un rivenditore o un distributore, non lo so.Io sto solo dicendo che "forse" M$ "obbliga" a installare IE, perche' e' l'unico browser in grado di colloquiare con il suo sistema Windows Genuine Advantage e quindi offrire aggiornamenti al sistema operativo.
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Spero la condannino alla massima multa
            - Scritto da: Mi scoccio di loggare
            - Scritto da: Sandro kensan


            Da quel che ho capito io ci sono le prove

            dell'obbligo per gli OEM di avere IE insieme al

            sistema operativo Microsoft pena la non
            fornitura

            del sistema operativo

            all'OEM.



            Comunque chiedi a persone più esperte di me su

            questa causa legale come mi pare sia Tie

            in.

            Tie In forse e' un rivenditore o un distributore,
            non lo
            so.
            Io sto solo dicendo che "forse" M$ "obbliga" a
            installare IE, perche' e' l'unico browser in
            grado di colloquiare con il suo sistema Windows
            Genuine Advantage e quindi offrire aggiornamenti
            al sistema
            operativo.Bello questo discorso mi ricorda qualche cosa, aspetta...si! La "mamma" Microsoft che ti obbliga a fare qualche cosa che non ti piace (studiare oppure avere IE preinstallato) per il tuo bene altrimenti sono parole o punizioni.Sinceramente le mamme vanno "uccise" ad una certa età almeno in termini psicologici.
      • Epureiomisc occio scrive:
        Re: Spero la condannino alla massima multa
        Allora fino al precedente tuo post potevo anche essere in accordo con te caro "Mi scoccio di loggare". Insomma chi lavora sa che si ha bisogno di open e closed. Un architetto ad esempio DEVE utilizzare AutoCAD non può spostarsi su altri prodotti perchè inefficaci e al momento non sufficienti al suo scopo. Però non venirmi a dire che ubuntu DEVE dare la possibilità di installare IE! Ma come fai? Ma soprattutto sai la differenza fra un sistema linux e un win? Conosci una versione di IE per linux? Per piacere su non diciamo idiozie! Io sono dell'opinione che bisogna sapere un po di tutto e non villantare lucciole per laterne. Sono a favore di open ma non è detto che criminalizzo uno che sceglie closed, ma se closed source significa poter creare standard a casaccio (vedi .doc o.docx) allora no.
        • Mi scoccio di loggare scrive:
          Re: Spero la condannino alla massima multa
          - Scritto da: Epureiomisc occio
          Allora fino al precedente tuo post potevo anche
          essere in accordo con te caro "Mi scoccio di
          loggare". Insomma chi lavora sa che si ha bisogno
          di open e closed. Un architetto ad esempio DEVE
          utilizzare AutoCAD non può spostarsi su altri
          prodotti perchè inefficaci e al momento non
          sufficienti al suo scopo. Però non venirmi a dire
          che ubuntu DEVE dare la possibilità di installare
          IE! Ma come fai? Ma soprattutto sai la differenza
          fra un sistema linux e un win? Conosci una
          versione di IE per linux? Per piacere su non
          diciamo idiozie! Io sono dell'opinione che
          bisogna sapere un po di tutto e non villantare
          lucciole per laterne. Sono a favore di open ma
          non è detto che criminalizzo uno che sceglie
          closed, ma se closed source significa poter
          creare standard a casaccio (vedi .doc o.docx)
          allora
          no.Ho solo espresso la mia idea a riguardo.Si criminalizza M$ perche' obbliga a fornire IE di serie.Non interessano i motivi che spingano M$ a fornire IE di serie.Quello che interessa ai giudici e' che M$ fornisce IE di serie e basta.Se M$ e' costretta per "par condicio" a eliminare IE o ad offrire insieme a IE tutti gli altri browser disponibili che ne fanno richiesta, _A TAL MODO_ ( per quanto IE faccia schifo ), gli altri O.S. _DEVONO_ offrire insieme ai loro browser ( Konqueror, Firefox, Safari... ) _ANCHE_ una versione di IE.Invece, i giudici si occupano solo di M$ perche' sanno che li e' facile "spennare" il pollo.E per quanto riguarda Google.., ribadisco il concetto :Assumo 100 cinesi, li pago 10000 euro in tutto, gli faccio sviluppare un browser in 2 mesi e mi aggiungo alla causa di M$ chiedendo un risarcimento danni pari a 500.000 ( con un ricavo netto di 490.000 euro )
  • Anonimo scrive:
    non è conflitto di interesse?
    mi pare scontato che google andrà contro microsoft a prescindere da tutto, ho capito l'odio verso Microsoft però qui stiamo sul ridicolo.
    • bubba scrive:
      Re: non è conflitto di interesse?
      - Scritto da: Anonimo
      mi pare scontato che google andrà contro
      microsoft a prescindere da tutto, ho capito
      l'odio verso Microsoft però qui stiamo sul
      ridicolo.beh tecnicamente il browser di google ha %1 del mercato e google non fa O.S. (se escludiamo android, che di installato ne ha ancora meno, ed e' sostanzialmente open e gratis)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: non è conflitto di interesse?
      C'è un proXXXXX in atto... quale conflitto di interessi? Ci sono SOLO interessi...Google produce Chrome, quindi è interessata. Mi sembra logico.
    • pabloski scrive:
      Re: non è conflitto di interesse?
      e perchè mai? mica è Google a dover multare MS?Google si presenta come parte lesa, mica come giudicequello di Silvio è conflitto d'interessi
      • massimilian o scrive:
        Re: non è conflitto di interesse?
        - Scritto da: pabloski
        e perchè mai? mica è Google a dover multare MS?

        Google si presenta come parte lesa, mica come
        giudice

        quello di Silvio è conflitto d'interessi
Chiudi i commenti