Olanda: Samsung e Apple non si somigliano

Galaxy Tab 10.1 non viola il design registrato da Apple. Ma la guerra tra Apple e i produttori Android sembra destinata a far bruciare alle aziende coinvolte altri milioni di dollari
Galaxy Tab 10.1 non viola il design registrato da Apple. Ma la guerra tra Apple e i produttori Android sembra destinata a far bruciare alle aziende coinvolte altri milioni di dollari

La corte d’appello de L’Aia ha dato ragione a Samsung confermando la sentenza di primo grado che respingeva la richiesta di ingiunzione preliminare depositata da Apple contro le importazioni dei tablet della coreana, considerati non in violazione dei brevetti con la Mela.

Apple aveva ottenuto il blocco preliminare dei prodotti coreani contestando la violazione di suoi brevetti relativi al design di iPad e alla tecnologia per l’interfaccia delle gallerie di immagini : una delle poche vittorie (parziali) raggiunte da una delle due aziende nella lotta brevettuale che le sta contrapponendo in più paesi e senza esclusione di colpi e denari. Basta pensare che si calcola che Cupertino, solo per le cause che la vedono contrapposta ad un’altra produttrice Android come HTC, abbia speso 100 milioni di dollari. Se si pensa a quanto sia più lunga e complicata la vicenda Apple-Samsung, una proporzione potrebbe spingere a pensare a cifre esorbitanti.

Per aggirare il blocco alle importazioni imposto ai suoi prodotti in Europa dai tribunali tedeschi e olandesi, Samsung aveva provveduto a rilasciare una versione modificata del suo tablet Galaxy Tab 10.1 , tale che superasse le problematiche di somiglianza sollevate da Apple nei suoi confronti.

La corte di appello era stata chiamata a riaffrontare la causa che vede al centro i brevetti design di Apple: precedentemente aveva già affrontato la questione relativa alla misura cautelare e, come nella sentenza emessa negli Stati Uniti , aveva valutato come non proporzionata una tale decisione.

Ora il tribunale ha affermato che il tablet Samsung non viola il brevetto che tutela il design di iPad. Sulla stessa questione si deve esprimere la prossima settimana la corte che in Germania si sta occupando del caso.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti