OLPC, un tablet convertibile e modulare

Il celebre sistema si aggiorna con un nuovo modello convertibile, iniziativa australiana che propone la modularità dei componenti alla base del tablet

Roma – OLPC è morto , lunga vita a XO-infinity : il progetto di portatile a basso costo per l’istruzione e le economie in via sviluppo conosce un nuovo tentativo di rinascita grazie alla divisione australiana dell’organizzazione, che promette un dispositivo dalle multiformi capacità e con tanto di espansibilità modulare sullo stile dello smartphone di Project Ara .

Diversamente dal modello originale, infatti, XO-infinity è un tablet capace di trasformarsi in portatile una volta collegato alla docking station che include la tastiera: nulla che non si sia già visto altrove, in effetti, anche se la vocazione “educativa” del dispositivo dovrebbe vedersi nella struttura rinforzata – adatta a sopportare i maltrattamenti degli utenti più giovani – e nel prezzo economico.

La modularità, poi, è l’altra novità di peso che caratterizza XO-infinity : il tablet convertibile permetterà di sostituire tra i 4 e i 5 componenti di base inclusivi di CPU e RAM, batteria, modem WiFi, camera e forse display, con la possibilità potenziale di aggiornare uno dei suddetti elementi con versioni più potenti e capaci con un esborso economico aggiuntivo.

Destinato come sempre a un pubblico inesperto con scarse risorse economiche a disposizione, XO-infinity dovrebbe essere distribuito a partire dalle prossime due settimane. Al momento non si conoscono né prezzo finale né i mercati nazionali in cui il dispositivo sarà disponibile.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Inbox è carino,ma...
    Se supporta solo gmail, non ha senso dover usare più client diversi per accedere a tutti i propri account, provato e tornato subito a k9 mail
Chiudi i commenti