Open Compute, un progetto che avanza

L'iniziativa "open" avviata da Facebook acquista consensi, nuovi membri e nuove tecnologie per l'ottimizzazione dei server. Intel presenta le sue prime applicazioni di fotonica al silicio, mentre AMD dispensa motherboard

Roma – A poco più di un anno dall’apertura ufficiale dei lavori, il progetto Open Compute di Facebook per la realizzazione di standard “aperti” applicati all’ottimizzazione dei data center fa proseliti e funge da sfondo all’annuncio di importanti avanzamenti tecnologici da parte di aziende grandi e piccole.

In questi giorni l’iniziativa Open Compute celebra se stessa e la fondazione che vi sta alle spalle in un summit a tema in California, e fra i tanti annunci spicca quello di Intel: la silicon photonics di Santa Clara ha superato la fase prototipale , e mentre IBM ancora fa ricerca Chipzilla include i suoi nuovi componenti silicio-fotonici in un design per server “disaggregati”.

“Intel e Facebook collaborano allo sviluppo di una nuova architettura server rack disaggregata – ha spiegato Santa Clara durante l’Open Compute Summit – che consente l’upgrade indipendente dei sottosistemi di elaborazione, rete e storage, ed è destinata a definire il futuro dei mega data center nei prossimi dieci anni” o per svariate generazioni di processori (x86).

Unendo i vantaggi economici derivanti dall’uso del comune e poco costoso silicio e i vantaggi prestazionali della silicon photonics, Intel sostiene di aver raggiunto un’ampiezza di banda (di rete) di 100 Gbps riducendo nel contempo il numero di cavi, estendendo la portata delle connessioni e ottimizzando grandemente l’efficienza energetica rispetto alle attuali connessioni in rame.

Ma Open Compute non è solo Intel e Facebook, e i nuovi membri che la fondazione può ora includere fra i propri supporter includono EMC, Sandisk, Fusion-io e Rackspace. Nel caso di Fusion-io, la società ha ufficialmente “donato” il design di schede di memoria Flash ioScale all’iniziativa. Il design potrà dunque essere usato e personalizzato senza vincoli dai membri di Open Compute, mentre Fusion-io si avvantaggerà del fatto che ioScale è basato sulla tecnologia di controller commercializzata dalla società.

A trarre indubbio vantaggio economico e tecnologico da Open Compute sarà poi anche Rackspace, che ha annunciato l’intenzione di abbandonare i suoi partner tradizionali per la costruzione di server (Dell e HP) e di servirsi dei design “open” del progetto contrattando la realizzazione di rack e box con produttori terzi.

Al summit Open Compute c’erano infine anche AMD con la sua nuova motherboard Open 3.0 – prodotto basato su CPU Opteron 6300 e adatto a ogni genere di computing ad alte prestazioni – e Dell con la scheda X-Gene , prodotto basato su architettura ARM a 64-bit che batte sul tempo la concorrenza – HP e i suoi server Redstone – ed è capace di convivere tranquillamente con processori x86 (Intel e AMD) installati all’interno dello stesso server.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuda scrive:
    Re: Apple
    sento rosikare da lontano, ruppolo smettila che nel recinto dorato le pecore vogliono dormire
  • Anonimo scrive:
    Il rettangolo no
    Non l'avevo consideratoooooooo...
  • attonito scrive:
    e' crisi nera
    se neache con questi assist serviti su un piatto d'argento servono a stimolare ruppolo adintervenire allora e' proprio conciato male.
  • daniele_dll _rosica scrive:
    ouch
    deve far male quest'ennesima botta
    • Polemik scrive:
      Re: ouch
      - Scritto da: daniele_dll _rosica
      deve far male quest'ennesima bottaPer forza, Apple ha perso il suo unico vantaggio tecnologico! :D
    • attonito scrive:
      Re: ouch
      - Scritto da: daniele_dll _rosica
      deve far male quest'ennesima bottama anche no. il calo azionario ha talmente alesato lo sfintere dichisappiamonoi che queste notizie neanche le sente piu'. Prima sarebbe stato qui a divendere a mani nude il padrone, esibendo l'eroico petto, baluardo contro le barbarie nemiche. E invece se ne sta in cantina, al buio, singhiozzante e rannicchiato in posizione fetale. Una fine che si e' cercata e meritata. Rest in Hell.
      • Vaas scrive:
        Re: ouch
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: daniele_dll _rosica

        deve far male quest'ennesima botta

        ma anche no. il calo azionario ha talmente
        alesato lo sfintere dichisappiamonoi che queste
        notizie neanche le sente piu'. Prima sarebbe
        stato qui a divendere a mani nude il padrone,
        esibendo l'eroico petto, baluardo contro le
        barbarie nemiche. E invece se ne sta in cantina,
        al buio, singhiozzante e rannicchiato in
        posizione fetale. Una fine che si e' cercata e
        meritata. Rest in
        Hell.Senza Jobs la eppol ha i giorni contati.
Chiudi i commenti