Openmoko è Unveiled

di Leonardo Maccari - Incontro ravvicinato con il progetto aperto, che introduce nuovi criteri di sviluppo in un settore tradizionalmente blindato. La comunità Openmoko, poi, è vivacissima

Roma – È da quasi una settimana che sono un felice possessore di un Openmoko Freerunner , un telefono cellulare sviluppato con un approccio il più possibile aperto. Il Freerunner non è un prodotto pronto per il mercato di massa, ma nella sua attuale incarnazione è un prodotto che sembra offrire il supporto hardware per poter essere funzionale al 100% se supportato da un sistema operativo maturo. Le caratteristiche tecniche sono note :

il dispositivo – GSM/GPRS, niente UMTS o EDGE
– un processore ARM a 400 MHz, memoria flash integrata di 256M e SDRAM di 128M
– un ricevitore GPS (con antenna interna e ingresso per antenna esterna)
– due accelerometri
– uno slot MicroSD (con una scheda da 512 in dotazione)
– Bluetooth e WiFi
– uno schermo LCD 480×640
– USB 1.1 host

Per quello che riguarda il software, invece, bisogna fare un po’ più di fatica per capire la direzione presa dagli sviluppatori. Il progetto è partito utilizzando GTK e un suo stack di applicazioni. Col tempo gli sviluppatori e la comunità hanno arricchito il sistema operativo di programmi basati sulle librerie GTK fino a produrre la distribuzione “2007.2”. È la versione di openmoko che è preinstallata nel cellulare.

l'applicativo di dialing Ultimamente gli sviluppatori hanno cambiato rotta; 2007.2 è sempre supportato e aggiornato ma lo sviluppo si è spostato verso una piattaforma basata su Qtopia. Qtopia è un SO Linux based (rilasciato con doppia licenza GPL e proprietaria) che equipaggia diversi prodotti commerciali, può essere installato su Openmoko, ma non supporta GTK. Per quanto sia un progetto più maturo, non è un sistema di per sé completo ma viene generalmente reingegnerizzato dai singoli produttori di cellulari per renderlo più aderente alle proprie esigenze. Gli sviluppatori di Openmoko ne stanno creando una versione ibridata che supporti X11, le librerie EFL di Enlightenment e, a quanto pare, anche GTK.

Questo stack di applicazioni, lo stack ASU, è ancora sotto sviluppo, non è del tutto utilizzabile ma promette bene, se volete provarlo potete trovare una emulazione in flash qui . Infine, esiste un terzo stack, l’FSO, che è agli inizi e dovrebbe fornire supporto per lo standard definito dalla open framework initative (un tentativo ancora embrionale di produrre un framework comune per i vari dispositivi mobili basati su Linux). Il risultato è che quando il cellulare arriva a casa lo aggiornate e vi trovate un SO che funziona, ma che non sarà quello usato nelle prossime versioni mentre le versioni future sono ancora immature, ma attivamente sotto sviluppo. Questa situazione è molto fluida, la stabilità dei software cambia di giorno in giorno e non è facile trovare tutte le informazioni sul wiki, che non sempre riesce a stare dietro agli aggiornamenti.

Prima di entrare nei dettagli di come funziona il telefono, voglio spendere qualche parola sulla comunità. Sono iscritto ad alcune liste e nel giro di pochi giorni ho visto passare centinaia di email, a testimonianza di una comunità grande ed attiva. Inoltre le liste sono sempre frequentate anche dagli sviluppatori del progetto ed in alcuni casi i problemi vengono risolti con una forte collaborazione con gli utenti. Sicuramente in questo momento non è un progetto facile da interpretare, ma c’è un grande fermento ed un approccio aperto.

Veniamo all’oggetto stesso, e cominciamo con le cose più scomode. Visto che si trovano online delle recensioni abbastanza dettagliate, io vorrei soffermarmi di più sull’esperienza da utente e su quelle informazioni che sono più difficili da reperire. In primo luogo le SIM: pare che il produttore del chip GSM non rilasci un aggiornamento del firmware utilizzabile per risolvere alcune incompatibilità con le SIM che supportano 3G. Io ho provato senza successo con una TIM vecchia di un anno e con una Vodafone, mentre non ho avuto problemi con una SIM Wind e con una TIM appena comprata.

Il fatto che una SIM nuova funzioni senza problemi è incoraggiante, ma se avete intenzione di prendervi un Openmoko il consiglio è di contattare qualcuno nella lista dei groupsales italiana. Molti utenti hanno già ricevuto e distribuito i primi stock, quindi vi potranno aiutare per avere informazioni sul vostro operatore.

L’altro tasto dolente è la gestione dell’energia, il cellulare in stand-by non dura più di una decina di ore acceso. La nota positiva è che nella lista ci sono persone che sono riuscite a fare circa sei ore di telefonata consecutiva, il che lascia intuire che il problema non è nella batteria ma nella gestione energetica. In questo momento infatti è quasi del tutto assente ed è uno dei temi su cui lavorano gli sviluppatori. Stando alle informazioni sul wiki, in futuro ci si aspetta di ottenere una settimana in stand-by, 6 ore di chiamata o 20 di ascolto mp3.

Un altro tema di sviluppo attivo è la qualità delle telefonate, che per alcuni (a seconda del gestore e della nazione) sono un po’ rumorose. Il disturbo è percepito solo dall’altro capo della chiamata per telefonate verso un altro cellulare e può essere ulteriormente fastidioso se la chiamata avviene in ambienti rumorosi. Dal lato del software, il SO 2007.2 è quello con più applicazioni disponibili, quindi più ricco di possibilità. Oltre alle normali applicazioni per inviare e ricevere SMS, telefonare, e per la gestione della rubrica c’è una suite di PIM con calendario e Tasks, un mediaplayer e una decina di giochi.

il calendario

L’applicazione più carina è forse TangoGPS che scarica le mappe in tempo reale da openstreetmap (possono essere tenute in cache), e aggiorna la posizione sulla mappa, oltre a tenere traccia dei dati del viaggio.

Manca completamente un pannello di controllo con cui gestire le impostazioni del telefono, quindi per il momento per cambiare le impostazioni è necessario usare il terminale (si, c’è un terminale con bash) o una connessione remota ssh. Alcune delle applicazioni sono state sviluppate grazie al Google Summer of Code, quindi sono ancora work in progress (ad esempio il browser o il media player).

home

Per darvi un’idea delle potenzialità, questa applicazione ancora del tutto sperimentale potrebbe essere utilizzata in futuro per introdurre delle gestures , ovvero dei comandi dati al cellulare muovendo il cellulare stesso e percependo la posizione con gli accelerometri.

L’impressione generale è che tutto sia molto in divenire, le applicazioni sono ancora piuttosto instabili e alle volte costringono l’utente a fare operazioni un po’ contorte per arrivare al suo scopo.

il dispositivo Nel valutare questo progetto è importante capire che è giovanissimo, i primi apparati oltre a quelli di sviluppo sono stati venduti a partire dall’inizio di luglio, quindi la comunità ha a disposizione il telefono da poche settimane.

Nel complesso, quindi, il Frerunner non è ancora pronto per chi ne ha bisogno in un ambiente di produzione, ma migliora di giorno in giorno e la comunità è molto recettiva. Tutte le persone che hanno comprato il Freerunner con cui ho avuto modo di parlare lo sapevano fin dall’inizio, ma hanno speso volentieri i loro soldi. C’è infatti un clima simile a quello che si respirava qualche anno fa quando per far funzionare il server grafico di una distribuzione Debian bisognava perdere una settimana dietro a file di configurazione più o meno esoterici. Tutti quelli che hanno investito 300 euro non l’hanno fatto per avere qualcosa di meglio di un iPhone, ma per contribuire ad un progetto che mira a liberare i cellulari, ovvero restituire all’utente il pieno controllo sul suo telefono.

Leonardo Maccari
Il blog di Leonardo

fonte immagini

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fsdfs scrive:
    fsfs
    [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-datejust-c-2]Rolex DateJust watches[/url], Rolex DateJust watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-day-date-c-3]Rolex Day Date watches[/url], Rolex Day Date watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-daytona-c-4]olex Daytona watches[/url], Rolex Daytona watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-explorer-c-5]Rolex Explorer watches[/url], Rolex Explorer watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-gmt-c-6]Rolex GMT watches[/url], Rolex GMT watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-masterpiece-c-7]Rolex Masterpiece watches[/url], Rolex Masterpiece watches [url=http://www.inrolexwatches.com/rolex-milgauss-c-8]Rolex Milgauss watches[/url], Rolex Milgauss watches
  • mes.id scrive:
    CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
    drm,bug,exploit,pubblicita', non esiste software closed source che non sia ricco di tutte queste magagne. Il povero utente alla fine deve sorbirsi oltre al danno anche la beffa e l'umiliazione di essere trattato da suddito e neanche da cliente.Per fortuna esiste linux e il suo software, un lavoro incredibile portato avanti da milioni di appasionati che ogni giorno dedicano la loro vita per migliorare un sistema operativo e un universo informatico che non e' solo alternatico a quello proprietario, ma ogni giorno ne scalfisce l'impero.Chiunque puo' fare parte di questa grande famiglia, nessuno deve essere scluso, ognuno puo' dare il suo contributo.E' proprio grazie a questo spirito di liberta' e amore verso il prossimo, che in seno di linux sono nati milioni di progetti (basta farsi un giro su sourceforge o berlios) capaci di sostituire i programmi proprietari e perche' no certe volte anticiparli.Realplayer ha fatto tanto, durante i primi anni di internet era tecnoloicamente all'avanguardia ed era un serio nemico per microsoft. Ora putroppo le cose sono cambiate, i contenuti in realplayer sono sempre di meno e lo stesso player e' diventata una brutta copia di songbird...ovviamente zeppa di pubblicita'.Consiglio quindi a chi non puo' fare a meno di usare eal, di considerare l'idea di provare mplayer, il player grauito open soruce capace di leggere tutti i formati proprietari.
    • Gica78R scrive:
      Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
      Ma la versione Linux di Real Player non è basata su Helix Player, che è open source? (newbie)
    • zal scrive:
      Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
      premesso che a me real player fa schifo, purtroppo sono stato costretto ad installarlo per ascoltare le radio rai e bbc. (tra l'altro trovo assurdo che due aziende del genere costringano ad usare un formato proprietario, ma questo è un altro discorso).quello che intuisco dal tuo intervento è che esistono dei software in grado di leggere i formati real. perciò mi assicuri che posso buttarlo nel cesso e installare questo mplayer? esiste oltre che per linux anche per win e mac? esistono altri software che possono farmi fare a meno di real?grazie per le vs risposte
      • Nessuno vs Chuck Norris scrive:
        Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
        Su Win (come ho fatto io) ti basta il Media Player Classic ,che non serve nemmeno installarlo, e Real Alternative che ti installa solo i codec necessari alla riproduzione dei file della real.Sotto linux non vorrei sbagliarmi ma anche Vlc legge i file della real; altrimenti Mplayer legge veramente di tutto.Saluti!
    • Caribe 1999 scrive:
      Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
      Va bene Linux, però devi fare sempre questi proclami?
      • mes.id scrive:
        Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
        - Scritto da: Caribe 1999
        Va bene Linux, però devi fare sempre questi
        proclami?Tu non solo non sai cosa sia la passione, ma sai bene cosa è la paura. Tu hai paura che si parli di tecnologie libere, tu hai paura che il tuo piccolo market di sofware proprietario venduto senza licenza possa essere spazzato via dal vento della libertà.Ma l'open sourcr e' solo anche questo, non è solo risparmio è anche nuova e moderna coscienza di esistere in un mondo che deve essere cmaibato. Ogni utente linux sa nel suo piccolo che ogni azione, anche la piu' minuscola è capace di creare un colossale effetto domino che puo' sonvolgere l'economia che ha per troppi anni appestato l'informatica.Il semplice utilizzo di un player libero al posto di uno dei tanti e sempre piu' pieni di pubblicita' ripdoruttori multimediali proprietari con licenza restrittiva e' gia' di per se una grande cosa. Essere liberi dalla pubblicita', liberi dalla schedatura dei propri gusti, liberi dalle catene della moderna schiavitu' consumista non e' solo un atto di ribellione, ma una presa di cosceinza che una nuova realta' puo' essere forgata. giorno dopo giorno, byute su byte, computer su computer.Sembrare strano ma il pinguino, l'unico uccello inviso al volo è diventato simbolo di liberta' ed eqcuitaà sociale.
        • Boh scrive:
          Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
          Ma dove saltano fuori questi invasati?Preoccupante la cosa...
        • anonimo scrive:
          Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA

          eqcuitaà sociale.Non c'è dubbio, tu sei un comunista.
          • mes.id scrive:
            Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
            - Scritto da: anonimo

            eqcuitaà sociale.

            Non c'è dubbio, tu sei un comunista.cosa c'e' di comunista nell'amare la libertà? ti sei mai chiesto cosa significa o usi la parola comunista come insulto verso chiunque non la pensa come te?Linux e' apolitico, linux va oltre, linux si fa portatore di modelli etici e di valori che sono amalgama del meglio del pensiero moderno. Tu tu non sai neppure cosa c'e' dietro la FSF, tu non conosci le battaglie che quotidianamente compiono nel nome della liberta' di pensiero e del giusto modo di usare le cose. Forse non e' che tu non sai, TU non vuoi sapere. Fosse stato per te il progresso scientifico non sarebbe andatao avanti, fosse per te l'umanita' sarebbe ancora cementata nel pantano dei dogmi religiosi, fosse per te non ci sarebbe la liberta' di parola, ne di pensiero.Per foprtuna la gente ha capito, la gente sa, la gente adesso e' stufa. La nuova geometria dell'informazione ha permesso di informarsi dal basso, blog, chat e forum sono il futuro dell'informazione, perche' partono dal basso. sono genuini, magari anche un po' ingenui ma non soffrono delle manipolazioni ne delle sofisticazioni a cui siamo stati tristemente abituati.Putroppo c'e' chi come te preferisce buttarla su stupide e puerili argpomentazioni windows=fascio, linux = comunista, mac=partito dei pensionati ecc ecc. La verita' e' che linux ti fa paura, non dal punto di vista degli ideali che incarna, ne del bagaglio etico di cui si fa portatore, ma dal potenziale danno economico che puo' arrecarti. Se la gente inizia a pensare con la propria testa, tutto i mercato che orbina intorno alla suddistanza spicologica del closed source con licenza restrittiva e umiliante si annullerebbe in poco tempo. Il popolo di linux avra' anche pochi mezzi, avra' pure come tutti contro, specie i potenti che manipolano la realta' con i media, ma hanno coraggio da vendere. Ogni nuova distro, ogni nuovo fork che apre su sourceforge, e' una freccia che si aggiunge alla faretra dell'open source. E chi puo' dirlo, forse sara' proprio quello il fatidico dardo che colpira' mortalmente il closed source.Non cantare vittoria troppo presto, non hai ancora capito la vera potenza di linux.
          • anonimo scrive:
            Re: Re: CLOSED SOURCE...PESSIMA SCELTA
            - Scritto da: mes.id
            - Scritto da: anonimo


            eqcuitaà sociale.



            Non c'è dubbio, tu sei un comunista.

            cosa c'e' di comunista nell'amare la libertà? ti
            sei mai chiesto cosa significa o usi la parola
            comunista come insulto verso chiunque non la
            pensa come
            te?

            Linux e' apolitico, linux va oltre, linux si fa
            portatore di modelli etici e di valori che sono
            amalgama del meglio del pensiero moderno. Tu tu
            non sai neppure cosa c'e' dietro la FSF, tu non
            conosci le battaglie che quotidianamente compiono
            nel nome della liberta' di pensiero e del giusto
            modo di usare le cose. Forse non e' che tu non
            sai, TU non vuoi sapere. Fosse stato per te il
            progresso scientifico non sarebbe andatao avanti,
            fosse per te l'umanita' sarebbe ancora cementata
            nel pantano dei dogmi religiosi, fosse per te non
            ci sarebbe la liberta' di parola, ne di
            pensiero.

            Per foprtuna la gente ha capito, la gente sa, la
            gente adesso e' stufa. La nuova geometria
            dell'informazione ha permesso di informarsi dal
            basso, blog, chat e forum sono il futuro
            dell'informazione, perche' partono dal basso.
            sono genuini, magari anche un po' ingenui ma non
            soffrono delle manipolazioni ne delle
            sofisticazioni a cui siamo stati tristemente
            abituati.

            Putroppo c'e' chi come te preferisce buttarla su
            stupide e puerili argpomentazioni windows=fascio,
            linux = comunista, mac=partito dei pensionati ecc
            ecc.

            La verita' e' che linux ti fa paura, non dal
            punto di vista degli ideali che incarna, ne del
            bagaglio etico di cui si fa portatore, ma dal
            potenziale danno economico che puo' arrecarti. Se
            la gente inizia a pensare con la propria testa,
            tutto i mercato che orbina intorno alla
            suddistanza spicologica del closed source con
            licenza restrittiva e umiliante si annullerebbe
            in poco tempo. Il popolo di linux avra' anche
            pochi mezzi, avra' pure come tutti contro, specie
            i potenti che manipolano la realta' con i media,
            ma hanno coraggio da vendere. Ogni nuova distro,
            ogni nuovo fork che apre su sourceforge, e' una
            freccia che si aggiunge alla faretra dell'open
            source. E chi puo' dirlo, forse sara' proprio
            quello il fatidico dardo che colpira' mortalmente
            il closed
            source.
            Non cantare vittoria troppo presto, non hai
            ancora capito la vera potenza di
            linux.Ognuno è libero di usare il SO che vuole, questa è la vera libertà.Tu invece vorresti imporre linux a tutti, spacciandola come un'operazione di libertà, ma chiunque con un minimo di cervello sa benissimo che in tutto questo di libertà non c'è neanche l'ombra.
  • Nathaniel Hornblower scrive:
    Le stesse persone che usano...
    ...quella cacca invasiva di Real Player sono quelle che non si preoccuperanno mai di aggiornare un software con problemi di sicurezza, più per un fatto di dimestichezza col compiuteh.
  • Pino scrive:
    Ma chi lo usa più!
    RealPlayer è una ciofeca, non lo usa più nessuno... è un bloatware. Perché se ne parla ancora?
    • asd scrive:
      Re: Ma chi lo usa più!
      - Scritto da: Pino
      RealPlayer è una ciofeca, non lo usa più
      nessuno... è un bloatware. Perché se ne parla
      ancora?Perché evidentemente qualcuno lo usa ancora.
      • Er Puntaro scrive:
        Re: Ma chi lo usa più!
        No, ha ragione Pino, chi lo usa più quel bisonte di player! Occupa un sacco di posto, ti fa sedere la macchina tutte le volte che lo avvii e poi ad ogni apertura ti lascia in bella vista il titolo del pornone che hai guardato la volta precedente!! :@
        • asd scrive:
          Re: Ma chi lo usa più!
          - Scritto da: Er Puntaro
          No, ha ragione Pino, chi lo usa più quel bisonte
          di player! Occupa un sacco di posto, ti fa sedere
          la macchina tutte le volte che lo avvii e poi ad
          ogni apertura ti lascia in bella vista il titolo
          del pornone che hai guardato la volta
          precedente!!
          :@Se nessuno lo utilizzasse la RealNetworks sarebbe già fallita da un pezzo...
          • Er Puntaro scrive:
            Re: Ma chi lo usa più!
            - Scritto da: asd
            Se nessuno lo utilizzasse la RealNetworks sarebbe
            già fallita da un
            pezzo...Ah, la RealNetworks. Esiste ancora quella cosa?
          • asd scrive:
            Re: Ma chi lo usa più!
            - Scritto da: Er Puntaro
            - Scritto da: asd

            Se nessuno lo utilizzasse la RealNetworks
            sarebbe

            già fallita da un

            pezzo...

            Ah, la RealNetworks. Esiste ancora quella cosa?Sì, esiste ancora.Informati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma chi lo usa più!

          e poi ad ogni apertura ti lascia in bella vista il
          titolo del pornone che hai guardato la volta
          precedente!! :@Sporcaccione! :@
          • Er Puntaro scrive:
            Re: Ma chi lo usa più!
            - Scritto da: Anonimo
            Sporcaccione! :@ :$
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma chi lo usa più!
            - Scritto da: Er Puntaro
            - Scritto da: Anonimo

            Sporcaccione! :@

            :$La pornografia è IMMORALE!Ti denuncio alle autorità ecclesiastiche!
          • Nathaniel Hornblower scrive:
            Re: Ma chi lo usa più!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Er Puntaro

            - Scritto da: Anonimo


            Sporcaccione! :@



            :$

            La pornografia è IMMORALE!
            Ti denuncio alle autorità ecclesiastiche!Aspetta almeno che col federalismo fiscale venga rifondato lo Stato Papale! :D
  • anonimo scrive:
    RealPlayer è un colabrodo
    Meglio Windows Media Player! 8)(win)
    • quoto scrive:
      Re: RealPlayer è un colabrodo
      - Scritto da: anonimo
      Meglio Windows Media Player! 8)

      (win)QUOTO ABBESTIA AMICO MIO!!! 8)
    • rotfl scrive:
      Re: RealPlayer è un colabrodo
      - Scritto da: anonimo
      Meglio Windows Media Player! 8)

      (win)Gia', per quanto faccia schifo anche quello, meglio WMP di quell'abominio di RealPlayer.:'(
    • PGStargazer scrive:
      Re: RealPlayer è un colabrodo
      - Scritto da: anonimo
      Meglio Windows Media Player! 8)

      (win)vedo vedohttp://secunia.com/search/?search=windows+media+playervuoi forse mettere http://secunia.com/product/16146/non c'è proprio paragonea parte con la vostra ignoranzaper par condiciohttp://secunia.com/search/?search=quick+timehttp://secunia.com/product/14824/?task=advisorieshttp://secunia.com/search/?search=vlc-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 luglio 2008 18.12-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti