OpenOffice 1.1, una beta per assaggio

Il team di sviluppo della celebre suite per l'ufficio open source ha rilasciato la prima versione beta di OpenOffice 1.1, un'importante release che promette molte migliorie e nuove funzionalità
Il team di sviluppo della celebre suite per l'ufficio open source ha rilasciato la prima versione beta di OpenOffice 1.1, un'importante release che promette molte migliorie e nuove funzionalità


Roma – A dieci mesi di distanza dal rilascio della prima versione matura di OpenOffice, la 1.0 , l’ormai ben nota suite per l’ufficio open source si appresta a raggiungere un’altra pietra miliare con l’imminente arrivo di una major release, la 1.1, di cui OpenOffice.org ha appena reso disponibile la prima versione beta.

Il team di sviluppo di OpenOffice afferma che questa beta, scaricabile qui , si può già ritenere sufficientemente stabile ma che, come tutte le versioni non definitive, contiene ancora diversi bug. Questa versione d’anteprima permette tuttavia di gettare uno sguardo a tutte le novità che la versione finale di OpenOffice 1.1, attesa per questa estate, riserverà ai propri utenti.

“OpenOffice 1.1 rappresenta un significativo passo avanti dell’applicazione”, si legge sul sito di OpenOffice.org. “Questa nuova versione include le funzionalità e le modifiche introdotte durante lo scorso anno nelle build di sviluppo: fra queste, vi è una massiccia quantità di nuove ed entusiasmanti funzionalità, caratteristiche e correzioni di bug”.

Fra le più importanti migliorie e nuove funzionalità di OpenOffice 1.1 è possibile citare il supporto verso l’importazione/esportazione di nuovi formati dei file (fra cui PDF, Flash, DocBook, flat XML e XHTML e diversi formati utilizzati sui PDA); un’integrazione con Java maggiormente ottimizzata (capace, secondo il team di sviluppo, di incrementare le prestazioni fino a 10 volte); un più ampio supporto all’ accessibilità ; il supporto a componenti esterni (add-on); un primo supporto al ripristino dei file in formato OpenOffice danneggiati; il supporto a sorgenti di dati in MySQL; un help migliorato; la rilevazione automatica delle nuove lingue installate per il correttore grammaticale e il dizionario dei sinonimi.

È possibile consultare una lista dettagliata delle nuove funzionalità qui .

Il ruolino di marcia seguito da OpenOffice.org prevede il rilascio di una seconda versione beta a maggio, la release candidate a giugno e la versione 1.1 finale a luglio.

Il codice di OpenOffice 1.1 è lo stesso su cui si baserà StarOffice 6.1 , la suite di Sun il cui rilascio è previsto per l’inizio dell’autunno.

StarOffice è sostanzialmente identica a OpenOffice tranne per il fatto di includere qualche extra, come i template, il database Adabas, un filtro per WordPerfect (su Windows) e altri componenti non open source. Con il proprio prodotto Sun offre poi un servizio di supporto tecnico che rende StarOffice maggiormente appetibile per le aziende.

Per quanto riguarda l’attuale ramo di sviluppo di OpenOffice 1.0.x sono previste, dopo l’ultima 1.0.2 (recentemente localizzata in italiano ), altre due versioni: la 1.0.3 ad aprile e la 1.0.4 entro la fine del terzo trimestre.

Proprio in questi giorni una società tedesca, SoftMaker Software, ha rilasciato una versione beta gratuita per Linux di TextMaker, un word processor commerciale compatibile con i formati MS Office XP e 2000.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 03 2003
Link copiato negli appunti