Opera 7 approda su Linux

Opera Software sincronizza la versione del proprio browser per Linux con quella rilasciata mesi fa per Windows. Con alcune novità, come la possibilità di associare appunti ad una pagina Web

Oslo (Norvegia) – Ad oltre quattro mesi di distanza dal rilascio della versione 7 per Windows, Opera Software è riuscita a mettere in pari la versione per Linux con tutte le novità più recenti, e persino qualcosa in più.

La prima release di Opera 7 per Linux è la 7.11, una versione che, secondo quanto ha spiegato la società norvegese, “porta Opera per Linux allo stesso livello di sviluppo di quella per Windows”: la versione 7.11 per quest’ultima piattaforma è infatti stata rilasciata la scorsa settimana.

Opera Software afferma che “lo sviluppo cross-platform è ora arrivato ad uno stato di avanzamento tale che il rilascio delle varie versioni di Opera per le numerose piattaforme può avvenire con pochi giorni di distanza l’una dall’altra”.

Come si è detto in occasione del debutto della versione per Windows, il codice di Opera 7, sia quello del motore di rendering che quello che gestisce l’interfaccia utente, è stato quasi completamente riscritto e ottimizzato: il risultato, secondo la piccola software house norvegese, è un browser più veloce, leggero e ricco di funzionalità.

Accanto a tutte le novità già sintetizzate in occasione del rilascio della beta 1 e della beta 2 per Windows, fra le quali il password manager, il nuovo client di e-mail e newsgroup e il gestore di cookie, Opera per Linux introduce alcune nuove funzioni definite dalla software house scandinava delle novità assolute per “l’intero mondo del browsing”: si tratta di FastForward, Rewind, Notes e Slideshow.

Le prime due sono delle evoluzioni della funzione FastForward già vista in Opera 7 per Windows e servono per velocizzare la navigazione del Web prevedendo con anticipo dove l’utente vuole andare. La funzione Slideshow può essere utilizzata in congiunzione con FastForward per mostrare le immagini sul Web coma una serie di diapositive o come una sequenza di fotografie visualizzabili a pieno schermo.

La funzione più interessante è Notes, che permette di prendere appunti e associarli ad una determinata pagina Web: questi potranno essere richiamati ogni qual volta si torna su quella pagina, archiviati o copiati, attraverso una semplice operazione di drag and drop, all’interno di una e-mail.

Opera 7.11 per Linux supporta la crittografia a 128-bit, TLS 1.0, SSL 2 e 3, CSS1 e CSS2, XML, HTML 4.01, HTTP 1.1, ECMAScript, JavaScript 1.3, WAP/WML e DOM 2.

Le ultime versioni di Opera possono essere scaricate qui in versione adware: la registrazione costa 39 dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma se esiste SECUROM NEW
    Che sta erodendo pesantemente mercato a Safedisc perché si ostinano a portare avanti un sistema che non è copiabilissimo?Almeno securom *new* agisce al livello di stampa del CD non è duplicabile in nessun modo e al limite ti puoi appoggiare a dei software che ti emulano la protezione, a patto di generare un'immagine fatta in un determinato modo, che cmq vengono blacklistati alla prima patch del gioco...Si mi riferisco a Blindwrite, CloneCD, Alchool e Daemon Tools. Nessuno copia securom new perfettamente (e mai potrà purtroppo) al massimo lo emulano.Tanto lo so che qualche lamer lo dirà quindi prevengo:Blindwrite *non* copia correttamente suddetta protezione. Non ci credete? Disinstallatelo e vedrete che i vostri cloni perfetti securom new li usate come sottobicchieri :)Quell'aggeggio che installa per "ottimizzare le prestazioni di masterizzazione" (il Patin Couffin layer) è in realtà un goffo modo per nascondere il loro layer di emulazione per far funzionare i cloni per securom new e SD2 (se non si ha un lettore in grado di scriverlo anche con l'amplificazione dei settori deboli).PS: SD2 e Securom si sono buttati entrambi nei microcheck criptati all'interno dell'eseguibile. TUTTI i gruppi di crackers hanno avuto un sacco di problemi con gli ultimi titoli (anche 4 crackfix prima del gioco funzionante). In futuro forse sarà meglio aspettare una settimanella che qualcuno finisca il gioco in questione prima di buttare tonnellate di CD per avere una copia crackata completamente...
  • Anonimo scrive:
    tanto.....
    tanto sono solo delle illusioni... se invece di spender emiliardi in proteioni che in un mese vengono sprotette semplicemente abbassassero i prezzi saremmo tutti + felici e contenti...
  • Anonimo scrive:
    Magari funzionasse ...
    ... io spero tanto che un domani riescano a trovare un sistema anticopia perfetto, cosa che ritengo assai improbabile, perchè almeno si renderanno conto che le stime sui soldi persi con la contraffazzione sono assi più basse di quelle indicate.La maggior parte delle persone ha copie abusive di programmi e giochi che installa più per soddisfazione personale che per reale utilizzo.Ad esempio, domani "Office 2005" non è più copiabile ... cosa credete che succeda, che chi lo vuole corra a sborsare dai 400 agli 800? per installarlo o si arrangerà in altro modo?Non è probabile che si installerà un Openoffice o ne farà direttamente a meno.Non si trova neanche una copia di "Autocad 2010"?Un bel "chissenefrega" e farò a meno di dire all'amico:"guarda che sul mio PC ho l'ultima versione di Autocad", non andrò di certo a spendere qualche migliaio di euro per provarlo.Ci sarebbe un fiorire di proposte free ed open per proporre alternative, Palladium permettendo!
  • redfox scrive:
    Ma volendo...
    Se un produttore di console decide di non far copiare i giochi lo può fare: Nintendo, ad esempio, ha reso incopiabili i giochi del Gamecube. Se Sony e Microsoft non hanno preso le loro misure non credo sia stato fatto per incapacità, ma piuttosto per un loro tornaconto di mercato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma volendo...
      E infatti il gamecube non ce l'ha nessuno.... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma volendo...
        ... incopiabili? ... se lo dici tu...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma volendo...
          Beh...Io sostengo che se c'è una porta, si può entrare.Indi per cui, se i DVD si possono leggere allora si possono copiare... forse l'operazione può essere più complicato con i nuovi sistemi di protezione... ma alla fine... "life is just a cut & paste!" (ndr. letto su na e-mail...)nOra
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma volendo...
          - Scritto da: Anonimo
          ... incopiabili? ... se lo dici tu...Se sei riuscito a copiare un gioco GC ed ad utilizzarlo allora complimenti... illuminaci ci sono un sacco di gruppi che attendono le tue rivelazioni a braccia aperte...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma volendo...
        - Scritto da: Anonimo
        E infatti il gamecube non ce l'ha
        nessuno.... :)Veramente ha venduto piu' di Xbox in tutto il mondo tranne gli USA...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma volendo...
      - Scritto da: redfox
      Se un produttore di console decide di non
      far copiare i giochi lo può fare: Nintendo,
      ad esempio, ha reso incopiabili i giochi del
      Gamecube.ROTFLIo li copio e li scambio che è una bellezza...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma volendo...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: redfox

        Se un produttore di console decide di non

        far copiare i giochi lo può fare:
        Nintendo,

        ad esempio, ha reso incopiabili i giochi
        del

        Gamecube.

        ROTFL

        Io li copio e li scambio che è una
        bellezza...Anche se li copi te li puoi dare benissimo in faccia visto che non c'è un metodo per farli bootare. Oh, ma tu sarai sicuramente piu' skilled di tutti i gruppi che ci stanno lavorando sopra da mesi ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma volendo...
          (P.S.: dubito fortemente che tu riesca copiarli, visto che l'unico metodo è (in poche parole) sniffare tutti i dati via ethernet ed è una cosa che richiede ore ;)) (ma perchè la gente si ostina a parlare quando non sa' le cose?) ah dimenticavo per tutti quelli che dicono "ah il gamecube non lo ha nessuno blah blah w la ps2" guardatevi le classifiche dei giochi piu' venduti in UK e poi ditemi cosa vedete al primo posto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma volendo...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: redfox

        Se un produttore di console decide di non

        far copiare i giochi lo può fare:
        Nintendo,

        ad esempio, ha reso incopiabili i giochi
        del

        Gamecube.

        ROTFL

        Io li copio e li scambio che è una
        bellezza...Potresti illustrarci il metodo che usi per copiarli e farli partire ?siamo tutti curiosi di vedere cosa ha partorito l'ingegno umano questa volta :d
  • Anonimo scrive:
    Non capisco bene,
    scusate se non sono pratico, ma tutti quei giochi che si possono scaricare in P2P non erano protetti? Voglio dire, mi sembra che fino ad adesso non ci sia stata protezione che abbia tenuto, o mi sbaglio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capisco bene,
      - Scritto da: Anonimo
      scusate se non sono pratico, ma tutti quei
      giochi che si possono scaricare in P2P non
      erano protetti? Voglio dire, mi sembra che
      fino ad adesso non ci sia stata protezione
      che abbia tenuto, o mi sbaglio?E chi dice il contrario? ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capisco bene,
      Non voglio criticare le scelte di un'azienda che in qualche modo vuole campare.. ma .. ma .. ma Safedisc e' il sistema piu' bucato (forse perche' il piu' utilizzato) esistente al momento.. basta scrivere "safedisc" su google per trovare decine di tools che la rimuovono, quindi non capisco se questi ci sono o ci fanno (immagino la seconda)... almeno evitate di prenderci per il culo platealmente al solo scopo di fare pubblicita'... bah.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capisco bene,

      Voglio dire, mi sembra che
      fino ad adesso non ci sia stata protezione
      che abbia tenuto, o mi sbaglio?Se è stato prodotto e funziona si può anche copiare.Se è stato criptato e puo' essere de-criptato può essere letto.L'unica protezione anticopia possibile è quella di rendere il prodotto inservibile anche a chi lo ha regolarmente comprato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non capisco bene,

        L'unica protezione anticopia possibile è quella di rendere il prodotto inservibile
        anche a chi lo ha regolarmente comprato.... che è proprio quello che alcuni discografici fanno ... :-)
Chiudi i commenti