Opera Mobile sceglie Android

Raggiunge gli smartphone equipaggiati con OS Google con tante funzioni interessanti e due grandi assenti: HTML5 e Flash

Roma – Puntuale come un orologio norvegese, Opera Software porta sui terminali Android la beta 10.1 del suo browser Mobile. Diversamente dalla versione Mini uscita in epoca pre-WiFi, che visualizza pagine pre-digerite da un server proxy, Opera Mobile può anche accedere al web senza intermediari e interpretare i siti web con il suo motore. Alla maniera dei browser desktop.

L’azienda scommette su velocità e facilità d’uso per battere la concorrenza. La versione finale del browser offrirà il supporto per l’accelerazione grafica hardware, dedicata al rendering delle pagine e alla fluidità del pinch-and-zoom, appena introdotto. Nel frattempo, per riuscire nell’impresa, Opera Mobile si affida all’apposita funzione Turbo, che comprime maggiormente i dati.

Tra le funzioni incluse in questa beta 10.1 si segnala il supporto alla grafica vettoriale SVG e alla geolocalizzazione. Inoltre, la sincronizzazione dei preferiti con il browser sul PC, il password manager e la gestione Speed Dial, che permette di accedere rapidamente a segnalibri, cronologia e impostazioni con un semplice tocco. Al momento la beta non supporta Flash e HTML5 ma le future release correggeranno il tiro.

Il software può essere scaricato gratuitamente dal solito Android Market o dal sito ufficiale del produttore. Gira su Android 1.6 o versioni successive, ed è disponibile in 18 lingue diverse.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mura scrive:
    Ma è necessaria una riscrittura ?
    Io non ne sono così convinto dal momento che i vari unix open source possono essere adattati senza troppi problemi anche grazie all'endianess ibrida tipica di questa architettura tanto è vero che distro linux per ARM già esistono e funzionano egragiamente.Secondo me, in molti casi, un rebuild con compilatori arm ed il gioco è fatto poi bisogna vedere quanto i sistemi di sviluppo sono ottimizzati per questa piattaforma in termini di generazione di codice.
    • MacBoy scrive:
      Re: Ma è necessaria una riscrittura ?
      - Scritto da: mura
      Secondo me, in molti casi, un rebuild con
      compilatori arm ed il gioco è fatto poi bisogna
      vedere quanto i sistemi di sviluppo sono
      ottimizzati per questa piattaforma in termini di
      generazione di
      codice.C'è Apple che pensa a questo da un po' con la nuova catena CLANG+LLVM. Direi che ormai è già abbastanza ottimizzata... (e migliora sempre). Ah, ed è tutto opensource.
      • Thescare scrive:
        Re: Ma è necessaria una riscrittura ?
        - Scritto da: MacBoy
        - Scritto da: mura

        Secondo me, in molti casi, un rebuild con

        compilatori arm ed il gioco è fatto poi bisogna

        vedere quanto i sistemi di sviluppo sono

        ottimizzati per questa piattaforma in termini di

        generazione di

        codice.

        C'è Apple che pensa a questo da un po' con la
        nuova catena CLANG+LLVM. Direi che ormai è già
        abbastanza ottimizzata... (e migliora sempre).
        Ah, ed è tutto
        opensource.Leggevo proprio oggi su Phoronix che ancora rimane più performante, almeno a livello di eseguibile prodotto, gcc.
        • pippO scrive:
          Re: Ma è necessaria una riscrittura ?
          - Scritto da: Thescare
          - Scritto da: MacBoy

          - Scritto da: mura


          Secondo me, in molti casi, un rebuild con


          compilatori arm ed il gioco è fatto poi
          bisogna


          vedere quanto i sistemi di sviluppo sono


          ottimizzati per questa piattaforma in termini
          di


          generazione di


          codice.



          C'è Apple che pensa a questo da un po' con la

          nuova catena CLANG+LLVM. Direi che ormai è già

          abbastanza ottimizzata... (e migliora sempre).

          Ah, ed è tutto

          opensource.

          Leggevo proprio oggi su Phoronix che ancora
          rimane più performante, almeno a livello di
          eseguibile prodotto,
          gcc.Ma che strano... ;)
        • MacBoy scrive:
          Re: Ma è necessaria una riscrittura ?
          - Scritto da: Thescare
          Leggevo proprio oggi su Phoronix che ancora
          rimane più performante, almeno a livello di
          eseguibile prodotto,
          gcc.Sto leggendo, sono curioso. Però mi sembra abbiano provato solo con proXXXXXri x86.Considera che Apple è abbastanza motivata ad ottimizzare anche il compilatore ARM perchè è quello che usa su iOS. E quindi il supporto per gli ARM di ultima generazione sarà in generale sempre robusto.
          • pippO scrive:
            Re: Ma è necessaria una riscrittura ?

            - Scritto da: Thescare

            Leggevo proprio oggi su Phoronix che ancora

            rimane più performante, almeno a livello di

            eseguibile prodotto,

            gcc.

            Sto leggendo, sono curioso. Però mi sembra
            abbiano provato solo con proXXXXXri
            x86.
            Considera che Apple è abbastanza motivata ad
            ottimizzare anche il compilatore ARM perchè è
            quello che usa su iOS. E quindi il supporto per
            gli ARM di ultima generazione sarà in generale
            sempre
            robusto.considera però che dove hanno più bisogno di potenza (audio e video) puntano sul silicio ;)
Chiudi i commenti