Opera si "carbonizza" su MacOS X

Il noto browser alternativo, dopo essersi convertito al Mac, arriva ora in versione ottimizzata per MacOS X


Oslo – In attesa del rilascio della versione definitiva di Opera 5 per Mac, attualmente ferma alla Beta 2, Opera Software ha annunciato la disponibilità della prima versione beta del noto browser per Mac OS X.

Questa prima beta di Opera 5 per Mac OS X si basa sulle API native “Carbon” che le consentono di sfruttare a fondo le peculiarità del nuovo sistema operativo di Apple.

Come afferma Opera Software, gli utenti di Mac OS X potranno ora avvalersi di un supporto specifico per la loro piattaforma, della funzionalità “auto-completion” per gli URL e di un insieme di pulsanti extra che ben si integrano con il look and feel dell’interfaccia grafica di OS X.

Opera 5 for Mac OS X Carbon Beta 1 ha poi anche funzionalità di ricerca potenziate che permettono all’utente di muoversi con agilità fra i più popolari motori e cercare termini, nomi di dominio o quotazioni azionarie.

Questa versione di Opera 5 supporta la crittografia a 128 bit e tutti i maggiori standard del Web: TLS 1.0, SSL 2 e 3, CSS1 e CSS2, XML, HTML 4.01, HTTP 1.1, ECMAScript, DOM e WAP/WML.

Il software è scaricabile gratuitamente, in lingua inglese, da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'hardware di e-villa
    Sarebbe morto comunque!Sony doveva almeno utilizzare una mainboard basata su i810 e CPU Celeron.Ha invece scelto le vecchie CPU Cyrix che di compromessi ne hanno richiesto qualcuno in più del previsto.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'hardware di e-villa

      Sarebbe morto comunque!
      Sony doveva almeno utilizzare una mainboard
      basata su i810 e CPU Celeron.
      Ha invece scelto le vecchie CPU Cyrix che di
      compromessi ne hanno richiesto qualcuno in
      più del previsto.senza contare che la rotazione della visuale per il monitor verticale veniva fatta al volo dalla cpu e che chi lo acquistava era legato ad un solo provider...ovvero: un pessimo modo di realizzare un hardware ed un servizio intorno ad un ottimo sistema...
Chiudi i commenti