Ora Java è tutto open source

Sotto GPL presto anche le ultime porzioni del codice di Java che erano rimaste sotto la vecchia licenza. Le distribuzioni Linux potranno così includere una versione dell'OpenSDK contenente tutto il codice Java

Santa Clara (USA) – Completando un processo iniziato nel novembre del 2006 , Sun è in procinto di aprire anche quelle porzioni di codice Java che, ad oggi, erano rimaste blindate. Per raggiungere questo obiettivo, l’azienda californiana ha eliminato dalla propria piattaforma gli ultimi ostacoli ne impedivano la completa pubblicazione sotto la licenza GPL.

Java è open Tra i componenti che ancora non fanno parte della versione open source di Java, chiamata OpenJDK , vi sono librerie per la cifratura, la grafica, l’audio e la gestione SNMP: in tutto, secondo Sun, si tratta di circa il 4% dell’intera piattaforma . Una volta liberate dai lacci che ancora le vincolano alla precedente licenza del Java Community Process, queste parti potranno essere incluse nelle distribuzioni Linux .

Sun afferma di essere già in trattative con Novell , Canonical e Fedora Project per offrir loro una versione aggiornata di OpenJDK contenente l’intero codice della piattaforma Java.

“Fino ad oggi Ubuntu e altre distribuzioni Linux hanno distribuito Java come un componente separato, alla stessa stregua dei software commerciali”, ha affermato Rich Sands, group manager for developer marketing di Sun. “Una volta che Java sarà integralmente open source, potrà essere distribuito come parte di Ubuntu e di altre varianti di Linux”.

Pubblicando l’intero codice di Java sotto la licenza GPL, Sun spera di attrarre verso la propria piattaforma un maggior numero di sviluppatori open source , contrastando così l’avanzata degli altri linguaggi runtime open source e rafforzando l’importanza di Java nei confronti di MS.NET.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nifft scrive:
    Ma sarà Vista capable?
    Scusate ma non ho resistito :D ... Ignoratemi
    • Nauseato scrive:
      Re: Ma sarà Vista capable?
      Ma come ignorarti... E' la più bella battuta da quando asiste P.I. Battuta? Perchè battuta, potrebbe essere una semplice domanda....
  • Giupy scrive:
    E in italia..
    ...ne verrà realizzato uno da 100 picoflops
  • Overture scrive:
    Giusto per togliersi il dubbio
    Dove si può trovare una tabella che illustri quanti TFlops può fare una cpu comune e se uno volesse giocare a crearsi in casa il proprio cluster beowulf come può calcolare in anticipo quale potenza potrà contare di raggiungere ?
  • Baudelaire scrive:
    Les PetOFlops...
    ...laissons-nous les aux Belges!!! (idea)(rotfl)(troll3)
  • Marcello Romani scrive:
    Notare quale S.O. verrà adottato...
    Forse ormai non fa più notizia l'uso di GNU/Linux nell'ambito del supercomputing, o forse la notizia è proprio la "normalità" di questa scelta.Una base di codice che scala dal cellulare (cfr. Motorola) ad un mostro con 25 _tera_ di RAM è semplicemente stupefacente.
    • maclaser scrive:
      Re: Notare quale S.O. verrà adottato...
      - Scritto da: Marcello Romani
      Forse ormai non fa più notizia l'uso di GNU/Linux
      nell'ambito del supercomputing, o forse la
      notizia è proprio la "normalità" di questa
      scelta.

      Una base di codice che scala dal cellulare (cfr.
      Motorola) ad un mostro con 25 _tera_ di RAM è
      semplicemente stupefacente.Speriamo solo che anche le aziende medie e piccole comincino a capire che Linux non è un SO Gratis perché vale poco!E' gratuito per scelta e per filosofia di vita, ma le qualità in esso contenute solo ai più alti livelli!Spero che l'Open Source e Linux entrino anche nella PA, che di soldi ne ha pochi e di utilizzatori di elevate capacità sembra ne abbia ancora meno.
      • BlackLukes scrive:
        Re: Notare quale S.O. verrà adottato...
        - Scritto da: maclaser
        - Scritto da: Marcello Romani

        Forse ormai non fa più notizia l'uso di
        GNU/Linux

        nell'ambito del supercomputing, o forse la

        notizia è proprio la "normalità" di questa

        scelta.



        Una base di codice che scala dal cellulare (cfr.

        Motorola) ad un mostro con 25 _tera_ di RAM è

        semplicemente stupefacente.

        Speriamo solo che anche le aziende medie e
        piccole comincino a capire che Linux non è un SO
        Gratis perché vale
        poco!

        E' gratuito per scelta e per filosofia di vita,
        ma le qualità in esso contenute solo ai più alti
        livelli!

        Spero che l'Open Source e Linux entrino anche
        nella PA, che di soldi ne ha pochi e di
        utilizzatori di elevate capacità sembra ne abbia
        ancora
        meno.Argomenta. Facile dire che fa schifo quando si nuota nell'ignoranza
    • Overture scrive:
      Re: Notare quale S.O. verrà adottato...
      Il kernel in se è una figata, purtroppo non si può dire lo stesso di molta roba che gli ronza intorno
    • neos scrive:
      Re: Notare quale S.O. verrà adottato...
      non voglio scatenare i soliti parapiglia.. semplicemente hanno scelto linux perché è più confacente alle necessità specifiche di un supercomputer, punto e basta..non mi ci vedo queste persone ad installare Vista Home Basic.. ma nemmno Ubuntu o qualunque altra distribuzione general purpose/commerciale... SLES o RHEL invece, che non mi sembra siano gratuiti, soprattutto a questi livelli..Quello che avranno preso è il kernel, adattato per poter gestire n-cpu e magari dargli il supporto per realtime, oltre a tutte le feature necessarie per i loro scopi..solo per citare un prodotto MS, andate su www.microsoft.com/hpc e troverete ulteriori dettagli..leggevo ora che hanno fatto un HPC che attualmente è 116.. non mi sembra "male" come risultato [http://www.top500.org]settimana scorsa sono stato al cineca di bologna e ho "toccato" con mano [intendo toccato con la mano, non usato] un cluster di 5k CPU (Posizione 48).. sensazione strana, non c'è che dire, tuttavia le considerazioni fatte con il personale interno non sono state minimamente indirizzate a Windows o Linux, quanto alla complessità nella gestione di simili infrastrutture..saluti,marco
  • mimzy scrive:
    beh al cscs in svizzera
    hanno un cluster sun da 540 Gflops, ma la svizzera non e' in europa eh?http://www.cscs.ch/index.php?option=com_content&task=view&id=8&Itemid=17come al solito punto informatico non e' corretto
    • Marco Pannella scrive:
      Re: beh al cscs in svizzera
      - Scritto da: mimzy
      hanno un cluster sun da 540 Gflops, ma la
      svizzera non e' in europa
      eh?
      http://www.cscs.ch/index.php?option=com_content&ta

      come al solito punto informatico non e' correttoLa Svizzera non fa parte dell'Unione Europea.
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: beh al cscs in svizzera
      Ciao mimzy, 540 GFLOPS sono mooooooooooolto meno di 300 TFLOPS ;-)- Scritto da: mimzy
      hanno un cluster sun da 540 Gflops, ma la
      svizzera non e' in europa
      eh?
      http://www.cscs.ch/index.php?option=com_content&ta

      come al solito punto informatico non e' corretto
    • Sir Pilade scrive:
      Re: beh al cscs in svizzera
      540 GFlops = 0,54 TFlops0,54 TFlops < 300 TFlopsO no?
Chiudi i commenti