Oracle adotterà un Pinguino?

Larry Ellison ammette l'interesse dell?azienda per lo sviluppo di una propria distribuzione di Linux o l'acquisizione di un'azienda già radicata nel settore, come Novell
Larry Ellison ammette l'interesse dell?azienda per lo sviluppo di una propria distribuzione di Linux o l'acquisizione di un'azienda già radicata nel settore, come Novell


San Francisco (USA) – Oracle sta prendendo in seria considerazione la possibilità di lanciare una propria distribuzione di Linux. Ad annunciarlo è lo stesso CEO del colosso, Larry Ellison, che al Financial Times ha anche confidato l’interesse ad acquisire un’azienda già radicata nel settore open source.

Ellison sostiene che nelle proprie strategie di mercato “avrebbe un certo senso distribuire e supportare Linux”, specie nell’ottica di ampliare il proprio stack di software. Ma il gigante dei database potrebbe anche optare per l’acquisizione di un’azienda che già possiede una distribuzione Linux enterprise: quell’azienda potrebbe essere Novell , numero due del settore dopo Red Hat .

Sia Oracle che IBM stanno fornendo il loro sostegno a Linux per controbilanciare il crescente dominio di Windows nel mercato enterprise, un segmento dove fino a non molto tempo fa dominavano incontrastate le piattaforme Unix. Fino ad oggi Big Blue non ha mai mostrato interesse nel commercializzare una propria distribuzione del Pinguino, preferendo invece stringere forti partnership con Red Hat e Novell. Ellison sostiene però che la recente acquisizione di JBoss da parte di Red Hat è destinata a ridisegnare i rapporti di alleanza di buona parte dell’industria che opera nel settore open source.

“Ora che Red Hat compete con noi nel middleware, siamo costretti a rivedere i nostri rapporti d’affari con questa società, e così dovrà fare anche IBM”, ha affermato il CEO di Oracle. “Credo che né Oracle né IBM vogliano che Red Hat si trasformi in un’altra Microsoft”.

Alcuni analisti sono però scettici sulla possibilità che Oracle, almeno nel breve periodo, entri in modo così diretto sul mercato Linux: le parole di Ellison, a loro dire, avrebbero più l’aria di un messaggio diretto a Red Hat che di una vera e propria dichiarazione d’intenti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 04 2006
Link copiato negli appunti