Oxite, il blogging open per sviluppatori

Una piattaforma di blogging dedicata a tecnici e smanettoni. Produce Microsoft, che rassicura: WordPress può dormire sonni tranquilli

Roma – In rete aumentano le occasioni e gli strumenti di sviluppo orizzontale del web, parimenti alla disponibilità di piattaforme di gestione dei contenuti indirizzate ai settori più svariati. Così se WordPress , Drupal e gli altri si accaparrano il mercato generalista e BayWords degli svedesi di The Pirate Bay incita al blogging “libero e senza censure”, Microsoft ha pensato di lanciare Oxite , il CMS dedicato ai developers .

Per quanto da Redmond assicurino che Oxite non prenda attualmente di mira WordPress e gli altri CMS mainstream , che il nuovo parto di Microsoft sia una piattaforma con qualche ambizione lo dimostrano le caratteristiche proprie del pacchetto: rispettoso degli standard web, estensibile, Oxite supporta funzionalità di ping e backlink come trackback e pingback , la gestione dei commenti anonimi o autenticati, i feed RSS un po’ dappertutto, i gravatar e naturalmente l’editing di pagine e articoli.

Nel ricco piatto dell’offerta di Oxite gli utenti possono avere poi a disposizione la possibilità di ospitare un numero variabile di blog su un singolo sito, l’aggiunta di codice HTML personalizzato a quello di default e naturalmente l’integrazione con i tool di sviluppo marcati Microsoft quali ASP.NET e Visual Studio.

Come vetrina per le funzionalità di Oxite Microsoft ha scelto MIX Online , il sito della community telematica dedicata all’omonima conferenza su web e sviluppo costruito interamente sulla base della nuova piattaforma di gestione dei contenuti.

Rilasciato sotto licenza open source Microsoft Public License , Oxite nasce soprattutto come esperimento e dimostrazione delle possibilità del codice di Redmond . Come illustra lo stesso coordinatore del progetto Erik Porter, non ci sono piani specifici “per rendere il codice qualcosa di diverso da un ottimo esempio di sviluppo che dovrebbe permettere di far girare qualsiasi sito web”. Ma è sempre un progetto in mano alla community, continua Porter, e “se la community decide di fargli prendere una diversa direzione noi non la fermeremo di certo”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nemo_bis scrive:
    Pechino
    Che avete contro le parole italiane? (Poi, coerenza: o la traslitterazione o il nome italiano, non un misto.)
  • Procopio scrive:
    Certo....a patto che..
    ...navigate dove diciamo noi, non scrivete cose che non piacciono a noi, non esprimiate opinioni contro di noi! Internet per tutti? SIII. Libertà per tutti? NOOO. Quello che preme Pechino è fare in modo che la propaganda raggiunga più gente possibile. O pensavate che lo facevano per i cinesini, così da permettergli di parlar male della dittatura di Jintao o di visitare il sito del Tibet libero?Strano che non hanno scelto Shanghai o Hong Kong (le cinesi occidentali)...si certo Pechino è la capitale...della dittatura.
  • hmm scrive:
    Un bel titolo elegante...
    come da ogg.
  • Joliet Jake scrive:
    Monetizzare un servizio?
    Ma se una città OFFRE una connessione gratuita ai cittadini, come può pretendere di guadagnarci?E' un servizio, quindi PER DEFINIZIONE è in perdita.Le tasse servono per questo.Mica si può monetizzare una biblioteca, no?Uno stato ha delle entrate (tasse, aziende statali, etc) e delle uscite (servizi). Se vuoi aumentare i secondi, devi alzare o ottimizzare i primi.E' un pò come se uno stato svendesse e privatizzasse tutte le aziende che producono utili (telefoni, energia, gas, ferrovie, aerei, etc) e si tenesse solo quelle che offrono servizi che hanno un costo notevole (scuola, sanità, assistenza, etc).E poi si lamentasse che i servizi sono in perdita e vanno tagliati.Assurdo, no? Chi mai potrebbe fare una stupidata del genere? :$
    • linaro scrive:
      Re: Monetizzare un servizio?
      Bhe mettiamola così: tu paghi le tasse per avere le strade. Le strade sono una infrastruttura. Il comune ha anche la sua azienda di trasporti (gli autobus) che offrono un servizio. Il servizio lo paghi anche direttamente: il biglietto costa.Ora una ipotetica rete wifi comunale è da definirsi una infrastruttura o un servizio?Io sono per considerarla una infrastruttura e quindi da sovvenzionare tramite le tasse.
      • PGStargazer scrive:
        Re: Monetizzare un servizio?
        - Scritto da: linaro
        Bhe mettiamola così: tu paghi le tasse per avere
        le strade. Le strade sono una infrastruttura. Il
        comune ha anche la sua azienda di trasporti (gli
        autobus) che offrono un servizio. Il servizio lo
        paghi anche direttamente: il biglietto
        costa.Tralasciando che non capisco perchè io devo pagare per avere una strada magari fatta con quei esperimenti di asfalto mangiasmog solo perchè la provincia ha dato l'appalto a imprese amiche furbe e dopo il primo grande lavoro, la manutenzione non si fa fino a quando non ci sono i buchi e tralasciando che dopo che la provincia, sempre con una stretta collaborazione ha fatto vincere l'appalto a chi vende macchine da riempire le strade coi suv e il biglietto dell'autobus che costa una follia...Questo il passato, nel presente invece prevede che la provincia trovatasi di fronte e stupitasi di un eccesso di suv deve restringere la strada e a sua volta rincarare di più il biglietto dell'autobus perchè a parte installare le telecamere sul bus per presunto accordo sfruttando la paura immigrati vandali ecc ora deve pur far fronte che l'autobus non passa e devi andare in bicicletta.
        Ora una ipotetica rete wifi comunale è da
        definirsi una infrastruttura o un
        servizio?

        Io sono per considerarla una infrastruttura e
        quindi da sovvenzionare tramite le
        tasse.Quindi se ti chiedono di pagare per il servizio va benissimoA me però come ad altri può dar fastidio che mi tocca sorbire un eccesso di inquinamento elettromagneticoe visto che la gente in generale ormai, non tu, preferisce usare un cellulare o sempre un servizio tipo hsdpa il wifi secondo loro non serve più di tanto
    • PGStargazer scrive:
      Re: Monetizzare un servizio?
      - Scritto da: Joliet JakeCUT
      E' un pò come se uno stato svendesse e
      privatizzasse tutte le aziende che producono
      utili (telefoni, energia, gas, ferrovie, aerei,
      etc) e si tenesse solo quelle che offrono servizi
      che hanno un costo notevole (scuola, sanità,
      assistenza,
      etc).
      E poi si lamentasse che i servizi sono in perdita
      e vanno
      tagliati.
      Assurdo, no? Chi mai potrebbe fare una stupidata
      del
      genere?
      :$Io credo che molti italiani non riuscirebbero a capirlo ciò che hai scritto e dettoe aggiungo: se aziende e servizi utili e non vengono a sua volta come dire spolpati dall'interno per ambizione di alcuni, ancor di più gli italiani non ci crederebbero, visto si entra in un nonsenseè come dire che se liquefa il sangue di san genna' o piange la madonna esiste il padreterno; ma chi ci crede?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 dicembre 2008 16.50-----------------------------------------------------------
  • vday scrive:
    Invece in Itaglia.....
    Grazie al p0rk0nan0 che ha buttato i nostri soldi per le sue partite e film A PAGAMENTO, NOI.......NON LA VEDREMO GRATIS!!!!!Un po' come le p*ttane........I cinesi SONO SEMPRE AVANTI!:(
  • jmp scrive:
    completamente fuori tema
    WiFi, Beijing la darà gratis a tutti nel 2011 mi sembra tipo Venezia, Carla la darà gratis a tutti nel 2011Mi fa morire dal ridere.Praticamente non ho neanche letto l'articolo.Ciao
    • Monsieur Duball scrive:
      Re: completamente fuori tema
      - Scritto da: jmp
      WiFi, Beijing la darà gratis a tutti nel 2011

      mi sembra tipo

      Venezia, Carla la darà gratis a tutti nel 2011

      Mi fa morire dal ridere.
      Praticamente non ho neanche letto l'articolo.
      CiaoE siamo due :D
      • TuttoaSaldo scrive:
        Re: completamente fuori tema

        E siamo due :DTre, ma per me lo hanno fatto con malizia, non ho mai sentito WiFi declinato al femminile.La Wifi ??WiFi, Beijing LO darà gratis a tutti nel 2011ma suona peggio..
        • MeX scrive:
          Re: completamente fuori tema
          infatti io avevo letto La Wii :)
        • desyrio scrive:
          Re: completamente fuori tema
          - Scritto da: TuttoaSaldo

          E siamo due :D

          Tre, ma per me lo hanno fatto con malizia, non ho
          mai sentito WiFi declinato al
          femminile.

          La Wifi ??Perchè no? Può aver senso sottintendendo la (rete) WiFi, o la (connessione) WiFi.Cmq che sia cercato il doppio senso è imho fuori discussione :D
    • Brenji Ahiai scrive:
      Re: completamente fuori tema
      Azz peccato :D
    • giove scrive:
      Re: completamente fuori tema
      La (connessione) WiFi.Cercato o no, non fa una piega.
    • fred scrive:
      Re: completamente fuori tema
      - Scritto da: jmp
      WiFi, Beijing la darà gratis a tutti nel 2011

      mi sembra tipo

      Venezia, Carla la darà gratis a tutti nel 2011

      Mi fa morire dal ridere.
      Praticamente non ho neanche letto l'articolo.
      CiaoVenezia? Ma non vive a Parigi ora?
    • Katratsi scrive:
      Re: completamente fuori tema
      - Scritto da: jmp
      WiFi, Beijing la darà gratis a tutti nel 2011

      mi sembra tipo

      Venezia, Carla la darà gratis a tutti nel 2011

      Mi fa morire dal ridere.
      Praticamente non ho neanche letto l'articolo.
      Ciaocosa vuoi pretendere da quei 4 scribacchini che osano chiamarsi giornalisti.
    • Den Lord Troll scrive:
      Re: completamente fuori tema
      non oso pensare ai flame che si sarebbero scatenati se il titolo fosse stato "Beijing disse: più WiFi per tutti!"lol
Chiudi i commenti