Rapporto sulla blogosfera 2008

A che punto sono i blogger e dove è diretto uno dei fenomeni più rappresentativi della Internet delle persone di questi anni? Parla Technorati
A che punto sono i blogger e dove è diretto uno dei fenomeni più rappresentativi della Internet delle persone di questi anni? Parla Technorati

Nel 2008 si fa presto a dire “blog”: la parola è usata, abusata e sfruttata da tutti, giornalisti col patentino, appassionati, opinionisti, comici spaventati guerrieri, politici o semplici “qualcuno” in vena di esibizionismi o animati da un genuino desiderio di raccontare gli affari propri al mondo. Al di là di una percezione di superficie del fenomeno “blog”, prova ad andare Technorati , che ha appena pubblicato la prima parte del suo rapporto annuale la cui distribuzione è prevista in più tronconi e su più giorni.

dal rapporto - Technorati

Technorati è uno dei più utilizzati portali di social networking , un tipo di servizio cresciuto con i blog per la promozione dei contenuti, la ricerca, la partecipazione attiva attraverso i commenti e tutto quel genere di attività che rende i blog, o per meglio la blogosfera, un fenomeno globale, diversificato e intrigante. Tra alti e bassi, il portale ha un punto di vista privilegiato sui blog, ed è da questo che parte per un viaggio che vuole analizzare nel dettagli chi blogga, perché lo fa, come lo fa e se ci guadagna sopra.

Nella prima parte del rapporto “State of the Blogosphere”, intitolata Who are the Bloggers , Technorati parte dalla definizione “istituzionale” di cosa è un blog tratta da Wikipedia , vale a dire un sito gestito da una singola persona o da un team che presenti contenuti di vario tipo in ordine cronologico decrescente. Ma non si ferma lì, e arriva fino a stabilire come la situazione attuale sia molto eterogenea e il concetto stesso di blog sia diventato un tipo di approccio al publishing, più che una categoria rigidamente definita .

“Mentre la blogosfera cresce in dimensione e capacità di influenza – si legge nel rapporto – le linee di demarcazione tra quello che è un blog e quello che è un media mainstream diventano meno chiare. I blog più grandi stanno inglobando sempre più le caratteristiche dei siti mainstream, e i siti mainstream stanno incorporando stili e formati presi dalla blogosfera. Nei fatti, il 95% dei 100 maggiori quotidiani statunitensi ha reporter che bloggano”.

Il confine tra cosa è blog e cosa non lo è si fa sottile, i quotidiani cavalcano l’onda per opportunismo, paura dell’estinzione o per la ben più rara volontà di adottare il format per proporre qualcosa di nuovo ai lettori . Lo sforzo di analisi di Technorati si rivolge a quella che viene definita la “Blogosfera attiva”, vale a dire “l’ecosistema di comunità interconnesse di blogger e lettori che si trovano alla convergenza tra giornalismo e conversazione”.

dal rapporto - Technorati

Una convergenza massiccia , stando ai numeri, alla pervasività globale del fenomeno del blogging e al fatto che esso viene usato per perseguire obiettivi diversi e contrastanti, tanti quanti ce ne possono essere in ogni genere di attività aziendale, sociale o personale di chiunque sia capace (almeno) di registrare un account su Blogger o WordPress .

Indipendentemente dalla forma e dall’ approccio modello-magazine che pure coinvolge molti blog, quello che si evince dai dati e dalle analisi del rapporto è soprattutto il fatto che il fenomeno blog “è qui per restare”: “Il futuro dei blog è arrivato quando controlli il tuo blog favorito per notizie sportive al mattino, al posto del tuo quotidiano locale”, sostiene il fondatore di ReadWriteWeb Richard MacManus.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 09 2008
Link copiato negli appunti