P2P, denunce in Europa e in Italia

Quasi 500 gli europei finiti nei guai in questi giorni. In Italia scattano nuove denunce penali contro sette utenti. Finiscono nei guai i grandi condivisori. Le major: vi avevamo avvertito

Roma – La battaglia d’Europa è ufficialmente cominciata con l’annuncio, atteso ormai da qualche giorno, di una raffica di denunce che ha colpito utenti Internet in diversi paesi tutti con la stessa accusa: aver illegalmente diffuso sulle reti di scambio peer-to-peer quantità ingenti di file protetti da diritti d’autore.

Sono nel complesso oltre 650 le azioni legali che le major della musica e gli altri aderenti della IFPI , l’associazione internazionale dei fonografici, hanno intrapreso contro altrettanti utenti in Italia, Austria, Germania, Francia, Gran Bretagna e Danimarca . A queste azioni nei prossimi mesi ne seguiranno, stando ad IFPI, molte altre anche in altri paesi del Vecchio Continente.

La sventagliata di denunce ha lo scopo di servire da deterrente per tentare di scoraggiare l’uso delle piattaforme di peering da parte di molti milioni di utenti che anche in Europa ogni giorno sfruttano questo mezzo per scambiare file della più diversa natura. Nei termini posti ufficialmente dalle major, naturalmente, si tratta invece di un’operazione di sensibilizzazione pensata per comunicare con maggiore efficacia la necessità di rispettare le leggi sul diritto d’autore e, in particolare, i diritti dei discografici. “La campagna – si legge in una nota – vuole rappresentare un appello ai consumatori ad acquistare la loro musica in maniera legittima e a non esporsi alle conseguenze legali derivanti dall?uso del file sharing di opere tutelate”.

Secondo le major il deterrente funziona. Le stime dell’industria indicano infatti che Kazaa a gennaio 2004 era utilizzato dal 20 per cento in più di utenti rispetto a quanto accada oggi.

Le azioni sono improntate nella stragrande maggioranza dei casi a colpire chi pone in condivisione grandi quantità di file su reti di sharing come quelle di eDonkey, Direct Connect, WinMX, Kazaa e via dicendo.

Per quanto riguarda l’Italia, sono 7 le persone segnalate dalle major e denunciate dalla Guardia di Finanza in diverse località, tutte per violazione del diritto d’autore. “Si tratta – si legge in una nota distribuita alla stampa da IFPI – sia di soggetti attivi nel diffondere sulle reti p2p materiale illecito in grande quantità tramite il proprio pc, sia di gestori di server Openap e Edonkey”.

Stando alle major, qualora vengano riconosciuti colpevoli di aver posto in condivisione molti brani musicali protetti senza autorizzazione, i 7 rischiano una sanzione variabile da 2.500 a 15.000 euro a cui si potrà aggiungere anche il risarcimento del danno.

Per l’Italia quanto accaduto non rappresenta una novità assoluta. Come si ricorderà lo scorso marzo erano stati denunciati 30 italiani con accuse del tutto simili. In tutti i casi erano finiti nel mirino quelli che vengono definiti dalle major gli “heavy uploaders” , utenti che nelle proprie cartelle condivise detenevano numeri elevati di file ritenuti illegali.

“Abbiamo intrapreso queste azioni – ha dichiarato il presidente IFPI Jay Berman – come misura estrema e lo facciamo dopo una lunga campagna di sensibilizzazione. Per più di un anno abbiamo parlato del danno che la condivisione illegale di file sta procurando all?industria musicale, senza contare i numerosi avvisi sulle conseguenze legali. Ci siamo rivolti ai network per chieder loro di fermare l?attività illegale tramite i loro servizi e siamo andati direttamente da chi commetteva illeciti tramite le reti peer to peer attraverso milioni di messaggi”.

Secondo Berman la legge va rispettata “e non ci sono più scuse per coloro che scambiano illegalmente file. Le persone che amano la musica dovrebbero comprarla online e non scambiarla illegalmente. Se continuano a farlo commettono un furto e devono affrontarne le conseguenze legali”. Una posizione condivisa anche da Enzo Mazza , direttore generale di FIMI , secondo cui il mercato online si va consolidando e “ostacolare lo scambio illegale dei file in rete diventa un passo fondamentale affinché il mercato della musica del futuro possa realmente decollare”.

Di seguito una panoramica di quanto accaduto negli altri paesi. Queste le iniziative legali intraprese.

Regno Unito: 28 persone sono state denunciate con azione civile per aver copiato e diffuso in rete un grande numero di brani musicali violando la normativa sul diritto d’autore. Si tratta della prima azione del genere nel Regno Unito.

Francia: 50 uploaders di musica sono stati citati in tribunale dall’organizzazione anti pirateria SCPP e rischiano multe e ulteriori sanzioni penali oltre a provvedimenti risarcitori.

Austria: 100 persone sono state segnalate all’autorità per aver diffuso grandi quantità di musica sui servizi di file sharing senza averne l’autorizzazione e rischiano forti multe, provvedimenti penali e di dover corrispondere un risarcimento dei danni.

Danimarca: 174 persone riceveranno una citazione in giudizio portando il numero complessivo delle cause a oltre 300, 67 delle quali si sono già risolte con il pagamento di un risarcimento fino a 13.000 euro.

Germania: 100 persone sono state accusate penalmente di file sharing illegale di musica, facendo salire a 168 i casi complessivi dei quali circa una ventina si sono già conclusi con una condanna penale o con un risarcimento tra i 2.000 e i 10.000 euro.

Stati Uniti: da settembre 2003 le cause per violazione del diritto d’autore hanno superato i 5700 casi. Numerosi i risarcimenti dell’entità di alcune centinaia di dollari l’uno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Spariti i dati ? Mah ...
    Ragioniamo un attimo: secondo voi, visto che sono sempre nell'occhio del ciclone, non avranno backup anche sotto il cuscino ? Secondo me ogni membro del direttivo ha un bel pen drive da 1GB sempre infilato nel didietro (scusate la finezza ;). Chiaro che ora fa loro comodo (e al loro posto lo farei anche io) ululare dicendo che i materiali non ci sono, poi quando la polemica sarà calda al punto giusto, i dati riappariranno.
  • Anonimo scrive:
    Ping pong legislativo internazionale
    E'un ping-pong legilsativo......gli USA da sempre fanno patti bilaterali con i vari paesi del globo, in questo caso si sono appoggiati ad un trattato che gli permetteva di eseguire una loro americanissima legge in territorio inglese qualora la magistratura inglese avesse trovato la richiesta valida.Il fatto è che a loro volta l'FBI (non facciamo paroloni, è la polizia federale americana, niente di più) ha operato seguendo una richiesta venuta dall'italia e dalla svizzera...Apparte che non capisco che c'entri la svizzera devo dire che a tortuosità stiamo a 10.000...Visto che l'Italia ha fatto di tutto sotto questo governo per evitare documenti che la esponessero a mandati extraterritoriali (vi dice niente un certo Castelli e le sue fisime sulle rogatorie internazionali?) probabilmente non aveva legislazione per operare direttamente in inghilterra (o, probabilmente, venendo dall'Italia l'iter valutativo della richiesta sarebbe stato tanto lungo e incerto che non ne valeva la pena) per cui l'Italia ha fatto valere il trattato di mutuo aiuto con gli Stati Uniti (probabilente dicendo che la società hostante è americana) e gli americani hanno agito localmente e "forwardato" l'atto agli inglesi in uno strano effetto valanga...Il fatto è:da dove viene questa richiesta ?in Italia ogni atto passa davanti ad un giudice che dà le autorizzazioni tranne per i servizi segreti che, riformati dall'attuale governo, agiscono sotto controllo del presidente del consiglio e devono, sono successivamente agli atti svolti, comunicare l'operazione ad un giudice.In ogni caso non credo che l'FBI possa agire in base ad una richiesta dei servizi segreti italiani e, sicuramente, se l'avesse fatto non avrebbe poi detto che la cosa è originata dall'Italia.Altra cosa, ci sono poche persone in grado di attivare contatti ad alto livello per farsi sentire dal Bureau americano e quasi tutti sono sotto il controllo diretto del ministro di grazia e giustizia........insomma Castelli ha deciso che voleva censurare indymedia ma non poteva farlo visto che non vuole saperne di rogatorie internazionali, così ha fatto il ping pong mondiale.......la prossima volta questo simpatico sistema lo userà per chiudere www.unita.it o qualche altro sito sovversivo tipo www.vaticano.va!
  • Anonimo scrive:
    FINALMENTE
    almeno un altra voce FAZIOSA , dietrofondista dove anche nella cioccolata al 90% c'e' del fascismo , ha chiuso :)
    • Anonimo scrive:
      Re: FINALMENTE
      Sei proprio un ignorante.
    • Slurpolo scrive:
      Re: FINALMENTE
      - Scritto da: Anonimo
      almeno un altra voce FAZIOSA ,
      dietrofondista dove anche nella cioccolata
      al 90% c'e' del fascismo , ha chiuso :)Come diceva quel tale? Ah, sì: "odio quello che scrivi, ma darei la mia vita perché tu possa scriverlo".C'è in giro molta gente che ancora non comprende il significato dell'idea di libertà di stampa.
      • Anonimo scrive:
        Re: FINALMENTE

        C'è in giro molta gente che ancora
        non comprende il significato dell'idea di
        libertà di stampa.E c'è ancora più gente in giro che crede che libertà di stampa significhi libertà di violentare la realtà per i propri fini.
  • Anonimo scrive:
    LADRI DI HD - LADRI DI LIBERTA'
    Esultano i fascisti destrorsi ITALIOTI per il blitz dgli scagnozzi G-men dell' FBI USA, pare "ordinato" dal governo degli ITALIOTI.Ride bene chi ride ultimo, FASCISTI!Non succederà come nel ventennio fascista che facevate chiudere giornali e tappavate la bocca all' informazione con il vostro minculpop; vi ricacceremo prima nelle fogne!
    • Anonimo scrive:
      Re: LADRI DI HD - LADRI DI LIBERTA'
      certo che se la sinistra sta in mano a gente come te mi sento veramente protetto eh ? mamma mia che paese di m**a l'italia
  • Slurpolo scrive:
    Non serve neanche l'FBI
    Per eliminare un sito non serve l'FBI, grazie ai provider basta un account Hotmail.http://yro.slashdot.org/yro/04/10/09/1929259.shtml?tid=153&tid=17In Olanda un gruppo di scienziati ha fatto un esperimento: hanno messo su dieci siti uno stesso testo (pubblicato da più di 100 anni, e quindi di pubblico dominio), e ci hanno anche scritto che è di pubblico dominio.Poi hanno scritto ai dieci provider da un account Hotmail dicendo di essere un avvocato che rappresenta la società sarcavolo, detentrice del copyright su quel testo, e pretendendo che i siti fossero chiusi.Un provider ha chiuso il sito dopo 3 ore; altri sei (fra i quali Tiscali) hanno aspettato un po' di più, ma anche loro l'hanno chiusi. Solo 3 siti su dieci non hanno chiuso il sito, e di questi solo uno perché effettivamente è andato a controllare cosa fosse il testo in questione.Dei dieci provider uno solo ha risposto che poiché la richiesta veniva da un account Hotmail non avevano alcuna prova che fosse legittima (Gli altri due che non hanno tolto il sito non hanno proprio risposto alle email mandate ai loro indirizzi di abuse).Uno dei provider ha addirittura mandato al finto avvocato tutti i dati personali (compreso indirizzo, telefono, data di nascita) che erano stati usati per registrare il sito, senza che l'avvocato li chiedesse!Lascio a voi i commenti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non serve neanche l'FBI
      Si crea il clima di terrore e poi tutti pur di pararsi il prorpio fondoschiena agiscono senza logica.Se lo stato non è più di diritto ma diventa di inquisizione succede questo.
  • Anonimo scrive:
    paranoia o verita?
    E' vero che Indymedia ha pubblicato gli stipendi delle due sequestrate? (stipendi doppi rispetto ai soldati e che non giustifica gli impegni che secondo un noto quotidiano nazionale le 2 avevano).E' vero quel documento scritto da qualcuno tempo fa che accusava la loro associazione di aver coperto attivita dei servizi segreti? (da qualche punto sul forum di Cortiana c'e' un link).E vero che le 2 sono finite dentro la famosa lista di spie per errore?
  • Anonimo scrive:
    e Freenet langue.
    Freenet che dovrebbe sopperire a queste mancanze non se lo caga nessuno, e non cresce :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: e Freenet langue.
      - Scritto da: Anonimo
      Freenet che dovrebbe sopperire a queste
      mancanze non se lo caga nessuno, e non
      cresce :(Una mia idea, personalissima. Freenet funziona su un principio molto simile ad Mute, anche a prescindere poi dall'algoritmo e dai particolari di implementazione del principio: la rete è decentrata, e la comunicazione avviene in modo criptato tra nodo e nodo senza he altri nodi abbiano contezza dei dati in transito, e senza che chi riceve possa identificare l'origine dei dati che gli arrivano.In Freenet, ciascun nodo tiene una copia dei dati che transitano nella propria cache (la cache manca in Mute). Questo velocizza la trasmissione di dati su Freenet. In Mute attualmente il ripescaggio di dati è di una lentezza esasperante, e Mute dovrebbe IMHO implementare la cache. Mute però usa un sistema di ricerca dei files per nome e hashes che lo svincola dalla necessità di appoggiarsi ad indici. Si imposta la ricerca, ed il sw identifica ciò che è disponibile in rete, come nei programmi p2p. Questa feature andrebbe a mio parere portata su Freenet, poiché secondo me è il fatto di non poter cercare liberamente ad essere il maggior ostacolo (psicologico) alla diffusione della rete.
    • Anonimo scrive:
      Re: e Freenet langue.
      Ma se aprissimo una rete (IPv4 o IPv6) parallela ad internet e la usassimo come rete privata per la diffusione dei contenuti in libertà?Non dovrebbe essere difficile mettere su dei server di dominio "stand alone".Questa rete sarebbe una rete a sè stante, non un motore di scambio file, ci potrebbero essere siti e ovviamente si potrebbero avere domini propri (pensate, whitehouse.gov a casa mia!) e sarebbe una rete logicamente indipendente da internet da cui si entra solo dai gateway (accessibili da internet) e che quindi sarebbe legalmente "non pubblica".Per la sua realizzazione fisica e per la sua concettualizzazione (un pò come freenet) sarebbe estremamente difficile censurare materiale presente in quella rete, inoltre a differenza di freenet si baserebbe su protocolli noti, perfettamente funzionanti ed integrati nella maggior parte dei sistemi operativi.Inoltre, per come funziona il sistema di tunnelling è quasi impossibile, a meno di non stare sul gateway, sapere chi è sulla rete "sovrastante".
      • Anonimo scrive:
        Re: e Freenet langue.
        - Scritto da: Anonimo
        Ma se aprissimo una rete (IPv4 o IPv6)
        parallela ad internet e la usassimo come
        rete privata per la diffusione dei contenuti
        in libertà?l'idea mi piace. Chi stende i cavi?
    • Terra2 scrive:
      Siamo nella merda!
      - Scritto da: Anonimo
      Freenet che dovrebbe sopperire a queste
      mancanze non se lo caga nessuno, e non
      cresce :(Qundo sei costretto a rifugiarti nel tuo angolino per parlare di ciò che vuoi senza dover temere la galera hai già perso, e di molto.A me fanno schifo cose tipo "telepadania" e tutte le porcate legate alla Lega. Personalente penso siano il ricettacolo del razzismo più *marcio*, e vi vergogno a condividere lo stesso pianeta con certi elementi... ma non sono mai stato minimamente sfiorato dall'idea di voler chiudere i loro siti internet o la loro televisione.Preferisco dicano quello che hanno da dire alla luce del sole... e sono felice di vivere in un paese in cui possano farlo.Frequentavo quasi niente il sito Indymedia e non ho mai condiviso le loro prese di posizione radicali, a cominciare dalla loro difesa a spada tratta di quel "bravo ragazzo" di Carlo Giuliani. (Così come non vedo che senso abbia esporre la bandiera PACE su un sito dedicato ad un "vandalo in passamontagna" http://www.piazzacarlogiuliani.org/carlo/index.php )Un tempo mi piaceva vivere in un paese dove, dove le teste di ca%%o, sia di una fazione che di un'altra, potevano pubblicare (almeno su internet) le loro opinioni senza filtri e censure.Questo atto invece e' degno ti un paese TOTALITARISTA (leggete FASCISTA o COMUNISTA a seconda del vostro orientamento politico), della peggiore specie. Un paese in cui non mi piace più vivere!Sarebbe bello se adesso (come avviene puntualmente tutte le volte che c'è un rapimento in territorio irakeno) tutti i parlamentari mettessero da parte la loro appartenenza politica, religiosa, razziale e geografica, ed in nome della SACROSANTA RAGIONE condannassero, pur con la solita malcelata demagogia, questo SCHIFOSO ATTO DI CENSURA.==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 1.31.33
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo nella merda!
        Sottoscrivo i concetti elencati, a prescindere che indymedia piaccia o non piaccia, non mi capacito come nei cosidetti stati di diritto si provveda ad un sequestro senza specificare le motivazioni di tale azione e l'autorita' che ha emesso tale provvedimento. Mi domando cosa si vuole nascondere e perche' e quale strategia si vuole perseguire agendo in questa maniera. Se effettivamente c'e' stata violazione di qualche legge allora che si contesti tale violazione. Altrimenti la differenza fra uno stato democratico e di diritto e uno stato totalitario viene pian piano a scemare. Ora che sia capitato a indymedia potra' far piacere a chi non e' d'accordo con quello che li viene scritto ma domani potrebbe capitare in egual maniera a quelli che oggi si felicitano di questa azione.Democrazia significa anche far si che le idee altrui per quanto non piacciano possano essere espresse liberamente possibilmente con toni civili.
      • doppiaemme scrive:
        Re: Siamo nella merda!
        i
        posizione radicali, a cominciare dalla loro
        difesa a spada tratta di quel "bravo
        ragazzo" di Carlo Giuliani. (Così
        come non vedo che senso abbia esporre la
        bandiera PACE su un sito dedicato ad un
        "vandalo in passamontagna"
        www.piazzacarlogiuliani.org/carlo/index.php
        )Clap clap clap.Evidentemente hai conosciuto Carlo Giuliani di persona per permetterti di fare certe affermazioni. Non è mai bello attaccare chi non può difendersi partendo da un paio di foto e un filmato presi oltretutto in una situazione estrema.Io allora potrei risponderti: chi ci può dire che il defender 5 secondi prima che Giliuani sollevasse l'estintore non avesse tentato di investirlo?Nessuno .... o magari tu che invece eri in piazza a dare la caccia ai black block .al posto delle forze dell'ordine.
        • Alessandrox scrive:
          Re: Siamo nella merda!
          - Scritto da: doppiaemme
          Clap clap clap.
          Evidentemente hai conosciuto Carlo Giuliani
          di persona per permetterti di fare certe
          affermazioni. Non è mai bello
          attaccare chi non può difendersi
          partendo da un paio di foto e un filmato
          presi oltretutto in una situazione estrema.
          Io allora potrei risponderti: chi ci
          può dire che il defender 5 secondi
          prima che Giliuani sollevasse l'estintore
          non avesse tentato di investirlo?
          Nessuno .... o magari tu che invece eri in
          piazza a dare la caccia ai black block .al
          posto delle forze dell'ordine.Ma che ci faceva tutta quella gente intorno al Defender con assi di legno in mano intenti a sfondare i vetri del suddetto mezzo?Chi ha ordinato al (pur con tutto il rispetto) Giuliani di mettersi insieme a loro a dare addosso al defender? Insomma perche' invece di manifestare in Pace per la Pace si son messi a far la guerra? le immagini saranno interpretabili e poco chiare ma il fatto che il Giuliani fosse LI insieme a gente, vestita come lui, in assetto di guerra non mi pare contestabile.A parte questo e' pure giusto che chi lo sostiene possa esprimersi pubblicamente.==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 20.16.02
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo nella merda!

            Ma che ci faceva tutta quella gente intorno
            al Defender con assi di legno in mano
            intenti a sfondare i vetri del suddetto
            mezzo?se qualcuno si avvicina alla tua auto con un asse di legno o un estintore e tu gli spari e lo uccidi, vai in galera per omicidio volontarionon e' in discussione il fatto che l'assalto a una camionetta dei carabinieri sia un atto vandalico, ma i carabinieri dovrebbero essere addestrati a contenerli, non a sparare in faccia al primo che gli alza le mani controsenno che cazzo ce li mandiamo a fare in Irak o alle manifestazioni?
            Chi ha ordinato al (pur con tutto il
            rispetto) Giuliani di mettersi insieme a
            loro a dare addosso al defender? Insomma
            perche' invece di manifestare in Pace per la
            Pace si son messi a far la guerra? lecazzi loroquello che qui e' importante e' che un carabiniere ha sparato in faccia a un ragazzo poco piu' grande di lui sotto la sola MINACCIA di un estintorecome se io alzassi la mano come per schiaffeggiare qualcuno e per quello meritassi una coltellata al fegatosi condannano gli atti, non le intenzionigiuliani non ha MAI lanciato un estintorema tutti _presumono_ che l'avrebbe fatto e avrebbe ferito a morte qualcun altroripeto, io condanno l'assalto alle forze dell'ordine, ma se si chiamano cosi ci sara un motivosenno si chiamavano forze di assalto
            immagini saranno interpretabili e poco
            chiare ma il fatto che il Giuliani fosse LI
            insieme a gente, vestita come lui, in
            assetto di guerra non mi pare contestabile.e quindi?ti sei chiesto perche' un ragazzotto di 18 anni che non sa quasi tenere un arma in mano stava a fare servizio D'ORDINE (ripeto, _ordine_) ad una manifestazione che si sapeva sarebbe stata MOLTO calda?giuliani e placanica sono due vittime dello stesso carneficei dirigenti politici dal famoso pugno di ferro e tolleranza zeroda grandi ci si scorda quello che si fa da giovani purtroppo...vai a chiedere ai vari Ferrara, Fini, Storace, Alemanno, Gapsarri cosa facevano da giovani nelle manifestazioni, il primo dell'estrema sinistra giovanile, i secondi della destra giovanile oltranzista e neofascista...scoprirai che a confronto giuliani avrebbe meritato al massimo di essere preso a ceffoni in piazza
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo nella merda!
            - Scritto da: Anonimo


            Ma che ci faceva tutta quella gente
            intorno

            al Defender con assi di legno in mano

            intenti a sfondare i vetri del suddetto

            mezzo?

            se qualcuno si avvicina alla tua auto con un
            asse di legno o un estintore e tu gli spari
            e lo uccidi, vai in galera per omicidio
            volontarioSe qualcuno si avvicina alla tua auto dicendoti "Dottò, lo vuole un estintore a poco prezzo" e tu gli spari allora vai in galera. Se invece ci sono diverse persone col viso coperto armate di bastoni che prendono di mira la tua auto ed una di queste alza un estintore per scagliartelo contro allora è legittima difesa.
            non e' in discussione il fatto che l'assalto
            a una camionetta dei carabinieri sia un atto
            vandalico, ma i carabinieri dovrebberoUn atto vandalico un cazzo. Dar fuoco ad una autovettura parcheggiata è un atto vandalico. Assaltare un mezzo con delle persone a bordo è un'aggressione.
            essere addestrati a contenerli, non a
            sparare in faccia al primo che gli alza le
            mani controI carabinieri sono addestrati ad avere la testa più dura ?
            senno che cazzo ce li mandiamo a fare in
            Irak o alle manifestazioni?


            Chi ha ordinato al (pur con tutto il

            rispetto) Giuliani di mettersi insieme a

            loro a dare addosso al defender? Insomma

            perche' invece di manifestare in Pace
            per la

            Pace si son messi a far la guerra? le

            cazzi loro
            quello che qui e' importante e' che un
            carabiniere ha sparato in faccia a un
            ragazzo poco piu' grande di lui sotto la
            sola MINACCIA di un estintoreHai mai preso in mano un estintore ? Hai mai pensato che effetto fanno una decina di kilogrammi di metallo sul tuo grugno ? Ecco: è solo un estintore...
            come se io alzassi la mano come per
            schiaffeggiare qualcuno e per quello
            meritassi una coltellata al fegatoSe nella mano tu avessi un'accetta la coltellata sarebbe del tutto meritata...
            si condannano gli atti, non le intenzioniChe stronzata. Allora spiegami il reato di 'tentato omicidio' e il concetto di 'legittima difesa'.
            giuliani non ha MAI lanciato un estintoreSi è preso un calibro 9 prima...
            ma tutti _presumono_ che l'avrebbe fatto e
            avrebbe ferito a morte qualcun altroCerto che si. Al massimo se fosse dimostrato che non era nelle sue intenzioni si potrebbe chiamare legittima difesa putativa. Ma sempre di legittima difesa si tratta.
        • Terra2 scrive:
          Re: Siamo nella merda!

          Evidentemente hai conosciuto Carlo Giuliani
          di persona per permetterti di fare certe affermazioni.A suo tempo mi sono informato ampiamente su chi effettivamente fosse... e faccio notare che non gli ho dato del "pazzo criminale" o "maniaco omicida". Per quanto ne so, l'appellativo "vandalo in passamontagna", per un soggetto della sua specie, è quasi un complimento.
          Non è mai bello
          attaccare chi non può difendersiSe ti può fare piacere ho detto in faccia quello che pensavo a chi è stato più fortunato del Giuliani e lo rifarei tranquillamente in qualsiasi momento ... con chiunque possa difendersi.
          partendo da un paio di foto e un filmato
          presi oltretutto in una situazione estrema.I carabinieri non sono la "celere". Erano li per fornire supporto e tenere sotto controllo il corteo (come tra l'altro è auspicabile facciano le forze dell'ordine in situazioni simili). Ciononostante le camionette sono state prese d'assalto dalla folla (c'è un filmato che lo mostra) e sono riuscite a scappare tutte tranne una (quella da cui è partito il colpo), dell'ultima sequenza rimangono "purtroppo" solo delle foto.Usare la pistola è stata una cazzata, non ho dubbi. Ed anche mandare dei CC di leva in una situazione del genere è stata una grandissima cazzata. Ma se vai a stuzzicare 3/4 ragazzotti alle prime armi, dopo che sono già in evidente stato di panico, puoi avere tutte le ragioni del mondo ma non devi lamentarti se ti arriva un colpo in fronte.Anche permettere che il proprio cane azzanni qualcuno è sbagliato, ciononostante, tutte le volte che vedo un rottweiler con guinzaglio non vado a tirargli un calcio nelle palle. E se lo faccio non do la colpa al padrone per le conseguenze... non so se ti è chiara l'analogia.Inoltre... tutta la vicenda intorno a Giuliani ha mascherato il vero schifo che è poi avvenuto alla scuola Diaz e nella caserma Bolzaneto dove la Polizia si è davvero accanita sadicamente contro dei "pacifisti" che durante la giornata non hanno tenuto in mano "mazze ed estintori" ma computer, camcorder e macchine fotografiche!E tutto per nascondere i pestaggi (quelli veri) avvenuti durante la giornata!
          Io allora potrei risponderti: chi ci
          può dire che il defender 5 secondi
          prima che Giliuani sollevasse l'estintore
          non avesse tentato di investirlo?Nessuno... ma è una mia opinione.Siccome che durante il G8 troppi sono stati malmenati ingiustamente, ma non mi pare che ci siano processi per a carico dei CC (mentre contro la polizia ce ne sono anche troppi), mi viene da pensare che il violento della situazione fosse il giuliani e la sua comitiva, non un soldato di leva sulla camionetta.Violento e stupido tra l'altro...http://www.repubblica.it/gallerie/online/politica/uccisione/index.htmlQui si vede l'accanimento dei manifestanti contro l'ultima camionetta e giuliani che raccoglie l'estitnore nonostante la pistola sia già puntata per far sgomberare la strada...
          Nessuno .... o magari tu che invece eri in piazza a dare
          la caccia ai black block al posto delle forze dell'ordine.Ero a casa... e non mi verdai mai in nessun posto dove per portare avanti una idea sia necessario usare violenza fisica o verbale.
          • doppiaemme scrive:
            Re: Siamo nella merda!
            Hai c'entrato il problema io non ho mai dato dell'assassino a Placanica come non mi sembra giusto accanirsi contro Giuliani.Il problema sta tutto nella presenza di una recluta in un posto del genere dove evidentemente la violenza era programmata più dalla parte delle istituzioni che da quella dei manifestanti: altrimenti non mi speigo come durante la manifestazione oceanica della cgil il 23 marzo dell'anno successivo non ci siano stati incidenti. E non cominciare a fare come Maroni e Castelli che tirano in ballo il servizio d'ordine dei manifestanti ...A me sembra che a qualcuno il fatto che ci scappasse il morto non dispiacesse e che comunque le forze dell'ordine (più i poliziotti dei carabinieri in effetti) si sentissero autorizzate ad andare oltre come se la destra al governo fosse una garanzia di impunità. Mi posti un link con le malefatte antecedenti di Giuliani?Grazie
          • Terra2 scrive:
            Re: Siamo nella merda!
            - Scritto da: doppiaemme
            Hai c'entrato il problema io non ho mai dato
            dell'assassino a Placanica come non mi
            sembra giusto accanirsi contro Giuliani.Non mi sono accanito... ho solo contestato ad Indymedia la poca obiettività in casi come quello del Giuliani. Lo hanno difeso prendendo una posizione di parte e strumentalizzando la sua morte contro le forze dell'ordine.Ma nonostante abbiano (a mio giudizio) più volte fatto un uso strumentale del loro canale di informazione, sono *schifato* dal provvedimento di sequestro.
            E non cominciare a fare come Maroni e Castelli
            che tirano in ballo il servizio d'ordine dei manifestanti...A volte le mie risorse scarseggiano, ma spero di non essere mai costretto a dover mai prendere ad esempio o citare un leghista in vita mia :-)
            A me sembra che a qualcuno
            il fatto che ci scappasse il morto
            non dispiacesseIn effetti si sentiva puzza di cadavere già da diverse settimane. Ma non penso che il ministero degli interni cercasse il morto ("trovarlo" non sarebbe stato difficile vista la stazza e la voglia di menar le mani di certi poliziotti). Sicuramente voleva dimostrare che una destra al potere avrebbe pututo applicare con successo la "forza" nella gestione di una manifestazione simile. Quando accaduto alla Diaz e Bolzaneto sono la prova che la polizia sa come massacrarti senza ucciderti. I fatti però hanno dato torto al ministero che ha avuto poi dei seri grattacapi (mai quanti ne avrebbe meritati, ma ne ha avuti).Il cadavere, più che altro, lo cercavano coloro che stavano organizzando le fazioni più violente dei manifestanti. E sarebbe servito a dimostrare la violenza esercitata da un certo tipo di forze dell'ordine in simili frangenti. Ma il cadavere non doveva essere uno come Giuliani e non doveva certo morire in quel contesto, quello è stato un "extra".Preferisco scorporare il capitolo Placanica/Giuliani come un fatto di volenta, triste e grottesca "demenza" a se stante, piuttosto che associarlo al G8 di Genova.
            Mi posti un link con le
            malefatte antecedenti di Giuliani?
            GrazieNon ho mai accennato a malefatte precedenti o sbaglio?Tuttvia si possono trovare pacchi articoli che parlano di "precedenti penali"http://www.google.it/search?hl=it&q=%22precedenti+penali%22+%22carlo+giuliani%22&btnG=Cerca&meta=ma ciò che conta è ciò che ha in mano la magistratura non le chiacchiere dei giornalisti, ed almeno per il momento non è possibile avere dei link agli schedari dei tribunali.Per stessa ammissione del padre, comunque, era stato procesato per agressione a forze dell'ordine.Ma anche se non ci sono prove reali che fosse uno spacciatore, che avesse compiuto piccoli furti e nemmeno che nemmeno che frequentasse frange violente di ultrà, così come veniva raccontato, all'epoca del fattaccio solo quanto successo negli ultimi 15 secondi della sua vita basta ed avanza a classificare come vandali lui ed i duoi amici.E non era uno di quei vandaletti di gomma che si divertono a spaccare le insegne del McDonald, loro sono andati addosso a delle persone.Poi può essere stato il miglior ragazzo del pianeta ed averlo fatto solo perchè era incazzato con il mondo, per far colpo su una ragazza, o ancora per avere un sacco di amici... e chi se ne frega!Prima di morire aveva un estintore in mano, e nulla mi toglie dalla testa che gli sarebbe piaciuto ficcarlo in faccia ad un carabiniere (un povero cristo come lui, che certamente avrebbe passato volentieri la domenica in poltrona davanti al gran premio o al parco con la radiolina all'orecchio). E questo mi basta, a prescndere dai precedenti, a non associarlo ad un santo, un martire o a qualcuno che meriti anche solo una targa in sua memoria appesa ad un vespasiano.
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo nella merda!

        Frequentavo quasi niente il sito Indymedia e
        non ho mai condiviso le loro prese di
        posizione radicali, a cominciare dalla loro
        difesa a spada tratta di quel "bravo
        ragazzo" di Carlo Giuliani. (Cosìbravo ragazzo o no, non si spara tra la follasono cose da regime cinesenessuno dovrebbe mai morire ad una manifestazione sotto i colpi di arma da fuoco di chi dovrebbe difenderli o al limitecontenerne gli eccessigiuliani non sara stato un bravo ragazzoma sicuramente non era un criminale a cui sparare in faccia
    • Anonimo scrive:
      Re: e Freenet langue.
      - Scritto da: Anonimo
      Freenet che dovrebbe sopperire a queste
      mancanze non se lo caga nessuno, e non
      cresce :(Freenet attualmente soffre all'installazione del software di una certa macchinosita' di utilizzo che alla maggior parte delle persone rappresenta una enorme barriera, facile da installare da un tecnico esperto e poco attivi e difficile per un attivo poco tecnico.Occorrerebbe semplificare le procedure di installazione e utilizzo per renderlo simile alle procedure che gli utenti fanno tutti i giorni.Non dispiacerebbe infine avere dei gateway disponibili sul web per farvi accedere le persone facilmente che in seguito potrebbero entrare a farne parte.
  • Anonimo scrive:
    Re: FBI, INTERVENUTI SU RICHIESTA ITALIA

    l'Italia e la Svizzera e ha aggiunto che
    l'iniziativa del ministero della Giustizia
    americana non e' stata altro che ''un
    aderire agli obblighi legali contenuti nei
    nostri trattati di assistenza reciproca''.questo ve la dice lunga su cosa dobbiamo fare NOI in caso che gli USA vogliano fare qualcosa.per tutti quelli che pensano "chemmenefotteammé tanto sono qui in italia e loro non hanno potere qui!"HAAHAHAHAHHAHA.col cazzo.
  • Anonimo scrive:
    Quello che è successo è GRAVISSIMO
    Quello che è successo a INDYMEDIA è gravissimo e richiede la mobilitazione di tutti per difendere i diritti essenziali delle libertà personali e libertà dell' informazione ormai messi chiaramente sotto attacco dalla coalizione USA di Bush e dei suoi 2 amichetti Europei.Questa notizia GRAVISSIMA non ha avuto la giusta rilevanza dagli organi di informazione Nazionali (radio e TV), che ormai possiamo giustamente definire di REGIME.Occorre che nel nostro piccolo ci muoviamo tutti quanti organizzando le proteste necessarie per salvaguardare le nostre LIBERTA' ormai messe chiaramente in pericolo da attacchi che sembrano sempre più fascisti e nazisti.
  • Anonimo scrive:
    VERGOGNA!
    E' un ATTACCO a INTERNET e alla LIBERTA' di STAMPA!L' ordine pare addirittura sia partito dall' ITALIA, doppia VERGOGNA!Questo NANO dimostra ogni giorno di + di disprezzare libertà e democrazia!
  • Anonimo scrive:
    Concomitanza Elezioni USA
    Sequestrano giusto giusto in concomitanza con le elezioni in America, mmmm.. quanto mi puzzano ste cose!!! allora quelli di Indy non sono dei pazzi che possono essere lasciati liberi di parlare ma dicono qualcosa di vero....
    • Anonimo scrive:
      Re: Concomitanza Elezioni USA
      - Scritto da: Anonimo
      Sequestrano giusto giusto in concomitanza
      con le elezioni in America, mmmm.. quanto mi
      puzzano ste cose!!! allora quelli di Indy
      non sono dei pazzi che possono essere
      lasciati liberi di parlare ma dicono
      qualcosa di vero....Spero che il popolo USA cacci Bush, poi qui il VBlair e il NANO cadranno subito dopo come birilli.
  • Anonimo scrive:
    Fioccheranno Mirror
    Non sono un fanatico ma se non sbaglio ogni tanto andavo a farmi un giretto sulle loro pagine e francamente non mi dispiace sentire anche l'altra campana.Spero vivamente che in tutta l'internet fiocchino mirror con tutto il materiale sottratto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fioccheranno Mirror
      - Scritto da: Anonimo
      Non sono un fanatico ma se non sbaglio ogni
      tanto andavo a farmi un giretto sulle loro
      pagine e francamente non mi dispiace sentire
      anche l'altra campana.

      Spero vivamente che in tutta l'internet
      fiocchino mirror con tutto il materiale
      sottratto.Quello che è successo è GRAVISSIMO e sintomatico da che razza di gentaglia siamo governati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fioccheranno Mirror
      - Scritto da: Anonimo
      Non sono un fanatico ma se non sbaglio ogni
      tanto andavo a farmi un giretto sulle loro
      pagine e francamente non mi dispiace sentire
      anche l'altra campana.

      Spero vivamente che in tutta l'internet
      fiocchino mirror con tutto il materiale
      sottratto.http://nyc.indymedia.org/inaccessibile, credo per il troppo traffico.altro che mirrors ... qui la notizia c'era.
  • Anonimo scrive:
    Dal sito della eFfEbIaI
    http://www.firstgov.gov/fgsearch/index.jsp?mw0=indymedia&rn=218&in0=domain&dom0=www.fbi.gov&parsed=true
  • Anonimo scrive:
    Troppo tardi... dovevano farlo prima!
    forza così.... dai che forse è la volta buona che spariscono!
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!
      - Scritto da: Anonimo
      forza così.... dai che forse è
      la volta buona che spariscono!Eh si....l informazione libera fa spavento.... evidentemente anche tu ne hai paura...
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!
        Indimedia informazione libera?ahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahahuahuahuahuahuhuahauahuahuhuaahuahuahuhuahauhuauahRitorna nel mondo delle fiabe dalla fata turchina caro ilmio comunistello.
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!
          cazzo ti abbiamo cercato per lungo tempo...finalmente uno che ha la giustizia innata. Non potevi farti notare prima?Te che fai di solito leggi Libero di Feltri ? Anche non volendo appoggiare indymedia è stato compiuto un atto che lede la libertà di parola che è una questione un pò diversa dal problema dell'informazione libera o no.Ma evidentemente a te non interessa, tieniti il tuo prosciutto sugli occhi e la tua ignoranza in testa.Dimenticavo... se qualcuno mai ti prestasse di nuovo un cervello vedi di usare quei neuroni in prestito per farti una cultura invece che scrivere miseriebye bye Alessandro D'Andrea
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!

        Te che fai di solito leggi Libero di Feltri ? per intanto molti esponenti "pensanti" della sinistra italiana devono scrivere su "libero di Feltri" visto che i giornali notoriamente appartenenti a quell'area li evitano.
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!

          per intanto molti esponenti "pensanti" della
          sinistra italiana devono scrivere su "libero
          di Feltri" visto che i giornali notoriamente
          appartenenti a quell'area li evitano.Mah, se lo dici te.A me la verità sembra che l'unico che sostiene una posizione sulla cui linea si può anche sostenere che chi è di destra non deve leggere marx ed hegel perchè comunisti e chi è di sinistra non deve leggere heidegger piuttosto che il mein kampf perchè è roba da nazisti...al momento...sei tuMi pare piuttosto infantile come posizione per sostenere ogni altro eventuale dibattito sulla questioneTuttavia ognuno è libero di scegliere di che morte morire per caritàBuona fortuna (a con Libero mi pare regalino il calendario di Mussolini..da non perdere)Alessandro D'Andrea
          • Anonimo scrive:
            Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima

            A me la verità sembra che l'unico che
            sostiene una posizione sulla cui linea si
            può anche sostenere che chi è
            di destra non deve leggere marx ed hegel
            perchè comunisti e chi è di
            sinistra non deve leggere heidegger
            piuttosto che il mein kampf perchè
            è roba da nazisti...al momento...sei
            tua me sembra, invece, che scrivere periodi di 8 righe, senza punteggiatura e con il verbo all'inizio ed il complemento oggetto alla fine sia un attentato alla comprensibilità del testo.A parte questo, sono abbastanza d'accordociao
          • Litfiba80 scrive:
            Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima
            Un attimo:non cadiamo nell'errore di definire chi non è di destra un fascista e tantomeno evitiamo di richiamare alla memoria quel simpatico ventennio che ormai sono pochissimi ad apprezzare davvero.Semplicemente l'uomo che sta scatenando questa discussione si culla nella sua ignoranza oppure, arroccato a modi di pensare MOLTO ristretti, ci sta lanciando un inconscio urlo disperato d'aiuto.Oppure si trova da quelle parti politiche semplicemente perchè ne ha un tornaconto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!

            Alessandro D'AndreaSono quello della fata turchina e del comunistello.Allora innanzitutto si prega di imparare a leggere.Io non ho parlato della chiusura, della censura, dei server,dell'fbi, del governo o di qualunque altra cosa.Ho scritto un'altra cosa. Ho scritto che informazione liberanon si associa di certo ad indymedia.Indymedia e' politicizzata e riporta, come ogni alta fonte,solo le cose che gli fanno comodo e nella forma che preferiscono e che fa il loro tornaconto.Le notizie di Indymedia sono spazzatura come quelle delgiornale o come quelle del manifesto.Stop.Sulla questione "chiusura del sito" il discorso e' diverso.Se la' dentro ci sono gli estremi per un reato allora e' giustosequestrare, spulciare e poi restituire andando a prenderei colpevoli. Se invece non ci sono allora l'azione e' scorrettae antidemocratica.Chiaro?
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppo tardi... dovevano farlo prima!
      - Scritto da: Anonimo
      forza così.... dai che forse è
      la volta buona che spariscono!Sono quelli come te che devono essere ricacciati nella loro naturale dimora; le FOGNE!
  • Anonimo scrive:
    Backup !!!
    Quelli di Indimedya sono perennemente nell'occhio del ciclone. Le loro sedi, almeno quelle italiane, non fanno altro che collezionare perquisizioni gagliarde e robuste.Poi (vedere http://www.indymedia.it/) si sono lamentati che parecchio materiale in seguito al sequestro degli hard disk dei server non era più disponibile.Backup periodici (gestiti da voi e non dal provider) no, eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: Backup !!!
      Penso che se l'fbi vuole i dischi di qualcuno dal provider, gli si debba dare anche i backup. Una copia in piu' a casa dei contenuti non sarebbe stata male ma a questo punto e' meglio cominciare a pubblicare sui newsgroups o cose tipo freenet.
      • Anonimo scrive:
        Re: Backup !!!
        - Scritto da: Anonimo
        Penso che se l'fbi vuole i dischi di
        qualcuno dal provider, gli si debba dare
        anche i backup. Una copia in piu' a casa dei
        contenuti non sarebbe stata male ma a questo
        punto e' meglio cominciare a pubblicare sui
        newsgroups o cose tipo freenet.Questi PULOTTI stan rompendo proprio i COGLIONI a tutti ormai!
  • Anonimo scrive:
    A Londra????
    Adesso Blair è passato da "alleato" a "zerbino"?NB: non mi è mai piaciuta Indymedia, ma stavolta ha tutta la mia solidarietà==================================Modificato dall'autore il 08/10/2004 10.27.36
    • Anonimo scrive:
      Re: A Londra????
      - Scritto da: Ansia

      Adesso Blair è passato da "alleato" a
      "zerbino"?
      Solo adesso? E' una delle maggiori critiche che gli vengono poste da tempo.
      • Anonimo scrive:
        Re: A Londra????
        comletamente daccordo , Indymedia da mo che doveva chiudere , pero' ha il mio appoggio , oramai le frontiere non esistono piu , fanno come gli pare ovunque
        • Slurpolo scrive:
          Re: A Londra????
          - Scritto da: Anonimo
          comletamente daccordo , Indymedia da mo che
          doveva chiuderePerché? Perché scrive cose su cui non sei d'accordo? Questa è censura, come quella di tutte le dittature (avevo scritto "le peggiori dittature", ma probabilmente non siamo d'accordo su quali siano, e comunque a censurare non sono solo le dittature peggiori, sono tutte le dittature).
  • Anonimo scrive:
    padroni del mondo
    Buongiorno buongiorno.Ecco fatto. Sequestro dei dischi al di fuori del territiorio statunitense... dice niente tutto questo?Occhio che tra poco ce li troviamo a casa....
    • UmAnOiDe/69 scrive:
      Re: padroni del mondo
      C'è qualcuno in grado di spiegarmi in base a quale legge, accordo, trattato o cazzivari un organo di sicurezza statunitense può intimare alcunché ad una società europea - specificamente britannica?Non mi rispondete che comunque l'Impero comanda, dispone e ottiene, please: fin lì ci arrivo anch'io.Quello che voglio capire è se la cosa dal punto di vista del diritto internazionale è sensata o si tratta di un abuso; in sostanza, se Rackspace avesse rifiutato cosa sarebbe successo dal punto di vista giuridico? C'è un accordo tra i governi inglese e statunitense in questo senso?Solo tra loro? In effetti verrebbe altrimenti da chiedersi perché non pretendere il sequestro anche dei server italiani.Insomma, c'è qualcuno che può fare un po' di chiarezza da questo punto di vista?TIA
      • Anonimo scrive:
        Re: padroni del mondo
        rackspace e` made in USA, Texas
        • UmAnOiDe/69 scrive:
          Re: padroni del mondo
          - Scritto da: Anonimo
          rackspace e` made in USA, TexasOk, grazie. Questa è una risposta sensata.Trattandosi di un'azienda statunitense deve quindi rispondere alle autorità di quel paese anche per l'operato all'estero.Il resto sono facezie (magari con un fondo di verità comunque ma poco attinenti in questo caso).Merci
          • lorenzaccio scrive:
            Re: padroni del mondo
            Veramente io lavoravo in un'azianda italiana ma di proprietà di una grossa multinazionale statunitense. La legislazione da seguire era quella italiana.Mah...
          • UmAnOiDe/69 scrive:
            Re: padroni del mondo
            Credo che la questione sia complessa e ci vorrebbe un economista per spiegarci bene i meccanismi.Probabilmente le cose cambiano a seconda del tipo di azienda, se è un ramo della stessa azienda ma con sede all'estero o una società a sé di proprietà della prima ma con ragione sociale nel paese ospitante...Ovviamente cambiando anche la legislazione del paese d'origine potrebbe essere anche diversa la normativa che regola queste questioni!Magari a seconda dei casi si può ricadere sotto giurisdizione del proprio paese, di quello ospitante o - parzialmente - di entrambi!Certamente se la FIAT aprisse una filiale in Laos, si scoprisse che in quella sede vengono violati i diritti fondamentali dei lavoratori e il parlamento e la magistratura italiani imponessero alla FIAT un cambio immediato di rotta, difficilmente a Torino potrebbero rispondere "la cosa non ci riguarda". Se la FIAT acquisisse il pacchetto di maggioranza di una fabbrica automobilistica Birmana mantenendone l'autonomia, in caso analogo le cose sarebbero probabilmente meno semplici.Nel caso specifico, non faccio fatica a credere che il motivo dell'immediata esecuzione dell'ingiunzione sia proprio la nazionalità statunitense della società. Con tutto il servilismo possibile, un conto è permettere agli Stati Uniti di influenzare la politica del proprio paese, altro è consegnargli le chiavi di casa: anche a destra, il nazionalismo inglese (piuttosto che italico) potrebbe risvegliarsi e chiedere conto ai politici locali del proprio operato.
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo
            Io penso che valga sempre la legislazione del paese in cui ti trovi...altrimenti io vado in Olanda apro un'azienda e trovo il modo di vendere la maria in italia con una filiale....
          • Litfiba80 scrive:
            Re: padroni del mondo
            Anch'io so che le cose stanno così. Ne è un esepmio della ex Andersen Consulting (da un bel pò Accenture), ditta americana che nominalmente ha spostato la sua sede legale alle Bermuda e così evita di pagare parecchi soldini annuali allo stato americano, senza dover neanche spostare un singolo ufficio da New York.
      • Anonimo scrive:
        Re: padroni del mondo
        - Scritto da: UmAnOiDe/69
        C'è qualcuno in grado di spiegarmi in
        base a quale legge, accordo, trattato o
        cazzivari un organo di sicurezza
        statunitense può intimare
        alcunché ad una società
        europea - specificamente britannica?
        Non mi rispondete che comunque l'Impero
        comanda, dispone e ottiene, please: fin
        lì ci arrivo anch'io.
        Quello che voglio capire è se la cosa
        dal punto di vista del diritto
        internazionale è sensata o si tratta
        di un abuso; in sostanza, se Rackspace
        avesse rifiutato cosa sarebbe successo dal
        punto di vista giuridico?
        C'è un accordo tra i governi inglese
        e statunitense in questo senso?
        Solo tra loro?
        In effetti verrebbe altrimenti da chiedersi
        perché non pretendere il sequestro
        anche dei server italiani.
        Insomma, c'è qualcuno che può
        fare un po' di chiarezza da questo punto di
        vista?
        TIARagazzi, non incavolatevi. La Gran Bretagna è a tutti gli effetti il 53esimo stato unito d'America. Blair non è un Primo Ministro, ma un Governatore, al pari di Schwarzy e tanti altri. =)Quindi, a tutti gli effetti l'FBI ha agito senza andare oltre i limiti della propria giurisdizione. =))))
        • Anonimo scrive:
          Re: padroni del mondo

          Ragazzi, non incavolatevi. La Gran Bretagna
          è a tutti gli effetti il 53esimo
          stato unito d'America. Blair non è un
          Primo Ministro, ma un Governatore, al pari
          di Schwarzy e tanti altri. =)
          Quindi, a tutti gli effetti l'FBI ha agito
          senza andare oltre i limiti della propria
          giurisdizione. =))))E non dimenticate che a tutti gli effetti, la Gran Bretagna ( che poi tanto grande non mi sembra) e' la piu' grande portaerei americana...
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo

            E non dimenticate che a tutti gli effetti,
            la Gran Bretagna ( che poi tanto grande non
            mi sembra) e' la piu' grande portaerei
            americana...... e l'Italia è la portaerei dell'Europa nel Mediterraneo ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo
            Sara' durissima levarceli dalle balle.... adesso ci spengono politicamente mentre ci spremono come limoni, poi finiremo come matrix.E la madre di tutto questo è l'ignoranza!Ripeto sarà durissima levarceli dalle balle.Bon
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo
            - Scritto da: Anonimo
            Sara' durissima levarceli dalle balle....
            adesso ci spengono politicamente mentre ci
            spremono come limoni, poi finiremo come
            matrix.
            E la madre di tutto questo è
            l'ignoranza!
            Ripeto sarà durissima levarceli dalle
            balle.

            Boncomincia a levarti tu... poi per gli altri vedremo!
          • Litfiba80 scrive:
            Re: padroni del mondo
            :| ... terribilmente vero...Speriamo che alle elezioni lo trombano e che in inghilterra ci sia l'effetto Zapatero (non intendo il ritiro dall'Iraq, bensì la voglia di riabilitare il nome del paese a livello internazionale come sta facendo Zapatero in Spagna ad esempio privatizzando la tv pubblica per evitare un troppo alto dominio dell ostato sui mezzi d'informazione).:o
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo

            E non dimenticate che a tutti gli effetti,
            la Gran Bretagna ( che poi tanto grande non
            mi sembra) e' la piu' grande portaerei
            americana...È una citazione dal videoclip "Shoot the dog" di George Michael?
        • Anonimo scrive:
          Re: padroni del mondo


          Ragazzi, non incavolatevi. La Gran Bretagna
          è a tutti gli effetti il 53esimo
          stato unito d'America. Blair non è un
          Primo Ministro, ma un Governatore, al pari
          di Schwarzy e tanti altri. =)
          Quindi, a tutti gli effetti l'FBI ha agito
          senza andare oltre i limiti della propria
          giurisdizione. =))))Eh? e quali sono il 51° ed il 52°?
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo
            - Scritto da: Anonimo
            Eh? e quali sono il 51° ed il 52°?Afghanistan e Iraq
          • Anonimo scrive:
            Re: padroni del mondo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Eh? e quali sono il 51° ed il 52°?

            Afghanistan e Iraq----

            Be allora è il 54° perchè il 53° è l'Italia targata berlutappo
      • Anonimo scrive:
        Re: padroni del mondo
        In base all'mlat stando alle notizie.
    • Anonimo scrive:
      Re: padroni del mondo
Chiudi i commenti