P2P, milioni di ladri

di Gilberto Mondi - Nuovi numeri indicano che sempre più utenti utilizzano il peer-to-peer. L'OCSE fa sapere che software e film vanno per la maggiore. Apple vende tantissimo. Ma c'è un problema

Roma – Se c’è un argomento esplosivo di questi tempi è il cosiddetto mercato della musica digitale via Internet. Già, perché l’agguerrito battagliare dei grandi nomi del settore assume i contorni di sfida rumorosa allorquando, com’è successo in questi giorni, uno degli attori coinvolti grida al mondo il proprio successo. E Apple ha fatto sapere che il suo iTunes ha già piazzato cento milioni di brani musicali ai propri clienti americani ed europei.

Apple, che dimostra così di saper offrire musica online decine di volte meglio dei suoi più diretti concorrenti, è anche l’emblema di una legalità distributiva che consente all’azienda di vendere gli iPod e alle major di indicare come tale legalità sia effettivamente possibile .

Di questi giorni sono anche altri dati, quelli forniti da BigChampagne . Se tutti conoscono iTunes, non tutti sanno che BigChampagne è invece una delle società che vende alle major i dati sull’uso del peer-to-peer, ossia del più diffuso, veloce e globale mezzo di distribuzione fin qui concepito. BigChampagne ha comunicato nei giorni scorsi che, a dispetto delle campagne di sensibilizzazione e delle denunce contro chi condivide file, su network di sharing molto noti, come Kazaa o eDonkey , a giugno circolavano una media costante di 8,3 milioni di persone . Vale a dire che, in qualsiasi momento a giugno, quello era il numero medio di utenti impegnati nel download e nell’upload. Il dato è rilevante perché, rispetto al giugno del 2003, gli utenti sono aumentati del 19 per cento .

E, per concludere questa breve ma utile panoramica sul P2P, il 12 luglio l’ OCSE ha affermato che secondo un proprio studio sono diminuiti i file musicali scambiati dagli utenti (oggi al 48,6 per cento del totale) mentre sono aumentati i file audiovideo, film in particolare, e quelli contenenti software di ogni genere.

Tutto questo sembra porre in evidenza una evoluzione che chiamerò dei binari paralleli , che potrebbe non piacere a chi brandisce efficaci scacciamosche, ossia gli avvocati, senza però riuscire a spaventare i moscerini, cioè quei milioni di utenti-condivisori che rischiano qui da noi pene un tempo riservate soltanto ai delitti contro la persona.

Il primo binario è quello su cui corre la consapevolezza dell’utente internet , che da un lato diversifica l’utilizzo della piattaforma di scambio fin qui focalizzato sulla musica e dall’altro non disdegna di comprare musica quando trova quel che cerca ad un prezzo possibile, con modalità protette di ascolto ma sufficientemente rispettose dei propri diritti di consumatore. Il secondo è quello del mercato legale che avanza in apparenza alla stessa velocità.

Appare dunque evidente che gli scacciamosche hanno maglie troppo grandi per intrappolare moscerini che non solo si riproducono a milioni ma lo fanno sapendo perfettamente, come indicava recentemente una rilevazione degli studios di Hollywood, che condividere file protetti è illegale.

È certamente ovvio che chi ha interesse a mantenere lo status quo del settore voglia far credere che per ottenere un funzionante mercato legale della musica sia necessario abbattere il file sharing. Ma è un teorema che mostra già tutte le sue falle. Sui binari paralleli infatti corrono due facce di una stessa medaglia, una sola rumorosa locomotiva che non è animata dall’industria, non è dettata dalla moda o dalla pubblicità ma è animata dal genuino entusiasmo degli utenti Internet verso le opportunità offerte loro dalla Rete.

Gilberto Mondi

dello stesso autore:
Copiare è bello, per cambiare il mondo
Pedoporno, vai con l’adescamento web
Urbani e copyright, avanti così

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: l'importanza di chiamarsi ernesto

    Non so che dirti... se qualcuno andasse a
    frodare il prossimo facendosi passare per
    me, un paio di anni IN PIù di galera
    glieli augurerei volentieri.Beh, visto l'hobby nel profilo magari qualcuno sospetterebbe di te...:p
  • Anonimo scrive:
    Re: l'importanza di chiamarsi ernesto
    - Scritto da: sammily76

    - Scritto da: Anonimo

    E tutto facile al giorno d'oggi, tranne
    che

    dirsi sicuri di qualcosa. però
    adesso

    si esagera

    Non so che dirti... se qualcuno andasse a
    frodare il prossimo facendosi passare per
    me, un paio di anni IN PIù di galera
    glieli augurerei volentieri.scribble, scribblenon clonare sammily76
  • Anonimo scrive:
    Re: l'importanza di chiamarsi ernesto
    - Scritto da: Anonimo
    E tutto facile al giorno d'oggi, tranne che
    dirsi sicuri di qualcosa. però adesso
    si esagera Non so che dirti... se qualcuno andasse a frodare il prossimo facendosi passare per me, un paio di anni IN PIÙ di galera glieli augurerei volentieri.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bush
  • Anonimo scrive:
    Re: Bush
    comunista!
  • Anonimo scrive:
    Re: Bush
    Dopo di te non sarebbe male.
  • Anonimo scrive:
    Re: Bush
  • Anonimo scrive:
    l'importanza di chiamarsi ernesto
    E tutto facile al giorno d'oggi, tranne che dirsi sicuri di qualcosa. però adesso si esagera
  • Anonimo scrive:
    Bush
    Ma quando se ne va questo tirapiedi di bush?!
Chiudi i commenti