Paesi Bassi, traffico in aumento per la Baia

All'unisono i vari provider olandesi costretti a bloccare tutti gli accessi a The Pirate Bay: non c'è filtro che tenga, il livello di traffico verso l'ex-tracker BitTorrent è aumentato
All'unisono i vari provider olandesi costretti a bloccare tutti gli accessi a The Pirate Bay: non c'è filtro che tenga, il livello di traffico verso l'ex-tracker BitTorrent è aumentato

Sono ormai passati mesi da quando varie corti europee ordinavano il blocco di tutti gli accessi all’ex- tracker BitTorrent The Pirate Bay. Dai Paesi Bassi al Regno Unito, i principali provider nazionali sono stati costretti a sigillare i canali d’accesso alla Baia , nel mirino dell’industria globale per la presenza di materiale in violazione del copyright. Ma si tratta di una strategia davvero vincente?

I responsabili dell’ISP olandese XS4All hanno ora sottolineato come il livello di traffico verso la piattaforma svedese sia in realtà aumentato. Stroncato soltanto nei primi giorni dall’ordinanza del giudice de L’Aia . In seguito, lo sfruttamento di VPN e servizi proxy ha permesso agli utenti olandesi di raggiungere tranquillamente la Baia.

Stesso discorso da parte dei provider locali KPN e UPC: il blocco voluto dalle grandi etichette discografiche non ha portato a grandi risultati, non per fermare il traffico verso The Pirate Bay . Secondo KPN, persino nei giorni successivi ai blocchi non è stata registrata alcuna diminuzione nel flusso di accessi alla Baia. Una tesi già sostenuta in passato dai ricercatori dell’Università di Amsterdam. (M.V.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 07 2012
Link copiato negli appunti