Panasonic ha una nuova Lumix, la GX1

Prezzo, caratteristiche e data d'uscita della nuova mirrorless Micro Quattro Terzi. Compatta dal design classico, dedicata ai fotografi più esigenti

Roma – Panasonic conferma l’arrivo della nuova Lumix DMC-GX1 , micro 4/3 a lenti intercambiabili che prenderà il posto della GF1 . La fotocamera sarà disponibile per Natale, nei colori nero “corvino” e grigio “canna di fucile”. I prezzi parlano di 699 dollari per il solo corpo macchina, 799 per la versione con lo zoom standard e 949 per il kit con l’obiettivo Lumix G X VARIO PZ 14-42mm.

Qualità da reflex DSLR, ma senza il fardello di una macchina pesante e ingombrante. È questa la mission della GX1, macchina equipaggiata con il processore d’immagine Venus Engine e con un sensore Live MOS da 16 Megapixel. Il sistema Light Speed AF impiega 0,09 secondi per la messa a fuoco automatica del soggetto. La modalità scatto continuo permette sequenza da 4,2 fps alla massima risoluzione e fino a 20 fps a risoluzione ridotta. Il valore massimo della sensibilità ISO è 12.800. Il formato RAW è supportato.

Lumix DMC-GX1 può anche girare video a 1080P e anche durante le riprese sono disponibili funzioni che regolano la messa a fuoco, riducono al minimo il rumore di fondo del vento e contrastano il tremolio della mano. Le funzioni manuali possono essere gestite tutte dal touchscreen LCD da 3 pollici (460.000 pixel) ma è anche possibile acquistare un mirino elettronico aggiuntivo (250 dollari) da attaccare alla slitta del flash.

Panasonic dichiara poi di aver migliorato molto la gestione del consumo energetico. Pur utilizzando la stessa batteria al litio della DMC-G3 (DMW-BLD10) la nuova macchina vanta una durata maggiore di circa l’11 per cento. L’autonomia dichiarata è di circa 300 scatti per ricarica.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Altro che violazione condizioni d'uso...
    Stavo per infischiarmene della notizia siccome riguarda facebook e due sconosciuti cornificati. Ma mi son detto che l'affermazione "il giudice ha OBBLIGATO a rivelare le password" era abbastanza irritante perché dovessi leggere la notizia.Ovviamente, è piena di dettagli su come si cornificavano, ma nulla riguardo alla fondamentale e rischiosa conseguenza che porterebbe un'azione del genere da parte di un giudice.Che vuol dire "obbligo" in questo contesto? Perché io, giudice dei miei stivali, la mia password non te la voglio dire, e vediamo come fai a costringermi.
    • stefano sanna scrive:
      Re: Altro che violazione condizioni d'uso...
      in italia non potrebbe mai accadere per legge, se hai un disco criptato e la polizia postale ti chiede la password per legge puoi tranquillamente mandarla a farsi XXXXXXX
    • stellina di luce scrive:
      Re: Altro che violazione condizioni d'uso...
      - Scritto da: ephestione
      Stavo per infischiarmene della notizia siccome
      riguarda facebook e due sconosciuti cornificati.
      Ma mi son detto che l'affermazione "il giudice ha
      OBBLIGATO a rivelare le password" era abbastanza
      irritante perché dovessi leggere la
      notizia.
      Ovviamente, è piena di dettagli su come si
      cornificavano, ma nulla riguardo alla
      fondamentale e rischiosa conseguenza che
      porterebbe un'azione del genere da parte di un
      giudice.
      Che vuol dire "obbligo" in questo contesto?
      Perché io, giudice dei miei stivali, la mia
      password non te la voglio dire, e vediamo come
      fai a
      costringermi.
  • Healty non loggato scrive:
    Illegale
    Va contro il diritto a non autoaccusarsi .-. Si fanno tante storie sulla legge 49 in inghilterra...e poi
Chiudi i commenti