PaperPhone, il computer flessibile

Il computer flessibile è dotato di un display interattivo che si piega e registra le note prese con uno stilo. E' il futuro, dicono gli ideatori
Il computer flessibile è dotato di un display interattivo che si piega e registra le note prese con uno stilo. E' il futuro, dicono gli ideatori

Ricercatori canadesi della Queen’s University sostengono di aver inventato il primo “computer flessibile”, un dispositivo portatile in grado di reagire al tocco e a uno stilo che dovrebbe rappresentare il “futuro” per smartphone, MID e non solo.

Il dispositivo si chiama PaperPhone ed dotato di un sottile display flessibile prodotto da E Ink con diagonale da 9,5 centimetri. Gli ideatori lo descrivono come un iPhone flessibile, un gadget in grado di fare tutto quello che uno smartphone avanzato è in grado di fare ma che è molto più “portatile” grazie alla flessibilità di cui è dotato.

“Questo è il futuro”, esulta il direttore dello Human Media Lab della Queen’s University Roel Vertegaal, secondo la cui opinione “sarà tutto così nel giro di cinque anni”. “Questo computer appare e funziona come un piccolo foglio di carta interattiva – continua Vertegaal – L’utente vi interagisce piegandolo in un cellulare, girando l’angolo per girare le pagine, o scrivendoci sopra con uno stilo”.

In attesa di verificare con mano quali saranno le possibili applicazioni commerciali di questo genere di tecnologia, il dottor Vertegaal e colleghi mostreranno le potenzialità del loro PaperPhone durante l’edizione 2011 della conferenza CHI che si terrà il prossimo 10 maggio.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 05 2011
Link copiato negli appunti