Patch Tuesday, bollettino critico per Word

Microsoft anticipa il menù della prossima tornata di aggiornamenti di sicurezza per i suoi prodotti software, con pezze da installare su un po' tutti gli OS supportati e un livello di "criticità" notevole

Roma – Questo martedì segnerà l’ultimo Patch Tuesday del 2012, e per l’occasione Microsoft ha preparato un aggiornamento corposo ma soprattutto di non poca importanza per quanto riguarda il livello di gravità delle falle scoperte all’interno del codice.

Dei sette bollettini previsti, infatti, ben cinque sono stati classificati con livello “critical” (i restati due sono “important”) e coinvolgono le varie versioni di Windows supportate (inclusi Windows 8 e Windows RT) assieme a Internet Explorer (anche 10), Office e i prodotti software per server.

Sei delle falle indicate da Microsoft potrebbero essere sfruttate per l’esecuzione di codice malevolo da remoto, mentre l’ultima viene indicata come capace di bypassare le “funzionalità di sicurezza” dei software coinvolti.

Di particolare interesse, dicono gli esperti di sicurezza, il bollettino 3: le falle incluse sono state classificate come “critical” e riguardano Microsoft Word, una combinazione molto rara visto che Redmond tende a indicare al massimo come “important” anche le vulnerabilità più pericolose scovate nel popolare word processor.

La cosa avrà probabilmente a che fare con la visualizzazione di documenti Word in anteprima con Outlook, sottolineano gli esperti, un meccanismo automatico che non richiede alcuna autorizzazione da parte dell’utente e che in effetti si presta a un potenziale abuso.

Al di là del singoli bollettini, infine, l’ultimo Patch Tuesday dell’anno evidenzia i progressi compiuti da Microsoft sul fronte della sicurezza (“Secure Coding Initiative”): in totale si conteranno 83 bollettini – con vari livelli di pericolosità – contro i 100 dell’anno scorso.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Flipper scrive:
    Ebook e libri a 5 euro
    "ma l'aumento nel consumo di ebook è salito di appena un punto percentuale dall'anno scorso".Sinceramente sono contento: non si può pagare un ebook 10 euro (oppure anche 15 o 18, come ho visto in giro, per esempio su Amazon).Ed anche per i libri mi sento di dire la stessa cosa: 16 o 20 euro (o più) per un libro, considerando che l'autore (l'autore!!) prende al massimo 3 euro, sono decisamente troppi.E intanto il parlamento, visto che non ha di meglio da fare, legifera sugli sconti per i libri...Un parlamento che si occupa degli sconti sui libri!!
  • Claudio scrive:
    assurdo
    "il 37,5 per cento dei possessori di smartphone o tablet ha scaricato applicazioni gratuite o a pagamento negli ultimi 12 mesi"Quindi il 42.5% di chi compra smartphone non sa neanche cosa compra
    • Il Principe scrive:
      Re: assurdo
      - Scritto da: Claudio
      "il 37,5 per cento dei possessori di smartphone o
      tablet ha scaricato applicazioni gratuite o a
      pagamento negli ultimi 12
      mesi"

      Quindi il 42.5% di chi compra smartphone non sa
      neanche cosa
      compraIn realtà la statistica dovrebbe far riferimento all'OS degli smartphone in gioco. Credo sia abbastanza improbabile che un utente con un iPhone non sappia cosa significhi scaricare un'app . Al contrario lo vedo molto probabile per tutte quelle mamme con i cellulari da 100 Android che si vedono in giro.Il Principe
      • Funz scrive:
        Re: assurdo
        - Scritto da: Il Principe
        - Scritto da: Claudio

        "il 37,5 per cento dei possessori di
        smartphone
        o

        tablet ha scaricato applicazioni gratuite o a

        pagamento negli ultimi 12

        mesi"



        Quindi il 42.5% di chi compra smartphone non
        sa

        neanche cosa

        compra

        In realtà la statistica dovrebbe far riferimento
        all'OS degli smartphone in gioco. Credo sia
        abbastanza improbabile che un utente con un
        iPhone non sappia cosa significhi scaricare
        un'app . Al contrario lo vedo molto probabile per
        tutte quelle mamme con i cellulari da 100
        Android che si vedono in
        giro.Tu credi quello che ti va di credere.Io direi piuttosto che queste statistiche sono tutte sballate...
    • Lord Kap scrive:
      Re: assurdo
      - Scritto da: Claudio
      "il 37,5 per cento dei possessori di smartphone o
      tablet ha scaricato applicazioni gratuite o a
      pagamento negli ultimi 12
      mesi"

      Quindi il 42.5% di chi compra smartphone non sa
      neanche cosa
      compraMah, devo dire che se fanno come me può anche starci. Nel senso: io ho scaricato una decina di app per il mio Android appena comprato il cellulare ma da allora non ho più scaricato niente perché non mi servivano. Probabile che non ne scaricherò altre anche se bisogna capire se questa statistica ha anche a che fare con gli aggiornamenti di quelle scaricate.
Chiudi i commenti