PayPal ha un triangolo contro Square

Presentato il nuovo servizio per i pagamenti fisici della controllata di eBay. Basse commissioni, più paesi della concorrenza

Roma – PayPal ha presentato un suo servizio per i pagamenti fisici: si chiama PayPal Here e offrirà alle aziende la possibilità di accettare un nuovo tipo di pagamento che comprende anche i crediti PayPal.


Paypal Here Si basa su un supporto hardware per strisciare le carte di credito più utilizzate: un lettore di carte dall’aspetto triangolare, che si collega al jack audio di uno smartphone e interagisce con i dispositivo tramite un’app ad hoc gratuita (come il dispositivo) sia per iOS che per Android. Il lettore impiega un sistema di cifratura dei dati della carta in modo tale da ridurre al minimo i rischi di frodi nel corso della transazione; l’app permette invece di scegliere i sistema di autenticazione (compresa la firma direttamente sul touch screen) e l’opzione, per esempio, di ricevere la ricevuta online o via SMS.

È possibile effettuare pagamenti tramite Visa, MasterCard, American Express, Discover, assegni o credito PayPal. Tutti con una commissione del 2,7 per cento, che con lo sconto dell’1 per cento che hanno gli utenti PayPal, diventa di appena l’1,7 per cento.

In attesa dello sviluppo di soluzioni diverse per il pagamento via app (come l’impiego della tecnologia NFC da parte, tra gli altri, di Google), con il nuovo servizio PayPal entra in competizione diretta soprattutto con Square, che già offre un meccanismo di pagamento con lettore gratuito e gestione via app, ma che tuttavia che non riesce a garantire una commissione pari a quella di PayPal.

PayPal Here, per il momento, sarà disponibile solo negli Stati Uniti, ad Honk Kong e in Australia. Ma in poche settimane è atteso l’esordio anche negli altri Paesi: PayPal, d’altronde, parla del nuovo servizio come di un metodo per espandere il più possibile il suo circuito di pagamento.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Viva il CEPU
    Inutile dirvi dove si trova ora un noto forum ispirato ad un navigatore genovese che era stato chiuso l'anno scorso da un tizio che solo grazie al CEPU era riuscito a superare il difficilissimo esame di diritto internazionale... tuttavia mantenendo nel suo subconscio l'intima convinzione che l'Italia abbia giurisdizione sull'intero pianeta e su tutti gli abitanti e residenti anche degli altri Paesi...:Phttp://i2phelp.blogspot.com
  • cannolo scrive:
    giusto
    Visto che tutti dicono che questi servizi vengono usati per cose legali e non per piratare la sentenza non fà che mettere ordine, imporre i controlli è giusto, questi servizi sono legittimi fintantoche non incentivano i pirati, altrimenti vanno chiusi come megauplaod.
  • cannolo scrive:
    giusto
    Visto che tutti dicono che questi servizi vengono usati per cose legali e non per piratare la sentenza non fà che mettere ordine, imporre i controlli è giusto, questi servizi sono legittimi fintantoche non incentivano i pirati, altrimenti vanno chiusi come megauplaod.
    • Sgabbio scrive:
      Re: giusto
      - Scritto da: cannolo
      Visto che tutti dicono che questi servizi vengono
      usati per cose legali e non per piratare la
      sentenza non fà che mettere ordine, imporre i
      controlli è giusto, questi servizi sono legittimi
      fintantoche non incentivano i pirati, altrimenti
      vanno chiusi come
      megauplaod.megaupload incentivava, cosa ? :D
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: giusto
      Peccato che tali controlli sono semplicemente impossibili. Il copyright non ha senso, con la tecnologia attuale. E chi faceva un lavoro legato al copyright dovrebbe decidersi a cambiare... o a patire la fame. E non resta più molto tempo per farlo.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: giusto
      - Scritto da: cannolo
      Visto che tutti dicono che questi servizi vengono
      usati per cose legali e non per piratare la
      sentenza non fà che mettere ordine, imporre i
      controlli è giusto, questi servizi sono legittimi
      fintantoche non incentivano i pirati, altrimenti
      vanno chiusi come
      megauplaod.Su megaupload si scambiavano 800'000 file al secondo. Ho controllato su distrowatch, è il numero attuale di distro Linux.
    • prova123 scrive:
      Re: giusto
      Aggiungo che allo stesso modo i telefoni sono utilizzati dalla criminalità per ordinare omicidi, truffe e rapine, gestire la prostituzione e lo spaccio di droga. Di conseguenza si dovrebbe obbligare tutti i fornitori dei servizi di telefonia a controllare tutte le telefonate/SMS e bloccare le telefonate sospette informando le forze di polizia. Inoltre dovrebbero bloccare la linea a questi indivisui e non fornire contratti di telefonia a chi ha la fedina penale sXXXXX.
      • Basta Pirateria scrive:
        Re: giusto
        - Scritto da: prova123
        Aggiungo che allo stesso modo i telefoni sono
        utilizzati dalla criminalità per ordinare
        omicidi, truffe e rapine, gestire la
        prostituzione e lo spaccio di droga. Di
        conseguenza si dovrebbe obbligare tutti i
        fornitori dei servizi di telefonia a controllare
        tutte le telefonate/SMS e bloccare le telefonate
        sospette informando le forze di polizia. Inoltre
        dovrebbero bloccare la linea a questi indivisui e
        non fornire contratti di telefonia a chi ha la
        fedina penale
        sXXXXX.Mai sentito parlare di intercettazioni?
        • prova123 scrive:
          Re: giusto
          Esempio pratico: Polansky non è stato estradato negli U.S.A per il reato di pedofilia. Il ragazzo inglese sarà estradato per link a siti di hosting... sono sempre gli U.S.A ...
          • panda rossa scrive:
            Re: giusto
            - Scritto da: prova123
            Esempio pratico: Polansky non è stato estradato
            negli U.S.A per il reato di pedofilia. Il ragazzo
            inglese sarà estradato per link a siti di
            hosting... sono sempre gli U.S.A
            ...Si, certo!Polansky e' pro major, per questo non e' stato estradato.
    • Mesta Astanteria scrive:
      Re: giusto
      Anche se non condivido chi sostiene la copia abusiva (il termine pirateria mi fa venire l'orchite da quanto è fuori luogo), sai benissimo che il controllo preventivo di ogni file caricato non può essere svolto con precisione in modo automatizzato: serve necessariamente una persona che analizzi, legga, veda e ascolti _ogni_ singolo caricamento.Ciò pone due evidenti problemi:1) la sicura violazione di riservatezza: nessun documento sarà mai confidenziale o per una stretta cerchia;2) l'omino che fa tutto manualmente volta per volta lo paghi tu?
      • prova123 scrive:
        Re: giusto
        Di fatto si, in quanto questa organizzazione porta ad aumentare i costi. Se il prezzo fosse giusto (come lo è stato per un periodo 19.90) chi acquista considera equo il compenso, molte meno persone stanno a scaricare, gli irriducibili essendo tali non possono essere considerati potenziali clienti in quanto al più non lo comprerebbero. Ma in questo modo si recuperano i clienti che sono stati persi da quando i prezzi sono schizzati a 50/70 euro. Risvolto positivo è anche che non bisogna pagare i guardiani.... La pirateria è l'effetto di una distorsione del mercato generata da una cattiva gestione dei prezzi alla luce della realtà delle nuove tecnologie.
  • Sgabbio scrive:
    Rapidshare
    Rapidshare e uno dei 2 servizi di file hosting, che non si è fatta prendere dalla schizzofrenia dopo quelli che è sucXXXXX a megaupload (il secondo e mediafire).Va detto che sto servizio fa cose molto assurde, come azzoppare i download a 30Kb/s se non ti fai il premium e idiozie simili.Del resto sta storia riguardante questa notizia non mi è chiara... come diavolo farebbe a monitorare il monitorabile? Lo sanno che molto spesso usano file rar con nomi diversi protetti da pass ?Per non parlare di file rar che contengono file divisi in tanti rar ?Mah...
    • ThEnOra scrive:
      Re: Rapidshare
      - Scritto da: Sgabbio
      Rapidshare e uno dei 2 servizi di file hosting,
      che non si è fatta prendere dalla schizzofrenia
      dopo quelli che è sucXXXXX a megaupload (il
      secondo e
      mediafire).Beh... stanno anche in Svizzera.
      Va detto che sto servizio fa cose molto assurde,
      come azzoppare i download a 30Kb/s se non ti fai
      il premium e idiozie
      simili.Dai, non fare finta di non conoscere come funzionano questi servizi!
      Del resto sta storia riguardante questa notizia
      non mi è chiara... come diavolo farebbe a
      monitorare il monitorabile? Lo sanno che molto
      spesso usano file rar con nomi diversi protetti
      da pass
      ?Credo anch'io che non si tratti di "filtri preventivi".Mi pare assai improbabile, anche tecnicamente.
      Per non parlare di file rar che contengono file
      divisi in tanti rar
      ?
      Mah...Appunto. Ottimo esempio.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Rapidshare
        - Scritto da: ThEnOra

        Beh... stanno anche in Svizzera.Quindi ?

        Dai, non fare finta di non conoscere come
        funzionano questi
        servizi!Rapidshare se permetti lo conosco pochissimo e lo uso altrettanto pochissimo. Tutte le volte che lo usavo non avevo problemi di questo limite di banda.

        Credo anch'io che non si tratti di "filtri
        preventivi".
        Mi pare assai improbabile, anche tecnicamente.Anche un controllo DOPO diventa improponibile, sopratutto se si usa sto sistema.

        Appunto. Ottimo esempio.Alla fine non si può pretendere che Rapidshare e affini si mettano a far controlli preventivi o mettano su sistemi che hanno un tasso di "FAIL" elevati :DSinceramente major e compagna pretendonmo l'impossibile.
        • ThEnOra scrive:
          Re: Rapidshare
          Beh, se si riuscisse a farlo sarebbe un altro passo avanti, in termini di tecnologia... no? :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rapidshare
            - Scritto da: ThEnOra
            Beh, se si riuscisse a farlo sarebbe un altro
            passo avanti, in termini di tecnologia...
            no?
            :DE al quanto improbabile, i falsi positivi sarebbero troppi.
      • panda rossa scrive:
        Re: Rapidshare
        - Scritto da: ThEnOra

        Dai, non fare finta di non conoscere come
        funzionano questi
        servizi!Proprio perche' sappiamo come funzionano ci chiediamo come facciano a controllare.

        Per non parlare di file rar che contengono
        file

        divisi in tanti rar

        ?

        Mah...

        Appunto. Ottimo esempio.Ecco. Prendiamo questo esempio.Come fanno?Visto che sappiamo benissimo che la roba viaggia codificata in questa maniera, come fanno a controllare?Il buon senso vorrebbe che, vista l'impossibilita' di effettuare qualsivoglia controllo, dichiarassero apertamente che non verra' effettuato alcun controllo.
        • ThEnOra scrive:
          Re: Rapidshare
          Pensandoci si potrebbe.Come? Basta pensare ai file distribuiti via sourceforge, i cui autori pubblicano l'hash del file, così l'utente può essere, più o meno, certo dell'origine del file.Chi vuole continuare? Su, che ci arrivate.
          • panda rossa scrive:
            Re: Rapidshare
            - Scritto da: ThEnOra
            Pensandoci si potrebbe.

            Come? Basta pensare ai file distribuiti via
            sourceforge, i cui autori pubblicano l'hash del
            file, così l'utente può essere, più o meno, certo
            dell'origine del
            file.

            Chi vuole continuare? Su, che ci arrivate.Non lo so.Continua tu.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Rapidshare
            Eddai! Il secondo neuorone fallo lavorare! Così potrai dire di esser "DUAL-CORE" hihihi :p
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rapidshare
            Guarda che la tua possibile conclusione ti è stata smentita spiegandoti anche il perchè
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Rapidshare

            Come? Basta pensare ai file distribuiti via
            sourceforge, i cui autori pubblicano l'hash del
            file, così l'utente può essere, più o meno, certo
            dell'origine del
            file.Calma: su sourceforge, devi fornire una prova positiva (l'hash permette di dirti <b
            cosa è </b
            un certo file).Qui, invece, si parla di una prova negativa: devi dimostrare <b
            cosa non è </b
            un file... e questo non è possibile.Basta modificare un solo bit, e l'hash risulta diverso.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rapidshare
            - Scritto da: ThEnOra
            Pensandoci si potrebbe.

            Come? Basta pensare ai file distribuiti via
            sourceforge, i cui autori pubblicano l'hash del
            file, così l'utente può essere, più o meno, certo
            dell'origine del
            file.

            Chi vuole continuare? Su, che ci arrivate.ma se io carico un file compresso dentro un RAR, HASH cambia...
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Rapidshare
            - Scritto da: ThEnOra
            Pensandoci si potrebbe.

            Come? Basta pensare ai file distribuiti via
            sourceforge, i cui autori pubblicano l'hash del
            file, così l'utente può essere, più o meno, certo
            dell'origine del file.

            Chi vuole continuare? Su, che ci arrivate.A parte che puoi avere l'hash prima solo con i software (e comunque basta comprimerli, come ti han detto, e non ti servono più a niente) ma come fai ad avere l'hash di un video o di un audio? Un MKV o un AVI non sono mica uguali al DVD/BR di partenza. E no, non c'è modo di calcolarli neppure sapendo a priori i parametri con cui verranno codificati. Prova a fare due volte l'encoding con gli stessi parametri, ti verranno fuori due file diversi, perlomeno come hash, ma spesso anche come dimensione (di poco). Esiste una certa entropia che non si può calcolare.Coi file audio è più facile ma anche lì basta che metto una virgola nell'ID3 o che uso MP3Gain per equalizzarlo che non sarà più come prima.
          • Mesta Astanteria scrive:
            Re: Rapidshare
            D'accordo, ma parti dal presupposto sbagliato: sai meglio di me che a seconda delle caratteristiche usate (codec, parametri di encoding, qualità visiva e uditiva, ecc...) il file della p.es. canzonetta cambierà di contenuto e dimensione e quindi anche l'hash ...
        • Basta Pirateria scrive:
          Re: Rapidshare
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: ThEnOra




          Dai, non fare finta di non conoscere come

          funzionano questi

          servizi!

          Proprio perche' sappiamo come funzionano ci
          chiediamo come facciano a
          controllare.



          Per non parlare di file rar che
          contengono

          file


          divisi in tanti rar


          ?


          Mah...



          Appunto. Ottimo esempio.

          Ecco. Prendiamo questo esempio.
          Come fanno?
          Visto che sappiamo benissimo che la roba viaggia
          codificata in questa maniera, come fanno a
          controllare?

          Il buon senso vorrebbe che, vista
          l'impossibilita' di effettuare qualsivoglia
          controllo, dichiarassero apertamente che non
          verra' effettuato alcun
          controllo.Potrebbero - ad esempio - verificare i file che vengono scaricati più di tot-volte. Dopo tutto più un file viene scaricato, maggiori dovrebbero essere gli entroiti del sito che hosta tale file, e direttamente proporzionale sarebbe il maggiore controllo esercitato su quei contenuti.Il resto potrebbe essere prevedere dei controlli a campione, oltre chiaramente alle segnalazioni.Tutto questo, con una politica di ban degli account che si "macchiano" di comportamenti illeciti, potrebbe arginare discretamente il fenomeno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Rapidshare
            E come fai a controllare quante volte un file viene scaricato, se non sei in grado di riconoscere tale file?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rapidshare
            - Scritto da: Basta Pirateria


            Potrebbero - ad esempio - verificare i file che
            vengono scaricati più di tot-volte. Dopo tutto
            più un file viene scaricato, maggiori dovrebbero
            essere gli entroiti del sito che hosta tale file,
            e direttamente proporzionale sarebbe il maggiore
            controllo esercitato su quei
            contenuti.Come ho detto sopra, se il file compresso ha un nome "diverso" e/o con una password, la vedo duretta fare un controllo, sopratutto accurato.

            Il resto potrebbe essere prevedere dei controlli
            a campione, oltre chiaramente alle
            segnalazioni.In teoria i file hosting non sarebbe tenunto a far controlli a campione, ma le segnalazioni già le fanno.
            Tutto questo, con una politica di ban degli
            account che si "macchiano" di comportamenti
            illeciti, potrebbe arginare discretamente il
            fenomeno.Megaupload faceva il ban su chi faceva ste cose (che stano, eh?)Considera che molti di questi servizi possono essere usati senza essere registrati... :D
Chiudi i commenti