PayPal rimedierà alla tendina fallata

Un menù a tendina impedisce ad alcuni utenti di concludere una transazione. Buone nuove da PayPal Italia: il bug sarà sistemato con l'aggiornamento previsto entro sera

Roma – Dalla rete rumoreggia una frotta di utenti PayPal: lamentano un bug che ostacola la possibilità di concludere affari tra utenti localizzati in due paesi diversi: sarebbe un menù a tendina a creare il problema che impedisce di concludere le transazioni.

Nel momento in cui un utente inserisce le informazioni personali, PayPal richiede in primo luogo che indichi il paese dal quale effettuerà il pagamento. Vani i tentativi dei netizen di selezionare la propria localizzazione, al momento di fornire i propri dettagli relativi al pagamento da corrispondere ad un fornitore di servizi statunitense: il menù a tendina non sembra ammettere altro che la localizzazione negli Stati Uniti.

Quel che appare un disservizio che ha interessato una ridotta percentuale di utenti, perdura a fasi alterne da una decina di giorni, senza che PayPal abbia trovato una soluzione.

Un riscontro da parte dell’azienda ha fatto capolino sul blog degli sviluppatori, che imputano l’apertura della falla all’aggiornamento del 15 maggio, update che aveva creato qualche problema anche al sistema di notifica immediata del pagamento, bug prontamente sanato nei giorni scorsi. Gli utenti però si sentono abbandonati e c’è chi tenta di pungolare PayPal con delle provocazioni .

Punto Informatico ha contattato la divisione italiana dell’azienda: il problema, hanno spiegato i responsabili italiani, sembra essere stato riscontrato da un numero esiguo di utenti italiani e il team tecnico prevede di risolverlo con l’aggiornamento previsto per la serata di oggi. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco scrive:
    dna delle immagini
    al massimo si finirà per assegnare una sorta di dna alle immagini... secondo me un'impresa che non vale la spesa
    • chojin scrive:
      Re: dna delle immagini
      - Scritto da: Francesco
      al massimo si finirà per assegnare una sorta di
      dna alle immagini... secondo me un'impresa che
      non vale la
      spesaNulla di nuovo. Esiste già. Vi sono varie tecniche di watermarking legate alle tecnologie DRM che permettono di marchiare non solo un'immagine ma anche i vari strati in cui può essere suddivisa ai vari livelli di definizione dati dall'aggiunta delle alte frequenze in una versione multi-risoluzione.
  • Claudio scrive:
    i due mondi...
    lavori come questo si basano sulla filosofia googliana... piu' dati hai piu preciso sei ! le possibili foti se ci pensate non sono infinite! su questi numeri trovi sicuramente una che ci somiglia e ha lo stesso oggetto dentro e... il gioco e' fatto!dall'altra parte ci sono le vere tecniche di AI che tentano di capire come il fenomeno funziona e sfruttare concetti matematici per risolverlo ma per ora...1-0 per google! non sarebbe cosi potente se non avesse i suoi miliardi di dati!ciao
  • toOl scrive:
    Grande Valerio
    Sempre ottimi spunti che vengono dal mondo della ricerca.
  • lupus in fabula scrive:
    tante belle immaginette e...
    quel sito è pieno di piccole immagini porno, in un rapido cliccaggio ne ho beccate 2!gira e rigira, prima o poi tutto passa da lì XD
    • 0verture scrive:
      Re: tante belle immaginette e...
      Gli metti una thumb di una patatina (fritta) e lui capisce patatina l'altra...Gli fai rifare la ricerca ed esce Patatini di mai dire :D
  • MisterEmme scrive:
    1024 bit o punti?
    Bastano 1024 bit, come dichiarato nel primo paragrafo, o 1024 pixel come scritto piu' in la' nell'articolo?
    • bubba scrive:
      Re: 1024 bit o punti?
      - Scritto da: MisterEmme
      Bastano 1024 bit, come dichiarato nel primo
      paragrafo, o 1024 pixel come scritto piu' in la'
      nell'articolo?bella domanda. anche l'articolo su web.mit.edu e' poco chiaro. Su http://people.csail.mit.edu risulta chiaro che parli di un thumbnail di 32x32 pixel, MA non si capisce la profondita' (depth/n.di bitplane). Ci sarebbe da leggere il .PDF :)
  • chojin scrive:
    Omettono la soglia di funzionamento...
    ... perchè ovviamente non è che stanno inventando veramente nulla di avveniristico. Questa non è un'invenzione, ciò di cui parlano esiste da anni ed anni nell'industria ed il riconoscimento possono anche farlo con intelligenza artificiale ma non sarà mai preciso davvero nè paragonabile ad una scelta fatta da un umano. Perchè possa essere una scelta del genere il software dovrebbe essere al pari di un chip neurale tipo la serie Terminator... Le immagini in pochi bit sono per forza di cose degradate a livelli infimi e la precisione dei vettori che si possono calcolare è mediocre nel migliore dei casi, quindi il margine d'errore per qualsiasi software che non sia senziente è altissimo e con un potere decisionale basato su semplici condizioni e nessuna intelligenza reale o simulata il riconoscimento diventa estremamente impreciso.
    • CiccioBello scrive:
      Re: Omettono la soglia di funzionamento...
      - Scritto da: chojin
      ... perchè ovviamente non è che stanno inventando
      veramente nulla di avveniristico. Questa non è
      un'invenzione, ciò di cui parlano esiste da anni
      ed anni nell'industria ed il riconoscimento
      possono anche farlo con intelligenza artificiale
      ma non sarà mai preciso davvero nè paragonabile
      ad una scelta fatta da un umano.Da anni? Il riconoscimento di immagini così degradate? Ma da quale pianeta vieni?Che poi non sia paragonabile ad una scelta da un umano hai ragione... a vedere il sito il riconoscimento digitale è anni luce avanti a quello umano!
      Perchè possa essere una scelta del genere il
      software dovrebbe essere al pari di un chip
      neurale tipo la serie Terminator... Le immagini
      in pochi bit sono per forza di cose degradate a
      livelli infimi e la precisione dei vettori che si
      possono calcolare è mediocre nel migliore dei
      casi, quindi il margine d'errore per qualsiasi
      software che non sia senziente è altissimo e con
      un potere decisionale basato su semplici
      condizioni e nessuna intelligenza reale o
      simulata il riconoscimento diventa estremamente
      impreciso.Hanno fatto uno studio che dimostra l'esatto contrario di quello che dici .Ma forse non hai nemmeno letto l'articolo per intero... figurarsi andare a dare una "sbirciatina" al sito :D
      • chojin scrive:
        Re: Omettono la soglia di funzionamento...
        - Scritto da: CiccioBello
        - Scritto da: chojin

        ... perchè ovviamente non è che stanno
        inventando

        veramente nulla di avveniristico. Questa non è

        un'invenzione, ciò di cui parlano esiste da anni

        ed anni nell'industria ed il riconoscimento

        possono anche farlo con intelligenza artificiale

        ma non sarà mai preciso davvero nè paragonabile

        ad una scelta fatta da un umano.

        Da anni? Il riconoscimento di immagini così
        degradate? Ma da quale pianeta
        vieni?
        Che poi non sia paragonabile ad una scelta da un
        umano hai ragione... a vedere il sito il
        riconoscimento digitale è anni luce avanti a
        quello
        umano!


        Perchè possa essere una scelta del genere il

        software dovrebbe essere al pari di un chip

        neurale tipo la serie Terminator... Le immagini

        in pochi bit sono per forza di cose degradate a

        livelli infimi e la precisione dei vettori che
        si

        possono calcolare è mediocre nel migliore dei

        casi, quindi il margine d'errore per qualsiasi

        software che non sia senziente è altissimo e
        con

        un potere decisionale basato su semplici

        condizioni e nessuna intelligenza reale o

        simulata il riconoscimento diventa estremamente

        impreciso.

        Hanno fatto uno studio che dimostra l'esatto
        contrario di quello che
        dici .

        Ma forse non hai nemmeno letto l'articolo per
        intero... figurarsi andare a dare una
        "sbirciatina" al sito
        :DForse tu non hai idea di che parli e non comprendi la complessità della questione... ?
      • grandecamme llo scrive:
        Re: Omettono la soglia di funzionamento...
        ti posso assicurare che il riconoscimento digitale è anni luce indietro rispetto alla capacità di un bambino di tre anni di riconoscere gli animali nascosti in una fotografia. chi lavora su argomenti di visione artificiale e pattern recognition si scontra tutti i giorni con le difficoltà derivanti dal gap fra la "banalità" con cui gli uomini riconoscono immagini e la difficoltà di implementare metodi generali che consentano di interpretare immagini altrettanto generiche.ho fatto una tesi sul riconoscimento delle targhw automobilistiche in immagini in bianco e nero, lavorato sul riconoscimento in tempo reale dei segnali stradali e attualmente cerco di far capire ad uno stupido nec sx-6 come individuare le vene in un'immagine angiografica. già tra il bianco e nero e il colore c'è un abisso per le macchine, cosa che nonn avviene per noi esseri umani.dalle mie parti si direbbe LASSA STA (trad: lascia stare), la visione artificiale ha ancora moltissima strada da fare prima di andare anni luce davanti agli esseri vienti (se mai ci andrà).
  • 0verture scrive:
    Se funziona sarà veramente magnifica
    Veramente una gran cosa
    • Franco scrive:
      Re: Se funziona sarà veramente magnifica
      - Scritto da: 0verture
      Veramente una gran cosaOh,vedi che è gia la seconda volta in 2 giorni che son daccordo con te!e che caspita!io voglio opposizione dura!!!
Chiudi i commenti