PC Dell con backup continuo

L'azienda Texana vuole semplificare la vita dei suoi consumatori e presenta l'optional RAID


Round Rock (Texas) ? Dell annuncia un sistema per semplificare la vita agli utenti distratti o un po’ sfortunati. Per prevenire i problemi dovuti all’erronea cancellazione di dati importanti o all’improvvisa rottura del disco fisso, e la conseguente perdita di tutto quello che vi è archiviato al suo interno, l’azienda texana propone l’opzione DataSafe.

DataSafe sarà disponibile, opzionalmente, da novembre sulle macchine desktop Dell Dimension E310 e E510 e XPS 400. Per 99 dollari in più, l’utente potrà decidere di farsi installare un secondo disco da 80 GB, o uno di dimensioni maggiori ad un prezzo maggiore, che salvi tutti i dati contenuti nell’hard disk principale in modo automatico.

Il principio sul quale si basa il DataSafe è quello del RAID (Redundant Array of Independent Disks), e più precisamente il RAID 1, definito anche mirroring, nel quale vi è una duplicazione dei dati da un hard disk all’altro. In caso di guasto di un disco, il RAID 1 procede con la ricostruzione automatica dell’array su nuovo disco evitando la perdita di dati.

Nonostante sia possibile per l’utente armarsi di pazienza e buona volontà per montare un RAID adatto alle sue esigenze, Dell fa sua l’idea secondo la quale al cliente deve essere facilitato il lavoro.

Assieme al RAID, DataSafe fornisce anche software diagnostici per monitorare la salute del disco.

Dario Panzeri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    programmatori open source partecipate
    la stragrande maggioranza dei programmi open source se ne fregano dell'usabilità o copiano le interfacce dei programmi commerciali. Sono veramente pochi i prodotti user friendly (a cominciare proprio dal sistema operativo linux non proprio amichevole)
    • Anonimo scrive:
      Re: programmatori open source partecipat
      - Scritto da: Anonimo
      la stragrande maggioranza dei programmi open
      source se ne fregano dell'usabilità o copiano le
      interfacce dei programmi commerciali.
      Sono veramente pochi i prodotti user friendly (a
      cominciare proprio dal sistema operativo linux
      non proprio amichevole)firmo la petizione per sensibilizzarli al volo
    • Anonimo scrive:
      Re: programmatori open source partecipat
      Il linaro è maniacoCaso classico: Ha KDE ApertoDeve fare una cartella[potrebbe fare: tasto destro, crea, nuova cartella](invece)Cerca l'icona del terminaleCi clicca sopracd Desktopmkdir nomecartella :$ E la cosa tragica è che ci gode a cercare la via difficile (notare, nel momento in cui vede apparire l'icona della cartella sulla Desktop il sorrisino orgasmico che gli riempie la faccia)Deve scrivere un file di testo, ha per le mani 50 editor (li ha installati lui, mica babbo natale) ma no... di nuovo... terminale... vi... e vai di sfaso a trovare il tasto per editare la riga (e andare a capo con "invio") o aggiungerla (perchè cambia il concetto, ricordate... non è l'utilità per l'utente ciò che conta ma il concetto, sono due cose diverse quindi ci vogliono due comandi diversi)
      • Anonimo scrive:
        Re: programmatori open source partecipat
        - Scritto da: Anonimo
        Il linaro è maniaco

        Caso classico:

        Ha KDE Aperto
        Deve fare una cartella

        [potrebbe fare: tasto destro, crea, nuova
        cartella]

        (invece)

        Cerca l'icona del terminale
        Ci clicca sopra
        cd Desktop
        mkdir nomecartella

        :$ Ma ti pagano un tanto a stronzata oppure è forfettario ?
        • Anonimo scrive:
          Re: programmatori open source partecipat
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Il linaro è maniaco



          Caso classico:



          Ha KDE Aperto

          Deve fare una cartella



          [potrebbe fare: tasto destro, crea, nuova

          cartella]



          (invece)



          Cerca l'icona del terminale

          Ci clicca sopra

          cd Desktop

          mkdir nomecartella



          :$

          Ma ti pagano un tanto a stronzata oppure è
          forfettario ?lui non fa mica il fuffettaro come te.diccelo tu?e gratis nel senso della birra per ogni stronzata o è forfettario?
    • Anonimo scrive:
      Re: programmatori open source partecipat
      ad ora sono tutti occupati a dimostrare in altri post che l'uso dell'oss allunga la vita.troppo snob per fare un saltino da queste parti.
      • Anonimo scrive:
        Re: programmatori open source partecipat
        - Scritto da: Anonimo
        ad ora sono tutti occupati a dimostrare in altri
        post che l'uso dell'oss allunga la vita.
        troppo snob per fare un saltino da queste parti.non ti prendera' in considerazione nessuno se continui a scrivere stron*ate
        • Anonimo scrive:
          Re: programmatori open source partecipat
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          ad ora sono tutti occupati a dimostrare in altri

          post che l'uso dell'oss allunga la vita.

          troppo snob per fare un saltino da queste parti.


          non ti prendera' in considerazione nessuno se
          continui a scrivere stron*atel'educazione deve essere parte integrante dell'usabilità dell'oss....infatti a te mancano tutti e due.7/8 dei post di pi sono stronzate degli open sorcari che vogliono evangelizzare il mondo...se non si fanno vedere da queste parti è perchè non hanno argomentazioni proprio come te!
Chiudi i commenti