Pedoporno online, 3 arresti in Italia

Detenzione e diffusione di materiali di pornografia infantile: questa l'accusa piovuta sul capo di 3 arrestati. Altri 51 sono indagati per reati analoghi. L'operazione scattata ieri rientra nella seconda fase del round internazionale Max

Roma – Si chiama Max2 l’operazione contro la produzione e lo spaccio di pornografia minorile su Internet che ieri alle prime luci dell’alba si è concretizzata, in Italia, in una serie di blitz e perquisizioni in tutto il paese. Coordinatisi con gli ispettori dell’Interpol e i colleghi tedeschi, gli agenti della Polizia Postale si sono presentati in decine di abitazioni, finendo per arrestare tre persone e per denunciarne altre 51 all’autorità giudiziaria.

Max La prima operazione Max , come ricorderanno i lettori di Punto Informatico , era stata lanciata lo scorso maggio e aveva portato all’apertura di indagini su 53 persone, anche in quel caso, come in questo, localizzate più o meno su tutto il territorio italiano.

Anche in quel caso si è trattato di una indagine con molte implicazioni internazionali , come accade costantemente nelle inchieste contro la diffusione di pedopornografia online, materiale che come tutto ciò che circola su Internet gira senza certo curarsi della geografia politica. Dunque un’operazione che coinvolge il lavoro di cybercop di diversi paesi e che con Max2 dovrebbe poter essere considerata conclusa.

Se la prima operazione era partita da un video illegale che circolava in rete, ora si parla del materiale video e fotografico diverso, contenuto su supporti ottici, computer e altri dispositivi sottoposti a sequestro. In entrambi i casi la segnalazione da cui è partita l’indagine è arrivata dall’associazione Meter di Don Fortunato di Noto.

Le forze dell’ordine hanno ieri confermato che sono moltissimi gli indagati anche all’estero, si parla di 2600 persone : come i denunciati italiani, sono persone che si ritiene abbiano avuto accesso talvolta a grandi quantità di materiali pedopornografici. Si tratta, perlopiù, di detentori di contenuti vietati , individuati a partire proprio dalla prima indagine su quel video, grazie ai riscontri che in questi mesi sono stati cercati e trovati con l’ausilio dei cybercop tedeschi.

don Fortunato Secondo lo stesso Di Noto (nella foto al TrinacriaCamp), durante la perquisizione compiuta dalla polizia postale nei locali dei tre arrestati “sono stati sequestrati migliaia di filmini che riproducevano abusi sessuali su bambini di 5 o 6 anni”. “Detenere materiale, divulgarlo e produrlo – ha dichiarato Di Noto – è non solo penalmente, ma anche moralmente grave e inaccettabile”. A suo dire la diffusione delle immagini alimenta “il mercato dei bambini”.

I tre arresti di ieri sono stati eseguiti in flagranza di reato ed appare chiaro che per loro, come per alcuni degli altri indagati, i capi di imputazione potrebbero non limitarsi alla detenzione di materiale illegale e invece moltiplicarsi con il successivo esame delle prove . Oltre a computer e dispositivi elettronici, in certi casi si parla di persone che hanno visitato più volte i cosiddetti paesi del “turismo sessuale”: per certe attività all’estero, come noto, la legge prevede delle aggravanti specifiche.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rotfl scrive:
    Complimenti a punto informatico
    Complimenti a Punto Informatico per aver cancellato un messaggio in cui non offendevo nessuno, semplicemente dicevo che ci sono decine di posti migliori di McDonalds in cui andare a mangiare, senza nessuna parolaccia o insulto. Complimenti ancora, tenetevi il vostro sito perche' francamente mi avete davvero seccato. Addio.
  • marto tortio scrive:
    bè visto che siamo in tema....
    vorrei consigliarvi altamente 2 film...- super size me - e - fastfood nation- vi aprirà la mente (sopratutto il primo) fidatevi!!
  • CCC scrive:
    McShit
    quasi quasi la multa è la cosa meno peggio che può capitare a chi mangia un McShit... in ogni caso... un "sistema" aberrante, socialmente pericoloso, direi immorale se non illegale e che se ne strasbatte di una cosina che si chiama "privacy"... comunque il tutto perfettamente in linea con una delle peggiori multinazionali al mondo...McShit... appunto...
    • milione di mosche scrive:
      Re: McShit
      E' vero, c'è a chi piace la mer@a
    • rotfl scrive:
      Re: McShit
      - Scritto da: Anonimo
      I gusti non sono tutti uguali.Si' vabbe'... anche volendo stare nel contesto "hamburger", McDonalds (e tutti le catene di fast food) sono semplicemente orribili per qualita' degli ingredienti, igiene, etc. Vivo in USA e, almeno qui, anche se vuoi prendere un hamburger ci sono posti mille volte migliori di McDonalds. In Italia, poi, magari non ci saranno mille posti dove prendere ottimi hamburger ma con tutti gli ottimi ristoranti e bar che ci sono mi chiedo come faccia uno a preferire McDonalds.
      • Anonimo scrive:
        Re: McShit
        - Scritto da: rotfl
        - Scritto da: Anonimo

        I gusti non sono tutti uguali.

        Si' vabbe'... anche volendo stare nel contesto
        "hamburger", McDonalds (e tutti le catene di fast
        food) sono semplicemente orribili per qualita'
        degli ingredienti, igiene, etc. Vivo in USA e,
        almeno qui, anche se vuoi prendere un hamburger
        ci sono posti mille volte migliori di McDonalds.
        In Italia, poi, magari non ci saranno mille posti
        dove prendere ottimi hamburger ma con tutti gli
        ottimi ristoranti e bar che ci sono mi chiedo
        come faccia uno a preferire
        McDonalds.Neanche a me piace la roba di McDonalds, difficilmente ci vado, evidentemente però la maggior parte della gente non si fa problemi a mangiare quella roba.
    • Lillo scrive:
      Re: McShit
      Primo, lo Stato raccoglie i dati a fini commerciali anche lui. Perché li rivende o li da sottobanco alle lobby più potenti.Secondo, è peggio la raccolta a fini statistici perché mira a impoverire il mercato e l'offerta, mirandola e creando lobbismo. Non troverai mai scontato ciò che le statistiche hanno detto che si vende sempre. Anzi tutto sarà sovrapprezzato e farai fatica a sopravvivere e permetterti sempre meno cose.
      • CCC scrive:
        Re: McShit
        - Scritto da: Lillo
        Primo, lo Stato raccoglie i dati a fini
        commerciali anche lui. non certo formalmente: lo stato non (dovrebbe) è una impresa, la PA non può commerciare...
        Perché li rivende o li da
        sottobanco alle lobby più
        potenti.se li rivende (e lo stato lo fa) non è per commercio (monetario) ma per "commercio" politico (leggi: controllo e coercizione)
        Secondo, è peggio la raccolta a fini statistici
        perché mira a impoverire il mercato e l'offerta,
        mirandola e creando lobbismo. se impoverisse il "mercato" (=sfruttamento, privilegi, ecc.) sarebbe anche una buona cosa!!!
        Non troverai mai
        scontato ciò che le statistiche hanno detto che
        si vende sempre. chi commercia sa bene cosa si vende sempre anche senza statistiche...
        Anzi tutto sarà sovrapprezzato e
        farai fatica a sopravvivere e permetterti sempre
        meno
        cose.magari la si smettesse di cercare di "permettersi" sempre più cose INUTILI... magari la si smettesse di parlare di sviluppo e crescita e si iniziasse a parlare di decrescita, di uguaglianza, di equa distribuzione e accesso alle risorse...insomma, se non fosse chiaro, stato e "impresa" operano in piena e perfetta sinergia con uno scopo comune: mettercela nel c..o: molto (troppo) per pochi(ssimi) e poco (quasi nulla) per tutti (moltissimi) gli altri!!!
  • Categorico scrive:
    Per me non è un problema.
    Da quando hanno cambiato la panatura del pollo fritto sono rimaste solo le patatine fritte che potrebbero attirarmi, ma le posso trovare ovunque. Quei resti di autopsia che chiamano hamburger con quel panaccio dolciastro e inconsistente intorno se li potevano tenere 20 anni fa e se li possono tenere ora.E per poco più di 3 euro mi mangio un kebab che può mandare a nascondersi qualsiasi hamburger, a cominciare da qualità e quantità di carne.
    • poveretto scrive:
      Re: Per me non è un problema.
      - Scritto da: Categorico
      Da quando hanno cambiato la panatura del pollo
      fritto sono rimaste solo le patatine fritte che
      potrebbero attirarmi, ma le posso trovare
      ovunque. Quei resti di autopsia che chiamano
      hamburger con quel panaccio dolciastro e
      inconsistente intorno se li potevano tenere 20
      anni fa e se li possono tenere
      ora.
      E per poco più di 3 euro mi mangio un kebab che
      può mandare a nascondersi qualsiasi hamburger, a
      cominciare da qualità e quantità di
      carne.io mi vado a fare una bella pizza. e non allo spizzico.fratelli la bufala rulez.
      • Categorico scrive:
        Re: Per me non è un problema.
        - Scritto da: poveretto
        - Scritto da: Categorico

        Da quando hanno cambiato la panatura del pollo

        fritto sono rimaste solo le patatine fritte che

        potrebbero attirarmi, ma le posso trovare

        ovunque. Quei resti di autopsia che chiamano

        hamburger con quel panaccio dolciastro e

        inconsistente intorno se li potevano tenere 20

        anni fa e se li possono tenere

        ora.

        E per poco più di 3 euro mi mangio un kebab che

        può mandare a nascondersi qualsiasi hamburger, a

        cominciare da qualità e quantità di

        carne.
        io mi vado a fare una bella pizza. e non allo
        spizzico.
        fratelli la bufala rulez.Anch'io adoro la pizza, però solo se la trovo fatta nel forno a legna e con la base stesa sottilissima, altrimenti mi fa la mappazza e allora il kebab, il sushi e la cucina cinese li digerisco meglio.
        • Categorico scrive:
          Re: Per me non è un problema.
          Ooops! Dimenticavo un piatto essenziale: se vado molto di fretta, un bel pezzo di focaccia genovese fatta a regola d'arte, ben lievitata, ma sottile, ben cotta, croccante e ben oliata fuori, soffice ed elastica (ma non gommosa, la gommosità è un difetto del pane vecchio, l'elasticità è positiva e viene dall'uso di farine di buona qualità) dentro... e un profumo che non si può descrivere....GNAM! :p
      • Stefano scrive:
        Re: Per me non è un problema.
        - Scritto da: poveretto
        io mi vado a fare una bella pizza. e non allo
        spizzico.
        fratelli la bufala rulez.Quoto e sottoscrivo!W i fratelli la bufala!!! :-D
  • Andrea scrive:
    In Italia non funzionerebbe
    Ogni 45 minuti ci sarebbe qualcuno che esce e rientra nel parcheggio!
    • FuSioNmAn scrive:
      Re: In Italia non funzionerebbe
      - Scritto da: Andrea
      Ogni 45 minuti ci sarebbe qualcuno che esce e
      rientra nel
      parcheggio!uahhuahuahu sicuro!
  • Livio scrive:
    Soluzione in Giappone (e altrove)
    Per assicurarsi che il parcheggio sia utilizzato solo dalla clientela, in Giappone i parcheggi di molti negozi e fast food ha na sbarra. Se all'uscita non si inserisce, nell'apparecchio che alza la sbarra, una tessera che si riceve alla cassa con lo scontrino, non si esce.Se invece multi i clienti, non tornano piu' e fanno bene.
    • Gris scrive:
      Re: Soluzione in Giappone (e altrove)
      Anche in Svizzera nei supermercati...
      • CMOTDibbler scrive:
        Re: Soluzione in Giappone (e altrove)
        - Scritto da: Gris
        Anche in Svizzera nei supermercati...Anche in italia, in una nota catena di supermercati.
    • FuSioNmAn scrive:
      Re: Soluzione in Giappone (e altrove)
      Beh mi sembra più che legittimo e corretto il metodo giapponese. Se entri nella mia proprietà privata puoi farlo alle mie condizioni altrimenti o non entri o non esci e poi ce lo chiariamo di persona.Fare multe è stupido e controproducente.C'è anche da dire che ormai siamo all'esasperazione co sti parcheggi!
    • princo pallino scrive:
      Re: Soluzione in Giappone (e altrove)
      - Scritto da: Livio
      Per assicurarsi che il parcheggio sia utilizzato
      solo dalla clientela, in Giappone i parcheggi di
      molti negozi e fast food ha na sbarra. Se
      all'uscita non si inserisce, nell'apparecchio che
      alza la sbarra, una tessera che si riceve alla
      cassa con lo scontrino, non si
      esce.beh allora spera di non dimenticare mai il portafoglio a casa!
    • Lillo scrive:
      Re: Soluzione in Giappone (e altrove)
      La soluzione è semplice. Approfitti a sbafo del parcheggio, poi entri compri un pacchetto di cicche ed esci con la tessera... :)
  • picchiatello scrive:
    Pericoloso
    Quando dei privati si sostituisco a dei pubblici ufficiali c'e' il pericolo che i privati agiscano solo per il proprio tornaconto.In questo caso comuque sarebbe utile al privato cittadino di fare la segnalazione per il camion di carico e scarico se effettivamentesi ferma 45 minuti e agire di conseguenza , oppure segnalare se le disposizioni igeniche dei locali sono da legge, oppure se i bagni sono regolermente puliti .....ecco se succedesse quanto riportato nel nostro paese di buono e' che abbiamo 3 cellulari con fotocamera per ogni avventore del MacDonnalds....e sappiamo come "rompere" se ce ne fosse bisogno...
    • e.l.f. scrive:
      Re: Pericoloso
      L'aspetto "surreale" della vicenda e' l'essere una iniziativa del proprietario del parcheggio che, alla lunga, sara' controproducente per il fast food. E se il colosso della ristorazione decidesse di fare causa?e.l.f.
    • outkid scrive:
      Re: Pericoloso
      i mcdonald sono generalmente dei luoghi impeccabili per quanto riguarda l'aspetto formale..
      • ma..... scrive:
        Re: Pericoloso
        ma totalmente irrispettosi delle norme igieniche, le cassiere che maneggiano il denaro toccano il cibo (vietato dalla legge), quelli che fanno le pulizie si mettono a cucinare senza prima lavarsi le mani (visti io di persona) ecc.
      • Prisco Mazzi scrive:
        Re: Pericoloso
        - Scritto da: outkid
        i mcdonald sono generalmente dei luoghi
        impeccabili per quanto riguarda l'aspetto
        formale..Evidentemente non sei mai dovuto andare in bagno in un mcdonald.
        • poveretto scrive:
          Re: Pericoloso
          - Scritto da: Prisco Mazzi
          - Scritto da: outkid

          i mcdonald sono generalmente dei luoghi

          impeccabili per quanto riguarda l'aspetto

          formale..

          Evidentemente non sei mai dovuto andare in bagno
          in un
          mcdonald.in quelli in cui son stato io era tutto impeccabile, SOPRATTUTTO il bagno, pulito non so ogni quante utenze o ore. credo sia uno standard per i mcdonald.non che ce ne possa essere qualcuno che faccia eccezione..ma io non sono a favore dei mcdonald anzi.. mi fan generalmente schifo ma non ne faccio una questione di religione: mi limito a non andarci.lui parla di ROMPERE le scatole.. ma mi sembra un po' tempo sprecato quando basta non andarci.
          • Mah scrive:
            Re: Pericoloso
            - Scritto da: poveretto
            in quelli in cui son stato io era tutto
            impeccabile, SOPRATTUTTO il bagno, pulito non so
            ogni quante utenze o ore.OK, va bene, ci credo...
            ma io non sono a favore dei mcdonald anzi.. mi
            fan generalmente schifo ma non ne faccio una
            questione di religione: mi limito a non
            andarci...Se non ci vai, come hai fatto a vedere i bagni? OK, non ci credo più! :D
  • Anonimo scrive:
    Tra l'altro pure codardi
    Se qualcuno avesse bussato al finestrino per recapitargli la multa facilmente (a causa dell'elevatissima qualità dei McScarti utilizzati) sarebbe stato svomitato addosso poi pedata sull'acceleratore e vai dentro la vetrina...
Chiudi i commenti