Pegatron, ispezione Apple prima dell'esplosione

A detta degli operai feriti, Cupertino aveva ispezionato l'azienda poco prima dell'incidente. Da allora nuove regole di sicurezza. Risarcimento esiguo per le vittime
A detta degli operai feriti, Cupertino aveva ispezionato l'azienda poco prima dell'incidente. Da allora nuove regole di sicurezza. Risarcimento esiguo per le vittime

Gli ispettori di Apple avrebbero visitato la fabbrica Pegatron di Shangai, dove vengono prodotti alcune delle componenti di iPad, poche ore prima che si verificasse l’esplosione del 2011. Lo hanno affermato ai microfoni di National Public Radio (NPR) 25 operai coinvolti nell’incidente. Nell’ esplosione dello scorso dicembre, rimasero ferite 61 persone . La causa è stata attribuita all’incendio delle apparecchiature che contenevano cumuli di polvere di alluminio .

Gli operai hanno raccontato che a molti di loro era stato ordinato di rimuovere la polvere di alluminio proprio perché ci sarebbero stati i controlli di Apple. Nel corso della visita, Liu Hengchao, uno degli operai feriti, ha notato che gli uomini di Cupertino indossavano dei guanti quando ispezionavano la polvere , ma non gli è stato permesso fare alcuna domanda in quanto gli era stato precedentemente imposto di non interagire con gli ispettori. Terminati i controlli c’è stata l’esplosione: “Ho visto una palla di fuoco che veniva verso di me… ho perso conoscenza per qualche secondo e più tardi, quando ho aperto gli occhi, ho visto dappertutto fuoco e fumo denso – ha dichiarato He Wenwen, un altro operaio ferito – Ho avuto paura, molta paura. Potevo sentire gli altri che urlavano e piangevano”. La parte superiore del viso di Wenwen è gravemente ustionata e nelle stesse condizioni si sono ritrovati molti altri suoi colleghi.

una foto di alcuni dei dipendenti feriti dell'incidente alla pegatron

I lavoratori hanno dichiarato che, durante l’orario di lavoro, dovevano indossare maschere per gli occhi che però non proteggevano le narici che finivano così per riempirsi di polvere. Le finestre erano sigillate e nessuno di loro è stato mai avvertito che la polvere era infiammabile .

A detta degli operai, Apple non ha mai cercato di contattarli. Solo dopo le pressioni di NPR la Mela si è interessata alle loro conmdizioni di salute e ha risarcito i feriti con poco più di 600 euro .

In seguito all’incidente, Apple ha imposto nuove regole ai fornitori che lavorano con materiali infiammabili: dotarsi di un sistema di ventilazione controllato regolarmente, effettuare ispezioni complete per individuare i depositi di polvere metalliche, divieto di utilizzare aria compressa ad alta pressione per le pulizie, tutti gli aspiratori devono essere a prova di esplosivo e gli estintori di tipo D devono essere a portata di mano in caso di incendi dovuti alle polveri metalliche.

Gabriella Tesoro

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 03 2012
Link copiato negli appunti