Per non lasciare che la Rete diventi TV

Il Pacchetto Telecom verrà votato il 31 marzo da due Commissioni del Parlamento Europeo. I netizen si mobilitano per evitare che ghigliottine e filtraggi si abbattano sul capo degli utenti
Il Pacchetto Telecom verrà votato il 31 marzo da due Commissioni del Parlamento Europeo. I netizen si mobilitano per evitare che ghigliottine e filtraggi si abbattano sul capo degli utenti

Una mobilitazione compatta, su scala europea. Per scongiurare gli effetti che il Pacchetto Telecom potrebbe infliggere alla rete, se il Parlamento Europeo dovesse accogliere o respingere delle proposte di emendamento che sono state instillate nel testo in fase di seconda lettura. Saranno votate il 31 marzo: potrebbero aprire la strada ad una rete non neutrale, ad una rete che rischia di assumere i contorni di un servizio di broadcasting.

La responsabilità ricadrà sulle spalle delle commissioni Mercato Interno (IMCO) e Industria, ricerca e energia (ITRE): spetterà loro valutare l’introduzione di disposizioni sfociate in proposte ufficiali sotto la pressione di certa parte dell’industria, spetterà loro decidere riguardo alla direzione che l’Europa imprimerà alla tutela della proprietà intellettuale online.

Si tratta dei cosiddetti emendamenti AT&T : striscia nel testo degli emendamenti la legittimazione a mettere in campo sistemi di gestione del traffico . Sistemi di gestione che potrebbero tradursi in una Internet a due velocità, nella discriminazione di certi protocolli rispetto ad altri. Un emendamento che attenta alla neutralità della rete, che potrebbe agevolare la creazione di alleanze strategiche volte alla prioritizzazione dei contenuti e che potrebbe ripercuotersi sul regime competitivo, sulla libertà dei cittadini delle rete di manifestare la propria creatività, il proprio pensiero. E che potrebbe scoraggiare gli investimenti nell’infrastruttura da parte degli operatori, in grado così di contenere il traffico adattandolo alle risorse che hanno a disposizione.

Sono istanze sostenute altresì da certe parti del Regno Unito, secondo cui la trasparenza da parte degli operatori rispetto alle pratiche di contenimento del traffico dovrebbe sostituirsi al diritto di accesso universale e neutrale rispetto a contenuti e protocolli. I colossi della rete, fra cui Google, Yahoo e Skype, sono intervenuti per dimostrare alle autorità europee che oltre il 90 per cento degli utenti Internet è contrario ad ogni tipo di filtraggio e di discriminazione, che desidera che la rete resti stupida .

Se il Pacchetto Telecom potrebbe trasformare la rete in un oligopolio quasi televisivo, esistono altresì disposizioni che potrebbero agevolare il contenimento dello scambio illegale di contenuti a mezzo di tecnocontrollo sistematico e ghigliottine sulla connessione . La questione verte sull’emendamento 46, precedentemente noto come emendamento 138 e ora classificato come 135 : introdotto e stralciato , poi di nuovo reintrodotto dalla parlamentare europea Catherine Trautmann, dovrebbe garantire ai cittadini della rete l’inalienabilità del diritto alla connessione e dovrebbe sbaragliare di fatto la possibilità di introdurre in Europa la dottrina Sarkozy .

Si tratta di un emendamento oltremodo strattonato, da parte dei netizen e da parte delle istituzioni : la Francia sembra essere tornata alla carica affinché il Parlamento Europeo sgombri il campo dall’emendamento 135 e renda possibile il coinvolgimento dei provider per tagliare fuori dalla rete gli utenti che abusino della propria connettività.

I netizen europei si stanno mobilitando , l’Italia non è da meno : consumatori e accademici , cittadini della rete . Auspicano che le lettere con cui tenteranno di sensibilizzare gli europarlamentari non rimangano inascoltate.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 03 2009
Link copiato negli appunti