Per una notte più tranquilla

Il silenzio assoluto per chi dorme con un ronfatore abituale? Ora è possibile

Roma – Dormire con qualcuno che russa non è il massimo, soprattutto se si ha il sonno leggero e se chi ronfa è in grado di esplorare sonorità sempre più diverse di notte in notte. È come tentare di assopirsi nel bel mezzo di un rave. Che fare? La scienza ha dimostrato che munirsi di tappi è tanto inutile quanto controproducente, così come a nulla servono i vari spray e cerotti nasali. I calcioni a far male sulla rotula possono minare la vita di coppia, quindi meglio lasciar perdere. Proprio quando la speranza sembra ormai persa, corre in aiuto SnorePro .

il gadget

La sua forma è molto simile a quella di un orologio, grazie anche al comodo cinturino e al display. Indossato prima di dormire, il dispositivo – dotato di una particolare tecnologia chiamata Dynamic Snore Detection – è in grado di ascoltare ogni “crescendo”. Una volta udito l’affondo, il dispositivo emette una pulsazione che in teoria dovrebbe far cessare in maniera garbata ma decisa il fracasso.

Al risveglio mattutino, sul display si potrà visualizzare l’intera performance notturna. L’intento, ovviamente, non è quello di totalizzare un punteggio massimo, bensì il contrario. L’intensità della pulsazione è regolabile ad intervalli di tempo: a seconda del livello di training può essere settata ogni tre “colpi” per i ronfatori della domenica, ogni due per quelli amatoriali e ogni colpo per i veri e propri professionisti. L’idea è quella di addomesticare il ronfatore in maniera graduale.

Prodotto dall’azienda statunitense HBIUSA, SnorePro viene venduto ad un pezzo di circa 100 dollari ed è alimentato a batterie. Funzionerà? Difficile a dirsi. Alla peggio, si può cambiare il partner.

HBIUSA

(via Boing Boing Gadget )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo Borghesi scrive:
    La voglia di protagonismo di questo Scan
    mi ricordo ancora quando postava nei newgsroups di informatici verso il 1997-98..un rompi che non vi dico.. sempre a cercare di spiegare l'importanza dell'associazionismo,uno che chiaramante cercava di creare una combriccola di persone..poi per fare che? BE sono passati 10 anni piu' o meno, io ho cambiato paesi , lingue e lauree (notate il plurale) .. me sembra che questo sta sempre la a cercare di farsi conoscere..forse sarebbe ora di lavorare..per la cronaca mi sembra che il tipo sia un impiegatuccio diplomato ( senza nulla togliere agli impiegati & diplomati super rispettabili in confronto) di un comune del nord Italia.,,salutiPaolo
    • Pilerus scrive:
      Re: La voglia di protagonismo di questo Scan
      Concordo pienamente......Questi trovano ancora il tempo per fare seminari e autocelebrarsi.......Spero almeno che le spese (mangiare,dormire,noleggio stand e attrezzature ) se le paghino loro.Per PI ......avete trovato voi la notizia oppure vi è stata l'imbeccata da parte loro per dedicargli questo articolone ??
      • Paolo Borghesi scrive:
        Re: La voglia di protagonismo di questo Scan
        - Scritto da: Pilerus
        Concordo pienamente......
        Questi trovano ancora il tempo per fare seminari
        e
        autocelebrarsi.......
        Spero almeno che le spese
        (mangiare,dormire,noleggio stand e attrezzature )
        se le paghino
        loro.

        Per PI ......avete trovato voi la notizia oppure
        vi è stata l'imbeccata da parte loro per
        dedicargli questo articolone
        ??NO... vogliamo sapere cosa PI ha avuto in cambio :-)))) !!!
  • iwa scrive:
    iwa
    il fatto che non ci sia neanche un commento la dice lunga sull interesse, e sull'utilità, di una cosa come l'IWA...Domandiamoci cosa mai ha fatto l'iwa per noi programmatori/webmaster/etc. Mai sentiti in un'iniziativa pratica o che abbia alcuna utilità.Si sentono in giro solamente quando c'è una nomina, un elenzione, una poltrona...mah.
    • rscano scrive:
      Re: iwa
      - Scritto da: iwa
      il fatto che non ci sia neanche un commento la
      dice lunga sull interesse, e sull'utilità, di una
      cosa come
      l'IWA...
      Domandiamoci cosa mai ha fatto l'iwa per noi
      programmatori/webmaster/etc. Mai sentiti in
      un'iniziativa pratica o che abbia alcuna
      utilità.
      Si sentono in giro solamente quando c'è una
      nomina, un elenzione, una
      poltrona...mah.Se non ne hai mai sentito parlare è un tuo problema di disinformazione :-)Di cose IWA ne ha fatte parecchie.
      • sempre io scrive:
        Re: iwa
        sicuramente. Ma non è che tu aiuti molto...Potresti approfittare di questo spazio per descrivere cosa fate invece che parlare di nomine, poltrone e del fatto che sono disinformato.
        • rscano scrive:
          Re: iwa
          - Scritto da: sempre io
          sicuramente. Ma non è che tu aiuti molto...
          Potresti approfittare di questo spazio per
          descrivere cosa fate invece che parlare di
          nomine, poltrone e del fatto che sono
          disinformato.Descrivere tutto quello che è stato fatto in 10 anni in poche parole è dura: Alcune cose le trovi anche su punto informatico tipo il blocco della creazione di albi/caste, l'intervento per non causare danni al Web con il decreto urbani, per non obbligare il deposito di siti internet privati, supporto a normative come l'accessibilità dei servizi, eventi pubblici gratuiti di divulgazione all'interno di manifestazioni come SMAU, ...
          • sempre io scrive:
            Re: iwa
            ti giuro, il mio intento non è polemico. Se ci fosse una qualche organizzazione che ci aiuta nel lavoro sarebbe utilissimo.Apprendo che gli intenti dell'IWA sono buoni, ma alcune delle vicende da te citate le ho anche seguite sui giornali e non mi pare di aver mai visto nelle discussioni comparire il nome dell'iwa o di qualche suo rappresentante. O anche ricordato qualche intervento particolarmente incisivo.E PI lo leggo regolarmente.Quindi i casi sono due:- o veramente siete solo interessati alle poltrone- o comunicate male il vostro lavoro.Tu mi dici che la prima non è vera e non ho mootivi di dubitarne. Ma fossi in te farei un sondaggio per sapere se questo lavoro viene recepito dagli altri.
          • rscano scrive:
            Re: iwa
            - Scritto da: sempre io
            ti giuro, il mio intento non è polemico. Se ci
            fosse una qualche organizzazione che ci aiuta nel
            lavoro sarebbe utilissimo.Grazie.
            Apprendo che gli intenti dell'IWA sono buoni, ma
            alcune delle vicende da te citate le ho anche
            seguite sui giornali e non mi pare di aver mai
            visto nelle discussioni comparire il nome
            dell'iwa o di qualche suo rappresentante. O anche
            ricordato qualche intervento particolarmente
            incisivo.Perchè spesso, forse per pochi canali di comunicazione disponibili, non viene dato risalto dai media tradizionali. Su questo Punto Informatico si è sempre dimostrato obiettivo ed ha sempre pubblicato ns. iniziative (http://punto-informatico.it/cerca.aspx?s=iwa&t=4)Per il settore digitale, qui hai un sunto di quel che abbiam fatto negli ultimi anni: http://iwa.it/files/comunicati/2009/contenuti_digitali.pdf e se hai pazienza di sfogliare i comunicati, trovi anche tutti gli interventi fatti anche in ambito parlamentare, con rispettivi allegati in PDF http://www.iwa.it/categorie/comunicati/
            E PI lo leggo regolarmente.
            Quindi i casi sono due:
            - o veramente siete solo interessati alle poltrone
            - o comunicate male il vostro lavoro.
            Tu mi dici che la prima non è vera e non ho
            mootivi di dubitarne. Ma fossi in te farei un
            sondaggio per sapere se questo lavoro viene
            recepito dagli
            altri.Il problema della rete italiana è che si nota poco ciò che viene fatto per la creazione di una stabilità organizzativa per la rete stessa mentre si da più risalto a iniziative mediatiche che spesso durano solo qualche giorno...
Chiudi i commenti