Photoshop CS4 sfrutterà le GPU?

Lo sostengono gli spettatori di una dimostrazione tenuta da Adobe. La potenza delle moderne schede grafiche al servizio del fotoritocco

Roma – La prossima versione di Photoshop potrebbe sfruttare le architetture programmabili dei moderni processori grafici per accelerare l’elaborazione delle immagini. A suggerirlo è TG Daily , che afferma di aver assistito alla dimostrazione di una versione preliminare del futuro Photoshop, oggi noto come CS4 o Next , presso gli uffici californiani di Adobe .

Il prototipo di Photoshop CS4 mostrato in anteprima da Adobe include il supporto alla tecnologia GPGPU (General Purpose computing on Graphics Processor Unit), che gli permette di sfruttare le normali schede grafiche per accelerare elaborazioni grafiche 2D e 3D. GPGPU è un modello di computing che utilizza i processori grafici per scopi diversi dalla creazione di un’immagine tridimensionale. Tale possibilità è data dalla programmabilità delle schede grafiche più recenti, che va sotto il nome di shader model : grazie all’elevato parallelismo delle loro architetture, le moderne GPU possono eseguire certi algoritmi a velocità anche drasticamente superiori a quelle di una tradizionale CPU.

TG Daily testimonia che il software è in grado di manipolare un’immagine da 442 megapixel (2 GB di dimensione) con velocità paragonabile a quella con cui l’attuale Photoshop CS3 gestisce le immagini da 5 megapixel su di un sistema Skulltrail a 8 core: “Le modifiche effettuate attraverso lo zoom dell’immagine e il nuovo strumento per la rotazione del canvas vengono applicati quasi istantaneamente”, afferma Theo Valich.

A beneficiare enormemente del supporto alle GPU vi sarebbero anche le funzionalità 3D, quali l’importazione dei modelli, l’aggiunta di testo e disegni su di una superficie tridimensionale e il rendering con mappa di riflessione.

La dimostrazione tenuta da Adobe è stata fatta utilizzando un sistema Windows: al momento, pertanto, non è dato sapere se il supporto GPGPU verrà incluso anche nella versione Mac di Photoshop. Tra gli esperti c’è chi teme che, in CS4 per Mac, l’implementazione di tale caratteristica potrebbe essere ostacolata dalla mancanza del supporto ai 64 bit .

Apparentemente queste novità faranno parte della futura suite Adobe CS Next , di cui Photoshop è parte integrante, che secondo TG Daily potrebbe raggiungere il mercato il prossimo ottobre. Una possibilità per il momento smentita da Adobe stessa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • SiN scrive:
    Già si usa
    In una scuola in cui insegno metà delle "ricerche" sono copia e incolla di pagine di wikipedia..."spirito critico"? si mangia?
  • antonio gravano scrive:
    Wiki
    Wikipedia è una straordinaria piattaforma di conoscenza, e bisogna introdurne la conoscenza già a partire dalle scuole medie anche in Italia. Io sono un wikipediano attivo, curo la costruzione di voci e partecipo con mie discussioni. E' un ' Enciclopedia aperta a tutti, straricca di contributi di sapere, e di saperi. Ad insegnare Wikipedia dovrebbero perciò essere chiamati docenti preparati, perché questa Enciclopedia richiede un vero training di navigazione e di uso attivo, la conoscenza dell' etichetta. Non è proprio facilissima da gestire.
    • OMG scrive:
      Re: Wiki
      Basterebbe spendere 1000$ al mese dei centinaia di milioni delle donazioni alla fondazione wikimedia per assumere con un contratto cococo un immigrato, che ogni tanto prenda una pagina a caso e controlli se ci sono scritte delle cassanate oppure no, "basta poco, che c'é vò"?
      • Nemo_bis scrive:
        Re: Wiki
        Per la cronaca, la Wikimedia Foundation non naviga nell'oro: ha due o tre milioni di dollari l'anno (http://upload.wikimedia.org/wikipedia/foundation/2/28/Wikimedia_2006_fs.pdf).
  • il computer con le scarpe da tennis scrive:
    Servirebbe anche da noi
    Soprattutto questa parte "dovranno imparare a sviluppare lo spirito critico che consentirà loro di valutare l'autorevolezza degli articoli che prendono forma in rete" Grillo ha ragione fino a un certo punto quando dice che Internet ti sputtana quando dici cazzate: purtroppo qui in Itaglia ciò non è vero per la politica.come in tutti i settori, anche su internet l'attivismo della sinistra non ha eguali, quindi l'informazione è totalmente sbilanciata.
    • Joliet Jake scrive:
      Re: Servirebbe anche da noi
      Eh?Non l'ho capita...So solo che in Itaglia gli imbroglioni vengono si sbugiardati grazie a internet ma il problema è che non c'è nessuna reazione. Capisco per i giornali tutti controllati e non più liberi ma nemmeno la gente reagisce.Niente di niente.La gente è contenta così.Va tutto bene...Va tutto bene...Va tutto bene...Va tutto bene...Va tutto bene...(cylon)
Chiudi i commenti