PI Academy, imparare online

L'e-learning direttamente sulle pagine di Punto Informatico, grazie alla partnership con SuperSummit. Uno strumento in più per i lettori, formazione continua in diretta Web

Roma – Le capacità multimediali del World Wide Web, la qualità delle informazioni e dei materiali creati da esperti professionisti di ogni settore, la possibilità di fruire di tutto questo direttamente sul proprio PC. PI Academy è il nuovo servizio offerto sulle pagine di Punto Informatico che fa il suo debutto oggi, forte della collaborazione avviata con uno specialista del settore come SuperSummit , e si propone di offrire la formazione e l’aggiornamento professionale nella finestra del browser : in video ci saranno speaker tutti accomunati da una professionalità concreta e riconosciuta nel proprio ambito lavorativo.

Il servizio di PI Academy , destinato agli utenti registrati sulla piattaforma, prevede l’erogazione di vere e proprie conferenze (i cosiddetti webinar ) secondo il calendario ampio e variegato messo in piedi da SuperSummit : nato alla fine del 2013 grazie all’intuizione di Marco Montemagno, noto giornalista televisivo, SuperSummit è un vero e proprio network di eventi via Web destinati alla comunicazione e trasmissione delle conoscenze attraverso Internet. Il servizio è gratuito , e si avvale delle capacità multimediali dei moderni browser per far arrivare tramite la connessione in banda larga sui PC degli spettatori le immagini, i grafici, le informazioni che fino a pochi anni fa sarebbe stato impossibile ottenere se non partecipando fisicamente a un convegno in un’altra città, nazione, continente: il tutto comodamente seduti alla propria scrivania.

Basta un computer e una connessione a Internet per accedere alle dirette di PI Academy : chi ha già registrato un account su Punto Informatico non dovrà fare altro che scegliere quali eventi del calendario di SuperSummit fanno al caso suo e iscriversi alle sessioni desiderate. Chi desiderasse avere accesso anche in un secondo momento a tutte le registrazioni video, i documenti, e anche partecipare attivamente alla sessione in diretta ponendo domande e interagendo con gli speaker, può optare per la sottoscrizione di un abbonamento Premium : SuperSummit ha riservato agli utenti di PI una tariffa speciale scontata, che permette tra l’altro di rivedere ogni Webinar tutte le volte che lo si desidera e di ottenere sempre tutta la documentazione legata a ciascun evento.

Con il lancio di PI Academy , Punto Informatico offre ai propri lettori un servizio che va incontro alle loro esigenze: la formazione continua è divenuta un mantra per i professionisti dell’IT e non solo, e l’offerta di PI Academy punta a garantire a tutti la possibilità di approfittare di un ampio catalogo gratuito direttamente sul proprio PC, senza sacrificare la qualità, grazie alla partnership stretta con SuperSummit . Con PI Academy Punto Informatico apre agli eventi formativi online
Grazie a una partnership con la piattaforma SuperSummit, debutta sul portale del Gruppo Edizioni Master un servizio altamente innovativo

Milano, Luglio 2014 – Il web si conferma sempre di più l’ambiente ideale per acquisire e condividere conoscenze, ed entrare in contatto in tempo reale con i maggiori esperti di ogni settore. Su queste premesse, Punto Informatico, la più autorevole voce del Web su Internet e tecnologia, inaugura PI Academy , la nuova sezione che offre la possibilità di assistere, direttamente dalla propria postazione, ad eventi formativi curati da speaker professionisti . Il servizio, altamente innovativo , è frutto di una partnership che il portale del Gruppo Edizioni Master ha avviato con SuperSummit , la piattaforma di formazione in crowdsourcing lanciata alla fine del 2013.

La formula pensata per gli utenti di Punto Informatico prevede la possibilità di accedere gratuitamente, previa registrazione, agli eventi in diretta . A ciò si aggiunga la possibilità di fruire di una formula di abbonamento Premium , disponibile a un prezzo assolutamente conveniente e scontato, mediante la quale agli utenti di Punto Informatico è riservata l’opportunità di partecipare agli eventi in modo attivo , accedendo alla documentazione completa a corredo e acquisendo la possibilità di rivedere i singoli webinar quando e come vogliono.

“Grazie al web, a spostarsi sono le informazioni più che le persone” ha dichiarato Massimo Mattone, Direttore Editoriale del Gruppo Edizioni Master. “Con PI Academy – ha proseguito Mattone – intendiamo offrire ai lettori di Punto Informatico un’opportunità unica in Italia per la condivisione della conoscenza . Direttamente dalle pagine di Punto Informatico, infatti, sarà possibile approfondire fino ai minimi dettagli le tematiche di proprio interesse avendo a disposizione i migliori esperti di settore che proporranno di volta in volta – con uno stile chiaro e diretto e con un’infografica intuitiva – contenuti esclusivi, innovativi e di assoluta qualità” . Un’altra iniziativa – ha affermato il Direttore di Punto Informatico – che “pone il nostro quotidiano in sintonia con le nuove tendenze internazionali del ‘giornalismo esplicativo’ e del ‘data journalism’, esperimenti ai quali la nostra redazione si è da sempre ispirata e guarderà con attenzione crescente nel prossimo futuro” .
Dal canto suo, Marco Montemagno, founder di SuperSummit, ha affermato: “Siamo entusiasti di poter collaborare in prima linea al progetto PI Academy. Grazie al nostro network di esperti nello scenario digital – ha proseguito Montemagno – puntiamo ad offrire ai lettori di Punto Informatico un palinsesto di webinar dal taglio pratico e immediato , con cui acquisire “all’istante” competenze aggiornate e imparare in modo interattivo , attraverso apposite sessioni di Q&A con gli speaker. La partnership permetterà di creare una grande community di innovatori e tech lover, attraverso la condivisione di conoscenze e i vantaggi offerti dalla formazione online” .
Secondo Costantino Cialfi, Sales Manager di Master Advertising , concessionaria pubblicitaria del Gruppo Edizioni Master, “il nuovo servizio rappresenta un motivo in più per gli investitori , che attraverso le proprie offerte commerciali sul portale potranno raggiungere un pubblico altamente interessato alla tecnologia e all’innovazione .

Nato nel 1996, Punto Informatico negli anni si è affermato come il più autorevole quotidiano di informazione su Internet e sulla Tecnologia in Italia. Dedicato ad un’utenza professionale ed esigente, il portale non si ferma alla semplice esposizione delle notizie, ma ne approfondisce l’impatto sulla società, sulla cultura e sul mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nwKBcjohjeO UCvW scrive:
    YhFIjYpduqAGjrnIW
    5KknpQ http://www.FyLitCl7Pf7kjQdDUOLQOuaxTXbj5iNG.com
  • iRoby scrive:
    Servono?
    Ma a che XXXXXXX servono domini apposta per il vino?Facciamo anche i .marja .lsd .crack .cig .cocoa
    • Leguleio scrive:
      Re: Servono?

      Ma a che XXXXXXX servono domini apposta per il
      vino?

      Facciamo anche i .marja .lsd .crack .cig .cocoaSe la gente è disposta a pagare fiori di quattrini per quello...C'è perfino il dominio .plumbing. Idraulici di tutto il mondo, affrettatevi.
      • . . scrive:
        Re: Servono?
        - Scritto da: Leguleio

        Ma a che XXXXXXX servono domini apposta
        per il vino?

        Facciamo anche i .marja .lsd .crack .cig

        .cocoa
        Se la gente è disposta a pagare fiori di
        quattrini per quello...Lo eà ma non legalizzano 'sti stronz...
        • Leguleio scrive:
          Re: Servono?

          Lo eà ma non legalizzano 'sti stronz...Oh, adesso mi verrai a cantare la canzone di Finardi del 1979?!? :Dhttp://www.youtube.com/watch?v=na9fr9uriHQPer ora lo hanno fatto in Colorado, Usa, e in Uruguay:http://www.ilpost.it/2014/05/04/marijuana-colorado/http://www.repubblica.it/esteri/2014/05/03/news/uruguay_consentiti_10_grammi_cannabis_a_settimana-85087343/In Italia non ci sono disegni di legge. C'erano all'epoca del partito radicale, ma questo è fuori dal parlamento da molti anni, nessuno lo vota.
          • Curioso scrive:
            Re: Servono?
            - Scritto da: Leguleio

            Lo eà ma non legalizzano 'sti stronz...
            Oh, adesso mi verrai a cantare la canzone di
            Finardi del 1979?!?
            :D
            http://www.youtube.com/watch?v=na9fr9uriHQ
            Per ora lo hanno fatto in Colorado, Usa, e in
            Uruguay:

            http://www.ilpost.it/2014/05/04/marijuana-colorado

            http://www.repubblica.it/esteri/2014/05/03/news/ur

            In Italia non ci sono disegni di legge. C'erano
            all'epoca del partito radicale, ma questo è fuori
            dal parlamento da molti anni, nessuno lo
            vota.Ma perchè vieni a ribadire l'ovvio ?
          • bubba scrive:
            Re: Servono?
            - Scritto da: Leguleio

            Lo eà ma non legalizzano 'sti stronz...

            Oh, adesso mi verrai a cantare la canzone di
            Finardi del 1979?!?
            :D

            http://www.youtube.com/watch?v=na9fr9uriHQ

            Per ora lo hanno fatto in Colorado, Usa, e in
            Uruguay:

            http://www.ilpost.it/2014/05/04/marijuana-colorado

            http://www.repubblica.it/esteri/2014/05/03/news/ur

            In Italia non ci sono disegni di legge. in realta' qualcosa c'e'. Ma e' molto osteggiato pure cosi'.http://trame.bottegadellacanapa.it/bdc/curarsi-con-la-canapa-medica-in-italia-ora-e-legale-si-al-farmaco
    • panda rossa scrive:
      Re: Servono?
      - Scritto da: iRoby
      Ma a che XXXXXXX servono domini apposta per il
      vino?Vino?Io quando ho letto DOC e WINE ho pensato a tutt'altro e mi sono chiesto: ma a che XXXXXXX servono domini apposta per i doc e per wine?
      • iRoby scrive:
        Re: Servono?
        - Scritto da: panda rossa
        Vino?
        Io quando ho letto DOC e WINE ho pensato a
        tutt'altro e mi sono chiesto: ma a che XXXXXXX
        servono domini apposta per i doc e per wine?Informatico fino al midollo!
        • pignolo scrive:
          Re: Servono?
          - Scritto da: iRoby
          - Scritto da: panda rossa

          Vino?

          Io quando ho letto DOC e WINE ho pensato a

          tutt'altro e mi sono chiesto: ma a che XXXXXXX

          servono domini apposta per i doc e per wine?

          Informatico fino al midollo!A parte l'associazione con noti formati proprietari, dimmi se vedendo un nomequalsiasi.doc non pensi istintivamente che si riferisca ad un qualche tipo di "documentazione"...
  • bubba scrive:
    all'eterno dibattito vien da rispondere
    ...che non e' eterno, ma e' nato quando gli avvocati,burocrati e marketer hanno iniziato a pensare al nome a dominio come ad un'aspetto della normativa sui marchi (OVVIO che non e' nato per quello).Ma sopratutto calza perfettamente con un articolo che ho appena letto (argomento apparentemente unrelated, ma non e' cosi') : http://blog.erratasec.com/2014/06/pr-will-be-first-up-against-wall-when.html
Chiudi i commenti