Più facile tracciare il laptop rubato

Anche senza rinunciare alla riservatezza e senza coinvolgere terze parti. Adeona promette di accumulare dati che permettono di risalire alla posizione di rapinatori e di scattare foto dei malfattori. Gratuitamente

Roma – Se ne perdono a bizzeffe, vengono abbandonati, rubati. Contengono le testimonianze digitali di intere vite, strumenti e documenti per lavorare, dati personali di cittadini che non dovrebbero finire in mano altrui. Contro negligenze e furti, c’è chi promette una nuova soluzione radicale, un’idea in più, sicura e anonima, per tracciare i percorsi del proprio apparecchio e innescare le indagini per recuperarlo.

colto in flagrante Si chiama Adeona , dalla divinità della mitologia romana che vigilava e proteggeva i ritorni, che proteggeva i figli che facevano rientro a casa dopo aver lasciato il nido per la prima volta. È un tool gratuito, è open source, è stato sviluppato da studenti e ricercatori dell’ Università di San Diego e dell’ Università di Washington . Promette di vigilare su laptop e palmari smarriti o rubati, promette di garantire tutte le informazioni necessarie per assicurare loro un felice ritorno al padrone.

Il principio di funzionamento appare semplice e sicuro. Basta scaricare un client sul proprio portatile o sul proprio palmare: il programmino inizia a raccogliere dati in forma anonima, ad accumulare informazioni relative alla posizione del dispositivo, nella fattispecie indirizzi IP e dati relativi al router che permette al device di accedere alla rete. Tutti i dati vengono cifrati e depositati sui server OpenDHT . Sono dati che a detta dei produttori restano completamente anonimi , che non potranno essere consultati se non dal legittimo proprietario del palmare o del laptop tenuto sotto controllo.

Per ripercorrere le tracce del device smarrito basta scaricare un altro software: permette di accedere alle informazioni cifrate depositate sul server. Qualora l’oggetto smarrito fosse un Mac, con l’ausilio del freeware iSightcapture sarà possibile inchiodare gaglioffi e rintracciare uffici degli oggetti smarriti mediante le foto scattate automaticamente e con discrezione dalla cam integrata. Sono tutti dati che le vittime potranno consegnare alle forze dell’ordine per agevolare le indagini e recuperare la propria vita privata o lavorativa digitale: “Senza Adeona – enfatizza un docente che ha collaborato al progetto – puoi tranquillamente dire addio al tuo laptop”.

Sono decisamente più modesti i ricercatori che hanno sviluppato il sistema: spiegano che esistono numerose altre soluzioni antifurto per i propri dispositivi, ma non rinunciano a vantare il fatto che Adeona sia l’unico di questi servizi a non coinvolgere terze parti , a garantire l’accesso al tracciamento al solo proprietario del dispositivo, ad assicurare che i dati collezionati non intacchino il diritto alla riservatezza di nessuno. Ricordano inoltre che Adeona è completamente sicuro in virtù del codice completamente sezionabile.

Adeona verrà ufficialmente presentato nell’ambito dell’edizione 2008 di USENIX Security Symposium . Il team che ha sviluppato il servizio auspica che i fornitori di servizi di tracciamento antifurto comincino a pensare a soluzioni che non attentino alla privacy dei propri utenti: un plus da offrire in un mercato che promette bene .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tony G scrive:
    C'e' dietro Microsoft...
    X me c'e' dietro Microsoft e non e' una battuta...Non e' la prima volta che la Big M (con i suoi avvocati) e' dietro a denunce verso societa' che la intralciano.
    • Domina scrive:
      Re: C'e' dietro Microsoft...
      - Scritto da: Tony G
      X me c'e' dietro Microsoft e non e' una battuta...

      Non e' la prima volta che la Big M (con i suoi
      avvocati) e' dietro a denunce verso societa' che
      la
      intralciano.non credo che la tua sia una battuta, soltanto una ipotesi di una persona che si nasconde dietro ad un anonimatoa dire il vero nulla mi garantisce che tu sia davvero una persona, potresti ad esempio essere un bot di uno spider che gira la rete seminando messaggi calunniosiqual è il tuo vero nome completo... Tony G ?
      • xxx scrive:
        Re: C'e' dietro Microsoft...
        Calunnie??? ma che stai dicendo... c'è sicuramente dietro Microsoft...
      • Tony G scrive:
        Re: C'e' dietro Microsoft...
        Ah ah ah.... qual'e' il tuo di nome? "Domina"? E non c'e' nulla di calunnioso... se mi vuoi spaventare con me non capiti bene, non sono un ragazzetto... Spero di sia chiaro!Se conosci la realta' dietro a Microsoft e i processi in corso negli USA ed in Europa puoi scoprire che non e' la prima volta che la Microsoft pompa una bel po' di soldini (ovviamente dietro le quinte) per distruggere i suoi concorrenti.Informati, fai un po' di ricerche, altrimenti entrerai pure tu nella categoria dei Vanvera!
        • limda scrive:
          Re: C'e' dietro Microsoft...
          - Scritto da: Tony G
          Ah ah ah.... qual'e' il tuo di nome? "Domina"?

          E non c'e' nulla di calunnioso... se mi vuoi
          spaventare con me non capiti bene, non sono un
          ragazzetto... Spero di sia
          chiaro!

          Se conosci la realta' dietro a Microsoft e i
          processi in corso negli USA ed in Europa puoi
          scoprire che non e' la prima volta che la
          Microsoft pompa una bel po' di soldini
          (ovviamente dietro le quinte) per distruggere i
          suoi
          concorrenti.

          Informati, fai un po' di ricerche, altrimenti
          entrerai pure tu nella categoria dei
          Vanvera!perdonami ma per dire quello che dici bisogna avere delle proveil dietro le quinte di microsoft non esiste in nessun processo, eccetto nelle voci di corridoio di questi forumsecondo il tuo ragionamento, dietro ogni omicidio c'è jack lo squartatore, bruto e il mostro di firenzema che ragionamenti... spero tu non sia un magistrato
  • LOL scrive:
    si chiama american way of life
    Anche qui sottolineo che tutte queste carognate e cose patetiche fanno parte dell'american way of life
    • exe scrive:
      Re: si chiama american way of life

      Anche qui sottolineo che tutte queste carognate e
      cose patetiche fanno parte dell'american way of
      lifeRagionamento patetico il tuo, parli solo da comunista ideologizzato che odia chi dimostra di essere migliore di voi comunisti.E' bello l'italian way of life invece? Pizza mafia mandolino? Ruberie, evasione, invasione di immigrati e totale incertezza del diritto?Almeno negli stati uniti vigono punti cardine come la libertà di espressione, la certezza del diritto e la meritocrazia.Magari l'italia assomigliasse un po' di più agli stati uniti. Mica in tutto per carità, ma su certe cose, importanti, abbiamo solo da imparare dagli stati uniti.
      • LOL scrive:
        Re: si chiama american way of life
        si vede che non sai nulla degli usa, lì la mafia ce l'hanno al governo!A parte il fatto che è uno stato di polizia, lì tutto si basa su cosa escogitare per guadagnare soldi a danno di altri, su come truffare i più deboli rispettando la legge, su come guadagnare soldi a danno di altri pur rendendosi ridicoli e patetici
        • Xyo scrive:
          Re: si chiama american way of life
          - Scritto da: LOL
          si vede che non sai nulla degli usa, lì la mafia
          ce l'hanno al
          governo!
          A parte il fatto che è uno stato di polizia, lì
          tutto si basa su cosa escogitare per guadagnare
          soldi a danno di altri, su come truffare i più
          deboli rispettando la legge, su come guadagnare
          soldi a danno di altri pur rendendosi ridicoli e
          pateticiovunque nel mondo, i deboli vengono sempre sfruttati e raggirati almeno una volta, altrimenti non sarebbero deboliper il resto la morale è uguale ovunque: siamo tutti ugualiqui invece si parla di guerra tra google e viacom, dove vogliamo vedere il "sangue" (si fa per dire)la guerra tra colossi è sempre eccitante, questo in america non è immorale, lo è invece nel continente dei pavidi e delle donnicciuole: l'europa
      • H5N1 scrive:
        Re: si chiama american way of life
        Picciotto, pe' quello cheddici io ti farei sparare....
        • LOL scrive:
          Re: si chiama american way of life
          non ti sparano in america, ti bombardano
          • Akin scrive:
            Re: si chiama american way of life
            - Scritto da: LOL
            non ti sparano in america, ti bombardanoperdonami, ma come vorresti perdere una guerra nel 21° secolo... con le carte di "Yu Gi Oh" ?le guerre si fanno con le bombe, se non ci stai trovami un'altra soluzionea me ad esempio piacevano tanto i lancia fiamme della 2° guerra
    • Zond scrive:
      Re: si chiama american way of life
      - Scritto da: LOL
      Anche qui sottolineo che tutte queste carognate e
      cose patetiche fanno parte dell'american way of
      lifein america il nemico debole soccombe sempre, come è giusto che siain italia invece i forti sono perseguitati come cattivi e ingiusti, ed eccone il risultato dopo alcuni anniniente può rinascere senza prima essere distrutto
  • Zhelgadis scrive:
    E' quasi sicuro...
    E' quasi certo che tra i millemila dipendenti di Google qualcuno abbia caricato dei video musicali o cose del genere, usando l'account lavorativo. Anche se in ogni contratto c'è scritto che non si può fare...Ho come l'impressione che sentiremo parlare di questo caso ancora a lungo.
    • XYZ scrive:
      Re: E' quasi sicuro...
      - Scritto da: Zhelgadis
      E' quasi certo che tra i millemila dipendenti di
      Google qualcuno abbia caricato dei video musicali
      o cose del genere, usando l'account lavorativo.
      Anche se in ogni contratto c'è scritto che non si
      può
      fare...
      Ho come l'impressione che sentiremo parlare di
      questo caso ancora a
      lungo.Signore e Signori:Vi presento "la tipizzazione di un caso", in altre parole, la probabile affermazione di uno "standard". U_U
  • Funz scrive:
    Google dovrebbe dargli i dati...
    ...stampati su migliaia di pagine, in nero su carta riciclata marrone scuro (tipo codici di Zak McKracken), con un font corpo 6 "fantasioso" :D
  • rockroll scrive:
    Fatela fallire sta Viacom!
    Sta proprio rompendo sta cavolo di Viacom, colla connivenza di magistrati compiacenti...Basta, fatela fallire, non comprate nulla legato a questa major, che manco so cosa produce ovvero su cosa sanguisuga, e manco voglio saperlo!
    • PeeBee scrive:
      Re: Fatela fallire sta Viacom!
      - Scritto da: rockroll
      Sta proprio rompendo sta cavolo di Viacom, colla
      connivenza di magistrati
      compiacenti...

      Basta, fatela fallire, non comprate nulla legato
      a questa major, che manco so cosa produce ovvero
      su cosa sanguisuga, e manco voglio
      saperlo!Oppure cominciare a copiare a manetta...
    • zoom scrive:
      Re: Fatela fallire sta Viacom!
      - Scritto da: rockroll
      Sta proprio rompendo sta cavolo di Viacom, colla
      connivenza di magistrati
      compiacenti...

      Basta, fatela fallire, non comprate nulla legato
      a questa major, che manco so cosa produce ovvero
      su cosa sanguisuga, e manco voglio
      saperlo!quindi tu non conosci Viacom e ti stai sfogando contro qualcosa che sai per sentito dire, parti dal presupposto che Viacom è cattiva, mentre che google è buonasei proprio un italiano medio :)
Chiudi i commenti