PI Hardware/ Notebook W230R, velocità al giusto prezzo

PC Tuner - Si può acquistare facilmente via Internet: è l'ultima creatura asiatica che si lascia dietro molti competitor non solo per il prezzo ma anche per certe qualità tecniche. L'Hasee W230R Notebook visto al microscopio

Roma – Nata nel 1995 in Cina, Hasee è un’azienda che ha rapidamente conquistato il mercato locale per poi espandersi in pochi anni anche in altre nazioni. La propria linea di produzione comprende computer completi e notebook per ogni esigenza, proposti sempre a prezzi particolarmente aggressivi: grazie alle possibilità messe a disposizione dalla rete, è possibile acquistare questi prodotti anche in paesi dove il brand non ha rivenditori ufficiali.
È proprio così che il marchio Hasee ha iniziato a farsi conoscere in Europa: pochi retailer – presenti soprattutto nei siti di aste online – uniti a costi inferiori a quelli della bottom line di qualunque altro produttore hanno decretato il proprio successo coprendo la maggior parte del territorio.

Hasee W230R notebook

Un esempio della filosofia alla base dei prodotti dell’azienda è il nuovo notebook da 12,1″: il W230R. Si tratta di un portatile compatto caratterizzato da un’alta mobilità e buone prestazioni: le specifiche tecniche sono di ottimo livello e il prezzo impressiona per convenienza.

Hasee W230R
CPU Intel Core 2 Duo T5550
Freq. 1,86GHz FSB667
Ram 2x1GB PC2-4200
Freq. / Timings 533MHz 4.0-4-4-18-24-2T
Chipset Intel GL960 Express
VGA Intel Xtreme Graphics X3100
Display AU Optronics 12,1″ 1280×800 Glare
HDD Western Digital Scorpio 160GB SerialATA
WiFi RaLink WiFi Module 802.11b/g (RT2751)
I/O VGA out / IEEE1394 / 3x USB 2.0 / Express Card / Card Reader 4in1 / Audio Jack
Batteria 14,8Vdc 2400mAh by CelExpert
Peso / Dimensioni 1,79Kg / 296×227×26.3mm
Prezzo 525€

Il potente Intel Core 2 Duo funzionante a 1,86GHz permette di svolgere tutte le operazioni nel migliore dei modi: la versione installata su questo portatile ha il bus di sistema operante a 667MHz, mentre le memorie operano in asincrono a 533MHz. Si tratta di un limite del chipset installato: la differenza fra il GL960 e i più evoluti PM965/GM965, infatti, è esattamente il supporto a FSB800 e a memorie DDR2-667 anche se, come vedremo in seguito, non è un particolare troppo penalizzante.

Sul prezzo, ovviamente, c’è ben poco da dire: l’Hasee W230R si allinea pari merito ai modelli entry-level da 15,4″, dimezzando di fatto la spesa solitamente necessaria per l’acquisto di un ultraportatile di marca .

Ecco cosa mette a disposizione questo notebook che, almeno sulla carta, sembra promettere faville. Confezione e dotazione sono molto spartane e ridotte all’osso: per un prezzo del genere, qualche compromesso è d’obbligo. L’imballaggio, in ogni caso, prevede tutte le precauzioni necessarie a non danneggiare il piccolo portatile e i cd in dotazione comprendono un manuale elettronico completo ed esaustivo.

Hasee W230R notebook

Il notebook ha un aspetto professionale e tralascia qualunque tipo di decorazione meramente estetica in favore di linee precise, pulite, dall’aspetto estremamente solido.

Hasee W230R notebook

I bordi non presentano moltissime connessioni: sono disponibili tre porte USB 2.0, un’uscita VGA esterna, un plug Firewire IEEE1394 e il connettore RJ45 usato dal controller Ethernet integrato. Accanto, sulla destra, è visibile la cover dello slot Express Card 54 in grado di ospitare schede di espansione di vario tipo attraverso il bus PCIe 1x a cui è connesso internamente.

Hasee W230R notebook
Hasee W230R notebook

L’unità ottica è prodotta da Toshiba e si tratta di un modello all-in-one in grado di scrivere tutti i supporti esistenti sul mercato. Nel modello giunto in laboratorio manca il connettore telefonico del modem che è stato coperto con una apposita cover plastica. Sul bordo inferiore, invece, sono presenti i led di stato, l’interruttore per l’antenna WiFi, i jack audio (l’uscita prevede anche la connessione ottica) e il piccolo Card Reader in grado di leggere quattro formati: MultiMedia Card, SecureDigital Card, Memory Stick e Memory Stick Pro.

Hasee W230R notebook

Gli altoparlanti, invece, sono integrati subito sotto il display. La qualità dell’audio è ovviamente vincolata alle dimensioni degli stessi, ma permettono comunque di comprendere correttamente i toni della voce, utile in caso di videoconferenze. I microfoni, invece, sono due: uno posizionato sul bordo superiore della cornice del display, l’altro vicino ai led di stato.

Hasee W230R notebook

La posizione dei piccoli speaker ha portato ad aumentare leggermente le dimensioni del portatile rispetto al W225R che è visibilmente più corto, al prezzo però di uno spessore leggermente superiore. Per il resto, i cambiamenti rispetto al precedente modello riguardano anche la qualità delle plastiche che risulta incredibilmente superiore nel nuovo W230R.

Hasee W230R notebook

La tastiera ha i tasti disposti secondo il layout Inglese – sembrerebbe non essere disponibile quello italiano. In ogni caso, si tratta di pochi tasti simbolo con posizioni invertite, nulla di insormontabile dopo qualche ora di adattamento. I tasti sono ben calibrati e non digitano al solo sfioramento, la tastiera ha guadagnato qualche centimetro a tutto vantaggio del comfort ed è esente da flessioni di qualunque tipo.

Hasee W230R notebook

Il touchpad, prodotto da Synapctics, è sufficientemente preciso, ma manca dell’area di scroll. L’assemblaggio delle varie componenti risulta resistente e preciso: anche schiacciando il notebook o torcendo leggermente le plastiche per verifica, cigolii o piccoli movimenti dei vari pezzi sono del tutto assenti restituendo un inaspettata quanto rassicurante sensazione di resistenza. Il W230R permette un rapido accesso a tutti i componenti interni per la sostituzione o l’ispezione degli stessi: è sufficiente rimuovere un unico pannello per aver ben visibile la scheda principale con memorie, scheda WiFi e processore.

Hasee W230R notebook

Il dissipatore, completamente in rame, è collegato a cpu e chipset tramite un’unica heatpipe. La ventola, prodotta da Bi-Sonic, ha un diametro superiore rispetto a quanto visto sul W225R e risulta effettivamente molto più silenziosa, soprattutto durante stress test o lavoro pesante.

Hasee W230R notebook

Le memorie sono assemblate da Goldenmars Technology con moduli BGA prodotti da Qimonda. Entrambi i moduli installati (due da un gigabyte) sono rimovibili – sul W225R uno dei due gigabyte era integrato direttamente sulla scheda madre – e permettono di operare con timings interessanti (4.0-4-4-12) così da recuperare il confronto con i modelli di frequenza superiore.

La sezione WiFi, invece, è affidata ad una schedina interna RaLink che offre una buona copertura e stabilità del segnale. Di fatto, si tratta dell’unico componente che non permette all’Hasee W230R di vantare il logo Centrino (la piattaforma che prevede CPU Intel Core 2 Duo, chipset Intel e Wireless Lan Intel). Alla base di questa scelta stanno probabilmente ragioni commerciali: del resto, il W230R non ha nulla da invidiare a modelli ben più costosi.

Hasee W230R notebook

Configurazione
CPU Intel Core 2 Duo T5550
Freq. 1,86GHz FSB667
Ram 2x1GB PC2-4200
Freq. / Timings 533MHz 4.0-4-4-18-24-2T
Chipset Intel GL960 Express
VGA Intel Xtreme Graphics X3100
HDD Western Digital Scorpio 160GB SerialATA
WiFi RaLink WiFi Module 802.11b/g (RT2751)
Drivers Intel INF Drivers 8.3.1.1009
Sistema Operativo Windows Vista Ultimate 32-bit

Futuremark PcMark Vantage La nuova versione del benchmark Futuremark analizza le prestazioni globali del computer in 7 campi d’utilizzo basando la valutazione su processi reali, come editing video, fotoritocco, gaming, tab-browsing e word processing.

PcWizard 2008 Giunto alla sua nuova release, PcWizard effettua un benchmark complessivo del sistema che restituisce diversi indici di prestazioni. Come tutti i bench sintetici, va considerato un riferimento generico e non assoluto.

SiSoft Sandra XII 2008.12.34 Così come PcWizard, anche Sandra valuta le prestazioni sintetiche del sistema con piccoli test mirati ed torna utile come termine di paragone.

7zip 4.57 – Benchmark Tool di compressione in formato.7zip, integra un test hardware che calcola la velocità con cui il sistema riesce a comprimere/decomprimere i file esprimendosi in MIPS.

HDTach 3.0.1.0 HD Tach è ritenuto un riferimento per l’analisi delle prestazioni del sottosistema disco sottoponendo drive e controller a due test, uno basato su pacchetti da 8M e l’altro da 32M.

3DMark06 Non ha bisogno di presentazioni, è il benchmark di riferimento per le schede video di ultima generazione e restituisce anche un punteggio per la cpu. Tuttavia, è da considerarsi più un valore di riferimento generico che un indice assoluto di prestazioni. PcMark Vantage è l’ultimo test di sistema di casa Futuremark e permette di ottenere dei punteggi in vari ambiti d’utilizzo così da dare un’idea complessiva delle prestazioni ottenibili dal computer. Nel caso, purtroppo, non è stato possibile portare a compimento tutti i test della suite a causa di qualche problema a livello driver che portavano al freeze del sistema: questa situazione è venuta a ripetersi anche su altri notebook dotati di chipset Intel PM965.

Per i test funzionanti, l’Hasee W230R segna ovviamente risultati in linea con l’hardware in dotazione. La perdita verso soluzioni con cpu della serie T7xxx (FSB800) è piuttosto limitata, tanto da non risultare percettibile nell’uso comune.

Sandra riflette la situazione vista in precedenza evidenziando i buoni risultati ottenibili da sottosistema disco.

PcWizard prevede anche una valutazione sommaria delle performance video tramite semplici test basati sulle ormai obsolete DirectX8: riflettendo sulle scarse doti del core grafico X3100 integrato, si tratta tuttavia dei titoli che potrebbero girare senza troppi rallentamenti – meglio non provare con giochi più recenti.

L’altro interrogativo, la banda passante tra chipset e memoria, invece, si risolve in sostanziale evidenza: pur perdendo qualche centinaio di MB/s rispetto a moduli DDR2-5300 (667MHz), i timing più aggressivi permettono di ottenere valori di rilievo, più che sufficienti per qualunque tipo d’applicazione.

7-Zip conferma le buone doti velocistiche del notebook che non viene penalizzato dall’uso di una cpu con FSB533 insieme a DDR2-4200, sorprendendo anche i più scettici. Non tutto il male viene per nuocere: se da un lato si tratta di un piccolo gap in prestazioni, dall’altro c’è un buon risparmio sul consumo elettrico, a tutto vantaggio dell’autonomia complessiva. Sul test Battery Eater ’05, l’Hasee W230R ha segnato una durata della batteria di ben un’ora e quaranta minuti che per un modello da 2400mAh è un ottimo risultato. <

Non poteva mancare in questa rassegna HDTach che restituisce risultati interessanti, merito dell’unità Western Digital caratterizzata da una velocità di rotazione dei piatti di 5400rpm, pur risultando particolarmente silenziosa.

L’ultimo test, 3DMark 2006, è stato inserito unicamente per dovere di cronaca: né l’Hasee W230R, né il core grafico Intel X3100, infatti, hanno aspirazioni gamer – e i risultati lo confermano.

Appena 299 punti sono insufficienti per qualunque tipo d’applicazione 3D avanzata: ciò non significa che non sarete in grado di far girare i titoli più vecchi, basati su DirectX 7 e 8, ma è bene dimenticarsi degli ultimi sfavillanti ritrovati. Il W230R di Hasee rappresenta una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda il settore Mobile: la diffusione di soluzioni low-cost, infatti, è un fenomeno innegabile nel periodo che stiamo vivendo e molti produttori sono all’opera per la realizzazione di soluzioni piuttosto diverse dai notebook così come li conosciamo.

Con queste parole si fa riferimento al famoso EeePc di ASUS, oppure al prossimo Wind di MSI, che stanno vivendo fasi piuttosto incerte: se all’inizio si trattava di un paio di centinaia d’euro o poco più, i modelli ‘di punta di questi simil-portatili a basso costo (e basse prestazioni) potranno toccare anche i 600€, avvicinandosi e superando pericolosamente i notebook 15,4″ di fascia bassa.

Hasee W230R notebook

Certo, diranno alcuni, si tratta di prodotti con target d’utilizzo ben diversi: i notebook da 15,4″ sono più portabili che portatili , ma è proprio qui che entra in scena il W230R. Come abbiamo visto, è un portatile da 12,1″ di dimensioni compatte, peso contenuto (1,79Kg) e finiture di buon livello – soprattutto se comparato ai precedenti standard Hasee – ora al livello dei big-brand del settore.

Monta un processore vero – non un Celeron, non un Via C7-M, ma un Core 2 Duo – e ha una buona autonomia, ulteriormente migliorabile acquistando una batteria da 8 celle. Paragonando questo W230R ad altri prodotti analoghi, vengono a mente pochi confronti. Del resto, la situazione dei notebook portatili, in Italia, è in ristagno da molto tempo: sono disponibili pochi modelli da parte di pochi produttori, tutti con prezzi superiori ai 1000€ e caratteristiche del tutto analoghe a questo Hasee.

Hasee W230R notebook

Se vogliamo parlare di mancanze, escono fuori alcune cose: manca il lettore di impronte digitali, oramai comune su molti portatili, manca la webcam integrata (anche se ci sono frame predisposti per ospitarne una subito sopra il display, segno che probabilmente usciranno altre versioni di questo portatile) e manca una uscita TV, sia essa HDMI, Video Composito o S-Video. Il peso da dare ad ognuno di questi particolari dipende dall’utilizzo finale, ma c’è da dire che sono lacune facilmente colmabili: una webcam si acquista oramai per pochi euro, così come un lettore di impronte digitali su Express Card – sempre che ce ne sia l’effettiva necessità – e la maggior parte delle tv attuali esce di fabbrica con un ingresso VGA. Tutto sommato, sono differenze che non giustificano affatto l’incredibile voragine esistente fra il costo di questo portatile e quello di altri modelli ben più conosciuti.

In finale, chi acquista un Hasee W230R sa di portare a casa un ottimo prodotto. Anche il rapporto prezzo/prestazioni segna livelli mai visti in precedenza, nemmeno da altri portatili della stessa Hasee: un notebook promosso a pieni voti e, davvero, con pochissimi rivali.

Viste le doti velocistiche dimostrate, la qualità dei materiali e dell’assemblaggio, PcTuner.net assegna all’Hasee W230R il proprio award Best Buy:

Hasee W230R: un 12,1

PCTuner

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Silvione scrive:
    Una chicca che piacera' ai musicisti
    http://www.lionstracs.comIn particolare:http://www.lionstracs.com/store/information_pages.php?info_id=24Si riconoscono alcuni plugin molto famosi nel mondo Win/Mac, che girano allegramente sotto wine.
  • giachi11 scrive:
    ReactOS
    Bisognerebbe dare una mano a questa gente qua:http://www.reactos.com
    • Mr.God scrive:
      Re: ReactOS
      - Scritto da: giachi11
      Bisognerebbe dare una mano a questa gente qua:
      http://www.reactos.comSveglia, sono morti 200 anni fa.
      • Sgabbio scrive:
        Re: ReactOS
        su gente e motori ?
      • giachi11 scrive:
        Re: ReactOS
        - Scritto da: Mr.God
        - Scritto da: giachi11

        Bisognerebbe dare una mano a questa gente qua:

        http://www.reactos.com

        Sveglia, sono morti 200 anni fa.Un po di educazione non fa mai male, quindi modera i termini. Comunque, per tua informazione il progetto e' vivo e vegeto, anche se procede lentamente, e a giorni arrivera' la versione 0.3.5...
  • Art Installer scrive:
    directx 9.qualcosa
    Le directx 9C ci girano? :oPerchè in tal caso stavolta riesco a buttare via quella chiavica di vindovs per sempre!Se Wine1.0 riesce a far girare il mitico VVVV ( http://vvvv.org ) finalmente touchscreen, installazioni e palazzi luminosi avranno un sapore più...libero ;)
    • damix911 scrive:
      Re: directx 9.qualcosa
      Ho dato un'occhiata velocissima a questo vvvv, sembra forte! Ma è qualcosa in stile Max/MSP per video e computer grafica? Si possono inserire blocchi di trasformazione, filtri ecc... ecc... Ciao :-)
  • virgult scrive:
    GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
    Allora, finalmente, ci siamo anche noi musicisti ad essere presi sul serio nelle dinamiche di mercato!Solamente un anno fa, canali come ubuntuforums.org erano presi d'assalto con thread del tipo "gp5 non funziona" o "alternativa libera a gp5?"... poi sono apparsi dei tutorial completi su come risolvere i problemi legati a quei software (gp5, finale e quant'altro), poi Jack è diventato usabile, Ardour pure, sono nate le distribuzioni multimediali come 64studio e UbuntuStudio...Eccheccazzo, finalmente gli sviluppatori hanno tolto il paraocchi e hanno capito che la produttività non si limita al solo ambito office.
    • Enrico Giancipoli scrive:
      Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
      Sono contento anch'io. W la musica e w i musicisti ^_^
    • Tuxer scrive:
      Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
      Sono d'accordo.Io comqe per la "guitar" (come per tutto il resto) faccio a meno di wine.E' vero che grazie ad Ardour compilato col supporto VST e a Wine riesco a caricare l'ottimo plugin (free) X-AMP.Però devo dire che col solo software x Linux sono riuscito a "costruirmi" degli AMP Rack a dir poco micidiali.Ho fatto sentire alcune tracce a un mio amico e non ci credeva (sono scarso con lo strumento...eh, non fraintendetemi).In particolare uso jack-rack, i plugins *CAPS più altri di cui non ricordo il nome. Qkjackctl per controllare il server audio Jack - sia per avviarlo che per gestire le connessioni - col quale riesco a ottenere una latenza di 2.67 millisecondi a 96000Hz con una semplice Soundblaster Audigy su un Athlon Thunderbird e senza acrobazie "spericolate" sugli IRQ e kernel real-time.Per non parlare poi di software come la drum machine Hydrogen.Progetto se non sbaglio Italiano e a dir poco spettacolare!!Insomma, con Linux posso pure suonare!!E chi l'avrebbe mai detto?
      • Domokun scrive:
        Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
        Ci credi se ti dico che ho capito 1/4 di quel che hai detto? :D :D
        • Tuxer scrive:
          Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
          Ci credo, ci credo.... :-DE certamente la colpa è la mia.Comqe, se sei interessato all'argomento, Google è di grande aiuto.Come si dice dalle mie parti:
          .Butta un occhio qui:http://www.oneopensource.it/24/05/2007/jack-il-rack-senza-fili/
    • arturu.it scrive:
      Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
      Chi ha letto i miei post precedenti sa che uso linux da anni.Wine lo uso da molto ho e installato: Finale della CodaMusic, Sibellius, Photoshop e altri giochini...Vorrei dire che nel campo audio non è tutto rose e fiori perché solitamente non si usa solo software ma anche hardware specifico. Non mi riferisco alla soundblaster, manco viene conteplata. Con schede della digidesign, ff, neve, motu ecc... è una tragedia, non esistono i driver.Ma su tutto il resto sono un fan del pinguino... :)
      • loopback scrive:
        Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
        Bhè, però c'è il pieno supporto da parte dei driver Alsa alle schede di M-Audio, sia i modelli USB che PCI.Non sò se siano all'altezza delle marche da te citate, ma mi pare che sia hardware di tutto rispetto.
        • arturu.it scrive:
          Re: GUITAR PRO CITATO: grande conquista!
          M-Audio diciamo è media fascia, il supporto di queste schede è già un grosso passo in avanti, il supporto alla fascia top non c'è...Cmq la fascia top non va bene neanche su Windows (ci sono i driver però il sistema fa troppi casini), solo su OSX vanno che è una bellezza.Non si utilizzano solo le schede ma anche le console digitali.Nel mondo audio utilizzare solo i programmi non va bene, più importante è l'hardware...L'unico fino ad ora è OSX.
  • sylvaticus scrive:
    Crossover..
    Ormai da molti anni lo uso in versione Crossover x MS Office senza (quasi) nessun problema.. ma possibile che non si riesca a creare una versione che faccia girare Office senza dover ricorrere alla versione commerciale ??
    • BLah scrive:
      Re: Crossover..
      Ma scusa, OpenOffice lo buttiamo nel cesso?
      • Bill scrive:
        Re: Crossover..
        Tipico dei Linari, installano Linux per sembrare smanettoni, poi si accorgono che devono pur produrre qualcosa, e usano Msoffice su Wine.
        • sylvaticus scrive:
          Re: Crossover..
          uno più troll dell'altro.... :-(-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 maggio 2008 14.33-----------------------------------------------------------
  • Pinguazzo XParo scrive:
    RIP Vista
    Un altro chiodo sulla bara di Vista.Si profilano inedite alleanze fra Open Source e Win XP, che, nonostante i tentativi di sabotaggio da parte di MS, che ricorre perfino ai SP bacati, manterrà fino alla sua fine naturale, nel 2014, una soverchiante prevalenza su Vista.
    • BLah scrive:
      Re: RIP Vista
      Primo: XP è ora che si tolga dalle scatole, basta rimanere indietro come le palle dei cani.Secondo: Altro chiodo? Non direi viste le scarse prestazioni. Si parla di far girare Photoshop o AutoCAD... proprio i programmi più leggeri che esistono...Terzo: Vista SP1 funziona bene.Quarto: Bah.
      • virgult scrive:
        Re: RIP Vista
        - Scritto da: BLah
        Primo: XP è ora che si tolga dalle scatole, basta
        rimanere indietro come le palle dei
        cani.Francamente, si dovrebbe aggiornare un software quando l'aggiornamento comporta un vantaggio. Me ne fotto di rimanere "indietro", se devo spendere dei soldi in più non li spendo certo per Aeroglass...

        Secondo: Altro chiodo? Non direi viste le scarse
        prestazioni. Si parla di far girare Photoshop o
        AutoCAD... proprio i programmi più leggeri che
        esistono...I problemi di Wine non sono le prestazioni (dato che videogiochi come Quake3 e Half Life girano a meraviglia, e non credo che 3dsMax sia tanto più ostico). Direi che, sulla fascia amatoriale e semiprofessionale, già comincia ad essere una buona soluzione alternativa al costo proibitivo di un Mac, e ai folli costi di manutenzione di un PC con Windows (licenze originali del SO, antivirus, antimalware...). Poi, se pensi ad un pubblico professionale, per quel pubblico il prezzo di un mac NON è proibitivo, quindi il problema nemmeno si pone.

        Terzo: Vista SP1 funziona bene.Davvero? Non impazzisce più se collego un notebook ad una rete da configurare senza DHCP?

        Quarto: Bah.Boh.
      • Pinguazzo XParo scrive:
        Re: RIP Vista
        - Scritto da: BLah
        Primo: XP è ora che si tolga dalle scatole, basta
        rimanere indietro come le palle dei
        cani. E perché mai? Proprio ora che è maturo e sufficientemente stabile?E visto che la maggior parte del SW ci gira senza problemi e la dotazione di driver è la più completa, ci sono sia per l'HW nuovo che quello vecchio, le funzioni più importanti che deve svolgere un SO, cioè gestire HW e SW applicativo, ingombrando con la propria presenza meno possibile, le svolge meglio di Vista.Quando XP inizierà a divenire inadeguato ci sarà già Vienna, Vista è superfluo.
        Secondo: Altro chiodo? Non direi viste le scarse
        prestazioni. Si parla di far girare Photoshop o
        AutoCAD... proprio i programmi più leggeri che
        esistono...Se si sono dati tanta briga per farceli girare su, evidentemente ci sarà un discreto numero di persone a cui la cosa interessa, senza contare il buon ritorno d'immagine che Wine ha da questa compatibilità.

        Terzo: Vista SP1 funziona bene.Peccato per Vista che abbia passato il suo primo anno di vita a farsi cattiva pubblicità e se già in origine era difficile, ora è praticamente impossibile che durante la vita che gli resta arrivi anche solo ad avvicinarsi alla diffusione di XP.

        Quarto: Bah.Mah.
        • lroby scrive:
          Re: RIP Vista
          - Scritto da: Pinguazzo XParo
          Quando XP inizierà a divenire inadeguato ci sarà
          già Vienna, Vista è superfluo.Xp comincia a diventare inadeguato già sui pc nasa-like di oggi,quindi presumo che tra 1 anno le cose saranno tendenti al peggioramento, e dubito che Vienna uscirà tra meno di 2-3 anni (IMHO)se solo la gente che ha degli ottimi pc di oggi usate Vista a 64bit anzichè quella a 32bit.. LROBY
          • Pinguazzo XParo scrive:
            Re: RIP Vista
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: Pinguazzo XParo

            Quando XP inizierà a divenire inadeguato ci sarà

            già Vienna, Vista è superfluo.
            Xp comincia a diventare inadeguato già sui pc
            nasa-like di oggi,quindi presumo che tra 1 anno
            le cose saranno tendenti al peggioramento, e
            dubito che Vienna uscirà tra meno di 2-3 anni
            (IMHO)L'inadeguatezza di XP sui PC moderni, almeno per chi non ha bisogno della versione a 64 bit, è molto opinabile, anzi, XP è leggero e lascia un sacco di RAM e potenza di calcolo dei nuovi PC-razzo a disposizione degli applicativi, come è giusto che sia.Casomai è Win 2000 Pro che, a causa di un sistema di licensing che non distingue fra CPU e core, diventa inadeguato sui PC con più di due core.
            se solo la gente che ha degli ottimi pc di oggi
            usate Vista a 64bit anzichè quella a 32bit..
            Riguardo ai SO a 64 bit, ne esistono di molto più collaudati di Vista e poi MS, tenendo ancora il piede in due scarpe, di fatto favorisce la versione più vecchia e diffusa, ritardando il completamento della transizione e lo spostamento dell'attenzione di sviluppatori HW e SW sulla versione più moderna.
          • lroby scrive:
            Re: RIP Vista
            - Scritto da: Pinguazzo XParo
            L'inadeguatezza di XP sui PC moderni, almeno per
            chi non ha bisogno della versione a 64 bit, è
            molto opinabile, anzi, XP è leggero e lascia un
            sacco di RAM e potenza di calcolo dei nuovi
            PC-razzo a disposizione degli applicativi, come è
            giusto che
            sia.Su 3 pc nasa-like con 4gb di ram XP riconosce come utilizzabili appena 2,5gb anche con il PAE attivato.se già devo perdere 1,5gb di ram non mi sta bene.poi ho fatto delle prove a parità di pc a livello di fps.con XP era stabile a 88 con Vista64 oscillava tra i 110 ed i 120fps.
            Casomai è Win 2000 Pro che, a causa di un sistema
            di licensing che non distingue fra CPU e core,
            diventa inadeguato sui PC con più di due
            core.Mai piaciuto..difficoltà nel multimediale rispetto ad xp lo rendono poco adatto ad uso home.
            se solo la gente che ha degli ottimi pc di oggi

            usate Vista a 64bit anzichè quella a 32bit..



            Riguardo ai SO a 64 bit, ne esistono di molto più
            collaudati di Vista e poi MS, tenendo ancora il
            piede in due scarpe, di fatto favorisce la
            versione più vecchia e diffusa, ritardando il
            completamento della transizione e lo spostamento
            dell'attenzione di sviluppatori HW e SW sulla
            versione più
            moderna.qui si parlava solo o comunque prevalentemente di s.o. MS, lo so anche io che esistono ed anche da molto più tempo s.o. linux a 64bit.poi il fatto che la MS abbia una politica + o - corretta (qui non indago in quanto non mi interessa al momento),non significa che se esiste già 1 versione a 64bit con tanto di drivers funzionanti a 64bit,gli utenti (almeno quelli + consapevoli delle alternative) non siano liberissimi di installarlo e quindi di goderne dei vantaggi dei 64bit.LROBY
          • Stallaman scrive:
            Re: RIP Vista
            - Scritto da: lroby[...]
            dubito che Vienna uscirà tra meno di 2-3 anni
            (IMHO)Dipende da quanto ci mettono ad adattare Hurd. (geek)
      • Marco scrive:
        Re: RIP Vista
        Solo una precisazione: non so a che autocad ti sei fermato tu (forse il 98 LT, oppure semplicemente non lo hai mai usato), ma NON dire che è un'applicazione leggera.
  • Gabriele Ferreri scrive:
    Wine su Windows?
    Scusate la mia ignoranza,ma quale sarebbe l'utilita' ad avere Wine su Windows?Perche' si dovrebbe emulare le API di Windows su Windows stesso?Forse e' lunedi e sono mezzo addormentato, ma non riesco a vederne l'utilizzo pratico. Forse per far andare su Windows nuovi (XP/Vista) applicazioni create per vecchi sistemi operativi?Vi prego illuminatemi...Ciao.
    • DJM scrive:
      Re: Wine su Windows?
      Infatti Wine è per Linux e serve a far girare applicazioni Windows su Linux
      • DJM scrive:
        Re: Wine su Windows?
        - Scritto da: DJM
        Infatti Wine è per Linux e serve a far girare
        applicazioni Windows su
        LinuxLa versione per windows serve solo come test a quanto sembra
    • krane scrive:
      Re: Wine su Windows?
      - Scritto da: Gabriele Ferreri
      Scusate la mia ignoranza,
      ma quale sarebbe l'utilita' ad avere Wine su
      Windows?
      Perche' si dovrebbe emulare le API di Windows su
      Windows
      stesso?
      Forse e' lunedi e sono mezzo addormentato, ma non
      riesco a vederne l'utilizzo pratico. Forse per
      far andare su Windows nuovi (XP/Vista)
      applicazioni create per vecchi sistemi
      operativi?
      Vi prego illuminatemi...Per i giochi che su quella versione di windows non girano e sulle altre si.
      Ciao.
    • Ferdinando Bignamini scrive:
      Re: Wine su Windows?
      Viene impiegato per collaudare le DLL standardd che fanno da interfaccia tra le API e le applicazioni: questo, in quanto spesso ci sono alcune DLL proprietarie di MS che devono essere simulate/ricreate. Per essere sicuri del corretto funzionamento, queste vengono eseguite in windows tramite wine: le chiamate API di base vengono gestite da Windows, mentre viene testato solo il funzionamento della DLL. Così facendo vengono isolati i bug della DLL dai bug del core di WINE.
    • Linaro mannaro scrive:
      Re: Wine su Windows?
      Il senso più inconfessato ed ambizioso sarebbe farlo diventare un'API comune di grande diffusione che permetta ad utenti e sviluppatori di svincolarsi completamente dalla necessità di usare una particolare versione di Windows, o addirittura di svincolarsi da Windows del tutto.Uno scenario possibile, ma ancora lontano, futuribile, poco probabile, però facendo leva sugli utenti di XP si potrebbero avere sviluppi inaspettati.
  • Gix scrive:
    Domanda importantissima
    ma Fifa 08 gira?
  • il gelato che uccide scrive:
    Prestazioni
    "Certo, le prestazioni sono nella maggiore inferiori, ma sempre più spesso soddisfacenti per chi al sistema operativo libero non vuole proprio rinunciare."In realtà sulle OpenGL, specialmente con schede NVIDIA le prestazioni sono del tutto analoghe a quelle di Windows, capita spesso di giocare senza accorgersi della differenza. Questo è probabilmente dovuto alla completezza di implementazione dei drivers NVidia proprietari e alla penalizzazione data alle OpenGL da parte di Microsoft ( che ricordiamo le definisce inadatte allo sviluppo di giochi :D ), ovviamente le DirectX ( quando vanno ) sono più disastrose.Quello che si nota è una scarsa fluidità in certi momenti ma più che a Wine, è spesso dovuta a Linux stesso, in quanto lo scheduler di Linux come è noto non gestisce gli eventi come quello di Windows, è più "rilassato" ( tipicamente è quasi impossibile suonare correttamente un MIDI con il classico scheduler di Linux, anche ponendo il processo in alta priorità ). Consiglio per questo, nel caso si voglia usare intensivamente wine , di provare ad usare il kernel "low-latency", oggi "linux-rt", che contiene le ultime modifiche di Ingo Molnar atte a rendere Linux più vicino al concetto di real time. Su K/Ubuntu lo si fa da Synaptic o Adept.Se usato con wine più che un aumento di prestazioni, darà una notevole fluidità ai comandi, tale che difficilmente vi farà rimpiangere windows.
    • Sba scrive:
      Re: Prestazioni
      Hai ragione, mio fratello gioca a WOW su suse con wine e ti assicuro che è MOLTO + veloce che su win vista. Il che fa pensare quanto faccia schifo il sistema operativo di Redmond.
    • franco scrive:
      Re: Prestazioni

      Quello che si nota è una scarsa fluidità in certi
      momenti ma più che a Wine, è spesso dovuta a
      Linux stesso, in quanto lo scheduler di Linux
      come è noto non gestisce gli eventi come quello
      di Windows, è più "rilassato" ( tipicamente è
      quasi impossibile suonare correttamente un MIDI
      con il classico scheduler di Linux, anche ponendo
      il processo in alta priorità ).questo mi suona molto strano... di che versione di kernel parli???gestisco benissimo processi con priorita' (meglio di windows, visto che dal kernel puoi scegliere anche gli scheduling e gli algoritmi...)quello del MIDI senza offesa mi pare una tavanata pazzescarivedi il tuo sistema
      • Shu scrive:
        Re: Prestazioni
        - Scritto da: franco

        Linux stesso, in quanto lo scheduler di Linux

        come è noto non gestisce gli eventi come quello

        di Windows, è più "rilassato" (
        questo mi suona molto strano... di che versione
        di kernel
        parli???Ha ragione.Lo scheduler standard di Linux è pensato per essere adatto sia all'uso desktop che a sistemi server e a cluster, e per fornire le massime prestazioni in ogni occasione ha tempi di latenza non adatti ad applicazioni realtime (che sono comunque una nicchia).Per questo sono state create delle patch che aggiungono il realtime al kernel (la rt sta proprio per realtime) e riducono drasticamente la latenza.Ridurre la latenza significa far fare più lavoro allo scheduler, quindi le prestazioni diminuiscono un po', ma la responsività del sistema aumenta molto.In pratica quando clicchi qualcosa hai una risposta immediata, ma a encodare un filmato invece di 1 ora magari ci metti 1 ora e 5 minuti (esagerando).Bye.
        • pentolino scrive:
          Re: Prestazioni
          per cuiosità una volta installate le estensioni rt si riesce a tornare indietro facilmente o si finisce per dovere reinstallare (non che per me sia una tragedia visto che ho la partizione di home separata)?
          • Uby scrive:
            Re: Prestazioni
            - Scritto da: pentolino
            per cuiosità una volta installate le estensioni
            rt si riesce a tornare indietro facilmente o si
            finisce per dovere reinstallare (non che per me
            sia una tragedia visto che ho la partizione di
            home
            separata)?Non conosco linux-rt, ma se si tratta di un kernel, come mi sembra di aver capito, puoi benissimo averne installato più di uno. Sarà GRUB (o LILO) a darti la possibilità di scegliere quale usare ad ogni avvio.
          • pentolino scrive:
            Re: Prestazioni
            giusto, magari faccio prima un prova con la macchina virtuale :-)
          • il gelato che uccide scrive:
            Re: Prestazioni
            - Scritto da: pentolino
            per cuiosità una volta installate le estensioni
            rt si riesce a tornare indietro facilmente o si
            finisce per dovere reinstallare (non che per me
            sia una tragedia visto che ho la partizione di
            home
            separata)?Su ubuntu, se tu installi il linux-rt questo ti appare nel GRUB e puoi scegliere con che kernel partire o sisinstallarlo.Ti cito UBUNTU perché io uso (K)ubuntu appunto e quando installo il kernel, automaticamente mi fa il download dei drivers proprietari in uso già compilati per quel kernel ( ovviamente i drivers, finiscono nell'apposita directory e non entrano in conflitto con quelli già presenti ).Se usi una macchina virtuale, non godrai di grandi benefici, perché ovviamente installare un sistema realtime virtualizzato su uno che non lo è capisci che non risolve molto il problema ;)
          • pentolino scrive:
            Re: Prestazioni
            grazie, in effetti quando parlavo di macchina virtuale intendevo solo il discorso "per vedere se rimane in qualche modo isolato o mi cambia irreversibilmente il sistema". E' chiaro che se la macchina virtuale parte da un sistema non RT non dovrei vedere grandi miglioramenti :-)P.S: a scanso di equivoci hai risposto al 100% alla mia domanda, era appunto quello che volevo sapere :-)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 maggio 2008 16.17-----------------------------------------------------------
      • il gelato che uccide scrive:
        Re: Prestazioni


        questo mi suona molto strano... di che versione
        di kernel
        parli???
        gestisco benissimo processi con priorita' (meglio
        di windows, visto che dal kernel puoi scegliere
        anche gli scheduling e gli
        algoritmi...)
        quello del MIDI senza offesa mi pare una tavanata
        pazzesca
        rivedi il tuo sistemaNon sto dicendo che linux non va bene per il desktop, sto dicendo che siccome Windows è un sistema completamente diverso ammette l'accesso al kernel con una certa "scioltezza" mentre i processi in Linux possono solo fare richiesta delle risorse e attendere che il kernel fornisca il servizio e gli interrupts sono soggetti alla così detta "latenza" di svariate decine di millisecondi.Qui trovi un wiki che spiega tutto http://rt.wiki.kernel.org/index.php/Frequently_Asked_Questions
        • il gelato che uccide scrive:
          Re: Prestazioni
          ps : e qui c'è la questione del midi ...http://www.linuxdevcenter.com/pub/a/linux/2000/11/17/low_latency.html
          • porcosuino scrive:
            Re: Prestazioni
            - Scritto da: il gelato che uccide
            ps : e qui c'è la questione del midi ...
            http://www.linuxdevcenter.com/pub/a/linux/2000/11/quello è un articolo, anche se del grande dave phillips, del 2000; nelle ultime versioni del kernel, a meno che te non faccia un uso particolare del pc (in particolare: studio musicale, quindi strumenti musicali da registrare e monitorare), basta abilitare l'opzione preemptible kernel e impostare la frequenza del timer rtc a 1000hz e avrai prestazioni sufficienti per qualunque utilizzo.
          • Shu scrive:
            Re: Prestazioni
            - Scritto da: porcosuino
            nelle ultime versioni del
            kernel, a meno che te non faccia un uso
            particolare del pc (in particolare: studio
            musicale, quindi strumenti musicali da registrare
            e monitorare), basta abilitare l'opzione
            preemptible kernel e impostare la frequenza del
            timer rtc a 1000hz e avrai prestazioni
            sufficienti per qualunque
            utilizzo.In quelle "ancora più ultime" :) non serve nemmeno quello. E` stato implementato il tickless. Il kernel decide da solo la frequenza in base all'uso, e quindi se il sistema è scarico fa meno interrupt e risparmia anche batteria.Bye.
  • pippo scrive:
    wine per windows?
    ...è già possibile scaricare Wine 1.0 RC1 nelle versioni pacchettizzate per Red Hat, CentOS, Fedora, SUSE, Mandriva, Slackware, Ubuntu, Debian, FreeBSD, PC-BSD, Solaris e Windows...Wine per Windows? Forse mi sono perso qualcosa... qualcuno mi può spiegare che senso ha Wine su Windows?grazie
    • antonio scrive:
      Re: wine per windows?
      FAQ:http://wiki.winehq.org/FAQ#head-530da6f64d194f2b403411016ab937e60d3c2c1c
      • Aresio scrive:
        Re: wine per windows?
        lol geniale usare Wine per avere le DirectX10 in XP!
        • Joliet Jake scrive:
          Re: wine per windows?
          - Scritto da: Aresio
          lol geniale usare Wine per avere le DirectX10 in
          XP!Ma allora si può far girare Crysis su XP? :oFico...(ma il framerate sarà di 1 al secondo...)
          • krane scrive:
            Re: wine per windows?
            - Scritto da: Joliet Jake
            - Scritto da: Aresio

            lol geniale usare Wine per avere le DirectX10 in

            XP!
            Ma allora si può far girare Crysis su XP? :o
            Fico...
            (ma il framerate sarà di 1 al secondo...)Scherzi: quello e' il framerate di Vista :http://www.crn.com/software/207001890http://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=681&num=2
          • gon scrive:
            Re: wine per windows?
            su win$ux xp va già crysis di suo... :|
          • damix911 scrive:
            Re: wine per windows?
            Vero, però in modalità DirectX 9.
        • Sgabbio scrive:
          Re: wine per windows?
          oppure si potrebbe far partire la versione su pc di un gioco che non fu mai concepito per le DX 10, ma che su messo artificiosamente solo per Vista.......Sto parlando di Halo 2 per pc.
  • Guido La Vespa scrive:
    Windows al tappeto!
    Scusate ma non ho resistito... :D
  • kattle87 scrive:
    Mi serve una mano!
    chi riesce a farmi partire questo sollo linux?http://www.zgameeditor.org/Vi prego a me è mancato un soffio... Mi si bloccava quando facevo "add component" dal menù (tasto destro sulla lista degli oggetti) e non ho voglia di fare l'avanzamento di versione se per caso poi non funzionasse.PS: questo programma è fenomenale (e OpenSource anche se solo x windows) dateci una occhiata comunque!
    • H5N1 scrive:
      Re: Mi serve una mano!
      Di quel programma è disponibile il sorgente in Pascal.Scarichi il compilatore da http://www.freepascal.org/ e lo ricompili
  • NONVABENE scrive:
    Troppo comodo usare Wine
    Se uno vuole usare programmi e giochi Windows si COMPRA Windows cacciando fuori i soldi, altrimenti si accontenta delle povere imitazioni che ci sono nel mondo dei sorci liberi!
    • upper scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      In effetti è comodissimo ;-)
    • kattle87 scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      in effetti è molto comodo!E pensa un po', ci girano anche programmi gratis che pertanto ho legalmente!
    • AtariLover scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      - Scritto da: NONVABENE
      Se uno vuole usare programmi e giochi Windows si
      COMPRA Windows cacciando fuori i soldi,
      altrimenti si accontenta delle povere imitazioni
      che ci sono nel mondo dei sorci
      liberi!Al massimo si COMPRA i programmi, non Windows.Sempre che non utilizza dll di windows, allora si, deve comprare Windows ;)Resta il fatto che molte di quelle incluse non sono prese da Windows ma riscritte...
    • ilcaroleader scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      Se Windows e i suoi programmi fanno così schifo, a che vi serve Wine?Non avete già migliaia di software meravigliosi a portata di apt-get?
      • zander scrive:
        Re: Troppo comodo usare Wine
        - Scritto da: ilcaroleader
        Se Windows e i suoi programmi fanno così schifo,
        a che vi serve
        Wine?
        Non avete già migliaia di software meravigliosi a
        portata di
        apt-get?In generale è vero, il 90% degli applicativi su Linux sono più che sufficenti. Forse che Wine serve per far girare i giochi che mi sono comperato? Mah!?! Vedi tu.
      • barra78 scrive:
        Re: Troppo comodo usare Wine
        Guarda wine lo uso giusto x farci girare un piccolo gestionale che uso da anni (quando ancora ero legato al mondo microsoft). X il resto non sento affatto la mancanza delle schermate blu (che cosa comica mi comparivano, abbastanza spesso, con questo gestionale e che ora invece non vedo mai. E' molto + stabile su wine che su windows :D), aggiornamenti di 1000 programmi x volta tutti separati (sai vero che apt mi consente di aggiornare in pochi istanti sistema operativo, openoffice, programmi vari senza sbattimenti?) e soprattutto senza spendere x avere un supporto tecnico che ho contattato 1 unica volta e mi ha risposto: "non sappiamo quindi si deve arrangiare"
    • sadada scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      - Scritto da: NONVABENE
      Se uno vuole usare programmi e giochi Windows si
      COMPRA Windows cacciando fuori i soldi,
      altrimenti si accontenta delle povere imitazioni
      che ci sono nel mondo dei sorci
      liberi!sei un troll o uno che non ha la minima idea di ciò di cui parla?
    • Keebus scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      Non riesco proprio a capire come mai questo sito pulito funzionale ed elegante sia così tristemente pieno di troll sempre pronti ad offendere senza giudizio (e molto spesso dimostrando la propria ignoranza) e mai a dimostrare logicamente ed educatamente le proprie opinioni, facendo nascere un dialogo costruttivo e neutrale per tutti.Davvero un peccato che il mondo dell'informatica sia così pieno di sapientoni poco educati......e si parla di software libero...
      • ilcaroleader scrive:
        Re: Troppo comodo usare Wine
        In effetti ogni volta che si toccano certi argomenti -- o meglio un _certo_ argomento -- partono flame fra guelfi e ghibellini.Condivido il tuo invito a evitare le offese, e confido di non averlo troppo disatteso finora nei miei interventi di linuxiano deluso. Non penso, invece, che gli ignoranti informatici, fra cui non ho problemi a inserirmi, debbano chiudere la bocca: se il software aperto vuole imporsi come alternativa, penso debba essere accessibile anche a chi non ha voglia, tempo, capacità di manovrare una linea di comando. Ora non mi si venga a dire che con Mandriva e Ubuntu la riga di comando non serve eccetera eccetera, perché sappiamo tutti benissimo che non è così, che prima o poi c'è uno scanner che non viene riconosciuto, un modem che "bisognerebbe mettere mano al kernel oppure fai prima a cambiarlo, ché tanto ormai non costano niente", un "diventa root, apri il file di configurazione e scrivi...".Io, personalmente, dopo essermi ostinato per sei anni a far girare distribuzioni, ho deciso serenamente che Windows, pur con tutti i suoi limiti, mi permette di lavorare decisamente meglio. In Linux c'era sempre qualcosa che zoppicava, sempre un compromesso cui scendere... Giusto per darvi un'idea, la Xubuntu che avevo messo sul mio eeepc funzionava dignitosamente, ma poi mi sono accorto che, nonostante ore e ore di ottimizzazione, la batteria dura un'ora in meno di quanto faccia "out of the box" con Xp. Vi potrei fare decine di esempi e se usate Linux li conoscerete bene, e magari mi direte che aprendo un terminale, editando quel file... Ok, chi vuole si diverta, io ho già dato. Magari ne riparliamo fra dieci anni.- Scritto da: Keebus
        Non riesco proprio a capire come mai questo sito
        pulito funzionale ed elegante sia così
        tristemente pieno di troll sempre pronti ad
        offendere senza giudizio (e molto spesso
        dimostrando la propria ignoranza) e mai a
        dimostrare logicamente ed educatamente le proprie
        opinioni, facendo nascere un dialogo costruttivo
        e neutrale per
        tutti.

        Davvero un peccato che il mondo dell'informatica
        sia così pieno di sapientoni poco
        educati...

        ...e si parla di software libero...
        • krane scrive:
          Re: Troppo comodo usare Wine
          - Scritto da: ilcaroleader
          Non penso, invece, che gli ignoranti informatici,
          fra cui non ho problemi a inserirmi, debbano
          chiudere la bocca: se il software aperto vuole
          imporsi come alternativa, penso debba essere
          accessibile anche a chi non ha voglia, tempo,
          capacità di manovrare una linea di comando.Quale sarebbero i problemi di una Ubuntu preinstallata e preconfigurata ?
          Ora non mi si venga a dire che con Mandriva e
          Ubuntu la riga di comando non serve eccetera
          eccetera, perché sappiamo tutti benissimo che non
          è così, che prima o poi c'è uno scanner che non
          viene riconosciuto, un modem che "bisognerebbe
          mettere mano al kernel oppure fai prima a
          cambiarlo, ché tanto ormai non costano niente",
          un "diventa root, apri il file di configurazione
          e scrivi...".Perche' se Vista non riconosce meta' dell'hw che possiedi e' giusto cambiarlo e con linux invece devi scriverti i driver a mano ?Non e' la stessa cosa ? No anzi e' meglio perche' almeno nel secondo caso se sei in grado puoi farlo, nel primo cambi hw e basta.Sai come ho deciso di non tornare a windows ? Quando all'uscita di XP microsoft aveva deciso di non supportare piu' nessuno scanner e stampanti che non fossero USB.
          Io, personalmente, dopo essermi ostinato per sei
          anni a far girare distribuzioni, ho deciso
          serenamente che Windows, pur con tutti i suoi
          limiti, mi permette di lavorare decisamente
          meglio. In Linux c'era sempre qualcosa che
          zoppicava, sempre un compromesso cui scendere...A me ultimamente capita con windows, se vuoi ti faccio degli esempi.
          Giusto per darvi un'idea, la Xubuntu che avevo
          messo sul mio eeepc funzionava dignitosamente, ma
          poi mi sono accorto che, nonostante ore e ore di
          ottimizzazione, la batteria dura un'ora in meno
          di quanto faccia "out of the box" con Xp.Ore ed ore di ottimizzazione con ubuntu ?Metti una gentoo e poi ne riparliamo.
          Vi potrei fare decine di esempi e se usate Linux
          li conoscerete bene, e magari mi direte che
          aprendo un terminale, editando quel file... Ok,
          chi vuole si diverta, io ho già dato. Magari ne
          riparliamo fra dieci anni.Fammi pure qualche esempio e parliamone.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Troppo comodo usare Wine
          Sono parzialmente d'accordo.Sono un Linuxiano felice e soddisfatto ma è inutile raccontarsi favole. Linux non è ancora pronto per il largo consumo Desktop ed utonti annessi. Ad ogni modo ho un appunto da fare: il software libero non si vuole "imporre" come alternativa. Sta ad ognuno di noi fare una scelta consapevole mirata a "liberare" tecnologie (o meno, per carità) ad oggi appannaggio esclusivo di un elite di power users.Detto questo, chi è contento di usare Windows (lo uso anche io in ufficio per via di politiche aziendali, e non sono contento di questo vincolo perché mina la mia produttività), è giusto che continui ad usarlo ma dovrebbe comunque essere consapevole che esistono alternative che permettono di dire: "si, io so come funziona un sistema informatico in ogni suo aspetto". Tutto qui.Pace e bene! (linux)
          • denis scrive:
            Re: Troppo comodo usare Wine
            Linux non è per utonti, punto! E' un OS scritto da programmatori/sysadmin/nerd per uso personale e orientato ad altri programmatori/sysadmin/nerd. I niubbi che lo usano sono ottimi candidati per queste tre categorie, è quasi un ufficio di reclutamento, ad esempio quando ho iniziato a usare Linux (mandrake 8.0, 8 anni fa) nemmeno sapevo che bisognava riavviare il sistema col cd dentro, 2 anni fa ho installato un cluster openMosix su quattro macchine Debian che bootano da rete prendendo la root dal master.Questo ti porta a fare Linux, gli utenti che restano diventano esperti!
          • gino scrive:
            Re: Troppo comodo usare Wine
            - Scritto da: denis
            Linux non è per utonti, punto! E' un OS scritto
            da programmatori/sysadmin/nerd per uso personale
            e orientato ad altri programmatori/sysadmin/nerd.falsissimo
            I niubbi che lo usano sono ottimi candidati per
            queste tre categorie, è quasi un ufficio di
            reclutamento, ad esempio quando ho iniziato a
            usare Linux (mandrake 8.0, 8 anni fa) nemmeno
            sapevo che bisognava riavviare il sistema col cd
            dentro, eggiàgli utonti che usano windows se lo rritrovano già installato ed ecco perchè linux sembra difficilefai installare anche windows agli utonti e poi ne riparliamo
            2 anni fa ho installato un cluster
            openMosix su quattro macchine Debian che bootano
            da rete prendendo la root dal
            master.
            bravo che ti si può dire?
            Questo ti porta a fare Linux, gli utenti che
            restano diventano
            esperti!questo si ma devi parlare degli utenti che se lo installano da soli perchè se sei il sys admin e glielo installi tu il sistema loro fanno solo quello che gli è consentito fare e lo sapranno fare bene dopo averglielo spiegato, tale e quale che con windows
          • SantaPazien za scrive:
            Re: Troppo comodo usare Wine

            Sono un Linuxiano felice e soddisfatto ma è
            inutile raccontarsi favole. Linux non è ancora
            pronto per il largo consumo Desktop ed utonti
            annessi.
            Mah, neanche Windows va bene per utonti, non sono d'accordo che sia piu' facile da usare, io faccio anche assistenza e devo continuamente aiutare le persone a risolvere problemi d'uso Windows banalissimi, almeno per me ma per loro assolutamente non intuitivi.Windows non e' piu' facile, solo che:1) qualcuno lo usa da anni e qualcosetta ha imparato, per certi aspetti con GNU/Linux dovrebbe ricominciare2) i fornitori hw fanno i driver per Windows per GNU/Linux no e quindi e' molto piu' faticoso fornire driver funzionanti dato che e' la comunita' che ci deve pensare3) te lo trovi gia' sulla macchina e siamo tutti pigri in fondoUn utente "vergine" se investisse in una qualunque distro il tempo che ha investito in Windows in autoformazione credo avrebbe livelli di soddisfazione assolutamente non inferiori, resta il problema dei driver ma con qualche accorgimento d'acquisto e' superabile. Per l'installazione forzata e forzosa: FORZA ANTITRUST!!!!! Potrebbero imporre che tutti i sistemi vengano installati dual boot (a scelta dle produttore quale distro usare) o meglio ancora che l'SO sia da acquistare separatamente sempre e in ogni caso (altrimenti ti tocca la famosa tassa ...), fermo restando che fatta la scelta viene installato a cura fornitore.Detto questo GNU/Linux non e' perfetto, sicuro, e non sono disposto neanche a dire che molte versioni Windows facciano schifo, pero' uno e' sempre open e spesso pure free, l'altro closed e sempre a pagamento. La mia personale bilancia pende quindi per il primo.
          • SantaPazien za scrive:
            Re: Troppo comodo usare Wine
            E aggiungo sul preinstallato, nell'ipotesi di un modulo con su scritto:SISTEMA OPERATIVO DA INSTALLARESuSE 0 euroFedora 0 euroDebian 0 euroecc. ecc.fino aVista Home OEM 99 EuroVista Premium OEM 125 Euroecc. ecc.Vediamo un po' se gli utenti vanno cosi' pazzi per Windows, presumo che da quel risicato 1% uso Desktop cominciamo a schizzare in su di un bel po' in pochissimo tempo.
        • Andrea scrive:
          Re: Troppo comodo usare Wine
          Tempo una settimana fa ho formattato il mio portatile toshiba, comprato nell'ottobre 2004. Decido di fare un dual boot ubuntu-win xp sp2.Risultato: win xp sp2 non ha riconosciuto:- scheda di rete- scheda di rete wireless- audio- usb... e tante altre cose, avevo infatti una decina di punti di domanda gialli sull'hardware di sistema.Ubuntu è andato tutto subito senza fare assolutamente niente.Usando ubuntu mi sono scaricato i driver XP dal sito del produttore.Ora, io ho usato molto di più windows in vita mia, anche se sono sempre stato Pro Linux come filosofia. Questa esperienza mi ha fatto quantomeno ricredere sulle difficoltà del pinguino, sono molto minori di quelle che pensavo e windows ne ha di più di quante me ne ricordassi.
        • Roby Cancelli scrive:
          Re: Troppo comodo usare Wine
          - Scritto da: ilcaroleader

          Vi potrei fare decine di esempi e se usate Linux
          li conoscerete bene, e magari mi direte che
          aprendo un terminale, editando quel file... Ok,
          chi vuole si diverta, io ho già dato. Magari ne
          riparliamo fra dieci
          anni.
          Ecco caro ingegnere hai toccato il tasto giusto: nel mondo del software libero ognuno è chiamato a contribuire, magari in piccolo anche scovando qualche bug e segnalandolo,o magari scrivendo una utility che eviti di eseguire compiti dalla riga di comando!Un piccolo prezzo da pagare per una grande libertà.Mi spiace per te
        • Gabubbi scrive:
          Re: Troppo comodo usare Wine
          - Scritto da: ilcaroleader
          Non penso, invece, che gli ignoranti informatici,
          fra cui non ho problemi a inserirmi, debbano
          chiudere la bocca: se il software aperto vuole
          imporsi come alternativa, penso debba essere
          accessibile anche a chi non ha voglia, tempo,
          capacità di manovrare una linea di comando.Ma ilcaroleader... proprio perché si vuol essere un alternativa non si deve per forza piacere a tutti. Altrimenti non sei un alternativa, sei un clone. E credo che non ci sia bisogno di cloni di Windows.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Troppo comodo usare Wine
        Quanto è vero!Evidentemente non ci si rende pienamente conto di cosa significhi e perché è nato il movimento del Software Libero...Ma d'altronde che ci si aspetta da un pase che parla solo di calcio e veline? E' più importante diffamare ciò che non si conosce che capire cosa realmente non vada.Saluti
    • pentolino scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      scusa e quelli come me che hanno comprato windows (perchè era preinstallato sul PC) ma usano Linux e un paio di programmi (che purtroppo ogni tanto toccano) li fanno girare su Wine? Come li categorizzi?
      • lroby scrive:
        Re: Troppo comodo usare Wine
        - Scritto da: pentolino
        scusa e quelli come me che hanno comprato windows
        (perchè era preinstallato sul PC) ma usano Linux
        e un paio di programmi (che purtroppo ogni tanto
        toccano) li fanno girare su Wine? Come li
        categorizzi?Liberi di fare quello che vogliono..come tutti gli altri.LROBY
        • SantaPazien za scrive:
          Re: Troppo comodo usare Wine
          Proprio libero no visto che si e' dovuto comperare un Windows che non voleva pagando una tassa che nessuna legge ha stabilito e che va a favore non della collettivita' ma di una societa' di capitali. Di questo passo quando si va in un supermercato perche' non obbligare chiunque se vuole prendere un carrello a dover mettere dentro (OEM) la marca di latte X, di yougurt Y o di quello che te pare anche se sei allergico ai latticini???
          • pentolino scrive:
            Re: Troppo comodo usare Wine
            concordo con santapazienza; non è bello essere costretti ad acquistare qualcosa che non ti piace e che non usi...
    • Domokun scrive:
      Re: Troppo comodo usare Wine
      ahahauah uahauh ahahahahauahahah uhau huahaauhauhauhOh mamma mia come rido quando rosicate in questa maniera... huahuah uhauhuhuhauh uhuahahauahuah
  • MAH scrive:
    Ma qualcuno lo usa, Wine?
    Esiste qualcuno che usi Winecon una certà regolarità?Questo mi chiedo.
    • Enrico Giancipoli scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      Presente. Qual è di preciso il dubbio?
      • MAH scrive:
        Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
        A che ti serve? :)
        • Enrico Giancipoli scrive:
          Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
          A far girare programmi Windows senza Windows sul mio sistema Debian ed a preservare il mio computer da virus senza antivirus. Wine serve proprio a quello.
          • MAH scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            Ma dai?DAVVERO?
          • Enrico Giancipoli scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            Per i troll c'è un altro forum, caro amico. Perdonami, ma d'ora in poi ti ignoro.
          • Marco Ravich scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?

            Forward AgencyIn progress we (always) trust.
          • Enrico Giancipoli scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?

            Pongo io la domanda in un altro modo: di quali
            programmi Windows non hai trovato l'alternativa
            open per Linux
            ?
            Ma ce ne sono un'infinità! Non saprei neanche da dove iniziare...
          • reXistenZ scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            - Scritto da: Enrico Giancipoli

            Pongo io la domanda in un altro modo: di quali

            programmi Windows non hai trovato l'alternativa

            open per Linux

            ?



            Ma ce ne sono un'infinità! Non saprei neanche da
            dove
            iniziare...A me sembra un controsenso. Installare Wine per usare programmi Windows di cui non esiste l'alternativa Linux in un'infinità di casi... Non sarebbe più coerente rimanere in Windows?Quali programmi usi TU sotto wine, concretamente?
          • krane scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            - Scritto da: reXistenZ
            - Scritto da: Enrico Giancipoli


            Pongo io la domanda in un altro modo: di quali


            programmi Windows non hai trovato
            l'alternativa


            open per Linux


            ?






            Ma ce ne sono un'infinità! Non saprei neanche da

            dove

            iniziare...

            A me sembra un controsenso. Installare Wine per
            usare programmi Windows di cui non esiste
            l'alternativa Linux in un'infinità di casi... Non
            sarebbe più coerente rimanere in
            Windows?

            Quali programmi usi TU sotto wine, concretamente?4 giochi : infatti XP e' un SO giocattolo giusto adatto a giocare.
          • Enrico Giancipoli scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            Francamente, non vedo alcun controsenso nel voler utilizzare un sistema stabile, gratuito e performante. Saprai meglio di me che ci sono molti programmi che per motivi commerciali vengono diffusi solo su Windows. Tramite Wine, è possibile eseguirli su Linux senza dover acquistare licenze. Io lo vedo come un miracolo e ringrazio infinitamente gli sviluppatori di Wine per offrire questa facoltà.
          • krane scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            - Scritto da: Marco Ravich
            - Scritto da: MAH

            Ma dai?

            DAVVERO?
            Pongo io la domanda in un altro modo: di quali
            programmi Windows non hai trovato l'alternativa
            open per Linux ?Da buon SO giocattolo Windows fa girare un sacco di giochi.
            Comunque più che in WINE io mi schiererei con
            ReactOS:E perche' mai ???Per non avere programmi ne' utils ?Aspettero' che sia finito almeno.
            www.reactos.org
            Marco Ravich
          • pippo75 scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?

            Comunque più che in WINE io mi schiererei con
            ReactOS:

            www.reactos.orgPurtroppo le ultime versioni sul mio PC proprio non partono piu' :( .Wine dalla sua parte almeno ha il supporto di linux.
          • Gabubbi scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            - Scritto da: Marco Ravich
            - Scritto da: MAH

            Ma dai?

            DAVVERO?


            Pongo io la domanda in un altro modo: di quali
            programmi Windows non hai trovato l'alternativa
            open per Linux
            ?Io lo uso regolarmente solo per due cose:Usare ie6, obbligato da certi webdevelopper che non sono capaci di scrivere applicazioni compatibili con gli standard w3c (vedi siti di alcune banche ecc) e usare Packet Racer, software didattico della Cisco (necessario per alcuni esami). Per il resto, uso solo programmi open, ed i portatili me li compro senza sistema operativo.
        • anti trollo scrive:
          Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
          - Scritto da: MAH
          A che ti serve? :)A usare programmi x Windows senza pagare la licenza di Windows né craccarlo e usare a sbafo Windows, ovvio, che domande, mbah, mah...
        • sylvaticus scrive:
          Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
          Io lo uso quando devo gestire (e condividere in gruppi di lavoro windows-locked) documenti office partilocarmente complessi (es. con macro) dove la compatibilità con OOffice non è al 100%...
    • vac scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      Io lo uso.Alcuni banali programmini x windows e qualche gioco tra cui Soldier of fortune 2 (chiamato sof2)
    • Pippo scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      - Scritto da: MAH
      Esiste qualcuno che usi Wine
      con una certà regolarità?

      Questo mi chiedo.Uso Picasa. Picasa per Linux sfrutta la tecnologia messa a disposizione da Wine...Si! In effetti uso wine...
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      presente anche io, World of Warcraft senza problemi e meglio che sotto win :)
    • Joshi scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      bhe.. ti fo un esempio banale di svago.diablo2 girava su w98 e non c'è cristi di farlo girare su XP.su un linux con wine va...
      • DarkSchneider scrive:
        Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
        - Scritto da: Joshi
        bhe.. ti fo un esempio banale di svago.
        diablo2 girava su w98 e non c'è cristi di farlo
        girare su
        XP.
        su un linux con wine va...Questa affermazione è completamente falsa! Se vuoi ti posto lo screen. Ho diablo 2 funzionante su 3 (tra poco 4) macchine con installato XP. Funziona pure con Vista!Unico problema, deve essere lanciato con i privilegi di amministratore (run as è più che sufficiente)P.S. Uso Linux da anni ma il terrorismo mediatico non lo sopporto!
        • krane scrive:
          Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
          - Scritto da: DarkSchneider
          - Scritto da: Joshi

          bhe.. ti fo un esempio banale di svago.

          diablo2 girava su w98 e non c'è cristi di farlo

          girare su

          XP.

          su un linux con wine va...

          Questa affermazione è completamente falsa! Se
          vuoi ti posto lo screen. Ho diablo 2 funzionante
          su 3 (tra poco 4) macchine con installato XP.
          Funziona pure con
          Vista!
          Unico problema, deve essere lanciato con i
          privilegi di amministratore (run as è più che
          sufficiente)

          P.S. Uso Linux da anni ma il terrorismo mediatico
          non lo
          sopporto!Mi fai girare anche Star Command della SSI senza wine ?
          • DarkSchneider scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            - Scritto da: krane


            Mi fai girare anche Star Command della SSI senza
            wine
            ?guarda che non ho nulla contro Wine... L'ho usato pure io per far girare dei SW che mi servivano per preparare un esame.Io rispondevo a chi diceva che Diablo 2 su Xp non funziona...
        • barra78 scrive:
          Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
          sinceramente ricordo anche io di aver avuto problemi con diablo e windows xp. Probabilmente dopo l'sp2 e con la versione originale del gioco senza nessuna patch (avevo comprato il gioco il giorno dell'uscita). Non ricordo i dettagli però xchè stiamo parlando orami di 1 secolo fa!
          • DarkSchneider scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            - Scritto da: barra78
            sinceramente ricordo anche io di aver avuto
            problemi con diablo e windows xp. Probabilmente
            dopo l'sp2 e con la versione originale del gioco
            senza nessuna patch (avevo comprato il gioco il
            giorno dell'uscita). Non ricordo i dettagli però
            xchè stiamo parlando orami di 1 secolo
            fa!Boh? A me ha sempre funzionato!Va detto che ho quasi sempre installato anche l'espansione (quindi versione 1.07) e quell'unica volta che mi ricordo di aver installato solo il gioco non ricordo se avevo il SP2 o no. Problemi nessuno, anche su macchine diverse e addirittura su installazioni di XP migrate. Sempre e comunque richiedeva il lancio come amministratore.
        • Joshi scrive:
          Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
          Ma quale terrorismo e terrorismo?era solo un esempio della mia esperienza.se poi a te va, buon per te , resta il fatto che io ho sempre incontrato più problemi di compatibilità windows-windows che windows-linux; poi fai te, per quello che me ne frega xDse sei pronto a vedere terrorismo dove c'è solo il racconto di un'esperienza, bhe, mi fai solo pensare che tu sia un paranoico xD
          • DarkSchneider scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            Mhh chiedo scusa ho completamente sbagliato il termine e colpevolmente omesso le virgolette.In realtà volevo evitare di usare FUD (che è quello che mi è sembrata la tua affermazione).Leggo questo forum da un po' e sinceramente mi sono rotto dei soliti flame e OS war.Tutti a dire "Io ce l'ho più grosso" e a spalare merda sull'aversario. Sono pochi i post misurati che tengono conto della cosa più importante in questi casi: le effettive esigenze.La seconda parte non è rivolta a te, anzi, mi scuso per aver esagerato nei tuoi confronti. Solo che in mezzo alla flame war mi sono lasciato prendere un po'.
          • Joshi scrive:
            Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
            Niente figurati :) Come ti ho detto, era solo un esempio di funzionalità derivato dalla mia esperienza.. tra l'altro in risposta ad un'altra affermazione ^^poi che c'entra, uno userà il sistema di cui ha bisogno, no? ma l'argomento dell'articolo è wine , e io che mi ci trovo bene ne parlo bene :P
    • Funz scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      - Scritto da: MAH
      Esiste qualcuno che usi Wine
      con una certà regolarità?Io lo uso solo per Fortè Agent, programma per mail e newsgroups che uso dal '95 :) Funziona bene, unici problemi: c'e' da installare qualche font extra per non avere un aspetto "brutto", e all'uscita mi chiede di generare un dump per chissà quale errore, cosa che si può tranquillamente ignorare.Come per FF e il TB di mia moglie, ho la cartella dei dati condivisa tra Ubuntu e il Windows in dual boot, oltre a un paio di script per comprimere/decomprimere i dati e copiarli su/da chiavetta, per portarmeli in giro. Anche questi script li uso dal '95, quando usavo i floppy... ancora adesso uso l'opzione -v1440 di arj :D
    • Shu scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      - Scritto da: MAH
      Esiste qualcuno che usi Wine
      con una certà regolarità?Io, per far girare IE5.5, 6 e 7 su Linux, visto che devo testarci i siti che faccio.Per il resto, non lo uso mai. L'ho provato qualche volta per un paio di programmi introvabili su Linux (editor di mappe per GDR, per esempio) ma poi non li usavo mai.Ho provato qualche vecchio gioco (Railrad Tychoon 2), ma in generale per giocare riavvio su Windows.Piuttosto, ora che la virtualizzazione hardware è messa abbastanza bene, mi piacerebbe un driver Windows per una scheda video virtuale che, nel software di emulazione, traduce i "comandi" in OpenGL e li gira alle mesa. Così si abbatterebbe l'ultimo scoglio all'emulazione di Windows in Virtualbox, QEmu e simili.Bye.
    • zoiba scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      per lavoro lo uso ogni giorno, mi permette di usare Flash e Director su linux (licenze regolari eh), molto comodo.Flash ha qualche piccolo difetto ma ci si può convivere tranquillamente mentre Director gira molto bene, nessuna perdita di prestazioni apparentemente, nessun effetto collaterale.Grazie a wine la mia postazione di lavoro è una macchina solo linux da oltre 6 mesi.
    • Stefano Silvestri scrive:
      Re: Ma qualcuno lo usa, Wine?
      Sì, io e da svariati anni. Ci gioco a WoW tutti i giorni e l'ho usato in passato per ultima online need for speed knights and merchants max payne e un sacco di giochetti che lasciano il tempo che trovano. Recentemente non ricordo di aver avviato windows, giusto per installare vista ed avere un raffronto coi benchmark, per verificare che WoW mi funziona meglio su wine con opengl di quanto non funzioni su windows con directx, usando una geforce 8600GT.Non lo uso per office perché tra lui e openoffice il più delle volte preferisco usare Gedit o joe, i grafici li faccio con gnuplot e le relazioni con latex, per me office è spazzatura, serve giusto a scrivere i volantini.E' utilizzabile, fidatevi. ed è vero, una volta cercavi l'applicazione compatibile, adesso ti stupisci se trovi quella che non funziona.
  • 0verture scrive:
    Due commenti su wine
    Intanto ho letto tante volte che le prestazioni sono identiche a windows ma ho constatato di persona che non è così: starcraft che dovrebbe girare fluido su un pentium 90 a salire, su un athlon 1700+ ha frame rate incostanti ed è parecchio scattoso. Stesso discorso per molti altri programmi che cerco di utilizzare che si sente chiaramente che faticano a "muoversi" fluidamente.Poi non so voi ma ci andrei piano con i festeggiamenti. 10 anni per avere un layer di emulazione di windows decente sono parecchio tempo (anche se molti programmi una volta installati si rifiutano di levarsi e non vi dico le bestemmie a levare le, a volte migliaia di, chiavi di registro a mano...) e nessuno garantisce che microsoft non possa cambiare tutto da oggi all'indomani per cui invece di cantare vittoria pensando che il futuro sarà tutto wine e java, consiglio vivamente di spingere verso una standarizzazione delle librerie native per linux se non altro perchè lì è la comunità ad avere il controllo e non una società (tra l'altro dichiaratamente nemica). Non bisogna assolutamente trasmettere il messaggio alle software house di continuare a guardare solo verso windows "perchè tanto qui ci si arrangia come MCGyver" o si finirà molto male.
    • max scrive:
      Re: Due commenti su wine
      quoto- Scritto da: 0verture
      Intanto ho letto tante volte che le prestazioni
      sono identiche a windows ma ho constatato di
      persona che non è così: starcraft che dovrebbe
      girare fluido su un pentium 90 a salire, su un
      athlon 1700+ ha frame rate incostanti ed è
      parecchio scattoso. Stesso discorso per molti
      altri programmi che cerco di utilizzare che si
      sente chiaramente che faticano a "muoversi"
      fluidamente.

      Poi non so voi ma ci andrei piano con i
      festeggiamenti. 10 anni per avere un layer di
      emulazione di windows decente sono parecchio
      tempo (anche se molti programmi una volta
      installati si rifiutano di levarsi e non vi dico
      le bestemmie a levare le, a volte migliaia di,
      chiavi di registro a mano...) e nessuno
      garantisce che microsoft non possa cambiare tutto
      da oggi all'indomani per cui invece di cantare
      vittoria pensando che il futuro sarà tutto wine e
      java, consiglio vivamente di spingere verso una
      standarizzazione delle librerie native per linux
      se non altro perchè lì è la comunità ad avere il
      controllo e non una società (tra l'altro
      dichiaratamente
      nemica).
      Non bisogna assolutamente trasmettere il
      messaggio alle software house di continuare a
      guardare solo verso windows "perchè tanto qui ci
      si arrangia come MCGyver" o si finirà molto
      male.
    • MircoM scrive:
      Re: Due commenti su wine
      quoto anche io(cmq, meglio con wine che senza wine :) )
    • Pippo scrive:
      Re: Due commenti su wine
      - Scritto da: 0verture
      Intanto ho letto tante volte che le prestazioni
      sono identiche a windows maIl punto importante di Wine è quello di mettere a disposizione un layer di compatibilità. Picasa fa un uso massiccio di Wine proprio perché era un software precedentemente sviluppato solo per Windows ma quelli di Google (dopo averlo "comprato", per non riscrivere tutto per portarlo su Linux) hanno sfruttato il layer di compatibilità offerto da wine ottimizzandolo per farcelo girare al meglio.Questa è la cosa piu' importante del progetto Wine, ma pochi ne sono a conoscenza.
      • 0verture scrive:
        Re: Due commenti su wine
        Va bene, ma fino a quando potrà tirare avanti il giochetto ? Già adesso ci sono programmi per windows che una volta installati su wine non si levano se non prendendo a fucilate il registro.Dreamweaver MX ha qualcosa tipo 2/3 mila chiavi di registro da levare a manina, una alla volta perchè il regedit di wine non supporta neanche la multiselezione. Forse abusando con regcleaner si riesce a guadagnare qualcosa ma non sono per niente sicuro...Quanto ci vuole a microsoft per fare abbastanza cambiamenti da rendere inutile questo acrocchio ?Ribadisco che non bisogna dormire sugli allori
        • Sgabbio scrive:
          Re: Due commenti su wine
          Se non erro il WGA serviva a questo, almeno per i software micrisoft. Infatti IE 7 non si poteva usare su Wine perchè aveva il controllo WGA che ne impediva l'uso.
    • luna scrive:
      Re: Due commenti su wine
      quotofiniamola con sta rincorsa.LSB che dovrebbe essere uno standard non è uno standard perchè nessuno lo segue veramente.ci sono troppe discrepanze anche se io Adobe morissi dalla voglia di fare photoshop per linux. Toccherebbe minimo distribuirlo in 25 formati diversi (visto che un binario precompilato può benissimo non funzionare).Che si faccia una standardizzazione di una base di librerie e che si eliminino tassativamente le patch a strati che i distributori inseriscono nei loro lavori. Che si faccia in modo che le chiamate al kernel non cambino ogni 2 mesi. Come per magia, comincerebbero a spuntare drivers di periferica e programmi.Il modello del pinguino POTREBBE essere vincente se solo questo si volesse. Ma evidentemente questo non si vuole fare, e non è certo colpa di Redmond o di Cupertino.@Redazione: ma perchè quel simbolo come icona della casella di input del captcha ? :D
      • krane scrive:
        Re: Due commenti su wine
        - Scritto da: luna
        Toccherebbe minimo distribuirlo in 25 formati
        diversi (visto che un binario precompilato può
        benissimo non funzionare).Sara', ma non mi sembra che chi vende programmi commerciali per linux abbia di questi problemi : http://www.ansys.com/services/ansys-requirements110.htmhttp://usa.autodesk.com/adsk/servlet/item?siteID=123112&id=9683256
        • nome e cognome scrive:
          Re: Due commenti su wine
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: luna


          Toccherebbe minimo distribuirlo in 25 formati

          diversi (visto che un binario precompilato può

          benissimo non funzionare).

          Sara', ma non mi sembra che chi vende programmi
          commerciali per linux abbia di questi problemi :

          http://www.ansys.com/services/ansys-requirements11

          http://usa.autodesk.com/adsk/servlet/item?siteID=1Infatti supportano 3 distribuzioni di cui 2 a pagamento. Funziona su ubuntu, forse. Posso chiedere supporto, sicuramente no. Quindi tagliato automaticamente fuori dal mondo aziendale.
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: luna


            Toccherebbe minimo distribuirlo in 25 formati


            diversi (visto che un binario precompilato può


            benissimo non funzionare).

            Sara', ma non mi sembra che chi vende programmi

            commerciali per linux abbia di questi problemi :
            http://www.ansys.com/services/ansys-requirements11
            http://usa.autodesk.com/adsk/servlet/item?siteID=1
            Infatti supportano 3 distribuzioni di cui 2 a
            pagamento.E girano su tutte, maya l'ho provato su qualsiasi distribuzione, se sai di qualche distribuzione su cui non vanno dimmelo che provo.
            Funziona su ubuntu, forse. Posso chiedere
            supporto, sicuramente no. Quindi tagliato
            automaticamente fuori dal mondo aziendale.E quindi ?E' noto quali sono le distribuzioni supportate a livello aziendale, perche' non usarle visto che sono li' apposta per togliere problemi ed evitare sbattimenti ?Poi se proprio vuoi girano ovunque, ho provato.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Due commenti su wine

            E quindi ?
            E' noto quali sono le distribuzioni supportate a
            livello aziendale, perche' non usarle visto che
            sono li' apposta per togliere problemi ed evitare
            sbattimenti
            ?
            Poi se proprio vuoi girano ovunque, ho provato.E quindi un'azienda che scrive software per linux si taglia automaticamente fuori buona parte di mercato a meno di non voler supportare mille diverse distribuzioni.O viceversa, se voglio avere un sistema supportato devo cambiare distribuzione.
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: nome e cognome

            E quindi ?

            E' noto quali sono le distribuzioni supportate a

            livello aziendale, perche' non usarle visto che

            sono li' apposta per togliere problemi ed

            evitare sbattimenti ?

            Poi se proprio vuoi girano ovunque, ho provato.
            E quindi un'azienda che scrive software per linux
            si taglia automaticamente fuori buona parte di
            mercato a meno di non voler supportare mille
            diverse distribuzioni.No, la cosa e' praticamente automatica, non hai mai programmato vero ? Ne' tantomeno sotto linux eh ??
            O viceversa, se voglio avere un sistema
            supportato devo cambiare distribuzione.E' a quello che servono distribuzioni come RedHat, quale parte non hai capito ?
          • inge scrive:
            Re: Due commenti su wine

            No, la cosa e' praticamente automatica, non hai
            mai programmato vero ? Ne' tantomeno sotto linux
            eh
            ??Lol... tu non hai mai lavorato? Tantomeno sotto linux vero? Praticamente... vedi dove te lo infilano il "praticamente funziona" quando vendi software.

            O viceversa, se voglio avere un sistema

            supportato devo cambiare distribuzione.

            E' a quello che servono distribuzioni come
            RedHat, quale parte non hai capito
            ?Mi sembra che tu abbia difficoltà a connettere frasi troppo lunghe. Cerco di riassumereSoftware commerciale per linux -
            Distribuzioni supportate -
            non tutte possono essere utilizzateDistribuzioni -
            mercato -
            distribuzioni supportate -
            minore mercato. Più chiaro?
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: inge

            No, la cosa e' praticamente automatica, non hai

            mai programmato vero ? Ne' tantomeno sotto linux

            eh ??
            Lol... tu non hai mai lavorato? Tantomeno sotto
            linux vero? Praticamente... vedi dove te lo
            infilano il "praticamente funziona" quando vendi
            software.Si ho lavorato e programmato parecchio per lavoro, anche sotto linux, perche' non ne parliamo ? Che problemi hai avuto nel mondo del lavoro ?


            O viceversa, se voglio avere un sistema


            supportato devo cambiare distribuzione.

            E' a quello che servono distribuzioni come

            RedHat, quale parte non hai capito ?
            Mi sembra che tu abbia difficoltà a connettere
            frasi troppo lunghe. Cerco di riassumere
            Software commerciale per linux -
            Distribuzioni
            supportate -
            non tutte possono essere
            utilizzateSpiego meglio : distribuzioni supportare != da non funziona sulle altre.un po' come dire: usi windows 2000 in azienda ? Non chiedere al supporto microsoft perche' non lo supportano piu'.
            Distribuzioni -
            mercato -
            distribuzioni
            supportate -
            minore mercato.
            Più chiaro?No... Rispiega meglio...
          • nome e cognome scrive:
            Re: Due commenti su wine

            Si ho lavorato e programmato parecchio per
            lavoro, anche sotto linux, perche' non ne
            parliamo ? Che problemi hai avuto nel mondo del
            lavoro
            ?Parliamone, io problemi non ne ho mai avuti ma di linux installati in aziende ne avrò visto uno in 10 anni, sarà per questo.
            Spiego meglio : distribuzioni supportare != da
            non funziona sulle
            altre.Non vorrei darti una brutta notizia ma quando ci sono in ballo i soldi, ovvero quando si lavora non supportata == non funziona.
            un po' come dire: usi windows 2000 in azienda ?
            Non chiedere al supporto microsoft perche' non lo
            supportano
            piu'.Ovvio purtroppo però è pò come dire installi oracle 11g su debian e chiami il supporto oracle perchè il tuo db ogni tanto brasa i dati: immagini la risposta vero?
            No... Rispiega meglio...Beh per essere uno che lavora tanto e programma tanto non sei un fulmine:Alternativa 1:programmo per linux -
            investo soldi basandomi su un mercato -
            scopro che su metà delle distribuzioni il mio software non funziona -
            investo molti più soldi e pago molti risarcimenti riducendo il mio margine.Alternativa 2:programmo per linux -
            investo soldi -
            scopro che su metà delle distribuzioni il mio sw non funziona -
            certifico il sw solo per quelle distribuzioni -
            mercato ridotto -
            margine ridotto.
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: nome e cognome

            Si ho lavorato e programmato parecchio per

            lavoro, anche sotto linux, perche' non ne

            parliamo ? Che problemi hai avuto nel mondo del

            lavoro ?
            Parliamone, io problemi non ne ho mai avuti ma di
            linux installati in aziende ne avrò visto uno in
            10 anni, sarà per questo.Pensa che ormai tutta Holliwood viaggia su linux come client, tanto per dirne una.

            Spiego meglio : distribuzioni supportare != da

            non funziona sulle altre.
            Non vorrei darti una brutta notizia ma quando ci
            sono in ballo i soldi, ovvero quando si lavora
            non supportata == non funziona.Quando si lavora si usano distribuzioni supportate, che sono li' apposta. Continuo a non vedere il problema.

            un po' come dire: usi windows 2000 in azienda ?

            Non chiedere al supporto microsoft perche' non

            lo supportano piu'.
            Ovvio purtroppo però è pò come dire installi
            oracle 11g su debian e chiami il supporto oracle
            perchè il tuo db ogni tanto brasa i dati:
            immagini la risposta vero?

            No... Rispiega meglio...
            Beh per essere uno che lavora tanto e programma
            tanto non sei un fulmine:Dimmi genio (rotfl)
            Alternativa 1:
            programmo per linux -
            investo soldi basandomi su
            un mercato -
            scopro che su metà delle
            distribuzioni il mio software non funziona -

            investo molti più soldi e pago molti risarcimenti
            riducendo il mio margine.E perche' non puoi fare come tutti ? Investi nelle distribuzioni supportate, che casualmente sono anche le piu' diffuse, tanto nelle aziende tutte usano quelle, che problema ti fai ?
            Alternativa 2:
            programmo per linux -
            investo soldi -
            scopro
            che su metà delle distribuzioni il mio sw non
            funziona -
            certifico il sw solo per quelle
            distribuzioni -
            mercato ridotto -
            margine
            ridotto.Perche' ? Visto che tanto chi acquistera' il tuo software sara' un'azienda che utilizza le distribuzioni supportate su cui il tuo sw gira ?!?
          • Gix scrive:
            Re: Due commenti su wine
            sentite fate la finita. Linux viene usato in tante amministrazioni nel mondo. certo qualche programma particolare forse non gira ma non dovete pensare che se non gira il programma che serve a voi allora Linux non va bene neanche per gli altri.
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine
            E te pareva se non potevi tirare fuori lo sistemista/sciamano che traccia la stella a cinque punte intorno alla workstation e bagna col sangue di gallinella vergine i santini nell'ordine di Stallman e Torvalds, nel bel mentre strappa il cuore pulsante ad un manichino a forma di Gates...
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: 0verture
            E te pareva se non potevi tirare fuori lo
            sistemista/sciamano che traccia la stella a
            cinque punte intorno alla workstation e bagna col
            sangue di gallinella vergine i santini
            nell'ordine di Stallman e Torvalds, nel bel
            mentre strappa il cuore pulsante ad un manichino
            a forma di Gates...Che tu di informatica non sappia nulla e la veda come una specie di magia e' piuttosto evidente, mi chiedo con una cultura e delle idee del genere con che coraggio criticare un sistema che evidentemente non conosci.La critica e' costruttiva quando si sa di cosa si sta parlando e se ne parla a ragion veduta.
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine
            Sicuramente, ha parlato il genio che ogni volta che apre bocca finisce per prendere pesci in faccia.Su da bravo torna ai tuoi cerchi magici e mentre ci sei fai pubblicare la tua storiella su maya sul vecchio cookbook nel paragrafo subito successivo alla storiella di linux che manda avanti i server web con i 486 ed i tostapane "dual fetta" che oramai la gente è stufa di leggere la solita propaganda, ha bisogno di roba nuova per stimolare i propri bisogni al bagno.
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: 0verture
            Sicuramente, ha parlato il genio che ogni volta
            che apre bocca finisce per prendere pesci in
            faccia.Come diceva il buon veccihio Capitan Blood : insulti, insulti, bestemmie, insulti, insulti e ancora insulti...
            Su da bravo torna ai tuoi cerchi magici e mentre
            ci sei fai pubblicare la tua storiella su maya
            sul vecchio cookbook nel paragrafo subito
            successivo alla storiella di linux che manda
            avanti i server web con i 486 ed i tostapane
            "dual fetta" che oramai la gente è stufa di
            leggere la solita propaganda, ha bisogno di roba
            nuova per stimolare i propri bisogni al
            bagno.Ogni tecnologia sufficientemente avanzata agli occhi dei selvaggi è indistinguibile dalla magia...
      • 0verture scrive:
        Re: Due commenti su wine
        Secondo me le patch a strati si potrebbero anche tenere ma bisognerebbe organizzare la cosa in modo diverso. Si crea la libreria, si "fissa" e si distribuisce: questa diventa la libreria ufficiale sulla quale sviluppare il software.I sorgenti sono belli e disponibili, chiunque li può prendere, studiare, modificare MA se vuole re-distribuirli ONDE EVITARE IL CREARSI DI CONFUSIONI VARIE (qui non centra la presunta libertà predicata da Stallman ma un semplicissimo e sentito richiamo alla responsabilità del programmatore/maintainer) contatta il team che manda avanti lo sviluppo di quella libreria e propone le proprie modifiche giustificandone il motivo in modo esauriente.Se la novità viene ritenuta utile, si farà in modo di includerla, di fonderla nel progetto principale facendo, anche in modo che eventuali progetti analoghi le diventino complementari ed alla prossima release "fissata" ci sarà anche questa novità che verrà diffusa a macchia d'olio su tutte le distro dando a tutti la possibilità di usufruirne attraverso i programmi che faranno uso di quelle specifiche chiamate.Niente imposizioni come succede adesso, dove ogni cane può far circolare il proprio fork che poi alla fine della fiera si scopre che non porta particolari miglioramenti ma ha scatenato un bel po' di maretta creando incompatibilità qua e là.Questo è il VERO SPIRITO DELL'OPEN SOURCE. Il resto sono solo sterili e pericolose ideologie.
        • krane scrive:
          Re: Due commenti su wine
          - Scritto da: 0verture
          Secondo me le patch a strati si potrebbero anche
          tenere ma bisognerebbe organizzare la cosa in
          modo diverso.


          Si crea la libreria, si "fissa" e si
          distribuisce: questa diventa la libreria
          ufficiale sulla quale sviluppare il
          software.
          I sorgenti sono belli e disponibili, chiunque li
          può prendere, studiare, modificare MA se vuole
          re-distribuirli ONDE EVITARE IL CREARSI DI
          CONFUSIONI VARIE (qui non centra la presunta
          libertà predicata da Stallman ma un semplicissimo
          e sentito richiamo alla responsabilità del
          programmatore/maintainer) contatta il team che
          manda avanti lo sviluppo di quella libreria e
          propone le proprie modifiche giustificandone il
          motivo in modo
          esauriente.

          Se la novità viene ritenuta utile, si farà in
          modo di includerla, di fonderla nel progetto
          principale facendo, anche in modo che eventuali
          progetti analoghi le diventino complementari ed
          alla prossima release "fissata" ci sarà anche
          questa novità che verrà diffusa a macchia d'olio
          su tutte le distro dando a tutti la possibilità
          di usufruirne attraverso i programmi che faranno
          uso di quelle specifiche
          chiamate.

          Niente imposizioni come succede adesso, dove ogni
          cane può far circolare il proprio fork che poi
          alla fine della fiera si scopre che non porta
          particolari miglioramenti ma ha scatenato un bel
          po' di maretta creando incompatibilità qua e
          là.

          Questo è il VERO SPIRITO DELL'OPEN SOURCE. Il
          resto sono solo sterili e pericolose
          ideologie.Quindi secondo te liberta' e' VIETARE di usare i sorgenti disponibili per farsi la propria distribuzione... (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine
            Libertà è collaborazione e responsabilità. Se non ci sono collaborazione e responsabilità la libertà si trasforma in anarchia e la storia ci insegna parecchie cose sui "grandissimi successi" di questa forma di "governo".I risultati sono sotto gli occhi di tutti, solo i fanatici continuano a fare finta di niente.
          • Tuxer scrive:
            Re: Due commenti su wine
            Non ho capito il concetto.La liberà sarebbe collaborazione e responsabilità?In che senso?Anarchia? Quale forma di governo anarchico ricordi più da vicino?E quali sarebbero questi risultati tanto palesi da essere sotto gli occhi di tutti, ad eccezione dei fanatici? E chi sarebbero questi fanatici?- Scritto da: 0verture
            Libertà è collaborazione e responsabilità. Se non
            ci sono collaborazione e responsabilità la
            libertà si trasforma in anarchia e la storia ci
            insegna parecchie cose sui "grandissimi successi"
            di questa forma di
            "governo".
            I risultati sono sotto gli occhi di tutti, solo i
            fanatici continuano a fare finta di
            niente.
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: Tuxer
            Non ho capito il concetto.
            La liberà sarebbe collaborazione e responsabilità?
            In che senso?
            Anarchia?
            Quale forma di governo anarchico ricordi più da
            vicino?

            E quali sarebbero questi risultati tanto palesi
            da essere sotto gli occhi di tutti, ad eccezione
            dei fanatici?

            E chi sarebbero questi fanatici?Mha... Secondo me non sa di che cosa sta parlando...
            - Scritto da: 0verture

            Libertà è collaborazione e responsabilità. Se
            non

            ci sono collaborazione e responsabilità la

            libertà si trasforma in anarchia e la storia ci

            insegna parecchie cose sui "grandissimi
            successi"

            di questa forma di

            "governo".

            I risultati sono sotto gli occhi di tutti, solo
            i

            fanatici continuano a fare finta di

            niente.
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine
            No ?Allora signor difensore della libertà.... chi sei te per impedire al prossimo di avere un'alternativa valida, seria a windows ? chi sei te per impedire che si formi una base tale che driver, applicazioni e quant'altro finalmente venga reso disponibile in modo che qualsiasi essere vivente possa installarselo e gestirselo in maniera pratica ed umana ? chi sei te per impedire che le software house abbiamo un riferimento sicuro per poter diffondere i loro programmi senza doversi calare le braghe di fronte ad un dilagante fanatismo che per quanto nasconda le proprie origini sembra uscito in blocco dal libretto rosso di Mao ?Chi ti credi di essere, te e quelli come te, per poter decidere come gli altri devono pensare ?Cosa ti fa paura della possibilità di creare anche una base unitaria per lo sviluppo del software su linux ? Forse che una volta messo in moto un simile processo avremo la prova definitiva del valore delle vaccate con le quali Stallman ha inondato la rete ? La botta finale dopo il miserevole fallimento di Hurd ?La prova definitiva che il vero open source non vi ha mai sfiorato di striscio perchè non siete mai stati abbastanza maturi per capirne il profondo spirito funzionale e soprattutto pratico ?Voi avete paura, ecco come stanno le cose. Paura della verità che in ogni caso, inesorabile, un giorno vi travolgerà e vi farà scendere a calci dal pero sul quale vi siete arrampicati.
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: 0verture
            No ?No che ???
            Allora signor difensore della libertà....(rotfl)
            chi sei te per impedire al prossimo di
            avere un'alternativa valida, seria a windows ?Mi quoti dove avrei impedito cosa a chi ?Anzi no: dammi il lik di yutube con il filmato, visto che "impedire" implica un'azione fisica.
            chi sei te per impedire che si formi una
            base tale che driver, applicazioni e quant'altro
            finalmente venga reso disponibile in modo che
            qualsiasi essere vivente possa installarselo e
            gestirselo in maniera pratica ed umana ?Qual e' il tuo problema ?Forse IGNORI che i driver sono nel kernel ?Forse IGNORI che il kernel e' sempre quello ?
            chi sei te per impedire che le software
            house abbiamo un riferimento sicuro per poter
            diffondere i loro programmi senza doversi calare
            le braghe di fronte ad un dilagante fanatismo che
            per quanto nasconda le proprie origini sembra
            uscito in blocco dal libretto rosso di Mao ?UNIX e' uno standard che dura ormai da anni e non mi sembra che le varie software house si siano mai scandalizzare dall'avere da programmare per delle librerie standard piuttosto che per un sottosistema univoco.
            Chi ti credi di essere, te e quelli come te, per
            poter decidere come gli altri devono pensare ?E quando l'avrei fatto ? Ah si forse in risposta alle tue affermazioni su come dovevano pensare gli altri ?
            Cosa ti fa paura della possibilità di creare
            anche una base unitaria per lo sviluppo
            del software su linux ? Veramente io la vedo gia', io programmo abitualmente sotto *nix e conosco strumenti come "configure" e i makefile autogenerati, che evidentemente tu non conosci.
            Forse che una volta messo
            in moto un simile processo avremo la prova
            definitiva del valore delle vaccate con le quali
            Stallman ha inondato la rete ? Bhe, guarda: i sorgenti sono li, dimostracelo...Se pensi di avere l'idea definitiva realizzala.
            La prova definitiva che il vero open source non
            vi ha mai sfiorato di striscio perchè non siete
            mai stati abbastanza maturi per capirne il
            profondo spirito funzionale e soprattutto pratico
            ?ma quale sara' mai il VERO open sourve (newbie)
            Voi avete paura, ecco come stanno le cose. Paura
            della verità che in ogni caso, inesorabile, un
            giorno vi travolgerà e vi farà scendere a calci
            dal pero sul quale vi siete arrampicati.Ok, mi hai convito (rotfl) piglia i sorgenti e mostracela questa verita'.
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine


            Mi quoti dove avrei impedito cosa a chi ?
            Anzi no: dammi il lik di yutube con il filmato,
            visto che "impedire" implica un'azione
            fisica.Stai sempre qui a rompere, anzi comincio a pensare che neanche sai cos'è un lavoro

            Qual e' il tuo problema ?
            Forse IGNORI che i driver sono nel kernel ?
            Forse IGNORI che il kernel e' sempre quello ?Forse ignori che i programmi, senza librerie il cui funzionamento è certo, il loro stesso funzionamento non è certo.

            UNIX e' uno standard che dura ormai da anni e non
            mi sembra che le varie software house si siano
            mai scandalizzare dall'avere da programmare per
            delle librerie standard piuttosto che per un
            sottosistema
            univoco.Infatti le varie software house non hanno mai sviluppato per unix (che tra l'altro linux non è unix ma lasciamo perdere, tanto per te è tutto lo stesso brodo) ma per le singole versioni personalizzate di unix che sono sempre state molto poche. Stranamente da quando al posto dei vecchi unix, ha preso piede linux molte software house come la dassault hanno preferito fare armi e bagagli e spostarsi su windows.Il messaggio è fin troppo chiaro per chi vuole intendere. Te non rientri nella lista.
            E quando l'avrei fatto ? Ah si forse in risposta
            alle tue affermazioni su come dovevano pensare
            gli altri
            ?In risposta alle affermazioni di tutti coloro che si sono rotti le palle di avere un sistema operativo monco che è facile e compatibile solo nei sogni dei cantaballe come te.

            Veramente io la vedo gia', io programmo
            abitualmente sotto *nix e conosco strumenti come
            "configure" e i makefile autogenerati, che
            evidentemente tu non
            conosci.Ok, bravo programmatore. Leva le tende da PI e comincia a scrivere la versione linux di photoshop, di illustator, di xpress, di catia 5, di autocad eccetera eccetera eccetera. Fai vedere al mondo intero che hanno tutti torto e te hai capito tutto.Su, che ci stai a fare ancora qua, avanti datti da fare e miraccomando niente roba fatta a metà come gimp.

            Bhe, guarda: i sorgenti sono li, dimostracelo...
            Se pensi di avere l'idea definitiva realizzala.L'idea definitiva è realizzabile solo con la comunità. Se mi mettessi da solo a fare il tutto non sarei migliore di chi contesto.

            ma quale sara' mai il VERO open sourve (newbie)Quello che non fate voi. Il vero open source è attualmente di casa solo nelle distribuzioni bsd, dove si stabiliscono obiettivi, traguardi comuni e tutti insieme ci si impegna per raggiungere quel risultato. A voi altri si potrebbe trovare la scusa che siete in tanti e non riuscite a gestirvi ma la verità è che non ci provate neanche, anzi, come mi stai dimostrando, fate di tutto per affondare qualunque tentativo di creare una forma produttiva di ordine.

            Ok, mi hai convito (rotfl) piglia i sorgenti e
            mostracela questa
            verita'.Te comincia a sostituirti ad Adobe e Quark che non voglio passare il resto della mia esistenza ad emulare male programmi per windows
          • krane scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: 0verture

            Mi quoti dove avrei impedito cosa a chi ?

            Anzi no: dammi il lik di yutube con il filmato,

            visto che "impedire" implica un'azione

            fisica.
            Stai sempre qui a rompere, anzi comincio a
            pensare che neanche sai cos'è un lavoroVisto che i tuoi post giornalieri sono il triplo dei miei devo dedurne che tu invece vieni pagato per postare ?

            Qual e' il tuo problema ?

            Forse IGNORI che i driver sono nel kernel ?

            Forse IGNORI che il kernel e' sempre quello ?
            Forse ignori che i programmi, senza librerie il
            cui funzionamento è certo, il loro stesso
            funzionamento non è certo.Le librerie sempre quelle sono, al massimo puoi andare avanti o indietro di una versione, ma il problema non sussiste per il programmatore visto che ci sono utility apposta.

            UNIX e' uno standard che dura ormai da anni e

            non mi sembra che le varie software house si

            siano mai scandalizzare dall'avere da

            programmare per delle librerie standard piuttosto

            che per un sottosistema univoco.
            Infatti le varie software house non hanno mai
            sviluppato per unix (che tra l'altro linux non è
            unix ma lasciamo perdere, tanto per te è tutto lo
            stesso brodo) ma per le singole versioni
            personalizzate di unix che sono sempre state
            molto poche. Stranamente da quando al posto dei
            vecchi unix, ha preso piede linux molte software
            house come la dassault hanno preferito fare armi
            e bagagli e spostarsi su windows.Veramente mi risulta che parecchi prodotti dassault ci siano per unix, primi fra tutti Catia e Simulia, abbondantemente usati : http://www.iperelle.it/info_prodotti.php?nome=catia#
            Il messaggio è fin troppo chiaro per chi vuole
            intendere. Te non rientri nella lista.Si ? Cioe' che non sai leggere le liste ?

            E quando l'avrei fatto ? Ah si forse in risposta

            alle tue affermazioni su come dovevano pensare

            gli altri ?
            In risposta alle affermazioni di tutti coloro che
            si sono rotti le palle di avere un sistema
            operativo monco che è facile e compatibile solo
            nei sogni dei cantaballe come te.Monco ? Forse semplicemente non sai cosa c'e' dentro e lo ritieni tale, ma e' semplice ignoranza.

            Veramente io la vedo gia', io programmo

            abitualmente sotto *nix e conosco strumenti come

            "configure" e i makefile autogenerati, che

            evidentemente tu non conosci.
            Ok, bravo programmatore. Leva le tende da PI e
            comincia a scrivere la versione linux di
            photoshop, di illustator, di xpress, di catia 5,
            di autocad eccetera eccetera eccetera. Gran parte dei software che hai citato girano su wine, altri come catia5 girano nativamente, che stai dicendo quindi ???
            Fai vedere al mondo intero che hanno tutti torto
            e te hai capito tutto.Bhe, con te non serve: hai dimostrato sopra che citi come programmi inesistenti per linux e per unix prodotti di cui poi basta cercare il software supportato per accorgersi che non e' vero.
            Su, che ci stai a fare ancora qua, avanti datti
            da fare e miraccomando niente roba fatta a metà
            come gimp.

            Bhe, guarda: i sorgenti sono li, dimostracelo...

            Se pensi di avere l'idea definitiva realizzala.
            L'idea definitiva è realizzabile solo con la
            comunità. Se mi mettessi da solo a fare il tutto
            non sarei migliore di chi contesto.Secondo me invece dovresti capire perche' la comunita' non sta facendo come dici: i motivi ci sono e sono evidenti a chi conosce il free software.

            ma quale sara' mai il VERO open source (newbie)
            Quello che non fate voi. Il vero open source è
            attualmente di casa solo nelle distribuzioni bsd,A e' chiaro : la solita gelosia dei sorgenti, ti piace BSD perche' puoi scroccare i sorgenti e non rilasciare niente; molto comodo, peccato che chi sviluppa BSD spesso sia pagato per rilasciare i sorgenti in quel modo, chi rilascia sotto GPL non viene pagato da nessuno per usare quella licenza.Non usare licenze che non ti piacciono, qual e' il tuo problema ? Perche' non critichi anche l'eula di M$ visto che non puoi scroccargli i sorgenti ?
            dove si stabiliscono obiettivi, traguardi comuni
            e tutti insieme ci si impegna per raggiungere
            quel risultato. A voi altri si potrebbe trovare
            la scusa che siete in tanti e non riuscite a
            gestirvi ma la verità è che non ci provate
            neanche, anzi, come mi stai dimostrando, fate di
            tutto per affondare qualunque tentativo di creare
            una forma produttiva di ordine.La STL c'e' apposta, che altre incompatibilita' vedi ?Fai esempi pratici pero', ne ho abbastanza di deliri paranoici non supportati da nomi e cognomi.

            Ok, mi hai convito (rotfl) piglia i sorgenti e

            mostracela questa verita'.
            Te comincia a sostituirti ad Adobe e Quark che
            non voglio passare il resto della mia esistenza
            ad emulare male programmi per windowsPerche' male ?
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine
            La vera libertà è tale quando le azioni di uno non portano danno al prossimo.Fare troppi fork (in particolar modo quando si fanno col culo ed il mondo linux è pieno di questi patetici e dannosi casi) porta danno a chi cerca un'alternativa seria e valida a quello che si pretende tanto di definire come il male windows/microsoft.Perseverare con un simile scopo nonostante i danni che provoca è una dimostrazione di assoluta irresponsabilità quindi di anarchia.
          • Tuxer scrive:
            Re: Due commenti su wine
            Si, ma non è di Libertà che stai parlando.Parli di qualcos'altro.Come se poi esistessero solo i fork - come li chiami tu - dannosi.Magari se ne citi qualcuno si capisce cosa vuoi dire e sopratutto dove vuoi arrivare con certi discorsi.Ad ogni modo, oltre ai fork, esistono anche e sopratutto i programmi ottimi. E non sono i primi a prevalere ma i secondi. E meno male dico io! Diversamente a quest'ora staremo parlando ancora e soltanto del formattone mensile o trimestrale nella speranza di trovare una spiegazione plausibile a tutto ciò.
          • 0verture scrive:
            Re: Due commenti su wine
            No, io parlo proprio di libertà. Io non ho mai promosso la distruzione di ogni distribuzione alternativa in nome di una sola superiore a tutte le altre. Io promuovo anche la possibilità di avere una distribuzione o un base unitaria per avvicinare le software house.Se a te ed a qualcun altro non piace la "base", cavoli tuoi, usa quello che ti pare ma non venire a dire agli altri che la "base" è male e non va fatta perchè senza quella qui molti software professionali col cavolo che li vedremo, oggi o tra 20 anni.Una volta i problemi ed i limiti di linux risiedevano nella sua giovane età ma adesso è abbastanza stagionato per poter fare il salto di qualità, cosa però impossibile grazie a certi atteggiamenti tutt'altro che liberali.Leggere i discorsi dei fanatici linari (che non sono gli utenti linux ma solo una parte di questi) o sentire quelli dei politici in TV provo lo stesso grado di disgusto perchè è evidente che le cose si fanno solo per tirare a campare, non per arrivare a qualcosa di più.Oramai l'antifona è vecchia: qua non ci si vuole evolvere ed in risposta alla cronica mancanza di risultati ci si para dietro a fantomatici monopoli organizzati con un'astuzia ed una perizia che al confronto la mafia mondiale e la massoneria sono delle congreghe di santi.Infantili, ecco cosa siete. Mentre voi ve la cantate e ve la tirate, il mercato va tranquillamente avanti senza di voi e quando gli girerà vi soffocherà senza tanti complimenti.Divertitevi pure a fare i radical chic, ne riparleremo quando microsoft vi avrà soffiato tutto il mercato dei mini pc. Com'è che asus nella seconda generazione di eeepc non solo produrrà un numero maggiore di modelli con xp rispetto a quelli con linux ma pure li farà costare di meno ? Come sarà la terza generazione ? Solo con xp ? Linux dove sarà ? Forse a bisticciare con la stampante perchè i driver generici non prevedono il cambio cartuccia ? Non si devono dire ste cose vero ? Verità, brutta e cattiva, che fa scoppiare i sogni degli illusi come bolle di sapone...
          • Shu scrive:
            Re: Due commenti su wine
            - Scritto da: 0vertureHo come l'impressione che tu non sappia di cosa stai parlando.
            Com'è che asus nella seconda generazione di eeepc
            non solo produrrà un numero maggiore di modelli
            con xp rispetto a quelli con linux ma pure li
            farà costare di meno ?E` che Microsoft ha abbassato il costo della licenza.L'Eee con Linux ha 2 GB di RAM (contro 1 di quello con XP) e 20 GB di SSD (contro i 12 di quello con XP).La differenza di prezzo era interamente coperta dal costo della licenza XP (circa 60-70 dollari).Ora MS ha abbassato il costo a 26-36 dollari, apposta per far concorrenza a Linux, quindi l'Eee costa 40-50 dollari in meno.
            Come sarà la terza generazione ? Solo con xp ?
            Linux dove sarà ? Oltre che su quasi tutte le alternative che sono nate dopo l'Eee intendi? MSI, HP, Nokia, ...Beh, sarà anche nelle prossime versioni dell'Eee.
            Forse a bisticciare con la
            stampante perchè i driver generici non prevedono
            il cambio cartuccia ?I driver per stampanti di Linux sono gli stessi di OSX. Guardacaso la Apple si è comprata CUPS, che è il framework di stampa di Unix/Linux (Common Unix Printing System...)
            Non si devono dire ste cose vero ? Diciamole. Ma diciamole giuste e complete, altrimenti è solo trolling.Bye.
          • Tuxer scrive:
            Re: Due commenti su wine
            Uhm....T'hanno già risposto sotto.... e tanto basta.
          • Tuxer scrive:
            Re: Due commenti su wine
            ...ehm ....cioè ... volevo dire "sopra".
          • Tuxer scrive:
            Re: Due commenti su wine
            ...anzi no mi correggo:"sotto e sopra".;-)
        • Shu scrive:
          Re: Due commenti su wine
          - Scritto da: 0verture
          Si crea la libreria, si "fissa" e si
          distribuisce: questa diventa la libreria
          ufficiale sulla quale sviluppare il
          software.E` gia` cosi`.
          I sorgenti sono belli e disponibili, chiunque li
          può prendere, studiare, modificare MA se vuole
          re-distribuirli ONDE EVITARE IL CREARSI DI
          CONFUSIONI VARIE (qui non centra la presunta
          libertà predicata da Stallman ma un semplicissimo
          e sentito richiamo alla responsabilità del
          programmatore/maintainer) contatta il team che
          manda avanti lo sviluppo di quella libreria e
          propone le proprie modifiche giustificandone il
          motivo in modo
          esauriente.E` gia` cosi`.Non e` obbligatorio per licenza, ma funziona in tutti i progetti in questo modo.
          Se la novità viene ritenuta utile, si farà in
          modo di includerla, di fonderla nel progetto
          principale facendo, anche in modo che eventuali
          progetti analoghi le diventino complementari edE` gia` cosi`.
          Niente imposizioni come succede adesso, dove ogni
          cane può far circolare il proprio fork che poi
          alla fine della fiera si scopre che non porta
          particolari miglioramenti ma ha scatenato un bel
          po' di maretta creando incompatibilità qua e
          là.Mi citi questi fantomatici fork che hanno portato solo confusione e incompatibilita`?Quelli che vengono in mente a me sono:- Xorg, forkato da X11. Ha migliorato nettamente sia la velocita` di sviluppo che le periferiche supportate e le prestazioni.- Beryl, forkato da Compiz. Ha aumentato in modo vertiginoso i plugin e la velocita` di sviluppo, a prezzo di una leggera instabilita`. I due progetti si sono riuniti dopo un annetto, e ora si chiama Compiz-Fusion.- WebKit, forkato da KHTML. E` stato adottato da Apple come motore del suo browser, ed ora è stato il primo (contemporaneamente ad Opera) a superare Acid3. Ora verrà adottato anche da Gnome al posto di Gecko per il suo browser (Epiphany). KDE, poco dopo il fork, ha iniziato a ricevere le stesse patch introdotte da Apple e ad integrarle in KHTML.- Se vogliamo considerarli "fork": Mandrake e SuSE, fork di RedHat, e in seguito anche altre distro. Corel e Ubuntu, fork di Debian.Se estendiamo anche alla "riscrittura della ruota" oltre al fork, ALSA, scritto da zero perché OSS era mezzo chiuso. ALSA ha supportato schede audio multiple, mixing di più sorgenti direttamente in hardware, canali audio multipli (oltre allo stereo, quindi 5.1, 6.1, 7.1, ...)Pulseaudio e Jack, scritti per sostituire ESound. Hanno introdotto latenza ridotta, effetti applicabili a play-time, sorgenti multiple mixate e poi redirette ad output multipli.
          Questo è il VERO SPIRITO DELL'OPEN SOURCE. Il
          resto sono solo sterili e pericolose
          ideologie.Questo e` il funzionamento pratico dell'open source. Il vantaggio dei fork e` che, oltre a venire eseguiti solo quando e` necessario, nella maggior parte dei casi portano miglioramenti e non confusione, se non forse per qualche mese.I progetti migliori si sviluppano, quelli peggiori muoiono. Cosi` c'è sviluppo veloce. Il prezzo da pagare è spesso incompatibilità col passato, ma, essendo software opensource, le distro possono pacchettizzare e quindi supportare anche le vecchie versioni, consentendo di avere anche 5 anni o più di "interregno" per adattare le applicazioni. Nel kernel c'è ancora OSS (deprecato da... boh, 8 anni?) e uno strato di compatibilità OSS-ALSA. In quasi tutte le distro ci sono ancora le libgtk 1.2 (deprecate da 5 o 6 anni, ho perso il conto), ecc. ecc.Bye.
    • devnull scrive:
      Re: Due commenti su wine
      Bhè innanzitutto Wine non è un layer di emulazione, a meno che non intendessi con "emulazione" il termine compatibilità.Secondo:non sono affatto molti 10 anni per sviluppare un software del genere, considerando la difficoltà di un progetto simile e le reticenze di casa M$ ad offrire piena documentazione ad es. dei protocolli (per le API non c'è quasi problema).Terzo:dipende dal programma che intendi far girare, dal tuo hardware se si tratta ad esempio di giochi (la vga è fondamentale: Nvidia e basta su Linux, niente ATI), e dalla versione di wine. Per i giochi ad esempio un migliore supporto lo offre di sicuro la versione commerciale di TransGaming Technologies, ovvero Cedega.Quarto:le librerie per i giochi in Linux ci sono eccome, e sono pure collaudate e affidabili: OpenAL, SDL e OpenGL per citarne alcune. E grazie a queste che giochi come UT2003/2004 girano alla grandissima su Linux.Non è certo il mondo open source che può spingere i produttori di game a strizzare l'occhio al Pinguino. Sono gli utenti. L'unico metodo è usare appunto Linux e lasciar perdere il resto. Solo in questo modo si può pensare che un giorno ci siano delle API standard per i giochi, utilizzate per Win, Mac e Linux.La vera concorrenza sleale e il vero abuso di posizione dominante in questo campo è rappresentato dalle DirectX.
    • Gix scrive:
      Re: Due commenti su wine
      ok questos e facciamo il confronto linux+wine vs windows xp.ma se mettiamo a confronto linux+wine vs windows vista risulta sempre più lento?ho i miei dubbi...
    • bi biii scrive:
      Re: Due commenti su wine

      chiavi di registro a mano...) e nessuno
      garantisce che microsoft non possa cambiare tutto
      da oggi all'indomani per cui invece di cantareCapisco le tue paure ma non credo possa cambiareun gran che' dall'oggi al domani altrimenti succedeun disastro anche per tutte le aziende che sviluppanoper Windows, MS inclusa!
      • 0verture scrive:
        Re: Due commenti su wine
        Intanto già adesso certi programmi recenti per windows hanno difficoltà a compiere un ciclo completo di installazione e rimozione sotto wine eppure si parla di compatibilità al 100% (tanto da annunciare una versione 1.0 del suddetto layer) quindi occhio...
  • Pat scrive:
    Se funzionasse al 100%...
    Se funzionasse al 100%...sarebbe la fine di Windows.Mi rendo conto che ultimamente, dopo aver installato Ubuntu in dual boot, uso Windows solo per i programmi per Windows. L'attuale Wine non mi funziona ancora bene, se sul futuro Wine si potranno installare e far funzionare bene tutti i programmi per Windows, la migrazione totale verso Ubuntu per me sarebbe una realtà.
    • MAH scrive:
      Re: Se funzionasse al 100%...
      Gia'.Il risultato è che Vista si sta diffondendo piu' velocemente di XPhttp://blogs.wsj.com/biztech/2008/05/09/xp-and-vista-a-look-at-the-numbers/
      • franz1789 scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        Anche i ceppi di malaria si diffondono molto più velocemente delle cure, non per questo è bene.Scherzi (non tanto) a parte, non mi trovo mai bene ad usare un programma su wine. Se un software non c'è per GNU/Linux, allora non lo uso, semplicemente (e vi assicuro che dal mio passaggio a linux non ho smesso di usare nessun programma, questo vuol dire che le valide alternative ci sono sempre)
      • markit scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        Per forza, te lo trovi preinstallato ovunque. Io sto per comprare un laptop per mio padre, e c'è Vista su, di XP nemmeno l'ombra (non c'è il downgrade per quel modello).Appena mi arriva lo ranzo via e ci installo Kubuntu, ma intanto i numeri di Vista "venduto" aumenteranno.A proposito, a quando per legge l'abolizione della M$ Tax? L'antitrust dorme?
      • Sedie da lancio scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        Sì, una società di ricerche (che qualcuno dovrà aver pagato), cerca di convincerci che la situazione non è poi grigia come sembra, anche se le vendite sono un disastro, tanto da costringere Microsoft a posticipare il pensionamento di XP e anticipare l'uscita di Windows 7...
      • advange scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        - Scritto da: MAH
        Gia'.

        Il risultato è che Vista si sta diffondendo piu'
        velocemente di
        XP

        http://blogs.wsj.com/biztech/2008/05/09/xp-and-visQuesto in termini assoluti può essere vero, ma la differenza sostanziale sta nel fatto che XP doveva fronteggiare ME (che per fortuna è stato presto dimenticato) 2000 e 98SE, il che fa davvero la differenza.Posso riportarti un dato che è altrettanto significativo: molte aziende che producono hardware (memorie in particolare) si sono trovate in difficoltà per quello che giudicano un flop assoluto. Confesso di non poter postare un link ufficiale, sono voci di corridoio, ma attinte da fonti ufficiali...
        • MAH scrive:
          Re: Se funzionasse al 100%...
          Secondo te è piu' facile fronteggiare 2000/ME o fronteggiare Windows XP?
          • Shu scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            - Scritto da: MAH
            Secondo te è piu' facile fronteggiare 2000/ME o
            fronteggiare Windows
            XP?XP, sicuramente.Intanto sono 2000, ME e 98, non solo 2000 e ME.ME è stato uno schifo, e mi ricordo che quasi tutti lo piallavano per metterci una copia pirata di 98.2000 era diffusissimo sui server e sulle macchine aziendali, e XP aveva un'interfaccia di base completamente diversa, ma soprattutto alcuni software non giravano.98 andava alla grande e pochi sentivano la necessità di cambiarlo.Vista ha una compatibilità coi software di XP molto maggiore di quella che aveva XP per i software del 2000 al momento dell'uscita.Inoltre i notebook, all'uscita di XP, avevano un mercato piccolissimo, intorno al 10% scarso, e i preassemblati anche.L'80% del mercato erano PC assemblati che le aziende si facevano configurare come volevano e gli utenti si arrangiavano a installare. E chiedevano 2000 le prime, e installavano 98 pirata i secondi.XP bisognava sempre pagarlo a parte, e costava dai 100 ai 300 euro.Ora, con Vista, il 55% del mercato mondiale è dato dai notebook (a cui aggiungi il 10-20% di preassemblati), e MS ha obbligato tutti i produttori a preinstallare Vista.Per forza che i numeri crescono.Anzi, è strano che non siano cresciuti di più. E infatti il bilancio MS presentato un paio di settimane fa, a causa delle BASSE VENDITE di Vista ha fatto perdere quasi il 20% di valore alle azioni MS.Bye.
      • RNiK scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        - Scritto da: MAH
        Gia'.

        Il risultato è che Vista si sta diffondendo piu'
        velocemente di
        XP

        http://blogs.wsj.com/biztech/2008/05/09/xp-and-visMa hai letto l'articolo fino in fondo?? (newbie)"In this case, there just isnt a lot of enthusiasm for Vista among businesses, many of whom view it as an unnecessary expense. Rather than train employees on the new OS and inspect software to make sure its compatible with Vista, many businesses are downgrading new computers to XP, Shiffler says." @^
    • 0verture scrive:
      Re: Se funzionasse al 100%...
      Ma quale chiodo. Gli sviluppatori sono con microsoft e con wine continuano a restarci. Li si deve spostare, vanno convinti a cercare delle alternative non a rafforzarli nel loro immobilismo.Wine deve essere visto solo come una "patch" temporanea al problema programmi, ma si devono creare delle alternative native nel frattempo non a filosofeggiare sul prezzo della birra.
      • chojin scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        - Scritto da: 0verture
        Ma quale chiodo. Gli sviluppatori sono con
        microsoft e con wine continuano a restarci. Li si
        deve spostare, vanno convinti a cercare delle
        alternative non a rafforzarli nel loro
        immobilismo.
        Wine deve essere visto solo come una "patch"
        temporanea al problema programmi, ma si devono
        creare delle alternative native nel frattempo non
        a filosofeggiare sul prezzo della
        birra.Servono soldi per spostare i programmatori. Microsoft ha dato mazzette per decenni, ed ha fatto anche di peggio come è venuto fuori nei processi contro il DoJ. Fatto sta che il modello open-source GNU/Linux è fallimentare e puramente speculativo. Un sistema pseudo-anarchico comunista come specchietto per le allodole poi per nascondere i veri interessi ed i veri giri di soldi che ci sono dietro non potrà mai essere considerata un'alternativa seria e credibile dall'industria.
        • MircoM scrive:
          Re: Se funzionasse al 100%...
          e via, ancora con sta storia del sistema comunista...
          • anti trollo scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            - Scritto da: MircoM
            e via, ancora con sta storia del sistema
            comunista...Non ci ha messo di mezzo i terroristi, strano... XD
        • anti trollo scrive:
          Re: Se funzionasse al 100%...
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: 0verture
          Un sistema
          pseudo-anarchico comunistaFrase senza senso, come il resto dell'intervento: o sei anarchico, o comunista. Bakunin lo detestava Marx.
          • MircoM scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            corretto!e nessuno dei due usava software open source :)
          • Pippo scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            - Scritto da: anti trollo
            Frase senza senso, come il resto dell'intervento:
            o sei anarchico, o comunista. Bakunin lo
            detestava
            Marx.Non vale!Tu leggi i libri e sei informato.
          • SantaPazien za scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            Mah, e' un po' che vedo gli interventi del nostro amico e sto elaborando una teoria:1) e' un provocatore di professione, c'e' chi si diverte a dar fuoco ai cassonetti e vedere i vigili che corrono e chi fa post "intelligenti"2) ha un pacchetto di azioni Microsoft3)e' caduto dal seggiolone da piccolo o qualcosa del generePosso solo dire in suo favore che non ha tutti i torti ho sentito dire che Torvalds mangia regolarmente bambini e che tutti quelli che usano GNU/Linux fanno messe sataniche, anzi a chi interessa la prossima e' mercoledi', ci troviamo al solito cimitero portate un cd Vista Premium sacrificale di cui e' ghiotto Belzebu/Stallman che andremo a evocare.
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: Se funzionasse al 100%...
          - Scritto da: chojin
          Fatto sta che il modello open-source GNU/Linux è
          fallimentare e puramente speculativo.Dovresti spiegarlo a IBM, Sun, Adobe, Novell, Citrix, Oracle, Red-Hat, eccetera, eccetera. Eppure non mi pare che stiano fallendo. Anzi, anche Microsoft si avvicina (lentissimamente) al modello aperto. Secondo me sei tu che hai l'opinione sbagliata. Sapresti spiegare più dettagliatamente cosa te lo fa pensare?
          Un sistema pseudo-anarchico comunista Cioè senza regole ma con strettissime regole che impediscono la libera circolazione delle informazioni sul modello comunista?Oltre che contraddittoria, la tua frase è insensata. Si parla di modello 'aperto', ovvero quanto di più lontano si possa immaginare dalle restrizioni dei regimi autoritari cui fai riferimento. Ne consegue che non sai cosa sia il modello di sviluppo open source oppure non sai cosa significhino le parole che hai usato. Per i prossimi interventi dovresti usare un vocabolario.
          per nascondere i veri interessi ed i veri giri di soldi
          che ci sono dietro Quali interessi e quali 'giri di soldi'? Ed ammesso che tu sappia cosa dici, perché sarebbero i 'veri' interessi? E quali sarebbero quelli 'falsi'?Fai solo chiacchiere stupide oppure sei in grado di spiegare le tue frasi?
          non potrà mai essere considerata un'alternativa seria
          e credibile dall'industria.T'informo che lo sviluppo open source è già considerato un modello serio e credibile dall'industria del software.
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...
        - Scritto da: 0verture
        Wine deve essere visto solo come una "patch"
        temporanea al problema programmi, ma si devono
        creare delle alternative native nel frattempoPer esempio è in corso il porting dei principali motori di rendering 3D da piattaforma DirectX a OpenGL. Per 'iD' (CoD e simili) il lavoro è terminato e si è passati allo sviluppo di versioni dei giochi per Linux e OSX. Per 'GoldScr' di Valve (Half Life, Quake, ecc.) il lavoro è ancora in corso...Il futuro prossimo è roseo.
        • MAH scrive:
          Re: Se funzionasse al 100%...
          Quindi stai dicendo che nessuno sviluppera' piu' per XBOX?MAH
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            - Scritto da: MAH
            Quindi stai dicendo che nessuno sviluppera' piu'
            per XBOX?????Hai letto quel che ho scritto?
          • MAH scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            Si'.Medita.
          • MAH scrive:
            Re: Se funzionasse al 100%...
            Uhm, forse non mi sono espresso bene ;)Cmq volevo dire che se portano un motore in opengla) directx resta la piattaforma primariab) lo fanno per farlo andare sulle playstation,e non su linux.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Se funzionasse al 100%...
      io ci gioco a World of Warcraft e gira meglio con opengl sotto linux che in directx sotto windows :)
    • Shu scrive:
      Re: Se funzionasse al 100%...
      - Scritto da: chojin
      Sì, il risultato è che la situazione non cambia
      di una virgola ed il 99% della popolazione
      mondiale usa comunque
      Windows.Sei un po' indietro coi numeri.Circa il 90% degli utenti desktop usa Windows. Un 2% usa Linux e un 7% usa Mac.Se passiamo ai server, meno della meta` usa Windows.Se passiamo ai server su Internet, meno del 30% usa Windows.Bye.
      • MAH scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...

        Sei un po' indietro coi numeri.
        Circa il 90% degli utenti desktop usa Windows. Un
        2% usa Linux e un 7% usa
        Mac.Fonte di questi numeri?Il 7% Mac mi sembra veramente assurdo.
        • MAH scrive:
          Re: Se funzionasse al 100%...
          L'ho trovata!Devo ammettere che non te la sei inventata.http://marketshare.hitslink.com/report.aspx?qprid=8Qui diconoWindows 91.64%Mac 7.38%Linux 0.63%
      • inge scrive:
        Re: Se funzionasse al 100%...

        Sei un po' indietro coi numeri.
        Circa il 90% degli utenti desktop usa Windows. Un
        2% usa Linux e un 7% usa
        Mac.Tu sei un pò avanti http://marketshare.hitslink.com/report.aspx?qprid=8
        Se passiamo ai server, meno della meta` usa
        Windows.
        Se passiamo ai server su Internet, meno del 30%
        usa
        Windows.http://news.netcraft.com/archives/web_server_survey.html
Chiudi i commenti