Pirateria, Felten dà scacco matto

Il professore di Princeton se ne torna a casa con una importante vittoria sulle majors che non volevano rivelare i bug nei sistemi di protezione della musica


San Francisco (USA) – Una vittoria importante quella che il professore Edward Felten di Princeton e i suoi collaboratori hanno portato a casa in queste ore, annunciando la fine delle ostilità legali contro le majors della musica.

Come si ricorderà, Felten e i suoi avevano partecipato ad un concorso realizzato dalla Secure Digital Music Initivative (SDMI) durante il quale hanno messo a nudo le vulnerabilità dei sistemi di protezione musicale messi a punto dall’industria discografica. Da quel momento è successo di tutto, con Felten da una parte desideroso di rendere pubbliche le proprie scoperte e dall’altra la SDMI e la RIAA che hanno cercato in ogni modo di impedirglielo, per non svelare quelle debolezze.

Uno degli ultimi capitoli della storia ha visto persino la RIAA ammettere l’esistenza di una lettera in cui minacciava Felten di guai legali qualora avesse parlato delle sue scoperte, per poi rimangiarsi tutto parlando di “errore”. Il tutto mentre Felten, tra mille problemi, decideva comunque di portare il tutto in tribunale insieme alla Electronic Frontier Foundation (EFF) per dimostrare che la legge a cui si appellavano le majors, il Digital Millennium Copyright Act (DMCA), in realtà si rivelava un ostacolo alla ricerca scientifica.

Ora Felten porta a casa una vittoria perché non solo ha ottenuto di poter rivelare le sue scoperte ma ha anche spinto l’amministrazione americana a dichiarare pubblicamente che il DMCA non si applica alla ricerca scientifica. Per questo il professore ha deciso di chiudere il caso senza proseguire in tribunale per potersi dedicare ad altro.

La vittoria di Felten non è però quella della EFF che ha visto per alcuni mesi il caso come un elemento portante della propria strategia, tesa a dimostrare come il DMCA sia incostituzionale.

Tutti i dettagli di questa storia negli articoli segnalati in calce a questo articolo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    W la BSA
    Devo dire:"W la Bsa perchè per spregiare le software-house continuerò a copiare ed utilizzare software perchè se l'alternativa deve essere quella di andare a vivere sotto un ponte!"Viva gli ibridi Windows-Linux OS-Linux:sono l'unica possibile alternativa a Win98SEccato! 64.94.46.27 smettila di bussare!
  • Anonimo scrive:
    W LA BSA!!!
    Non credo che esista un gruppo capace di promuovere l'OPEN SOURCE meglio della BSA. Più "lettere di avvertimento" verranno inviate dalla BSA, più le organizzazioni IT cercheranno possibili alternative.Si è già detto precedentemente che molti prenderebbero in seria considerazione l'OPEN SOURCE se dovessero pagare per tutto ciò che già usano. Sono d'accordo. Bene, fategliela pagare (con gli interessi!), e la smetteranno di usare software M$. Non credo che ci sia qualcuno su PI minimamente contrario alla BSA!W LA BSA!!!
  • Anonimo scrive:
    In una pagina del sito della BSA troviamo anche...
    Un bellissimo invito alla delazione! :-( [Segnalazione Degli Atti di Pirateria] Avete il dubbio di utilizzare software illegale? Se sospettate che un collega o anche un ex datore di lavoro stia utilizzando o rivendendo software privo di licenza, servitevi del numero verde 800.241.751 per chiamare gli uffici locali di Business Software Alliance o effettuate la segnalazione online. Denunciare tali attività richiede poco tempo e le vostre informazioni saranno mantenute strettamente confidenziali. Le segnalazioni possono anche essere sottoposte in forma anonima.
    • Anonimo scrive:
      Re: In una pagina del sito della BSA troviamo anche...
      - Scritto da: Franz
      Un bellissimo invito alla delazione! :-(


      [Segnalazione Degli Atti di Pirateria]

      Avete il dubbio di utilizzare software
      illegale? Se sospettate che un collega o
      anche un ex datore di lavoro stia
      utilizzando o rivendendo software privo di
      licenza, servitevi del numero verde
      800.241.751 per chiamare gli uffici locali
      di Business Software Alliance o effettuate
      la segnalazione online. Denunciare tali
      attività richiede poco tempo e le vostre
      informazioni saranno mantenute strettamente
      confidenziali. Le segnalazioni possono anche
      essere sottoposte in forma anonima.
      Se quelli della BSA me danno 1.000.000 $ divento spia pure io.
      • Anonimo scrive:
        Re: In una pagina del sito della BSA troviamo anche...
        - Scritto da: zorro


        - Scritto da: Franz

        Un bellissimo invito alla delazione! :-(





        [Segnalazione Degli Atti di Pirateria]



        Avete il dubbio di utilizzare software

        illegale? Se sospettate che un collega o

        anche un ex datore di lavoro stia

        utilizzando o rivendendo software privo di

        licenza, servitevi del numero verde

        800.241.751 per chiamare gli uffici locali

        di Business Software Alliance o effettuate

        la segnalazione online. Denunciare tali

        attività richiede poco tempo e le vostre

        informazioni saranno mantenute
        strettamente

        confidenziali. Le segnalazioni possono
        anche

        essere sottoposte in forma anonima.



        Se quelli della BSA me danno 1.000.000 $
        divento spia pure io.spia spia non è figlio di Maria non è figlio di Gesù, quando muore va laggiù, va laggiù da quell'ometto che si chiama diavoletto.
  • Anonimo scrive:
    Non è giusto!!
    "...la possibilità di scaricare GASP, il freeware che può essere utilizzato sui computer delle imprese, su piattaforma MAC e Windows...Il software non esiste per Linux e nemmeno per *BSD ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è giusto!!
      "Sì, Vostro Onore. Quando siamo entrati nella sede della FOOCORP, abbiamo trovato 20 workstation dove era installato Linux. I nostri agenti hanno dovuto formattare tutti gli hard disk ed installare Windows per avviare i nostri rilevatori di software pirata. I rilevatori hanno trovato 20 copie di Windows installate. La FOOCORP ha ammesso di non aver pagato neanche una licenza di Windows. Chiediamo che la FOOCORP sia considerata colpevole di 20 violazioni del diritto d'autore"
  • Anonimo scrive:
    Tanto rumore per nulla
    Salve a tutti,pensavo che la pagina segnalata da PI fosse uno spazio che conteneva materiale (dati, statistiche, leggi, casi, policy ecc).Invece - praticamente - e' soltanto un link al sito di BSA.Valeva la pena di dedicargli tutta questa attenzione?
  • Anonimo scrive:
    Bum
    "ma andando nel dettaglio oltre 9 casi su 10 rientrano in una involontarietà del gesto, cioè nel non sapere di non essere in regola con quanto previsto dalla legge".Ma stiamo scherzando?Quale involontarietà?
    • Anonimo scrive:
      Re: Bum
      Pensa a coloro ke comprano il primo computer, ke ci si trovano dentro preinstallato sia winzoz ke office, magari qualke gioketto e l'enciclopedia x le ricerke del figlioletto, quanto cavolo pensi ke ne possano sapere sti disgraziati di essere contro la legge? Quanto possono essere consapevoli ke insieme e certi programmi devono anke avere una licenza?
  • Anonimo scrive:
    CVD
    The site www.techdata.it is running Microsoft-IIS/5.0 on Windows 2000.Questi hanno perso il treno...
Chiudi i commenti