Pirateria, sequestri e un arresto a Palermo

Blitz della Guardia di Finanza in una centrale di duplicazione


Roma – Una centrale per la riproduzione di compact disc pirata è stata scoperta a Palermo dal Nucleo provinciale di polizia tributaria della Guardia di Finanza, che la ritiene una delle più grandi e organizzate sale di duplicazione mai individuate nel territorio siciliano.

“La centrale – si legge in una nota diffusa dalla F.P.M.- Federazione contro la pirateria musicale – era installata nello scantinato di un condominio del quartiere Montepellegrino, tra le vie Montalbo e Impastato, e secondo i finanzieri riforniva numerosi venditori ambulanti di cd pirata. Il titolare, un pregiudicato di 46 anni, è stato arrestato e altre quattro persone sono state denunciate a piede libero. Un giro d’affari imponente con i gestori del centro di riproduzione che avevano anche realizzato cataloghi per i “rappresentanti” che raccoglievano le ordinazioni. Alla sala erano addette quattro persone che manovravano 41 masterizzatori ad alta velocità. Oltre a questi apparecchi e a tre personal computer, sono stati sequestrati 6.000 cd contraffatti, uno scanner, tre stampanti e altri strumenti utilizzati per le incisioni”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    lingua italiana
    altra cosa:va bene che l'inglese è la lingua ufficiale del web, ma con 3000 italiani che lavorano alla UE non ne hanno trovato uno che traducesse il form?Scarlight
  • Anonimo scrive:
    siti personali
    ho compilato il form dell'EU,unica cosa: non mi pare tenga in considerazione i siti personali veicolo di cultura, ma tenda a regolamentare e privilegiare i siti commerciali.Sbaglio?Scarlight
Chiudi i commenti