Plastic Logic, l'e-reader parla russo

Il primo prodotto della problematica spin-off della Cambridge University è un lettore digitale di libri di testo pensato soprattutto per il mercato russo

Roma – Plastic Logic ha finalmente presentato il suo primo prodotto commerciale, un e-reader progettato per sostituire il “peso” sempre crescente dei libri scolastici – portandoli sempre con se ma in uno spazio estremamente contenuti e facile da maneggiare.

Plastic Logic 100 , questo il nome commerciale dell’e-reader, è un lettore digitale dotato di schermo a 10,7 pollici (risoluzione 960×1280), una CPU a 800 MHz, sistema operativo Windows CE su cui far girare l’interfaccia proprietaria della società, 4 Gigabyte di spazio per lo storage. L’e-reader pesa appena mezzo chilogrammo, è spesso meno di 8 mm e la batteria dovrebbe poter garantire un’autonomia di funzionamento di almeno una settimana per singola ricarica.

Le funzionalità avanzate del lettore includono la capacità di scorrere le singole pagine dei libri elettronici, fissare segnalibri, sottolineare testo, prendere note a margine della pagina corrente e cercare all’interno di tutto il testo di ogni volume.

Plastic Logic 100 trae vantaggio del generoso investimento fatto dalla società russa Russian Nanotechnology Corporation, dunque non stupisce che si tratti di un prodotto pensato prima di tutto per il mercato russo: l’e-reader costa 12mila rubli – 400 dollari al cambio attuale, e di base include già 40 testi scolastici da poter usare nelle scuole elementari del paese.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ah ah scrive:
    Bambini? Fuori dai piedi.
    Io sono un adulto, io pago la connessione ad internet. I bambini no. I bambini devono andare fuori dai piedi, i genitori devono piantarla di usare internet come tata digitale.
    • panda rossa scrive:
      Re: Bambini? Fuori dai piedi.
      - Scritto da: Ah ah
      Io sono un adulto, io pago la connessione ad
      internet. I bambini no. I bambini devono andare
      fuori dai piedi, i genitori devono piantarla di
      usare internet come tata
      digitale.Che c'entra con la tua connessione internet?
  • anony scrive:
    nocivi?
    non esistono contenuti "nocivi"... ma solo contenuti leciti o illeciti.
  • francososo scrive:
    i minori vanno protetti ok....
    i minori vanno protetti ok, però dietro a questo provvedimento voglio vedere quali mosse censorie tireranno fuori !!!
Chiudi i commenti