Pluralismo informatico via open source

Lo chiedono Cortiana e Vitali
Lo chiedono Cortiana e Vitali


Roma – “Dopo il parere positivo della Commissione Governativa per l’uso di software open source nella Pubblica Amministrazione, è ripresa nella Prima Commissione del Senato, in presenza del Ministro Stanca, la discussione del DDL 1188 a favore del software open source. Noi siamo convinti che sia importante una legge che garantisca il pluralismo informatico, indipendentemente dalla sensibilità del Ministro di turno.” Lo hanno dichiarato i senatori Cortiana (Verdi) e Vitali (DS).

“Il Ministro Stanca – hanno anche affermato i due senatori – al quale dobbiamo riconoscere la sensibilità istituzionale di avere partecipato a tutto il percorso di discussione, propone invece la via amministrativa. Noi non siamo convinti che questo percorso sia adeguato a garantire sufficientemente i diritti degli utenti e il principio dell’efficienza della Pubblica Amministrazione, soprattutto per quanto riguarda l’uso di formati aperti nella Pubblica Amministrazione.”

“Restiamo disponibili – hanno poi concluso – ad una discussione di merito e vogliamo verificare quali siano le proposte del Ministro, anche per via amministrativa, fermo restando la nostra convinzione che sia necessaria una norma cogente da cui qualunque azione discenda”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 07 2003
Link copiato negli appunti