Colpo inflitto al cybercrimine in Polonia

Gravi truffe informatiche e una serie di allarmi bomba: i capi di imputazione mossi nei confronti di quattro cybercriminali in Polonia.
Gravi truffe informatiche e una serie di allarmi bomba: i capi di imputazione mossi nei confronti di quattro cybercriminali in Polonia.

In Polonia le autorità hanno fatto scattare le manette ai polsi di quattro cybercriminali ritenuti tra i più attivi e pericolosi del paese. A darne notizia è Europol che fa riferimento a un’azione coordinata con l’obiettivo di contrastare la piaga dei reati di stampo informatico. A gestire l’operazione il Polish Police Centre Bureau of Investigation (Centralne Biuro Śledecze Policji) sotto la supervisione del Regional Prosecutor’s Office di Varsavia (Prokuratura Regionalna w Warszawie). Coinvolti inoltre dipartimenti provinciali e la stessa agenzie continentale.

Cybercrimine: quattro importanti arresti in Polonia

Gli arrestati dovranno rispondere anzitutto dell’accusa legata alla distribuzione di malware, sia attraverso campagne di phishing (talvolta fingendosi esponenti delle istituzioni) sia con altri metodi che hanno preso di mira soprattutto i dispositivi mobile. Oltre 1.000 nel territorio locale le vittime presunte.

Un altro capo d’imputazione è quello relativo alla pratica nota come SIM swapping attraverso la quale sono stati sottratti dati personali, credenziali per l’accesso a servizi e conti bancari, allungando di conseguenza le mani sui fonti: rubato così l’equivalente di oltre 147.000 euro.

Ancora, hanno creato circa 50 falsi negozi online capaci di attirare e raggirare 10.000 clienti. Tramite alcuni degli store è anche stata condotta la distribuzione di codice maligno.

Accuse più che sufficienti, se non fosse che ai quattro criminali è attribuita anche la responsabilità di alcuni allarme bomba fatti scattare in diversi asili di tutti il paese portando all’evacuazione complessivamente di 13.350 persone.

Fonte: Europol
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti