PEC più sicura: diminuiscono malware e spam nelle caselle

La Posta Elettronica Certificata ora è più sicura

Le iniziative coordinate dall'Agenzia per l'Italia Digitale hanno contribuito a contrastare le campagne malevole rendendo così le caselle più sicure.
Le iniziative coordinate dall'Agenzia per l'Italia Digitale hanno contribuito a contrastare le campagne malevole rendendo così le caselle più sicure.

Lo scorso anno AgID ha messo in campo una serie di iniziative con l’obiettivo dichiarato di aumentare la sicurezza della PEC, coinvolgendo in modo diretto tutti i gestori abilitati alla fornitura del servizio nel nostro paese. I risultati sono già oggi apprezzabili come sottolinea un report pubblicato in questi giorni sul sito ufficiale dell’agenzia.

PEC: diminuite le campagne malware e spam

Sono diminuite le campagne malevole attuate per la diffusione di malware e spam nelle caselle della Posta Elettronica Certificata: registrato un più che significativo -90% rispetto al dicembre 2019. Una sola azione è stata individuata dal team CERT-AgID negli ultimi quattro mesi, legata a un tentativo di distribuzione del codice maligno identificato come sLoad, prontamente intercettata e bloccata proprio grazie alle partnership instaurate.

L’impegno dell’Agenzia per l’Italia Digitale e dei gestori si struttura in iniziative di breve, medio e lungo termine, in modo da prevenire utilizzi impropri o a scopo fraudolento dello strumento PEC.

L’efficacia delle azioni in corso risulterà ancora più incisiva con il completamento di ulteriori misure di controllo a medio e lungo termine, volte a contrastare le minacce alla sicurezza del sistema ed a contenere i fenomeni di utilizzo del servizio a scopo fraudolento.

Obbligatoria per tutte le imprese, la Posta Elettronica Certificata ha fatto registrare una vera e propria impennata nei ritmi di adozione durante l’estate scorsa. Queste le statistiche ufficiali di AgID sull’utilizzo relative al bimestre settembre-ottobre 2020 (le più aggiornate): 12.099.979 caselle attive, 408.257.426 messaggi scambiati. La crescita è apprezzabile rispetto a un anno prima quando i numeri erano rispettivamente 10.731.168 e 394.688.878.

Fonte: AgID
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti