PostgreSQL 8.2, nuovo passo nell'enterprise

La comunità di sviluppo del celebre database open source ne ha rilasciata una nuova versione che promette di semplificare lo sviluppo e la gestione di database anche di grandi dimensioni

Roma – Frutto di quasi un anno di sviluppo e testing, PostgreSQL 8.2 è la nuova e importante versione di uno dei motori di database open source più noti e quotati. Questa quattordicesima release promette molte migliorie e novità tecniche, soprattutto sul fronte delle funzionalità e delle performance, aggiungendo una facilità di gestione comparabile, secondo gli sviluppatori, ai più blasonati database commerciali di classe enterprise.

“Questa versione migliora quasi qualsiasi comando e funzionalità offerti dal database”, ha affermato Bruce Momjian, membro del PostgreSQL Core Team e database architect di EnterpriseDB. “Aggiunge una sintassi espansa e compatibile, ed interfacce che sono state richieste dalla nostra comunità, rendendo più semplice il pieno utilizzo di tutte le caratteristiche avanzate di PostgreSQL”.

Tra le grosse aziende che utilizzano PostgreSQL c’è Unisys , che si è detta particolarmente interessata alle migliorie apportate dal team di sviluppo alla scalabilità e alle prestazioni di PostgreSQL sui grandi sistemi multiprocessore . Prestazioni che, secondo il team di sviluppo del database, sono migliorate di circa il 20% nei sistemi OLTP (On-Line Transaction Processing) di fascia alta e potrebbero essere anche superiori con i sistemi di data warehousing.

Le ottimizzazioni includono un ordinamento più veloce sia in memoria che su disco, un miglior planning per query su dati partizionati, caricamenti in massa più rapidi e outer join accelerate.

Le altre novità principali di PostgreSQL 8.2 sono elencate in questo comunicato in italiano, in cui si trovano anche i link a download, documentazione e licenza.

Poche settimane fa Sun ha annunciato che integrerà PostgreSQL in Solaris fornendo ai propri clienti un completo servizio di supporto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mi sembra una stupidaggine...
    ... realizzare moduli da integrare nei portatili con specifiche non ancora definitive :(speriamo non ci siano poi problemi con le specifiche finali
    • Anonimo scrive:
      Re: mi sembra una stupidaggine...
      Perchè stupido ?Il costo del chip alla fine è lo stessoe hai in più il nuovo protocollo, anchese lo standard non è definitivo è pursempre un "regalo".Inoltre in teoria anche se cambianoqualcosa del protocollo di comunicazionepenso abbiano messo la possibilità diaggiornare il firmware che in quel casodovrebbe bastare.
      • Anonimo scrive:
        Re: mi sembra una stupidaggine...
        - Scritto da:
        Perchè stupido ?

        Il costo del chip alla fine è lo stesso
        e hai in più il nuovo protocollo, anche
        se lo standard non è definitivo è pur
        sempre un "regalo".

        Inoltre in teoria anche se cambiano
        qualcosa del protocollo di comunicazione
        penso abbiano messo la possibilità di
        aggiornare il firmware che in quel caso
        dovrebbe bastare.Sarebbe stupido non pensarci, invece.
      • Anonimo scrive:
        Re: mi sembra una stupidaggine...
        - Scritto da:
        Perchè stupido ?

        Il costo del chip alla fine è lo stesso
        e hai in più il nuovo protocollo, anche
        se lo standard non è definitivo è pur
        sempre un "regalo".

        Inoltre in teoria anche se cambiano
        qualcosa del protocollo di comunicazione
        penso abbiano messo la possibilità di
        aggiornare il firmware che in quel caso
        dovrebbe bastare.Lo standard 802.11n prevede nuove speciche anche a livello hardware, quindi il semplice aggiornamento del firmware potrebbe non bastare.
Chiudi i commenti