Prendete e fruitene tutti. Poi comprate

L'iniziativa dei Marillion: la band distribuisce online brani da condividere. Che includono l'invito all'acquisto di copie fisiche e biglietti dei concerti
L'iniziativa dei Marillion: la band distribuisce online brani da condividere. Che includono l'invito all'acquisto di copie fisiche e biglietti dei concerti

Hanno rilasciato il loro intero prossimo album sui principali circuiti del file sharing. L’obiettivo dei Marillion è quello di ampliare il proprio pubblico. Un pubblico fedele e pagante, un pubblico che li sappia ricompensare partecipando ai concerti, acquistando merchandising, scegliendo di appropriarsi di una copia fisica dell’opera.

Happiness is the road Happiness Is The Road è il quindicesimo album della lunga carriera dei prog rocker: per distribuirlo hanno scelto di affidarsi a Music Glue , un servizio che si occupa di incanalare brani nei circuiti del P2P, di raccogliere informazioni sugli utenti, di orchestrare campagne di marketing e offrire agli artisti un’interfaccia che consenta loro di interagire con il proprio pubblico.

L’utente che sceglie di approfittare dell’offerta della band vede comparire sullo schermo una finestra di dialogo: i Marillion si rivolgono direttamente al downloader, raccontano del nuovo album, invitano il netizen a partecipare ai concerti e a sbirciare nello store. L’utente può lasciarsi tentare: in cambio di un indirizzo email che verrà utilizzato per informare il fan delle ultime novità, potrà accaparrarsi una traccia gratuita e priva di alcuna protezione DRM.

“Non incoraggiamo il file sharing illegale, ma è un fatto che molti appassionati di musica lo pratichino – ha spiegato Mark Kelly, tastierista della band – Vogliamo sapere chi sono i nostri fan che fanno file sharing. Se apprezzano abbastanza il nostro album vogliamo convincerli a sborsare qualcosa per acquistarlo o almeno a venire al nostro concerto”. Coloro che fossero convinti da Happiness Is The Road e decidessero di effettuare l’ordinazione in attesa del rilascio dell’album sul mercato, verrebbero raggiunti da un email : oltre alla possibilità di ascoltare l’album, la band dispensa chiarimenti e raccomandazioni. Si invita a godere dell’edizione speciale dell’album, a mettere le mani sulla confezione e sui due libri allegati, si invita a non far circolare in rete le tracce estratte dal disco originale .

Quella dell’ordinazione anticipata e delle gratificazioni riconosciute ai fan è una strategia che attecchisce: gli stessi Marillion con questo meccanismo hanno raggranellato il denaro necessario a produrre un disco, Radiohead e Nine Inch Nails si sono guadagnati la fama di precursori del marketing discografico indipendente dalle major.

Ma, accompagnando la notizia dell’iniziativa prevista per Happiness Is The Road , i Marillion si sono espressi con una sortita sibillina: “Tutti sono consapevoli dell’effetto del file sharing P2P sulle vendite dei CD e sull’industria della musica in generale”, ha dichiarato Kelly a BBC . Quale che fosse il significato della affermazione del musicista, l’intento della band è quello di continuare a sperimentare.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 09 2008
Link copiato negli appunti