Privacy in campagna elettorale

di Cristina Coviello (Lidis.it) - Tutela dei dati personali e campagna elettorale, si aprono nuovi scenari. I limiti in cui si deve muovere la propaganda politica


Roma – Nel cuore delle elezioni Amministrative ed Europee, si accendono dibattiti e polemiche politiche. Ma candidati ed elettori sono consapevoli delle regole e dei limiti che si applicano alla propaganda elettorale?

E’ utile dare un rapido sguardo alle nuove disposizioni e ai singoli casi in il trattamento dei dati personali di elettori quando può essere effettuato liberamente e quando, invece, è necessario un preventivo consenso dell’interessato.

I partiti, gli organismi politici, i comitati promotori, i sostenitori e i singoli candidati potranno utilizzare i dati personali degli elettori senza il loro consenso esclusivamente quando i dati sono estratti da fonti pubbliche, cioè quando derivino da registri e/o elenchi pubblici.

A tal fine quindi, possono essere utilizzate liberamente le liste elettorali degli aventi diritto al voto detenute dai comuni e gli elenchi di iscritti ad albi o collegi professionali. Non è possibile invece utilizzare al fine di propaganda elettorale gli atti anagrafici e dello stato civile tratti dalle liste elettorali di sezione già utilizzate nei seggi, i dati annotati da scrutatori e rappresentanti di lista e gli schedari istituiti presso gli uffici consolari.

La normativa prevede, inoltre, il consenso scritto dell’interessato per l’utilizzazione dei dati relativi agli iscritti ai partiti e alle associazioni politiche.
Particolare attenzione si dovrà porre circa i dati raccolti durante manifestazioni ed eventi politici in occasione delle quali si dovrà informare e raccogliere il consenso personale ed esplicito, non solo al trattamento dei dati ma al singolo utilizzo a fini della propaganda elettorale.

E per ciò che riguarda i nuovi strumenti informatici ? Potranno i nostri candidati, avvalersi delle nuove tecnologie per le loro compagna elettorale? E in particolar modo quali regole e modalità dovranno adottare per l’utilizzo d ei nuovi mezzi elettronici?

Sono consentiti, solo con l’espresso consenso preventivo dell’interessato, l’invio di fax, di messaggi Sms e Mms, le chiamate telefoniche che utilizzano sistemi automatizzati, le chiamate dirette a telefonia mobile, e l’e-mail.

Via libera invece, da parte del Garante della privacy all’utilizzo degli elenchi telefonici e quindi dello strumento della chiamata a fini di propaganda elettorale su telefonia fissa, e l’invio per posta ordinaria di propaganda per la prossima tornata elettorale.

Per il futuro infatti, data la riforma della disciplina degli elenchi telefonici, ciò sarà possibile solo mediante il preventivo consenso dell’interessato che risulterà direttamente indicato nell’elenco telefonico tramite un segno distintivo posto accanto al numero dell’abbonato.

Resta comunque il vincolo per chiunque effettui attività di propaganda elettorale di fornire l’informativa circa la provenienza dei dati , l’utilizzo, l’eventuale comunicazione a terzi, i diritti di accesso e l’indicazione dell’eventuale responsabile del trattamento. Tale informativa andrà comunicata, previamente, in caso di propaganda tramite telefono o inserita nei materiali elettorali inviati agli elettori.

La longa manus del garante, dunque, arriva anche in occasione delle campagne elettorali a tutelare la salvaguardia dei dati dei cittadini. In questa nuova fase di protezione della vita privata del cittadino, i candidati, dovendo acquisire il preventivo consenso dell’elettore ad essere contattato a fini di propaganda elettorale, ancor prima di un voto politico, prima o poi diventeranno di fatto, in caso di mancato consenso al trattamento dei dati, dei veri e propri “candidati fantasma”.

Avv. Cristiana Coviello
Studio Legale Sarzana & Partners
www.lidis.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    ma ke ha detto?
    niente di particolare....l'ha solo distrutto
    :D:DSarebbe da capire in che modo dato che che non ha capito nulla di quello che ho scritto.
  • Alessandrox scrive:
    Re: Come il PC
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Alessandrox

    Avere grande capacita' d'apprendimento
    non

    e' la sola cosa importante per un'
    essere

    umano.

    Ancora piu' importante e' avere una

    coscienza sviluppata.Mi sa' che ti ho gia' incontrato da queste parti...
    Eccone un altro iscritto alla setta del
    benaltrismo. E un bel chissenefrega, non ce
    lo mettiamo ? Benealtristi: coloro che sono soliti dire "c'e' ben altro di importante che..."Spiegami da dove si evince nel mio discorso.Bene, se non ti importa NON LO LEGGInessuno ti obbliga, credo, forse solo la tua arroganza alla quale sei incapace di rinunciare.
    L'articolo parla della relazione tra uso del
    PC e facoltà logico-cognitive (non
    è il tuo caso, ovviamente). Non
    stabilisce scalette "universali" di valori,
    non asserisce che si tratti dell'unico,
    assoluto ed ultimativo ritrovato della
    psicopedagogia, grazie al quale si
    può buttare alle ortiche tutto il
    resto. Ma che t' inventi?IO non intendevo criticare l' articolo e nemmeno gli autori della ricerca. IO non ho fatto nessuna scala di valori e non ho dato nessun giudizio morale sul contenuto: Il mio messaggio e' nato dalla constatazione che nelle scuole e nella nostra societa', in genere, viene considerato importante lo sviluppo delle facolta' logico-cognitive, nulla da eccepire. Come tutte le facolta' quella logico cognitiva e' uno strumento: puo' essere messo al servizio dell' ego o della coscienza, ognuno faccia la propria scelta, tutto qui'.Ti da fastidio che ogni tanto qualcuno lo ricordi?E perche' ti da fastidio?
    Il tuo post è solo un patetico,
    infelice esempio di ignoratio elenchi e
    mancata capacità di
    contestualizzazione. Una grave tara
    logico-cognitiva, anche se molto comune tra
    chi va in giro con la pistolina ad acqua
    sempre caricata con una qualche tesi
    preconcetta da sciorinare.Bah...Scusa quale sarebbe la mia tesi preconcetta? Fammi un po' capire...Mi sa invece che TU hai dei preconcetti e in base a questi hai formulato la tua risposta (senza peraltro riflettere nemmeno un secondo su quello che ho scritto).Ti spiego l' algoritmo:1)Input: Leggere2)comprendere3)riflettere4)Output: rispondereHai saltato i passaggi 2) e 3)Per questo i tuoi discorsi non tornano.Ti consiglio di esercitarti di piu' al Computer.Bai==================================Modificato dall'autore il 09/06/2004 20.28.13
  • Anonimo scrive:
    Re: Sarà vero ma...
    Da qualche parte è scritto che *solo* il pc stimola l'intelligenza?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    cambia pusher
  • ilmusico scrive:
    Sarà vero ma...
    Leggendo l'articolo secondo il quale ,l'uso del computer in fase pre-adolescenziale favorirebbe lo sviluppo cognitivo ,l'apprendimento e così via,non ne sono rimasto sorpreso in quanto, è già risaputo che i bambini che giocano con puzzles, meccano,lego,giochi di assemblaggio,hanno una "marcia in più" rispetto ai coetanei che si limitano a giocare in modo tradizionale (utile anche questo per altri aspetti) dove,cioè, non è richiesta una certa attenzione,concentrazione. Anche studiare Musica,comporta uno sviluppo intellettivo,cognitivo non indifferente:teoria musicale,solfeggio,armonia ,strumento ...Quindi,volendo,già si dispone dei mezzi atti a sviluppare determinate capacità di calcolo,apprendimento ....Possiamo aggiungere la Suggestopedia,che è una tecnica di apprendimento poco seguita in Italia ,la quale consente di apprendere lingue straniere e tutte le altre materie, in tempi più ridotti rispetto a quelli che i sistemi didattici tradizionali richiedono.Se a tutto questo,già utilizzato o utilizzabile,vogliamo aggiungere anche i computer,d'accordo-Sarei però più favorevole ad'una integrazione composita di vari sistemi didattici e similari,piuttosto che canalizzare tutto in senso informatico. Non credo che si debbano formare dei quadri lavorativi di tipo "robotico",vero? Stiamo tutti constatando la sempre dilagante aridità interiore nella società umana :se noi daremo modo alle nuove generazioni, di apprendere in modo veloce,efficiente e non ci preoccuperemo dell'aspetto morale ,interiore,in futuro avremo come delle...macchine che manipoleranno macchine,incapaci di provare sentimenti.Disumanizzati,insomma...Questo è ciò che,in prospettiva,sto intravvedendo. Sto esagerando,con i miei timori? Fatemi sapere...Grazie!
  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    -
    Eccone un altro iscritto alla setta del
    benaltrismo. E un bel chissenefrega, non ce
    lo mettiamo ?

    L'articolo parla della relazione tra uso del
    PC e facoltà logico-cognitive (non
    è il tuo caso, ovviamente). Non
    stabilisce scalette "universali" di valori,
    non asserisce che si tratti dell'unico,
    assoluto ed ultimativo ritrovato della
    psicopedagogia, grazie al quale si
    può buttare alle ortiche tutto il
    resto.

    Il tuo post è solo un patetico,
    infelice esempio di ignoratio elenchi e
    mancata capacità di
    contestualizzazione. Una grave tara
    logico-cognitiva, anche se molto comune tra
    chi va in giro con la pistolina ad acqua
    sempre caricata con una qualche tesi
    preconcetta da sciorinare.FANTASTICO!!! Grazie di esistere!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    quando vedo gente che si incazza come te la mia domanda è sempre questa : che hai mangiato merda a colazione ?
  • Anonimo scrive:
    Re: 10 e lode !!!
    - Scritto da: Alessandrox
    La television... la ti ndurment com un cojon

    Avere grande capacita' d'apprendimento non
    e' la sola cosa importante per un' essere
    umano.
    Ancora piu' importante e' avere una
    coscienza sviluppata.
    Tutti i piu' grandi criminali della storia
    avevano un livello intellettivo elevato se
    non superiore alla media e ovviamente una
    grande capacita' d' apprendimento. E questo
    non gli ha impedito di rendersi cosi'
    tristemente famosi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    - Scritto da: Anonimo
    ma ke ha detto?niente di particolare....l'ha solo distrutto :D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    ma ke ha detto?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come il PC
    - Scritto da: Alessandrox
    Avere grande capacita' d'apprendimento non
    e' la sola cosa importante per un' essere
    umano.
    Ancora piu' importante e' avere una
    coscienza sviluppata.Eccone un altro iscritto alla setta del benaltrismo. E un bel chissenefrega, non ce lo mettiamo ? L'articolo parla della relazione tra uso del PC e facoltà logico-cognitive (non è il tuo caso, ovviamente). Non stabilisce scalette "universali" di valori, non asserisce che si tratti dell'unico, assoluto ed ultimativo ritrovato della psicopedagogia, grazie al quale si può buttare alle ortiche tutto il resto. Il tuo post è solo un patetico, infelice esempio di ignoratio elenchi e mancata capacità di contestualizzazione. Una grave tara logico-cognitiva, anche se molto comune tra chi va in giro con la pistolina ad acqua sempre caricata con una qualche tesi preconcetta da sciorinare.
  • Alessandrox scrive:
    Come il PC
    La television... la ti ndurment com un cojonAvere grande capacita' d'apprendimento non e' la sola cosa importante per un' essere umano.Ancora piu' importante e' avere una coscienza sviluppata.Tutti i piu' grandi criminali della storia avevano un livello intellettivo elevato se non superiore alla media e ovviamente una grande capacita' d' apprendimento. E questo non gli ha impedito di rendersi cosi' tristemente famosi.
Chiudi i commenti