PS3, Sony contro tutti

Con GeoHot fermo ai box e il nuovo firmware riparatore, rientra l'allarme sicurezza PlayStation. Ma la community non molla e i consumatori norvegesi si uniscono alla lotta

Roma – Nonostante la diatriba sulla giurisdizione di competenza, i legali di Sony Computer Entertainment sono riusciti ad ottenere un primo significativo risultato nella causa intentata contro l’hacker GeoHot, colpevole di aver reso pubblica la root key di PlayStation 3 che consente di rendere “ufficiale” un qualunque codice homebrew.

Il tribunale della California ha fatto scattare quell’ ordine restrittivo richiesto da Sony e per il momento George Francis Hotz non potrà più avvicinarsi, con cacciavite e mouse, alla console giapponese. L’ordine restrittivo è temporaneo, ma il giudice ha anche disposto il sequestro di tutti i dispositivi utilizzati dal ragazzo per mettere a nudo la PS3. Oltre a GeoHot sono coinvolti gli altri membri del team fail0verflow , autori della scoperta.

Contemporaneamente, il colosso nipponico ha anche rilasciato un aggiornamento software, pensato per salvare il salvabile: installando il nuovo firmware 3.56 sulla PS3 non è più possibile lanciare niente di non autorizzato. Purtroppo per Sony, l’attività della comunità hacker prosegue anche con GeoHot fermo ai box, e al momento sembra che un altro team stia lavorando per violare le nuove protezioni introdotte dalla patch.

In realtà, nelle intenzioni originarie lo sblocco doveva servire per ripristinare l’installazione di un differente sistema operativo sulla console. Inizialmente la PS3 era aperta a questa possibilità, ma la feature ufficiale è stata sradicata dallo scorso aprile , proprio per motivi di sicurezza.

Anche secondo l’ associazione dei consumatori norvegese bisognerebbe distinguere meglio tra pirateria e libertà d’utilizzo. Gli aggiornamenti che compiono passi indietro, invece di limitarsi ad aggiungere nuove caratteristiche, non rispetterebbero il profilo del prodotto acquistato inizialmente.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Videoteca Genesi scrive:
    Ottimo
    Basta con questi pirati che fanno i film XXXXX , si vergognassero !
    • Funz scrive:
      Re: Ottimo
      - Scritto da: Videoteca Genesi
      Basta con questi pirati che fanno i film XXXXX ,
      si vergognassero
      !All'angolo rosso: Videotechini-con-stanzetta-nascosta-da-tendina.All'angolo blu: cultori del XXXXX amatorialeFuori i secondi, gong! :D
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Ottimo
      O non sei il vero videoteca genesi, o hai sbagliato a scrivere.
  • James Kirk scrive:
    Re: Pagate
    - Scritto da: Terribile avvoltoio legale
    Pagate scarriconi altrimenti ce lo diciamo alla
    mamma che avete scaricato le zozzerie capito?
    :@
    Più che altro lo dicono alla moglie! :D
    • Sig.Nessuno scrive:
      Re: Pagate
      - Scritto da: James Kirk
      - Scritto da: Terribile avvoltoio legale

      Pagate scarriconi altrimenti ce lo diciamo alla

      mamma che avete scaricato le zozzerie capito?

      :@



      Più che altro lo dicono alla moglie! :DAltamente probabile: sono sicuro che sono in molti gli scariconi di film XXXXXgay ad avere moglie (che ovviamente è tenuta all'oscuro delle passioni segrete del marito) @^
  • Funz scrive:
    Ma che bello stato di diritto
    Questi privati come hanno avuto i nomi a cui erano assegnati gli indirizzi IP?Dubito abbiano avuto il mandato da un giudice a comportarsi come le forze dell'ordine.
  • Sgabbio scrive:
    1000 dollari per abbonarmi ?
    Spero sia a vita, con tutta la mia discendenza futura!Scherzi a parte, questi sono pazzi.
Chiudi i commenti