Pwn2Own, non si salva nessuno

Gli hacker fanno la festa ai browser web e ai software più popolari, scovando vulnerabilità e guadagnando centinaia di migliaia di dollari messi in palio dagli organizzatori. Cade anche Chrome

Roma – Anche nel 2014, come è tradizione oramai da sette anni, la conferenza sulla sicurezza CanSecWest ospita il contest per hacker Pwn2Own con l’obiettivo di individuare (con tanto di premi in denaro) pericolose vulnerabilità all’interno dei software più popolari – e soprattutto nei browser Web più usati.

I risultati dei primi due giorni del contest sono impietosi, e nessun browser sopravvive agli hacker e ai ricercatori determinati a scovare bachi nel codice per incassare la taglia, evitando di venderli alle intelligence di mezzo mondo.

I partecipanti al contest Pwn2Own 2014 battono i meccanismi di sicurezza di Adobe Reader XI (con tanti saluti alla sandbox integrata), Adobe Flash, Safari, Internet Explorer 11 (su Windows 8.1) e Mozilla Firefox, realizzando exploit che fruttano un totale di 400mila dollari di premio più 82.500 dollari donati in beneficenza durante l’evento Pwn4Fun.

Cade (nel giorno due del contest) anche Google Chrome , presunto bastione invalicabile del web surfing più sicuro e questo nonostante Mountain View si fosse preparata al Pwn2Own rilasciando patch per sette vulnerabilità – una delle quali individuata da Google stessa.

Un segno dei tempi, e soprattutto del fatto che contro hacker o cyber-criminali ben determinali non esiste software “sicuro” che tenga.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    E intanto in Europa...
    La corte di Giustizia UE del Lussemburgo ha stabilito la liceità dei blocchi a causa del diritto d'autore:http://www.repubblica.it/tecnologia/2014/03/27/news/corte_ue_s_blocco_acXXXXX_sito_che_viola_copyright-82036668/?ref=HREC1-18Basta che ci sia proporzionalità.
  • attonito scrive:
    troppo complicato...
    ... meglio spegnere internet e tornare esclusivamente a supporti non duplicabili in ambito domestico come il vinile... cosi si sconfigge realmente la pirateria!!
    • cicciobello scrive:
      Re: troppo complicato...
      Per i film, basterebbe distribuirli in pellicola Super 8, poi voglio vederti a copiarla: al massimo metterai online qualcosa a livello delle riprese cam.
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: troppo complicato...
      - Scritto da: attonito
      ... meglio spegnere internet e tornare
      esclusivamente a supporti non duplicabili in
      ambito domestico come il vinile... cosi si
      sconfigge realmente la
      pirateria!!AHAHAHAHAHAHAHAHAH(90 minuti di risate), sei spassoso almeno quanto allibito.Spero tu sia vero.GT
    • ZLoneW scrive:
      Re: troppo complicato...
      Perché duplicare il vinile, quando il contenuto è rippabile da sempre - nastro, CD, MP3, ecc.?Mi sa che devi rivedere un po' le cose...
  • Sg@bbio scrive:
    nessuno ha letto che...
    ... Potrebbero mettere delle pene contro le false segnalazioni, non sarebbe male come idea, visti gli abusi di questi strumenti.
    • Izio01 scrive:
      Re: nessuno ha letto che...
      - Scritto da: Sg@bbio
      ... Potrebbero mettere delle pene contro le false
      segnalazioni, non sarebbe male come idea, visti
      gli abusi di questi strumenti.Google suggerisce un approccio come questo e non sarebbe male. Da noi le normative AGCOM prevedono ZERO provvedimenti, anche in caso di segnalazioni errate a catena. Se questi dovessero pagare salato per ogni sito che fanno oscurare illegalmente, ci starebbero sicuramente più attenti - ed è proprio per questo che i loro amici politici si guardano bene dal prevedere sanzioni, rischiano di giocarsi il "regalino".
      • panda rossa scrive:
        Re: nessuno ha letto che...
        - Scritto da: Izio01
        - Scritto da: Sg@bbio

        ... Potrebbero mettere delle pene contro le
        false

        segnalazioni, non sarebbe male come idea,
        visti

        gli abusi di questi strumenti.

        Google suggerisce un approccio come questo e non
        sarebbe male. Da noi le normative AGCOM prevedono
        ZERO provvedimenti, anche in caso di segnalazioni
        errate a catena. Se questi dovessero pagare
        salato per ogni sito che fanno oscurare
        illegalmente, ci starebbero sicuramente più
        attenti - ed è proprio per questo che i loro
        amici politici si guardano bene dal prevedere
        sanzioni, rischiano di giocarsi il
        "regalino".Basterebbe prevedere anche una marca da bollo da 10.000 euro per ogni segnalazione, giusto per togliere di mezzo i perditempo, e poi in caso di falsa segnalazione, un bel multone, oppure il divieto di ulteriori segnalazioni per il futuro.
        • ... scrive:
          Re: nessuno ha letto che...
          - Scritto da: panda rossa
          Basterebbe prevedere anche una marca da bollo da
          10.000 euro per ogni segnalazione, giusto per
          togliere di mezzo i perditempoQuali perditempo? Quelli che segnalano sono tutti interessati economicamente alla cancellazione dei contenuti.
          • panda rossa scrive:
            Re: nessuno ha letto che...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa


            Basterebbe prevedere anche una marca da bollo da

            10.000 euro per ogni segnalazione, giusto per

            togliere di mezzo i perditempo


            Quali perditempo? Quelli che segnalano sono tutti
            interessati economicamente alla cancellazione dei
            contenuti.Non basta.Deve essere il detentore dei diritti a segnalare, che e' l'unico soggetto che sa a chi ha conXXXXX i diritti di distribuzione, mica tutti gli interessati economicamente.Altrimenti avremmo schiere di bacchettoni moralisti che chiedono la rimozione di film XXXXX.O altri personaggi implicati in faccende poco chiare che chiedono la rimozione di tutto il materiale giornalistico che li riguarda.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: nessuno ha letto che...
            Ho gente contraria a parodie e satira.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: nessuno ha letto che...
      Tu ci credi?
    • Allibito scrive:
      Re: nessuno ha letto che...
      - Scritto da: Sg@bbio
      ... Potrebbero mettere delle pene contro le false
      segnalazioni, non sarebbe male come idea, visti
      gli abusi di questi
      strumenti.Tradotto vorrebbe dire che il derubato deve stare attento a sporgere denuncia, se non vuole passare i guai...Nel caso dei siti che frequenti tu, non c'è pericolo, per altri, dove può risiedere materiale lecito e illecito, chi fa una semplice segnalazione, non rischia certo nulla, nel caso di una denuncia con relativa cancellazione, ci si può aspettare un seguito, ma su 10000 richieste di rimozione forse ne può capitare una...
      • krane scrive:
        Re: nessuno ha letto che...
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: Sg@bbio

        ... Potrebbero mettere delle pene

        contro le false segnalazioni, non

        sarebbe male come idea, visti

        gli abusi di questi strumenti.
        Tradotto vorrebbe dire che il derubato deve
        stare attento a sporgere denuncia, se non
        vuole passare i guai...Come e' giusto che sia, prova a denunciarmi per rapina mentre sono qua in ufficio con un sacco di testimoni, telecamere e log dei pc, poi vedi se non mi devi dare taaaanti soldi per rimborsarmi del disturbo.Riguardo alla correttezza delle richieste di rimozione...Microsoft che chiede di rimuovere microsoft :Dhttp://www.pcworld.it/microsoft-chiede-a-google-di-cancellare-i-link-al-suo-sito-per-pirateria_424000E.. : http://www.techdirt.com/articles/20120527/23520719089/dmca-notices-so-stupid-it-hurts.shtml-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2014 15.59-----------------------------------------------------------
  • Skywalker scrive:
    Mondo all'incontrario
    Secondo Wikipedia Miss Schneider:- fa JAZZ!!!!! DIO MIO!!! Se c'è un tipo di musica che "prende in prestito e ricrea" quello è il Jazz. E questa va in giro ad urlare "copiano la mia musica senza il mio permesso!"?!?!?- due suoi album sono stati FINANZIATI IN ANTICIPO DAI SUOI STESSI FAN SU INTERNET via ArtistShare!!!! E questa pretende di avere FAN CHE FINANZIANO ALBUM e CONTROLLO DELLE COPIE nella stessa epoca?Cicciobello ha ragione: "l'erba voglio". Voglio la botte piena e la moglie ubriaca. Voglio espirare mentre inspiro. Voglio il Crowdsourcing ma non il file sharing.
  • Skywalker scrive:
    Perseverare autem diabolicum
    "La distribuzione illegale del mio lavoro [...] non ho modo di frenarla".E quindi, Miss Schneider (Chi era costei?)?Sei dotata di intelletto (..o almeno si presume, in quanto appartenente alla Specie Umana), traine le ovvie conclusioni: è finita l'epoca in cui si poteva guadagnare sulle copie. Bisogna tornare a produrre originali, come prima dell'invenzione della stampa e del grammofono. Non si può pretendere di continuare a fare il venditore di ghiaccio, quando tutti hanno il frigorifero in casa.Canta dal vivo e vedrai che riuscirai a decidere facilmente quando e dove cantare dal vivo. Crea degli eventi, gestisci un fanclub ed eventi con i tuoi fan. Dai loro un acXXXXX a tutta la tua produzione ad un prezzo popolare e rilascia piccole chicche in anteprima a chi è iscritto.Gestisciti in proprio la tua produzione ricavando il 100% invece che il 4% che ti girano.Vedrai che di colpo tutto sto tempo e tutta sta voglia di stare a cazzeggiare su internet a cercare infinite copie della tua stessa canzone ti passa.Se ti servissero consigli, chiedi qua:http://elioelestorietese.it/fave-club/Con (poca) simpatia,Skywalker
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: Perseverare autem diabolicum
      - Scritto da: Skywalker
      "La distribuzione illegale del mio lavoro [...]
      non ho modo di
      frenarla".

      E quindi, Miss Schneider (Chi era costei?)?L'unica Maria Shneider che conoscevo era l'attrice, da poco scomparsa, della famosissima scena del burro in "Ultimo tango a Parigi".Questa, invece, è una jazzista se ho ben capito... e si sa che il Jazz è proprio uno dei generi più piratati in assoluto!Per inciso, da quanto si legge su Wikipedia, aveva fatto un album completamente finanziato dai fan e distribuito solo via internet.In casi come questo sorge sempre il sospetto di una qualche forma di pilotaggio da parte delle case discografiche che spingono questo o quell'artista a fornite tali drammatiche testimonianze ("La mia vita è minacciata dalla distribuzione illegale del mio lavoro", ma per cortesia!).
      • ThEnOra scrive:
        Re: Perseverare autem diabolicum
        Eppure www.ghiaccioexpress.com :D
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Perseverare autem diabolicum
          Cosa centra un sito del genere?
          • ThEnOra scrive:
            Re: Perseverare autem diabolicum
            - Scritto da: Sg@bbio
            Cosa centra un sito del genere?- Scritto da: Skywalker
            Non si può
            pretendere di continuare a fare il venditore di
            ghiaccio, quando tutti hanno il frigorifero in
            casa.
          • panda rossa scrive:
            Re: Perseverare autem diabolicum
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: Sg@bbio

            Cosa centra un sito del genere?


            - Scritto da: Skywalker

            Non si può

            pretendere di continuare a fare il venditore
            di

            ghiaccio, quando tutti hanno il frigorifero
            in

            casa.Manca il link alla parte in cui l'AD di questi venditori di ghiaccio da' dei ladri a tutti quelli che hanno un frigorifero in casa e dove denuncia quelli che producono frigoriferi.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Perseverare autem diabolicum
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: Sg@bbio


            Cosa centra un sito del genere?





            - Scritto da: Skywalker


            Non si può


            pretendere di continuare a fare il
            venditore

            di


            ghiaccio, quando tutti hanno il
            frigorifero

            in


            casa.

            Manca il link alla parte in cui l'AD di questi
            venditori di ghiaccio da' dei ladri a tutti
            quelli che hanno un frigorifero in casa e dove
            denuncia quelli che producono
            frigoriferi.Non chiederlo a me
          • panda rossa scrive:
            Re: Perseverare autem diabolicum
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: Sg@bbio



            Cosa centra un sito del genere?








            - Scritto da: Skywalker



            Non si può



            pretendere di continuare a fare il

            venditore


            di



            ghiaccio, quando tutti hanno il

            frigorifero


            in



            casa.



            Manca il link alla parte in cui l'AD di
            questi

            venditori di ghiaccio da' dei ladri a tutti

            quelli che hanno un frigorifero in casa e
            dove

            denuncia quelli che producono

            frigoriferi.

            Non chiederlo a meE allora e' perfettamente inutile che tu posti un link per dire che c'e' ancora uno che vende ghiaccio.Perche' ci sono ancora maniscalchi e scrivani.Ma non sono certo significativi.
        • ZLoneW scrive:
          Re: Perseverare autem diabolicum
          - Scritto da: ThEnOra
          Eppure www.ghiaccioexpress.com :DEvidente dimostrazione che anche un prodotto banale può essere fonte di profitto col giusto modello commerciale.Esempio da seguire per i detentori dei "diritti di riproduzione".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 marzo 2014 10.24-----------------------------------------------------------
          • ThEnOra scrive:
            Re: Perseverare autem diabolicum
            - Scritto da: ZLoneW
            - Scritto da: ThEnOra

            Eppure www.ghiaccioexpress.com :D

            Evidente dimostrazione che anche un prodotto
            banale può essere fonte di profitto col giusto
            modello
            commerciale.

            Esempio da seguire per i detentori dei "diritti
            di
            riproduzione".
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 19 marzo 2014 10.24
            --------------------------------------------------Come darti torto?
        • cicciobello scrive:
          Re: Perseverare autem diabolicum
          Rischioso....[img]http://imgs.xkcd.com/comics/ice.png[/img]
  • SKywalker scrive:
    Il chucchiaio ed il mare
    "Questo è un mondo all'incontrario".Si, certo.C'è gente che prova a svuotare il mare con la paletta fino a 6/7 anni, poi progredisce. Ci sono altri che vanno avanti fino a 70 anni dopo la loro morte e si arrabbiano pure che sia ancora li ancora pieno.Un gruppo di solito è detto "ragionevole", l'altro "irragionevole".Ma effettivamente questo mondo attualmente è un po' all'incontrario.
    • panda rossa scrive:
      Re: Il chucchiaio ed il mare
      - Scritto da: SKywalker
      "Questo è un mondo all'incontrario".

      Si, certo.

      C'è gente che prova a svuotare il mare con la
      paletta fino a 6/7 anni, poi progredisce. Ci sono
      altri che vanno avanti fino a 70 anni dopo la
      loro morte e si arrabbiano pure che sia ancora li
      ancora
      pieno.Paletta bucherellata! Non trascuriamo questo fondamentale particolare.[img]http://s7.imagestime.com/out.php/i872888_Acquisizioneaschermointero12072013144524.jpg[/img]
  • lorenzo scrive:
    Idea migliore ...
    Ma ... non e' piu' semplice che si trovino un vero lavoro ? :)
  • ... scrive:
    - Botta', + Tesoro
    nonstante il cognome, la gaia non attizza manco per niente. come in tutti i posti in cui il contenuto e' poco, vanno curate le condizioni al contorno. Qiundi rimettere gabriella "tette&XXXX" Tesoro e buttate la gaia oquenatomeno relegatela in segreteria a correggere le bozze.
  • prova123 scrive:
    Soluzione antipirateria
    Dopo 6 mesi dall'uscita del film al cinema il film viene venduto in BR/DVD tra i 5 ed i 10 euro. Chi è affetto da download compulsivo continuerà a scaricare tutti gli altri compreranno il film.La pirateria è un problema commerciale, non un problema tecnico (tra l'altro senza soluzione).
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Soluzione antipirateria
      contenuto non disponibile
      • Funz scrive:
        Re: Soluzione antipirateria
        - Scritto da: unaDuraLezione
        La ricetta per i tempi moderni è questa:
        1-Create great stuff
        2-Make it easy to buy
        3-Same day worldwide release
        4-Fair price
        5-Works on any deviceDirei che per ora in Italia il punteggio delle major è zerospaccato/5 :(
    • panda rossa scrive:
      Re: Soluzione antipirateria
      - Scritto da: prova123
      Dopo 6 mesi dall'uscita del film al cinema il
      film viene venduto in BR/DVD tra i 5 ed i 10
      euro. Chi è affetto da download compulsivo
      continuerà a scaricare tutti gli altri
      compreranno il
      film.Dopo 6 mesi???Il tempo corretto e' dopo 6 giorni dal ritiro dalle sale.Perche' aspettare 6 mesi?E' ovvio che se uno non trova il disco in vendita, se lo procura in altri modi.
      • prova123 scrive:
        Re: Soluzione antipirateria
        Essendo molto ragionevole ho proposto un'offerta che non possono rifiutare. Altrimenti se la sono cercata.
    • Leguleio scrive:
      Re: Soluzione antipirateria

      Dopo 6 mesi dall'uscita del film al cinema il
      film viene venduto in BR/DVD tra i 5 ed i 10
      euro. Chi è affetto da download compulsivo
      continuerà a scaricare tutti gli altri
      compreranno il
      film.Francamente la differenza con la situazione attuale mi sfugge. :)Anche oggi esistono persone che scaricano compulsivamente i film (nel senso che non è detto che poi li guarderanno), come ci sono persone che acquistano, sei mesi dopo oppure sei anni dopo, perché la curiosità di vedere un certo film gli è venuta in ritardo.
      • sgabbietto scrive:
        Re: Soluzione antipirateria
        - Scritto da: Leguleio
        Anche oggi esistono persone che scaricano
        compulsivamente i film (nel senso che non è detto
        che poi li guarderanno)e il bello è che si vorrebbe punire gente per film che non ha nemmeno visto!
        • Leguleio scrive:
          Re: Soluzione antipirateria


          Anche oggi esistono persone che scaricano

          compulsivamente i film (nel senso che non è
          detto

          che poi li guarderanno)

          e il bello è che si vorrebbe punire gente per
          film che non ha nemmeno
          visto!In Giappone credo sia così. È irrilevante se uno li guarda o no, il download è illegale. Conta l'intenzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 marzo 2014 17.08-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio


            Anche oggi esistono persone che
            scaricano


            compulsivamente i film (nel senso che
            non
            è

            detto


            che poi li guarderanno)



            e il bello è che si vorrebbe punire gente per

            film che non ha nemmeno

            visto!

            In Giappone credo sia così. È irrilevante se
            uno li guarda o no, il download è illegale.

            Conta l'intenzione.Il download e' illegale / Conta l'intenzione.Davvero non riesci a capire che non c'e' alcun nesso tra le due cose?Qualcuno potrebbe aver effettuato un download a sua insaputa.Qualcuno vorrebbe invece avere l'intenzione di farlo ma non ci riesce.
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria


            In Giappone credo sia così. È
            irrilevante
            se

            uno li guarda o no, il download è illegale.



            Conta l'intenzione.


            Il download e' illegale / Conta l'intenzione.

            Davvero non riesci a capire che non c'e' alcun
            nesso tra le due
            cose?

            Qualcuno potrebbe aver effettuato un download a
            sua
            insaputa.In questo caso gli consigliamo gli avvocati di Scajola, e la passa liscia di sicuro.Con altri avvocati non ci giureri. (rotfl)
            Qualcuno vorrebbe invece avere l'intenzione di
            farlo ma non ci
            riesce.Qui siamo nell'ipotesi di reato tentato, attenzione.Io parlavo dell'ipotesi di file già scaricato, ma non ancora guardato. Conta l'intenzione di vederselo gratuitamente.
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio


            In Giappone credo sia così. È

            irrilevante

            se


            uno li guarda o no, il download è
            illegale.





            Conta l'intenzione.





            Il download e' illegale / Conta l'intenzione.



            Davvero non riesci a capire che non c'e'
            alcun

            nesso tra le due

            cose?



            Qualcuno potrebbe aver effettuato un
            download
            a

            sua

            insaputa.

            In questo caso gli consigliamo gli avvocati di
            Scajola, e la passa liscia di
            sicuro.
            Con altri avvocati non ci giureri. (rotfl)



            Qualcuno vorrebbe invece avere l'intenzione
            di

            farlo ma non ci

            riesce.

            Qui siamo nell'ipotesi di reato tentato,
            attenzione.
            Io parlavo dell'ipotesi di file già scaricato, ma
            non ancora guardato. Conta l'intenzione di
            vederselo
            gratuitamente.Intenzione che va dimostrata.Il mero download non significa proprio niente.
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria


            Qui siamo nell'ipotesi di reato tentato,

            attenzione.

            Io parlavo dell'ipotesi di file già
            scaricato,
            ma

            non ancora guardato. Conta l'intenzione di

            vederselo

            gratuitamente.
            Intenzione che va dimostrata.Assolutamente no. Come in tutti i cosiddetti "reati di pericolo", è la circostanza a costituire l'illecito, non il suo risultato e le sue conseguenze, che possono anche non essere presenti.
            Il mero download non significa proprio niente.Per la legge giapponese significa tutto. Fino a due anni di carcere.
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio


            Qui siamo nell'ipotesi di reato tentato,


            attenzione.


            Io parlavo dell'ipotesi di file già

            scaricato,

            ma


            non ancora guardato. Conta l'intenzione
            di


            vederselo


            gratuitamente.


            Intenzione che va dimostrata.

            Assolutamente no. Come in tutti i cosiddetti
            "reati di pericolo", è la circostanza a
            costituire l'illecito, non il suo risultato e le
            sue conseguenze, che possono anche non essere
            presenti.Non c'e' proprio alcun pericolo.Il download non e' considerato neanche reato dalla gente, figuriamoci se rappresenta allarme sociale.

            Il mero download non significa proprio
            niente.

            Per la legge giapponese significa tutto. Fino a
            due anni di carcere.E per la shaaria l'omosessualita' e' punita con la lapidazione.E in irlanda l'aborto e' illegale.E in america non puoi bere una birra all'aperto se non tieni la lattina chiusa nel sacchetto.
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria


            Assolutamente no. Come in tutti i cosiddetti

            "reati di pericolo", è la circostanza a

            costituire l'illecito, non il suo risultato
            e
            le

            sue conseguenze, che possono anche non essere

            presenti.

            Non c'e' proprio alcun pericolo.Si chiama così, mica gliel'ho data io quella denominazione:http://www.overlex.com/leggiarticolo.asp?id=1973
            Il download non e' considerato neanche reato
            dalla gente, figuriamoci se rappresenta allarme
            sociale.Va' a raccontarlo al parlamento giapponese, la dieta, che fino a prova contraria rappresenta i giapponesi. La legge l'hanno introdotta loro.


            Il mero download non significa proprio

            niente.



            Per la legge giapponese significa tutto.
            Fino
            a

            due anni di carcere.

            E per la shaaria l'omosessualita' e' punita con
            la
            lapidazione.
            E in irlanda l'aborto e' illegale.
            E in america non puoi bere una birra all'aperto
            se non tieni la lattina chiusa nel
            sacchetto.Volendo possono arrestarti anche così. Quella del sacchetto che nasconde l'alcolico è un compromesso di comodo, più che una legge scritta.Però ogni tanto sarebbe il caso di pensare "paese che vai, usanza che trovi", anziché fissarsi su una morale universale che non esiste né mai esisterà.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            Legge inutile visto che non ha sortito gli effetti sperati.
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            Censura!Chiusura di bocca!Dito e luna!Frittata e rivoltata!Cavoli e merenda!
          • budapest scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio
            Assolutamente no. Come in tutti i cosiddetti
            "reati di pericolo"Dovrebbe essere punito come reato di pericolo il fatto che certi individui vorrebbero imporre leggi con il fine di guadagnare miliardi con 3 minuti di canzonetta. Questo è il problema principale
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria


            Assolutamente no. Come in tutti i cosiddetti

            "reati di pericolo"
            Dovrebbe essere punito come reato di pericolo il
            fatto che certi individui vorrebbero imporre
            leggi con il fine di guadagnare miliardi con 3
            minuti di canzonetta. Questo è il problema
            principaleLe persone che guadagnao miliardi con una canzonetta da tre minuti esistono davvero (poche), ma la legge non c'entra granché: è il sucXXXXX, bellezza.
          • budapest scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio
            Le persone che guadagnao miliardi con una
            canzonetta da tre minuti esistono davvero
            (poche), ma la legge non c'entra granché: è il
            sucXXXXX,
            bellezza.Quindi il vero problema è la qualità, non la pirateria
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria

            Quindi il vero problema è la qualità, non la
            pirateriaNon c'è nessun problema. Però per attirare clic si fanno articoli su proposte strampalate, ai limiti del brainstorming.
          • budapest scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio
            Non c'è nessun problema. Però per attirare clic
            si fanno articoli su proposte strampalateSempre meglio stare attenti a cosa dicono certi individui...
          • sgabbiotto scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio
            È irrilevante se
            uno li guarda o no, il download è illegale.Sarà irrilevante per te o per quelli come te, non certo per la maggioranza della gente.
            Conta l'intenzione.No, conta l'effettiva visione concreta.Con la sola "intenzione di vedere un film" non ci fai un bel niente.
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria


            È irrilevante se

            uno li guarda o no, il download è illegale.

            Sarà irrilevante per te o per quelli come te, Nemmeno. Per la legge giapponese. L'unica cosa di cui stavamo parlando.
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio


            È irrilevante se


            uno li guarda o no, il download è
            illegale.



            Sarà irrilevante per te o per quelli come
            te,


            Nemmeno. Per la legge giapponese. L'unica cosa di
            cui stavamo
            parlando.In giappone ad ogni condannato viene concessa come pena alternativa il seppuku, e moltissimi scelgono quest'ultimo.Stiamo parlando di un mondo lontanissimo dalla nostra cultura.
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria

            In giappone ad ogni condannato viene concessa
            come pena alternativa il seppuku, e moltissimi
            scelgono
            quest'ultimo.
            Stiamo parlando di un mondo lontanissimo dalla
            nostra
            cultura.Anche dalle tue fantasie apprese sui manga.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            Bel modo di denigrare gli altri, vero ?
          • Leguleio scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            Ma dov'è la parola censura qui? E poi mancano gli errori di ortografia. Sg@bbio senza errori di ortografia è come un ristorante senza menu.
          • Funz scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Leguleio


            Anche oggi esistono persone che
            scaricano


            compulsivamente i film (nel senso che
            non
            è

            detto


            che poi li guarderanno)



            e il bello è che si vorrebbe punire gente per

            film che non ha nemmeno

            visto!

            In Giappone credo sia così. È irrilevante se
            uno li guarda o no, il download è illegale.

            Conta l'intenzione.Per fortuna in Italia non siamo altrettanto forcaioli.Spero per loro che il conto della detenzione degli scariconi glielo facciano pagare alle major sotto forma di tasse.
    • axl scrive:
      Re: Soluzione antipirateria
      - Scritto da: prova123
      Dopo 6 mesi dall'uscita del film al cinema il
      film viene venduto in BR/DVD tra i 5 ed i 10
      euro. Chi è affetto da download compulsivo
      continuerà a scaricare tutti gli altri
      compreranno il
      film.
      La pirateria è un problema commerciale, non un
      problema tecnico (tra l'altro senza
      soluzione).già parti male... dopo 6 mesi br a 5 euro è una bufala di dimensioni bibliche.. in br neanche dopo 3 anni lo trovi a quel prezzo :Dpiù corretto DVD dai 10 euro in su
    • cicciobello scrive:
      Re: Soluzione antipirateria
      Assurdo: dopo 6 mesi ormai il film è online da 5 mesi e 29 giorni... chi vuoi che compri il disco? Oltre tutto, con quella cifra ti ripaghi appena i costi di incidere CD e distribuirli con le confezioni.Piuttosto: si salti completamente il dvd/br, e quando il film non è più nelle sale lo si vende alle televisioni private: non ci sarebbe più nessun motivo per scaricarlo (se proprio vuoi il file, puoi registrarlo quando lo trasmettono); e anche se qualcuno lo registra e mette online la registrazione, ciò avrebbe solamente DOPO il passaggio televisivo, quando ormai tutti gli incassi della pubblicità sono già stati fatti.
      • Izio01 scrive:
        Re: Soluzione antipirateria
        - Scritto da: cicciobello
        Assurdo: dopo 6 mesi ormai il film è online da 5
        mesi e 29 giorni... chi vuoi che compri il disco?
        Oltre tutto, con quella cifra ti ripaghi appena i
        costi di incidere CD e distribuirli con le
        confezioni.
        Ma và :)Io compro svariati BluRay, e basta già aspettare un po' per prenderli sotto i 12 euro. Mia sorella ha preso il cofanetto completo di Harry Potter ad una cifra bassissima, mi pare 36 euro.Guarda qua:http://www.amazon.it/Harry-Potter-Collezione-Completa-Blu-Ray/dp/B005QI4U0W/ref=sr_1_2?s=dvd&ie=UTF8&qid=1395065590&sr=1-2&keywords=cofanetto+harry+potterSecondo me non vendono mica sottocosto!
        • cicciobello scrive:
          Re: Soluzione antipirateria
          Ma quanti altri comprano come te?
          • Izio01 scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello
            Ma quanti altri comprano come te?Questo non lo discuto ;)Dico solo che i prezzi non sono più quelli folli di una volta, basta avere un minimo di pazienza. Questo non fa di me un paladino delle major, perché tra leggi su misura, equi compensi che crescono del 300% e furti legalizzati stile bollini SIAE, questi "detentori dei diritti" mi stanno pesantemente sui gioielli di famiglia.
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello
            Ma quanti altri comprano come te?Visto che i dischi vengono venduti, direi che li comprano in parecchi.I DVD usa e getta invece (qualcuno se li ricorda?) sono durati pochissimo sugli scaffali.Dopo meno di un mese MW non li teneva gia' piu'.http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/05_Maggio/05/dvd.shtml
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: Soluzione antipirateria
        - Scritto da: cicciobello
        Assurdo: dopo 6 mesi ormai il film è online da 5
        mesi e 29 giorni... chi vuoi che compri il disco?
        Oltre tutto, con quella cifra ti ripaghi appena i
        costi di incidere CD e distribuirli con le
        confezioni.

        Piuttosto: si salti completamente il dvd/br, e
        quando il film non è più nelle sale lo si vende
        alle televisioni private: non ci sarebbe più
        nessun motivo per scaricarlo (se proprio vuoi il
        file, puoi registrarlo quando lo trasmettono); e
        anche se qualcuno lo registra e mette online la
        registrazione, ciò avrebbe solamente DOPO il
        passaggio televisivo, quando ormai tutti gli
        incassi della pubblicità sono già stati
        fatti.Saltare il mercato Home Video e distribuire direttamente alle TV che me lo infarciscono di pubblicità o me lo fanno vedere ad una definizione ridicola o mi costringono a sottoscrivere abbonamenti a costi esorbitanti? Il tutto solo per scoraggiare quei quattro gatti che scaricano il film a prescindere, anche se è stato ripreso col cellulare in una sala affollata di marmocchi urlanti?Ma che ti sei bevuto?
        • cicciobello scrive:
          Re: Soluzione antipirateria


          Saltare il mercato Home Video e distribuire
          direttamente alle TV che me lo infarciscono di
          pubblicità o me lo fanno vedere ad una
          definizione ridicola o mi costringono a
          sottoscrivere abbonamenti a costi esorbitanti? La prima che hai detto: un abbonamento sarebbe inutile, altrimenti si abbonerebbe uno solo, che registrerebbe il film e lo metterebbe on line il giorno stesso.Se il film contiene gli spot pubblicitari, invece, può anche finire in rete, gli sponsor saranno pure contenti.l
          tutto solo per scoraggiare quei quattro gatti che
          scaricano il film a prescindere, anche se è stato
          ripreso col cellulare in una sala affollata di
          marmocchi
          urlanti?Non quelli che scaricano il film ripreso in sala, ma quelli che scaricano il dvdrip ( e che evidentemente sono ben di più di 4, se l'industria è così preoccupata per causa loro)
          Ma che ti sei bevuto?Che alternativa proponi? Continuare così? Evidentemente non si può, se l'industria dice che non rende abbastanza.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello

            Che alternativa proponi? Continuare così?
            Evidentemente non si può, se l'industria dice che
            non rende
            abbastanza.Mi pare che ormai sia stato provato e riprovato che la pirateria influisce pochissimo sugli incassi di un film al cinema, quindi tutto il piangersi addosso delle major serve principalmente per tenere alta l'attenzione su un falso problema. Se per magia da domani la pirateria cinematografica smettesse di esistere, gli incassi per le major non aumenterebbero più di tanto.
          • prova123 scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello
            Che alternativa proponi? Continuare così?
            Evidentemente non si può, se l'industria dice che
            <b
            non rende </b

            <b
            abbastanza </b
            .Devono diventare più competitivi, devono fare i film più velocemente in modo che quando viene copiato è già vecchio ... è questo quello che i pappon* a livello mondiale dicono alle aziende in crisi ...
          • cicciobello scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            Già adesso, quanto ad originalità, sono messi male (fare per la maggior parte film tratti da fumetti, sequel, reboot e remake significa essere alla disperazione); se gli riduci ancora il tempo tanto vale girare senza copione e con la regola del " buona la prima"
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello
            Già adesso, quanto ad originalità, sono messi
            male (fare per la maggior parte film tratti da
            fumetti, sequel, reboot e remake significa essere
            alla disperazione); se gli riduci ancora il tempo
            tanto vale girare senza copione e con la regola
            del " buona la
            prima"E fu cosi' che inventarono i reality show.
        • panda rossa scrive:
          Re: Soluzione antipirateria
          - Scritto da: Skywalkersenior
          - Scritto da: cicciobello

          Assurdo: dopo 6 mesi ormai il film è online da 5

          mesi e 29 giorni... chi vuoi che compri il
          disco?

          Oltre tutto, con quella cifra ti ripaghi appena
          i

          costi di incidere CD e distribuirli con le

          confezioni.



          Piuttosto: si salti completamente il dvd/br, e

          quando il film non è più nelle sale lo si vende

          alle televisioni private: non ci sarebbe più

          nessun motivo per scaricarlo (se proprio vuoi il

          file, puoi registrarlo quando lo trasmettono); e

          anche se qualcuno lo registra e mette online la

          registrazione, ciò avrebbe solamente DOPO il

          passaggio televisivo, quando ormai tutti gli

          incassi della pubblicità sono già stati

          fatti.

          Saltare il mercato Home Video e distribuire
          direttamente alle TV che me lo infarciscono di
          pubblicità o me lo fanno vedere ad una
          definizione ridicola o mi costringono a
          sottoscrivere abbonamenti a costi esorbitanti? Il
          tutto solo per scoraggiare quei quattro gatti che
          scaricano il film a prescindere, anche se è stato
          ripreso col cellulare in una sala affollata di
          marmocchi
          urlanti?
          Ma che ti sei bevuto?Chi ha parlato di saltare?Le cose possono tranquillamente andare in parallelo.
        • Funz scrive:
          Re: Soluzione antipirateria
          - Scritto da: Skywalkersenior
          Saltare il mercato Home Video e distribuire
          direttamente alle TV che me lo infarciscono di
          pubblicità o me lo fanno vedere ad una
          definizione ridicola o mi costringono a
          sottoscrivere abbonamenti a costi esorbitanti? Quoto e aggiungo:- censura, perché i film che passano in TV sono spesso tagliuzzati.- fastidiose scritte e bollini in sovrimpressione.- il concetto stesso di palinsesto dove tu scegli cosa io guardo e quando, per me è morto da un pezzo.
          tutto solo per scoraggiare quei quattro gatti che
          scaricano il film a prescindere, anche se è stato
          ripreso col cellulare in una sala affollata di
          marmocchi
          urlanti?eppure un sacco di gente si accontenta della qualità mer*osa delle cam e degli MD/LD. Purché sia roba nuova, va bene tutto. La qualità intrinseca del film o della registrazione non hanno la minima importanza.Per questa gente un passaggio immediato in TV sarebbe l'optimum.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            contenuto non disponibile
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Funz

            eppure un sacco di gente si accontenta della
            qualità mer*osa delle cam e degli MD/LD. Purché
            sia roba nuova, va bene tutto. La qualità
            intrinseca del film o della registrazione non
            hanno la minima
            importanza.E' il motivo per cui, dopo un'iniziale euforia, ho completamente smesso di scaricare film in alcun modo a maeno che non fossero dei classici introvabili in DVD. Per la maggior parte dei film recenti, e soprattutto i blockbusters, è troppo facile scaricare per giorni qualcosa che ha anche molti commenti positivi, per poi scoprire che il tutto è stato ripreso da dentro la sala proiezione con tanto di rumori delle bobine in sottofondo (capitato a me con uno degli ultimi film che ho scaricato)
          • Funz scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: Skywalkersenior
            - Scritto da: Funz




            eppure un sacco di gente si accontenta della

            qualità mer*osa delle cam e degli MD/LD.
            Purché

            sia roba nuova, va bene tutto. La qualità

            intrinseca del film o della registrazione non

            hanno la minima

            importanza.

            E' il motivo per cui, dopo un'iniziale euforia,
            ho completamente smesso di scaricare film in
            alcun modo a maeno che non fossero dei classici
            introvabili in DVD. Per la maggior parte dei film
            recenti, e soprattutto i blockbusters, è troppo
            facile scaricare per giorni qualcosa che ha anche
            molti commenti positivi, per poi scoprire che il
            tutto è stato ripreso da dentro la sala
            proiezione con tanto di rumori delle bobine in
            sottofondo (capitato a me con uno degli ultimi
            film che ho
            scaricato)pure io, dopo aver visto un film col rumore periodico dello sciacquone del ce**o (almeno così sembrava)...sono da evitare tutti i file con LD o MD (e ovviamente CAM) nel titolo. AC3 o niente.
          • cicciobello scrive:
            Re: Soluzione antipirateria

            Quoto e aggiungo:
            - censura, perché i film che passano in TV sono
            spesso
            tagliuzzati.E quelli al cinema no?
            - fastidiose scritte e bollini in sovrimpressione.Preferisci la qualità cam? Accomodati, c'è anche quella.
            - il concetto stesso di palinsesto dove tu scegli
            cosa io guardo e quando, per me è morto da un
            pezzo.Anche per me. Infatti la videoregistrazione serve proprio per evitarlo: io registro il film, e me lo vedo quando voglio.Riguardo al cosa guardare... dipende da quello che c'è: se tu vuoi guardare un film che non è disponibile (magari perché non l'hanno ancora girato) c'è poco che posso fare.
            eppure un sacco di gente si accontenta della
            qualità mer*osa delle cam e degli MD/LD. E allora perché le case cinematografiche dovrebbero sbattersi a fare i bluray con alta definizione, se tanto alla gente non interessa?Se sono solo quattro gatti a volere la qualità più alta, non converrebbe nemmeno produrla, perché si spenderebbe di più di quanto si può incassare.
            Purché
            sia roba nuova, va bene tutto. La qualità
            intrinseca del film o della registrazione non
            hanno la minima
            importanza.Lo stesso discorso vale per l'audio: quanti ascoltano mp3 rippati da youtube? D'altra parte, se vuoi della musica da ascoltare nell'autoradio, con il rumore del traffico in sottofondo, te ne importa anche poco della qualità.Il grosso pubblico ha sempre mostrato scarso interesse per l'alta qualità di una registrazione: quando la musica era distribuita in vinile, il grosso delle vendite era dato dai 45 giri da ascoltare con il mangiadischi (con qualità penosa), e nessuno si lamentava; pochi compravano il 33 giri e lo ascoltavano su un giradischi decente; quando sono arrivate le musicassette, molti le ascoltavano con il walkmen offerto in omaggio dalla Mulino Bianco. La clientela interessata alla qualità è una piccola percentuale, le masse si accontentano di qualità scadente. E il grosso degli incassi arrivava dalle masse (che compravano in qualità anche bassa), non dagli appassionati.Con i cd e i dvd, si è smesso di differenziare: la qualità era uguale per tutti; ora, però, si torna a scegliere: alta qualità... o registrazione scadente? Solo che la registrazione scadente ora è gratis, quindi i soldi possono arrivare solo dagli appassionati che vogliono la qualità perfetta: ma loro non sono abbastanza da coprire tutti i costi, non lo sono mai stati: un tempo potevi comprare il disco in vinile perfetto a prezzi accessibili... solo perchè i ragazzini che avevano comprato milioni di 45 giri avevano coperto tutti i costi; oggi tali ragazzini hanno gli mp3 gratis... se vuoi la registrazione di qualità devi pagare il prezzo pieno.
            Per questa gente un passaggio immediato in TV
            sarebbe
            l'optimum.E così sarà, probabilmente, visto che "questa gente" è la maggior parte del pubblico.
          • Funz scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello

            Quoto e aggiungo:

            - censura, perché i film che passano in TV
            sono

            spesso

            tagliuzzati.

            E quelli al cinema no?Probabilmente si, ma in misura minore. Chi va al cinema è meno tollerante... a parte i coatti che vanno a vedere Totti che doppia Shaolin Soccer :(tu non sai cosa succede al passaggio in TV, vero?

            - fastidiose scritte e bollini in
            sovrimpressione.

            Preferisci la qualità cam? Accomodati, c'è anche
            quella.non hai capito il mio discorso, vatti a vedere i miei altri post.

            - il concetto stesso di palinsesto dove tu
            scegli

            cosa io guardo e quando, per me è morto da un

            pezzo.

            Anche per me. Infatti la videoregistrazione serve
            proprio per evitarlo: io registro il film, e me
            lo vedo quando
            voglio.
            Riguardo al cosa guardare... dipende da quello
            che c'è: se tu vuoi guardare un film che non è
            disponibile (magari perché non l'hanno ancora
            girato) c'è poco che posso
            fare.se non è ancora girato è una bella pretesa :Dse non è arrivato in Italia perché non interessa a lorsignori, poche stron*ate, è pubblico dominio e me lo guardo in VO o sottotitolato dai fan.

            eppure un sacco di gente si accontenta della

            qualità mer*osa delle cam e degli MD/LD.

            E allora perché le case cinematografiche
            dovrebbero sbattersi a fare i bluray con alta
            definizione, se tanto alla gente non
            interessa?
            Se sono solo quattro gatti a volere la qualità
            più alta, non converrebbe nemmeno produrla,
            perché si spenderebbe di più di quanto si può
            incassare.perché interessa ai patiti dell'home video, che è un altro pubblico rispetto a quello delle cam.


            Purché

            sia roba nuova, va bene tutto. La qualità

            intrinseca del film o della registrazione non

            hanno la minima

            importanza.

            Lo stesso discorso vale per l'audio: quanti
            ascoltano mp3 rippati da youtube? D'altra parte,
            se vuoi della musica da ascoltare nell'autoradio,
            con il rumore del traffico in sottofondo, te ne
            importa anche poco della
            qualità.
            Il grosso pubblico ha sempre mostrato scarso
            interesse per l'alta qualità di una
            registrazione: quando la musica era distribuita
            in vinile, il grosso delle vendite era dato dai
            45 giri da ascoltare con il mangiadischi (con
            qualità penosa), e nessuno si lamentava; pochi
            compravano il 33 giri e lo ascoltavano su un
            giradischi decente; quando sono arrivate le
            musicassette, molti le ascoltavano con il walkmen
            offerto in omaggio dalla Mulino Bianco. La
            clientela interessata alla qualità è una piccola
            percentuale, le masse si accontentano di qualità
            scadente. E il grosso degli incassi arrivava
            dalle masse (che compravano in qualità anche
            bassa), non dagli
            appassionati.
            Con i cd e i dvd, si è smesso di differenziare:
            la qualità era uguale per tutti; ora, però, si
            torna a scegliere: alta qualità... o
            registrazione scadente? Solo che la registrazione
            scadente ora è gratis, quindi i soldi possono
            arrivare solo dagli appassionati che vogliono la
            qualità perfetta: ma loro non sono abbastanza da
            coprire tutti i costi, non lo sono mai stati: un
            tempo potevi comprare il disco in vinile perfetto
            a prezzi accessibili... solo perchè i ragazzini
            che avevano comprato milioni di 45 giri avevano
            coperto tutti i costi; oggi tali ragazzini hanno
            gli mp3 gratis... se vuoi la registrazione di
            qualità devi pagare il prezzo pieno.Tutto verissimo. Rispetto ad allora gli appassionati della qualità / hifi sono ancora meno.

            Per questa gente un passaggio immediato in TV

            sarebbe

            l'optimum.

            E così sarà, probabilmente, visto che "questa
            gente" è la maggior parte del
            pubblico.
          • cicciobello scrive:
            Re: Soluzione antipirateria

            se non è ancora girato è una bella pretesa :D
            se non è arrivato in Italia perché non interessa
            a lorsignori, poche stron*ate, è pubblico dominio
            e me lo guardo in VO o sottotitolato dai fan.Appunto: da una registrazione televisiva fatta all'estero si può ottenere un file adattissimo per essere sottotitolato.



            E allora perché le case cinematografiche

            dovrebbero sbattersi a fare i bluray con alta

            definizione, se tanto alla gente non

            interessa?

            Se sono solo quattro gatti a volere la
            qualità

            più alta, non converrebbe nemmeno produrla,

            perché si spenderebbe di più di quanto si può

            incassare.

            perché interessa ai patiti dell'home video, che è
            un altro pubblico rispetto a quello delle
            cam.Certo... ma quanti sono? E quanto è disposto a spendere ognuno di loro? Se sono un numero troppo esiguo, vendere il bluray solo a loro rende poco: o si mettono prezzi esorbitanti (incoraggiandoli quindi a scaricarsi anche loro il film piratato), oppure la spesa per produrre e distribuire i bluray sarà maggiore dell'incasso (è già accaduta una cosa simile per i laserdisc, o per i Super Audio CD)
            Tutto verissimo. Rispetto ad allora gli
            appassionati della qualità / hifi sono ancora
            meno.Anche per un motivo: il "low fi" è comunque migliorato, da allora (i 45 giri erano in mono... oggi, anche gli mp3 più scadenti sono per lo meno in stereo), quindi la "bassa qualità" di oggi è per lo meno accettabile, e a volte comparabile con la "media qualità" di un tempo (se noleggiavi una videocassetta che magari era già stata usata centinaia di volte, su videoregistratori rovinati, ed era logora, la qualità era magari peggiore di una cam fatta oggi).Naturalmente, anche l'hi-fi è migliorato molto: un bluray o un super audio cd hanno una qualità che magari un tempo non era possibile... ma serve davvero? Serve riprodurre frequenze non udibili dall'orecchio umano? Serve mostrare dettagli visibili solo con una lente di ingrandimento?
          • panda rossa scrive:
            Re: Soluzione antipirateria
            - Scritto da: cicciobello
            Certo... ma quanti sono? E quanto è disposto a
            spendere ognuno di loro? Se sono un numero troppo
            esiguo, vendere il bluray solo a loro rende poco:Se MW puo' vendere un blueray a 9.90 e guadagnarci, vuol dire che all'ingrosso li pagano 5 euro.Quindi in produzione non costano piu' di 50 centesimi, compresa la custodia.
  • cicciobello scrive:
    L'erba voglio
    Io vorrei un sistema sanitario in grado di assicurare a tutti una vita media di 115 anni... e vorrei anche una industria alimentare in grado di eliminare la fame nel mondo.Ma volere una cosa non significa che sia facile ottenerla; dire "i medici, gli allevatori, gli agricoltori dovrebbero impegnarsi di più, perché IO voglio vivere in un mondo perfetto" non li aiuta a lavorare meglio; nessuno dirà "Perché non c'ho pensato prima? Mi metto subito al lavoro"Eppure, l'industria dei contenuti si aspetta questo: che gli intermediari e legislatori tirino fuori dal cappello a cilindro una soluzione "magica" ( che nessuno sa come dovrebbe funzionare) che gli risolva tutti i problemi
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: L'erba voglio
      contenuto non disponibile
      • tucumcari scrive:
        Re: L'erba voglio
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Attendo fiducioso.sconsigliabile trattenere il respiro nell'attesa.
      • NemoTizen scrive:
        Re: L'erba voglio
        senza contare il costo di una cosa del genere, non tutti i competitor possono permettersi una cosa del genere.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: L'erba voglio
          contenuto non disponibile
        • lorenzo scrive:
          Re: L'erba voglio
          Se chiudono sono piu' contenti ... a loro non importa la liberta' degli altri ma solo il loro portafoglio
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: L'erba voglio
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: L'erba voglio
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: lorenzo

            Se chiudono sono piu' contenti ... a loro non

            importa la liberta' degli altri ma solo il
            loro

            portafoglio

            resta il fatto che le loro richieste non sono
            tecnicamente
            realizzabili.
            L'unico modo per realizzarle è un filtro 'blocca
            tutto' che non fa passare un singolo
            bit.
            So che gli piacerebbe, ma non credo gli verrà
            conXXXXX.Io resto della mia idea: censura selettiva.Chi segnala un contenuto, viene automaticamente inibito quel contenuto all'ip che ha fatto la segnalazione e solo a quello.Il segnalante e' contento, e gli altri pure.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: L'erba voglio
            Se ha un ip dinamico?
          • panda rossa scrive:
            Re: L'erba voglio
            - Scritto da: Sg@bbio
            Se ha un ip dinamico?Allora non e' uno scagnozzo delle major.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: L'erba voglio
            Bhe in italia quasi tutti i servizi ADSL hanno un IP dinamico, sarebbe una cosa inutile.
Chiudi i commenti