Python.NET è ora completo

IronPython, implementazione del linguaggio open source Python per la piattaforma MS.NET, ha raggiunto la maturità. Sul portale CodePlex di Microsoft è possibile scaricare la versione 1.0

Roma – IronPython , uno dei progetti open source incubati da Microsoft , ha appena raggiunto la maturità rilasciando la versione 1.0 del proprio codice. Si tratta dell’implementazione del noto linguaggio open source Python per MS.NET, piattaforma di cui è in grado di sfruttare strumenti e librerie.

IronPython è stato ideato e in gran parte sviluppato da Jim Hugunin , già autore di un porting di Python per Java. Hugunin ha iniziato lo sviluppo di IronPython circa tre anni fa, e dall’estate del 2004 lavora con il team di Microsoft che sviluppa la macchina virtuale di MS.NET (Common Language Runtime, CLR). Questa stretta collaborazione ha permesso allo sviluppatore open source di implementare nella piattaforma di Microsoft tutte le funzionalità di Python , conservando per altro la piena compatibilità con il noto linguaggio dinamico open source.

Python è il primo linguaggio dinamico ad essere stato portato sulla piattaforma MS.NET, e Microsoft ha promesso che non sarà l’ultimo: in futuro il framework di sviluppo made in Redmond potrebbe fornire supporto ad altri noti linguaggi di scripting come Perl, PHP e Ruby.

“Inizialmente avevo iniziato a sviluppare un porting di Python per la CLR allo scopo di dimostrare come MS.NET fosse una pessima piattaforma per i linguaggi dinamici”, ha scritto Hugunin nel proprio blog . “Le mie intenzioni sono rapidamente cambiate quando ho scoperto che Python può girare sulla CLR davvero bene, e in taluni casi persino più velocemente dell’implementazione basata su C”.

Sviluppato interamente in C#, IronPython è stato progettato per girare al di sopra del MS.NET Framework 2.0. Hugunin ha tuttavia affermato che il software è già compatibile con la nuova versione 3.0 del framework , alla base di Windows Vista.

Il codice di IronPython è stato pubblicato sotto licenza Shared Source su CodePlex , il giovane portale di Microsoft dedicato all’hosting di progetti open source. In origine la licenza di IronPython era la Common Public License, e di questa la Shared Source ha conservato molte delle caratteristiche: tra le più importanti, la possibilità di copiare il codice sorgente senza restrizioni e di creare lavori derivati.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Giù il cappello....
    .. per la scomparsa di una tecnologia che ha fatto la storia dell'informatica ed è stata per anni leader nel suo campo. O)
    • Anonimo scrive:
      Re: Giù il cappello....
      - Scritto da:
      .. per la scomparsa di una tecnologia che ha
      fatto la storia dell'informatica ed è stata per
      anni leader nel suo campo.
      O)Sempre per colpa del DRAGASACCOCCE di REDMOND e dei suoi "bisnes partners"... :@ :@ :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Giù il cappello....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        .. per la scomparsa di una tecnologia che ha

        fatto la storia dell'informatica ed è stata per

        anni leader nel suo campo.

        O)

        Sempre per colpa del DRAGASACCOCCE di REDMOND e
        dei suoi "bisnes partners"... :@ :@
        :@Non solo.. non solo... basta fare qualche intervista ad alcuni (ex e non) di HP...
  • Anonimo scrive:
    Povera SGI
    Perche' quest'accanimento terapeutico, ormai e' un cadavere. Linux allunghera' solo la sofferenza...
    • Anonimo scrive:
      Re: Povera SGI
      A dir il vero con la linea Altix e le nuova linea InfiniteStorage si stanno risollevando le sorti della casa.Tra l'altro sembra che sia imminente l'uscita di una nuova linea di workstation montanti Xeon...FEz
  • Anonimo scrive:
    Dove andremo?
    Per MIPS mi dispiace parecchio, ma meno di quanto mi sia dispiaciuto per Alpha.Con MIPS se ne andrà un pezzo di storia, se verrà in seguito abbandonato da tutti.Ma con Alpha, con la sua fine, non se n'è andato solo un pezzo di storia, si è fatto tornare indietro lo stato dell'arte dei microprocessori di almeno 3 anni, se si considera che l'ultimo Alpha, ormai vecchio, e con il successore cancellato, coi fondi al lumicino tenne ugualmente testa a Itanium 2 per un anno, dopo aver sbaragliato senza pietà Itanium 1. E nel cassetto erano pronti i progetti non solo per EV8, di cui rimaneva solo da finanziare e avviare la produzione in serie, ma anche in parte pronte molte cose per EV9 ed EV10, che avrebbero dovuto debuttare rispettivamente nel 2005 e 2007.intel deve aver giocato il bluff del secolo per convincere HP, non solo ad allearsi con lei fornendo tecnologie prese da PA-Risc di cui intel aveva disperato bisogno per riportarsi allo stato dell'arte al di fuori del campo x86, ma anche a tagliare del tutto i fondi a un'architettura eccezionale che poteva infliggere a intel la sconfitta più pesante della sua storia.HP era nelle condizioni di fare un buon contratto per aiutare intel a sviluppare Itanium e contemporaneamente continuare a sviluppare un temibile concorrente di cui si era trovati in mano i progetti già pronti per molti anni a venire e non ha sfruttato l'opportunità.E ovviamente, peggio per noi tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove andremo?

      E ovviamente, peggio per noi tutti.Purtroppo è tutto vero... ma molti fanno fatica a capire che la "diversità" è la base su cui è costruito l'universo.
  • Stm scrive:
    che tristezza
    mi fa davvero tristezza il divorzio fra mips e sgi, per lo meno per quanto questo matrimonio ha significato per l'evoluzione dell'attuale tecnologia.ricordo ancora i primi processori mips a 32 bit studiati all'università... erano cosi' avanti...boh, la notizia mi fa tristezza, tutto qui!
    • Anonimo scrive:
      Re: che tristezza
      Ricorda che al mondo resteranno sempre gli appassionati di queste macchine, me compreso...Adesso non ci resta che vedere le nuove macchine che usciranno...FEz
  • Anonimo scrive:
    Linux ci sta portando all'unificazione
    Un solo tipo di computer basato su intel e compatibili con un solo tipo di sistema operativo.... molti finiranno per perdere il lavoro (vedi progettisti mips,programmatori irix,ecc.)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux ci sta portando all'unificazio
      - Scritto da:
      Un solo tipo di computer basato su intel e
      compatibili con un solo tipo di sistema
      operativo.... molti finiranno per perdere il
      lavoro (vedi progettisti mips,programmatori
      irix,ecc.) :-o :-o :-odiscorsi noiosi e sbagliati alla radice
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux ci sta portando all'unificazio
        Hai ragione, infatti se c'è qualcosa che non è per niente unito quello è proprio il mondo linux
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux ci sta portando all'unificazio
          - Scritto da:
          Hai ragione, infatti se c'è qualcosa che non è
          per niente unito quello è proprio il mondo
          linuxbeh e allora? che concetto volevi esprimere, che non si è capito?
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux ci sta portando all'unificazio
      Ma perché scrivere stupidaggini così grosse?Anzi è proprio Linux che ha permesso di mantenere in vita piattaforme diverse per lungo tempo.Perché Linux gira tranquillamente su MIPS, Sparc, Alpha, M68k, PPC, x86, ARM/XScale e molti altri.I progettisti di quei microprocessori hanno sempre in Linux un sistema operativo adattabile ed efficiente. E tutto il suo software grazie ai sorgenti è immediatamente ricompilabile.Semmai è Microsoft ad avere abbandonato prima PPC e poi Alpha. Limitandosi a restare su Intel e ARM/XScale con WindowsCE/Windows Mobile.La crisi di SGI deriva dagli alti costi della ricerca in campo CPU per restare al passo con Intel/AMD. Eppure l'architettura MIPS è molto evoluta ed è un RISC efficiente che ha tenuto testa a tante CPU fino ad oggi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux ci sta portando all'unificazio
        il motivo è che l'sgi non può più vendere le sue workstation ai prezzi di 5-6 anni fa, ora c'è concorrenza, mentre prima se volevi fare grafica 3d seria dovevi per forza comprare un sgi, oggi compri una geforce quadro, costa 1200 euro o quello che è, ed offre prestazioni paragonabili a quelle di un sgi (anche se non in qualità dell'immagine, ma vabbe), le workstation grafiche sgi erano spettacolari, ma costavano TROPPOricordo che la scheda video v6 della sgi era montata su due piani ed era un mostro di potenza, per non parlare della v12, che farebbe impallidire tutte le ati e nvidia di oggi se venisse solo leggermente rinnovata, ma ovviamente non puoi venderla a 5000 euro, perché è ovvio che poi uno si compra la geforce quadro a 1200
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux ci sta portando all'unificazio
          si parla comunque di grosse aziende che investono milioni per comprare computer...non del comune utente casalingo
        • BSD_like scrive:
          Re: Linux ci sta portando all'unificazio
          Globalmente seppur rapportato alle aziende e alle PA è vero.Però ....... non dimentichiamo che se alcune aziende* (IN UNA SERIE DI ATTI CRIMINALI) non avessero venduto tecnologie derivate dai propri RISC e/o cmq da hw fatto per loro (o concesso in royalty), oggi se volevi avere quelle tecnologie (seppur ovviamente evolute rispetto ad 8 anni fà), dovevi cmq comprare quelle workstation/server.*Ogni riferimento ad HP e Compaq non è casuale
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux ci sta portando all'unificazio
            Vorrei inoltre ricordare che la mamma delle Ge-force è proprio SGI...FEz
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux ci sta portando all'unificazio
            - Scritto da:
            Vorrei inoltre ricordare che la mamma delle
            Ge-force è proprio
            SGI...
            FEz??!?
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux ci sta portando all'unificazio
      - Scritto da:
      Un solo tipo di computer basato su intel e
      compatibili con un solo tipo di sistema
      operativo.... molti finiranno per perdere il
      lavoro (vedi progettisti mips,programmatori
      irix,ecc.)Balle!SGI si e' fregata con le sue maniquando si e' affidata a dei managerincapaci di comprendere quali eranoi punti di forza dell'azienda(succede piu spesso di quanto si pensi).Prima avevano puntato su Windows NT per MIPS(abbandonato poi da M$ "perche non c'era sufficiente mercato" e perche voleva far pagare a SGI tutti i costi di sviluppo per tener aggiornato il supporto per i MIPS).Poi hanno fatto lo spin-off di MIPS(ora e' una societa autonoma, come ARM Ltd. per intendersi).Poi hanno ceduto i brevetti che avevanosull'hardware grafico per un tozzo di pane.Poi hanno comprato Cray senza capire che farcie l'hanno rivenduta (rimettendoci).Infine hanno puntato su Itanium e si sonoscottati pure li.Paradossalmente *forse* Linux sara' la lorosalvezza perche gli permettera' di esserepiu flessibili nel proporre soluzionihardware+software basate sul know-how che SGI possiede ancora.
Chiudi i commenti