Quando Quake diventa Pocket

Dopo DoomCE arriva Pocket Quake, nuova conversione eccellente per PocketPC di uno dei capolavori in vero 3D di iD Software. Chi l'ha detto che il fucile a pompa non possa stare nel palmo di una mano?

Web – Quando uscì, ormai più di 4 anni or sono, Quake divenne immediatamente il nuovo termine di paragone per i giochi tridimensionali inaugurando di fatto l’epoca delle schede grafiche 3D per PC. Oggi lo stesso gioco gira su un aggeggino più piccolo del Game Boy.

Pocket Quake è stato infatti appena rilasciato in versione alpha da Dan East e, almeno per il momento, funziona solo su Compaq iPaq, l’unico palmare, a detta dell’autore, attualmente in grado di renderizzare la grafica tridimensionale in tempi accettabili.

La volontà di East sembra comunque quella di estendere la compatibilità di Pocket Quake con molti altri palmari WinCE e di ottimizzarne il codice affinché il frame rate divenga accettabile anche su macchine meno potenti. Purtroppo al momento nulla si sa in merito ad un’eventuale versione per PocketLinux.

Pocket Quake, come DoomCE prima di lui, è stato sviluppato grazie all’apertura dei sorgenti del gioco da parte della iD Software. Il programma può essere scaricato da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sono due anni che il mio NT ...
    ... si riavvia tutte le notti alle 02:00, in maniera da riportarlo ad uno "stato conosciuto".Questo proprio per evitare "l'aging", o il "garbage" come si chiamava 20 anni fa. Adesso cosa ci spaccera' l'IBM? un .bat che fa il reboot quando dice lui?
  • Anonimo scrive:
    Il solito hype delle multinazionali
    "L'azienda di Armonk sostiene che Director è ora in grado di identificare e prevedere i problemi software attivando un sistema che automaticamente pianifica il riavvio di singoli processi o di tutto il sistema. "Questa frase significa che si tratta semplicemente di un processo demone che controlla le risorse e il tempo macchina impegnato dagli altri processi. Se questo cambia significativamente, al di fuori di alcuni parametri prefissati, scadenzia un riavvio dell'applicazione (o del sistema), all'interno di slot prefissati.Non mi pare una applicazione così notevole da meritarsi un articolo, se non per domandarsi perchè non ci hanno pensato prima.
  • Anonimo scrive:
    Anche HAL 9000 ....
    Anche HAL 9000 si "curava" da solo, e tutti sanno come è finita !Tra le altre cose, per ancora chi non lo sapesse, IBM e HAL sono strettamente legate (anche se Arthur C. Clark lo nega).
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche HAL 9000 ....

      Tra le altre cose, per ancora chi non lo
      sapesse, IBM e HAL sono strettamente legate
      (anche se Arthur C. Clark lo nega).*infatti* le lettere che compongono HALsono precedenti alle lettere che compongono IBMH--IA--BL--M:-)coincidenza?
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche HAL 9000 ....
        No, nell'alfabeto inglese la coincidenza non esiste...Un consiglio: un caffè? Purché!- Scritto da: Darth Maul



        Tra le altre cose, per ancora chi non lo

        sapesse, IBM e HAL sono strettamente
        legate

        (anche se Arthur C. Clark lo nega).

        *infatti* le lettere che compongono HAL
        sono precedenti alle lettere che compongono
        IBM

        H--I
        A--B
        L--M

        :-)

        coincidenza?
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche HAL 9000 ....
          - Scritto da: Mars
          No, nell'alfabeto inglese la coincidenza non
          esiste...esiste eccome...ma dove lo hai imparato l'inglese???bevitelo tu il caffè, mi sa che è meglio:)
Chiudi i commenti