Quanti prendono a calci il proprio computer?

Un nuovo sondaggio dimostra che sono tantissimi: un utente su quattro se la prende fisicamente con il proprio PC quando la connessione non va come dovrebbe, quando il sistema si pianta o quando una cosa semplice diventa complicatissima


Web – Chiunque abbia mai preso a pugni il proprio computer, il proprio monitor, o abbia tirato la tastiera contro il muro oppure abbia pensato bene di friggere il mouse in padella ora sa di non essere solo. Secondo una ricerca appena presentata da Novatech, un utente di computer su quattro se la prende, fisicamente, con il proprio computer.

“Abbiamo deciso di fare una ricerca sul rapporto degli utenti con i propri computer – ha spiegato David Furby, boss del costruttore britannico di PC – e abbiamo scoperto risultati sorprendenti. Mano a mano che i computer entrano nella nostra vita, tendiamo a condividere con loro sempre più esperienze”. Non tutte positive, a quanto pare.

In tutto il mondo, come testimoniato in passato da alcuni sporadici episodi, i computer sono vittima dei loro proprietari in qualsiasi ambiente, negli uffici, in casa o nei luoghi pubblici. Qui il link ad uno dei video che più ha fatto parlare di sé in materia.

Al di là di Novatech, d’altra parte, da sempre i centri di assistenza informatici segnalano l’esistenza di numerosi computer “presi a calci e pugni” o contro i quali sono stati sbattuti “oggetti contundenti”. Secondo alcune interviste apparse su Wired, il danno più comune è provocato da un forte schiaffo tirato al monitor o al case del PC, cosa che può provocare danni notevoli.

Secondo Novatech, la reazione dell’utente spesso e volentieri è dovuta all’aver mandato un’email intima al destinatario sbagliato, dal riapparire di pagine in cache “imbarazzanti” o da “incidenti da scrivania”. Afferma Marco Lombardi, tecnico di Milano: “C’è chi tende ad esprimersi in modo molto emozionale. Non è strano per costoro colpire le proprie televisioni, i propri motorini o i propri computer”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il problema non è se è bello o brutto il gioco....
    Il problema, anzi la novità, è che stiamo assitendo ad una rivoluzione.Il gioco gratis e si paga per giocarlo online.Chi sta qui a dire se è bello o brutto, se è lento o veloce, se assomiglia a UOL a Diablo sinceramente non ha individuato il punto...è una rivoluzione e basta.. vediamo cosa accade in futuro :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema non è se è bello o brutto il gioco....
      The 4th calling non è il primo esempio di gioco online scaricabile gratuitamente e giocabile tramite il pagamento di un abbonamento.Nexon (www.nexon.net) stà già sfruttando questo metodo per vari suoi giochi (ad esempio Shattered Galaxy che ora è ancora in beta test gratuito aperto a tutti, ma ce ne sono almeno un'altra mezza dozzina).Non vedo perchè dovrei pensarla come "una rivoluzione" visto che per me non è una novità
  • Anonimo scrive:
    www.anarchyonline.it il multiplayer del futuro...
    Ragaz altro che cto....guardatevi questo sito www.anarchyonline.it che é la community italiana di anarchyonline il futuro del roleplayng su internet....La grafica é spettacolare davvero e non subisce rallentamenti...Personalmente ho fatto x giocare alla 4 profezia ieri sera ma non mi partiva x problemi del loro server e poi mi sembra una brutta copia di ultima online......
    • Anonimo scrive:
      Re: www.anarchyonline.it il multiplayer del futuro...
      E' sia una brutta copia di Ultima Online, sia una brutta copia di Diablo 2.Ma d'altronde, da quelli di Gamersrevolt che gestiscono il server di Ultima Online "Enchanted lands" non potevo aspettarmi qualcosa di buono
    • Anonimo scrive:
      Re: www.anarchyonline.it il multiplayer del futuro...
      - Scritto da: Ti@TiX
      Ragaz altro che cto....guardatevi questo
      sito www.anarchyonline.it che é la community
      italiana di anarchyonline il futuro del
      roleplayng su internet....Guarda, ho guardato il sito, ma di roleplaying ne ho visto davvero poco! Quand'è che imparerete a capire che in un V E R O RPG non bisogna NECESSARIAMENTE ammazzare mostri o altri giocatori?Per ora il VERO RPG online rimane Ultima Online.
      • Anonimo scrive:
        Re: www.anarchyonline.it il multiplayer del futuro...
        mmmmmmmm prima di parlare provalo.....rispetto a uo ha moltissime migliorie.... ogni pg sara unico e avrá particolaritá etc uniche...il resto lo si lascia ai giocatori- Scritto da: Pietro
        - Scritto da: Ti@TiX

        Ragaz altro che cto....guardatevi questo

        sito www.anarchyonline.it che é la
        community

        italiana di anarchyonline il futuro del

        roleplayng su internet....

        Guarda, ho guardato il sito, ma di
        roleplaying ne ho visto davvero poco!
        Quand'è che imparerete a capire che in un V
        E R O RPG non bisogna NECESSARIAMENTE
        ammazzare mostri o altri giocatori?

        Per ora il VERO RPG online rimane Ultima
        Online.
      • Anonimo scrive:
        Re: www.anarchyonline.it il multiplayer del futuro...

        Guarda, ho guardato il sito, ma di
        roleplaying ne ho visto davvero poco!
        Quand'è che imparerete a capire che in un V
        E R O RPG non bisogna NECESSARIAMENTE
        ammazzare mostri o altri giocatori?Temo che sia un problema di cultura o mancanza di tale.Molti utenti dei cosidetti RPG online, sono gente a cui non interessa l'interazione con le altre persone... l'interazione non violenta, intendo.Personalmente che si faccia gioco di ruolo da tavolo o gioco di ruolo in rete, cerco di interpretare un personaggio piu' reale e vivido possibile. Lo caratterizzo con ricordi della sua vita passata, gli dono una personalita'. Mi aspetto che i miei compagni di "gioco" facciano lo stesso, cosi' che interpretare il ruolo sia un'esperienza entusiasmante per tutti.Per molte persone invece si tratta solo di ricreare Diablo II con altri giocatori. Per costoro giocare ad un GDR online, o a Quake 3 non c'e' differenza. L'immedesimazione nel personaggio e' nulla: non sono assolutamente capaci a giocare di ruolo, ne mai lo saranno. E' troppo difficile per loro.
        Per ora il VERO RPG online rimane Ultima
        Online.Negli intenti forse. Nella pratica assolutamente no: e' un covo di ammazzagiocatori (player killers), macratori (gente che fa fare ripetutamente al personaggio le stesse cose per farlo aumentare di abilita', mediante programmi), ecc..Poi e' indubbio che ci siano i gruppi di "veri roleplayers" anche su Ultima. A costoro raccomando di usare un qualsiasi client di chat ed un sistema di gioco di ruolo tratto da quelli _veri_. Non avranno problemi di lag, e la fantasia supplira' alla miglir grafica che voi possiate immaginare.Concludo consigliando un sito che propone giochi di ruolo _veri_ freeware: www.roleplaying.itguardate e vedete quanto sono ancora indietro i RPG online...
        • Anonimo scrive:
          Re: www.anarchyonline.it il multiplayer del futuro...
          giusto concordo pienamente...ero il piu grande truffatore di ultima online....bella l´interattivitá :)senti posta sul forum di anarchyonline.it vorrei conoscerti meglio...(non penzare male) ci servono collaboratori come teciauz- Scritto da: lord auberon


          Guarda, ho guardato il sito, ma di

          roleplaying ne ho visto davvero poco!

          Quand'è che imparerete a capire che in un
          V

          E R O RPG non bisogna NECESSARIAMENTE

          ammazzare mostri o altri giocatori?

          Temo che sia un problema di cultura o
          mancanza di tale.

          Molti utenti dei cosidetti RPG online, sono
          gente a cui non interessa l'interazione con
          le altre persone... l'interazione non
          violenta, intendo.

          Personalmente che si faccia gioco di ruolo
          da tavolo o gioco di ruolo in rete, cerco di
          interpretare un personaggio piu' reale e
          vivido possibile. Lo caratterizzo con
          ricordi della sua vita passata, gli dono una
          personalita'. Mi aspetto che i miei compagni
          di "gioco" facciano lo stesso, cosi' che
          interpretare il ruolo sia un'esperienza
          entusiasmante per tutti.

          Per molte persone invece si tratta solo di
          ricreare Diablo II con altri giocatori. Per
          costoro giocare ad un GDR online, o a Quake
          3 non c'e' differenza.

          L'immedesimazione nel personaggio e' nulla:
          non sono assolutamente capaci a giocare di
          ruolo, ne mai lo saranno. E' troppo
          difficile per loro.


          Per ora il VERO RPG online rimane Ultima

          Online.

          Negli intenti forse. Nella pratica
          assolutamente no: e' un covo di
          ammazzagiocatori (player killers), macratori
          (gente che fa fare ripetutamente al
          personaggio le stesse cose per farlo
          aumentare di abilita', mediante programmi),
          ecc..

          Poi e' indubbio che ci siano i gruppi di
          "veri roleplayers" anche su Ultima. A
          costoro raccomando di usare un qualsiasi
          client di chat ed un sistema di gioco di
          ruolo tratto da quelli _veri_. Non avranno
          problemi di lag, e la fantasia supplira'
          alla miglir grafica che voi possiate
          immaginare.

          Concludo consigliando un sito che propone
          giochi di ruolo _veri_ freeware:
          www.roleplaying.it

          guardate e vedete quanto sono ancora
          indietro i RPG online...


Chiudi i commenti