Quanto Gingerbread c'è dentro Android?

Con il 47 per cento di penetrazione nell'ecosistema androide, Gingerbread resta la release più diffusa tra gli utenti. A seguire Ice Cream Sandwich e, in rapida ascesa, Jelly Bean

Roma – Nuove percentuali ad illuminare il vasto panorama nell’ecosistema Android, a disposizione di tutti gli sviluppatori per capire l’attuale livello di distribuzione di tutte le principali release del sistema operativo mobile di Google . Dalla versione 1.6 Donut alla più recente 4.2, nome in codice Jelly Bean.

Allo scorso 3 gennaio – dopo due settimane di raccolta dei dati sui vari dispositivi che hanno avuto accesso al marketplace Google Play – il 47,4 per cento degli utenti basati su Android possiede le versioni dalla 2.3.3 alla 2.3.7 di Gingerbred , rilasciate da Google a partire dal dicembre 2010.

In leggera discesa rispetto al mese scorso – quando arrivava a un livello di penetrazione del 50,7 per cento – Gingerbread resta la release più diffusa sui dispositivi del robottino verde. Con una nuova, inquietante versione della famosa mascotte androide rivelata (e per fortuna abbandonata prima del lancio), l’OS di Google è sempre stato nel mirino degli sviluppatori per la sua eccessiva frammentazione, con cinque aggiornamenti principali nel giro di due anni.

Con un tasso di penetrazione del 29,1 per cento, le più recenti versioni dalla 4.0.3 alla 4.0.4 di Ice Cream Sandwich hanno comunque guadagnato terreno a discapito di Gingerbread. In salita progressiva anche la release 4.1 Jelly Bean, che agli inizi di questo gennaio ha sfiorato il tetto del 10 per cento sui vari dispositivi basati sull’OS di Mountain View.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andabata scrive:
    Benchmark Tegra 4
    Come da oggetto:http://www.heise.de/newsticker/meldung/3D-Leistung-Tegra-4-unterliegt-der-GPU-im-iPad-4-1780135.html
  • MacGeek scrive:
    Evoluzione velocissima
    C'è da dire che tra A6 Apple, Tegra e Snapdragon l'evoluzione in campo mobile è più veloce che mai. Perfino Intel, che davo per spacciata, probabilmente diventerà a breve estremamente competitiva (almeno come prestazioni).Comunque leggevo l'altro giorno su Tom's Hardware che Apple e Nvidia/Qualcomm sono sfasate di circa 6 mesi nell'evoluzione dei loro proXXXXXri, così per un paio di tornate almeno si sorpasseranno a vicenda. In autunno è stato il turno di Apple di stupire con il suo A6, a primavera sarà il turno di Tegra 4 e il nuovo Snapdragon di tornare (con ogni probabilità) al top.
    • qualcuno scrive:
      Re: Evoluzione velocissima

      In autunno è stato il turno di Apple di
      stupire con il suo A6,(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • FDG scrive:
        Re: Evoluzione velocissima
        - Scritto da: qualcuno

        In autunno è stato il turno di Apple di

        stupire con il suo A6,
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)E via col solito thread di minkiate... :-o
      • MacGeek scrive:
        Re: Evoluzione velocissima
        - Scritto da: qualcuno

        In autunno è stato il turno di Apple di

        stupire con il suo A6,
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)L'A6 spacca tutti come prestazioni/consumo allo stato attuale. E la parte GPU è almeno 2x di tutta la concorrenza attuale.È il miglio SOC ARM al momento in commercio, senza ombra di dubbio.Forse sarà superato da questo Tegra 4. FORSE.
        • gnammolo scrive:
          Re: Evoluzione velocissima
          no, non è l'A6, è iOS che per la grafica è ottimizzato molto meglio di android
          • FDG scrive:
            Re: Evoluzione velocissima
            - Scritto da: gnammolo
            no, non è l'A6, è iOS che per la grafica è
            ottimizzato molto meglio di androidE qual'è il fondamento di questa affermazione?
          • atem scrive:
            Re: Evoluzione velocissima
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: gnammolo


            no, non è l'A6, è iOS che per la grafica è

            ottimizzato molto meglio di android

            E qual'è il fondamento di questa affermazione?elementare Watson :D
    • atem scrive:
      Re: Evoluzione velocissima
      - Scritto da: MacGeek
      C'è da dire che tra A6 Apple, Tegra e Snapdragon
      l'evoluzione in campo mobile è più veloce che
      mai. Perfino Intel, che davo per spacciata,
      probabilmente diventerà a breve estremamente
      competitiva (almeno come
      prestazioni).E non dimenticarti questi:http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2414104,00.asp
    • atem scrive:
      Re: Evoluzione velocissima
      - Scritto da: MacGeek
      C'è da dire che tra A6 Apple, Tegra e Snapdragon
      l'evoluzione in campo mobile è più veloce che
      mai. Perfino Intel, che davo per spacciata,
      probabilmente diventerà a breve estremamente
      competitiva (almeno come
      prestazioni).E non dimenticarti questi:http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2414104,00.asp
  • jack scrive:
    Nvidia e i suoi Tegra devono finire...
    nella polvere!Per monopolizzare il mercato...e assicurarsi la fetta più consistente di produzione per smartphones e tablets nei prossimi anni...non si è fatta nessuno scrupolo nel violare tutti gli standard e azzerare la compatibilità con le altre piattaforme....Per fortuna la ARM con il Mali T658 col pieno supporto alle OpenGL inonderà tutto il mercato orientale...e gli darà filo da torcere...
  • deadbeef scrive:
    Interessante il softmodem
    Il softmodem è ideale se uno volesse un cellulare completamente aperto e controllabile, visto che anche gli android si ritrovano bootloader e modem chiusi (se andate a sul sito replicant si parla anche di una possibile condivisione tra modem e memoria del dispositivo, il che vuol dire potenziale spyware integrato e ineliminabile).Il cloud gaming, non so, sono abituati a giochi intensi come saurebraten.org, gia' il controller della wii mi sembra laggoso.
    • Riccardo scrive:
      Re: Interessante il softmodem
      Quanta confusione...Il softmodem fa solo in software quello che altri chip fanno con hardware dedicato. E' quindi piu' piccolo, upgradabile ed efficiente. Il firwmare non sara' mai libero perche' gli standard sono pieni di royalities e Nvidia le paga per sviluppare. Anche senza queste pero' il software non dovrebbe essere rilasciato agli utenti in quanto il cellulare deve garantire di cooperare con gli altri rispettando le specifiche. Ogni modifica potrebbe risultare dannosa per la comunicazione nell'intera cella.Va sottolineato che il firmware del modem non ha niente a che vedere con Android. Sono 2 mondi separati e indopendenti.
    • Riccardo scrive:
      Re: Interessante il softmodem
      P.S. Non commento sullo spyware che e' solamente ridicolo.
  • Enjoy with Us scrive:
    E dov'è Tinsen o come cavolo si chiama?
    Io sento solo annunci su android, su proXXXXXri per android ancora più performanti ecc...
    • ruppolo scrive:
      Re: E dov'è Tinsen o come cavolo si chiama?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Io sento solo annunci su android, su proXXXXXri
      per android ancora più performanti
      ecc...Vedrai che tra pochi mesi saprai molto bene come si chiama...
      • Jacopo scrive:
        Re: E dov'è Tinsen o come cavolo si chiama?
        Si si ruppolo, come sempre hai ragione tu!!Infatti l'S4 monta Tizen e non Android vero?
      • tucumcari scrive:
        Re: E dov'è Tinsen o come cavolo si chiama?
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Io sento solo annunci su android, su proXXXXXri

        per android ancora più performanti

        ecc...

        Vedrai che tra pochi mesi saprai molto bene come
        si
        chiama...Si sarà sicuramente diffuso sui proXXXXXri della serie Castor 6[img]http://kash.pd.googlepages.com/castoro.jpg[/img]
  • embe scrive:
    CVD
    Alla faccia delle roboanti previsioni dei soliti noti (massimì ndo stai)...Chi sta seguendo questo CES ha già capito qual è l'OS di riferimento.A partire da questo project shield, passando per archos tv connect e per finire anche nei forni a gas.
Chiudi i commenti