Quel curioso attacco al Senato

Non tutto è ancora chiaro ma fonti di Palazzo Madama confermano: tutti i sistemi sono sotto revisione. Ha a che fare con il licenziamento di un impiegato? Chi è il vero responsabile?


Roma – Titoli shock di certe agenzie stanno in queste ore descrivendo, forse con un eccesso di allarmismo, una curiosa fenomenologia di cui è stata vittima l’infrastruttura informatica di Palazzo Madama e dalla quale in apparenza avrebbe dovuto essere ben protetta.

Una vicenda la cui eco si riverbera da alcune ore sui giornali internazionali. L’Inquirer ha riportato la notizia, che viene peraltro confermata ora da fonti di Palazzo Madama, secondo cui all’accensione dei computer lo scorso lunedì mattina il sistema operativo risultava bloccato : in luogo della schermata tradizionale che consente agli utenti dei PC del Senato di utilizzare programmi di scrittura e, naturalmente, connettersi alla rete, sugli schermi dei PC sono apparse immagini gay a luci rosse. Una situazione che si è protratta per l’intera giornata di martedì. Solo ieri, dunque, tutti i PC hanno ricominciato a lavorare normalmente.

Stando alle prime ricostruzioni, a creare il problema sarebbe stato un virus capace di superare i sistemi antivirus del Senato. Sebbene non siano davvero molti i worm capaci di bloccare totalmente i PC ve ne sono alcuni, come Rbot, che consentono di depositare nei computer infetti un cavallo di troia , che permette all’untore di entrare da remoto nei PC colpiti. Ma si tratta di codici che dovrebbero essere già ben conosciuti ai sistemi informatici di sicurezza del Senato: Rbot è noto ormai da molti mesi e qualcuno potrebbe ritenere curioso che i sistemi antivirus di Palazzo Madama non siano riusciti ad intercettarlo . Quelli di Sophos, una società specializzata, ne hanno approfittato per dichiarare che “ogni organizzazione, grande o piccola, dovrebbe assicurarsi di avere attivato le difese contro virus e attacchi cracker. Questo include antivirus, firewall correttamente configurati e aggiornamento delle ultime patch”.

Dalla diffusione del worm, dunque, si è passati all’idea di un attacco mirato di ignoti cracker sparatrojan . C’è chi crede al sabotaggio ricordando che per far ripartire le macchine i tecnici hanno dovuto scollegarle dalla rete interna e lavorare su ciascuna di esse per ripulire il sistema invaso. C’è persino chi parla di un contestuale attacco denial-of-service contro IP del Senato quando invece il trojan ha consentito di far partire azioni di flooding del network. E c’è chi si chiede se tutto questo sia opera non di ignoti ma di qualcuno che invece conosce bene i sistemi di Palazzo Madama .

Sia come sia, e gay.com ne dà prontamente notizia, quanto accaduto viene legato al recente licenziamento di un collaboratore del vicepresidente del Senato Fisichella, che in tanti ritengono sia dovuto all’orientamento sessuale dell’uomo e che poneva al centro proprio l’uso dei PC. Una questione intricata, che solleva grossi interrogativi sul fronte della privacy , che Punto Informatico ha seguito da vicino e sulla quale si sono espressi anche il presidente Pera e il Garante per la privacy . Il senatore Cortiana, intervenuto su quegli avvenimenti, ha condannato l’attacco di queste ore in quanto “invece di aprire le coscienze alla disponibilità al riconoscimento dei diritti delle minoranze, non fanno altro che richiuderle in modo offensivo”.

Contro questo genere di incidenti, comunque, dal Senato fanno sapere in via ufficiale che si intende segmentare la rete interna, in modo tale che eventuali prossimi eventi di questo tipo non coinvolgano l’intero network. Non è peraltro chiaro se si intenda o meno procedere nei confronti di chi ha la responsabilità dell’integrità dei sistemi informatici del Senato della Repubblica italiana. Sistemi che, appartenendo ad un organo istituzionale di tale rilievo, è lecito ritenere debbano essere protetti nel modo migliore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandrox scrive:
    Re: Luddisti
    Mi scuserai se ti rispondo ora ma avevo giusto da concimare un po' di terreno, tuttavia leggendo i tuoi scritti la concimazione e' un' attivita' che mi riesce meglio....- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Alessandrox

    - Scritto da: Anonimo






    principio di precauzione
    e' un



    rigurgito del




    principio di indifferenza





    ERRORE,e' ladiretta
    conseguenza



    dellaconsapevolezza



    dellalimitatezzadellanostra

    conoscenza.



    Ilsuocontrario e' ilrigurgito


    delPrincipio



    di ONNISCENZA. Che chiaramente

    e'una



    convinzione del tutto
    arbitraria e


    illusoria




    Ma risparmiami questo vomito.


    Che sarebbe il principio di
    onniscIenza?


    Arrivi, bava alla bocca, e neppure
    ti


    preoccupi di avere un minimo
    retroterra


    culturale per intervenire a
    proposito.



    caro il mio SACCENTE vuoto (ma vuoto
    spinto)

    Il "principio di onniscenza" non ha

    chiaramente nulla a che fare con i
    principi

    filosofici da te

    (voi) sopra menzionati

    (forse avrei dovuto metterlo tra
    virgolette

    ma ho sopravvalutato la tua
    intelligenza) ma

    e' semplicemente un mio modo
    provocatorio di

    descrivere l' atteggiamento arrogante
    che

    certe persone, come te, hanno nei
    confronti

    del sapere, del progresso, della
    scienza.

    Infatti si vede in quali condizioni
    hanno

    ridotto il mondo (da non confondere con
    il

    piccolo nostro privilegiato orticello
    che

    curiamo quotidianamente) persone con un

    grande "retroterra culturale".

    Ho abbastanza "retroterra" per tenere
    testa

    a pidocchi come te e a altri... stai

    ranquillo.

    D' altra parte la cultura si acquista ma

    sciocchi si nasce e purtroppo si muore.

    Intervento inutile.
    Sai scrivere qualcosa di concreto o solo
    sbavare?
    Guarda poi che onniscienza si scrive con la
    "i".
    Di cultura ne hai acquistata poca, il
    retroterra prova a concimarlo.Certo, ti ingrazio del consiglio,Sicuramente farei qualcosa di piu' utile dei tuoi interventi: la definizione che hai dato di "principio di precauzione" ti pare qualcosa di utile? C'e' qualcosa di peggio del non avere "un adeguato retroterra culturale": non sapere che farsene e tu ne sei un' esempi lampante.Continua pure con la tua filosofia spicciola da 4 soldi che dimostri solo di non capire un' accidente di quello che scrivi.Un consiglio pero' te lo do: fai una ricerca su google sul "principio di precauzione" nella scienza e nelle sue applicazioni pratiche (sempre ammesso che tu sappia di cosa si tratta), leggi in che ambito e' stato formulato e perche', poi rileggi quello che hai scritto.==================================Modificato dall'autore il 03/12/2004 20.16.14
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    Preferisci un mondo in cui ognuno è libero di fare quel che gli pare, a prescindere da eventuali conseguenze sociali delle proprie azioni?Complimenti...- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo
    Mi pare che l'articolo abbia messo in luce
    l'assenza di regole e dunque il rischio o la
    realtà di un far west nanotec.
    La ricerca di un buon sistema normativo in
    materia potrebbe essere un utile piano
    di confronto.


    Brrrr... Questa storia del "far west" mi
    ricorda qualcosa... Capisco che tra
    politicanti e legulei si vogliano imporre
    norme a tutto e tutti, ma vediamo di non
    perdere di vista la realta' oppure davvero
    finira' per essere discussa in aula la
    normativa sui teletrasporti! :D
  • avvelenato scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: rumenta

    - Scritto da: avvelenato

    - Scritto da: rumenta





    vero.... tu invece stai attenta a

    quelli del


    progresso ad ogni costo, che magari

    sono gli


    stessi che hanno commercializzato
    le

    prime


    pillole anticoncezionali... sai,
    quelle

    che


    causavano deformazioni nei feti
    quando

    poi


    decidevi di avere un figlio.....









    tu sei come quello che vuol far la
    frittata

    senza rompere le uova.

    peccato che non si tratti di uova ma di
    persone.... se pensi sia possibile esentare la razza umana da ogni rischio e nel contempo farla progredire, esponi la tua ricetta oppure renditi conto che non siamo nel mondo delle fiabe.Per quanti esperimenti con gli animali si possano fare, test clinici di laboratorio, verifiche di ogni genere, ecc, sarà sempre presente sull'uomo una percentuale di rischio.vuoi forse dire che la pillola anticoncezionale era meglio non svilupparla? mah.
    e poi sarà meglio se ti decidi...

    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=814110no, sei tu che devi realizzare che nel mondo non esiste bianco e nero, ma semmai le varie tonalità di grigi. Se sono convinto della necessità di svolgere ricerca sulla nanotecnologia, sugli ogm, e su tanti altri controversi sviluppi della scienza attuale, ciò non significa che sia d'accordo ad un progresso dissennato, senza regole e senza direzione.anche perché non ci corre dietro nessuno. La nostra crescita tecnologica può anche diventare meno frenetica e non moriremo, purché trovi velocemente le necessarie risposte alle reali problematiche del mondo: la fame, le malattie, il problema energetico e quello ecologico. Proporre implicitamente un freno totale a tecnologie potenzialmente pericolose significa accettare l'attuale sistema come efficiente, cosa che noi sappiamo essere un'enorme menzogna, visto l'affidamento enorme che facciamo su risorse non rinnovabili.per questo dico a quelli che si preoccupano troppo di preoccuparsi di meno, ma dico a quelli che si preoccupano troppo poco di stare attenti almeno quanto basta per evitare di pagare le nostre tecnologie sacrificando un pezzo della nostra umanità; che d'altra parte, fu il prezzo che pagammo quando desiderammo scoprire i segreti dell'atomo.
  • avvelenato scrive:
    Re: ot: per il mod. Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo

    ti ricordo che sulla Netiquette, sulla
    quale

    si basa la policy di questo forum, vi

    è precisamente scritto che
    è

    scorretto segnalare gli errori
    grammaticali

    e di battitura.

    bwuahhaahah ma dai Avve. mucala, ha appena
    finito di dargli dell'idiota e tu gli dici
    di non violare la netiquette per la "i" :)certo, che troll sarei sennò? :D
  • Anonimo scrive:
    Re: ot: per il mod. Re: Luddisti

    ti ricordo che sulla Netiquette, sulla quale
    si basa la policy di questo forum, vi
    è precisamente scritto che è
    scorretto segnalare gli errori grammaticali
    e di battitura.bwuahhaahah ma dai Avve. mucala, ha appena finito di dargli dell'idiota e tu gli dici di non violare la netiquette per la "i" :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Pensate quanto può fare

    P.S:
    noto con piacere la solidarietà
    maschile degli informatici che bazzicano
    PI dai voti che ti hanno dato., ma io me
    ne batto del voto, anzi i voti mi stanno
    sull'anima!
    Ciao pest..iferoI voti glieli ho dati io perché sono daccordo con quello che dice e non con te che tra l'altro hai travisato tutto, altro che solidarietà maschilevedi tu
  • avvelenato scrive:
    ot: per il mod. Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo

    Intervento inutile.
    Sai scrivere qualcosa di concreto o solo
    sbavare?
    Guarda poi che onniscienza si scrive con la
    "i".
    Di cultura ne hai acquistata poca, il
    retroterra prova a concimarlo.ti ricordo che sulla Netiquette, sulla quale si basa la policy di questo forum, vi è precisamente scritto che è scorretto segnalare gli errori grammaticali e di battitura.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Alessandrox
    - Scritto da: Anonimo




    principio di precauzione e' un


    rigurgito del



    principio di indifferenza



    ERRORE,e' ladiretta conseguenza


    dellaconsapevolezza


    dellalimitatezzadellanostra
    conoscenza.


    Ilsuocontrario e' ilrigurgito

    delPrincipio


    di ONNISCENZA. Che chiaramente
    e'una


    convinzione del tutto arbitraria e

    illusoria


    Ma risparmiami questo vomito.

    Che sarebbe il principio di onniscIenza?

    Arrivi, bava alla bocca, e neppure ti

    preoccupi di avere un minimo retroterra

    culturale per intervenire a proposito.

    caro il mio SACCENTE vuoto (ma vuoto spinto)
    Il "principio di onniscenza" non ha
    chiaramente nulla a che fare con i principi
    filosofici da te
    (voi)   sopra menzionati
    (forse avrei dovuto metterlo tra virgolette
    ma ho sopravvalutato la tua intelligenza) ma
    e' semplicemente un mio modo provocatorio di
    descrivere l' atteggiamento arrogante che
    certe persone, come te, hanno nei confronti
    del sapere, del progresso, della scienza.
    Infatti si vede in quali condizioni hanno
    ridotto il mondo (da non confondere con il
    piccolo nostro privilegiato orticello che
    curiamo quotidianamente) persone con un
    grande "retroterra culturale".
    Ho abbastanza "retroterra" per tenere testa
    a pidocchi come te e a altri... stai
    ranquillo.
    D' altra parte la cultura si acquista ma
    sciocchi si nasce e purtroppo si muore.Intervento inutile.Sai scrivere qualcosa di concreto o solo sbavare?Guarda poi che onniscienza si scrive con la "i".Di cultura ne hai acquistata poca, il retroterra prova a concimarlo.
  • Alessandrox scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo


    principio di precauzione e' un

    rigurgito del


    principio di indifferenza

    ERRORE,e' ladiretta conseguenza

    dellaconsapevolezza

    dellalimitatezzadellanostra conoscenza.

    Ilsuocontrario e' ilrigurgito
    delPrincipio

    di ONNISCENZA. Che chiaramente e'una

    convinzione del tutto arbitraria e
    illusoria
    Ma risparmiami questo vomito.
    Che sarebbe il principio di onniscIenza?
    Arrivi, bava alla bocca, e neppure ti
    preoccupi di avere un minimo retroterra
    culturale per intervenire a proposito.caro il mio SACCENTE vuoto (ma vuoto spinto)Il "principio di onniscenza" non ha chiaramente nulla a che fare con i principi filosofici da te (voi) sopra menzionati (forse avrei dovuto metterlo tra virgolette ma ho sopravvalutato la tua intelligenza) ma e' semplicemente un mio modo provocatorio di descrivere l' atteggiamento arrogante che certe persone, come te, hanno nei confronti del sapere, del progresso, della scienza. Infatti si vede in quali condizioni hanno ridotto il mondo (da non confondere con il piccolo nostro privilegiato orticello che curiamo quotidianamente) persone con un grande "retroterra culturale".Ho abbastanza "retroterra" per tenere testa a pidocchi come te e a altri... stai ranquillo.D' altra parte la cultura si acquista ma sciocchi si nasce e purtroppo si muore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Alessandrox
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    se non si sono studi sugli effetti
    a

    lungo


    termine io ci andrei cauto.....
    anche

    il ddt


    all'inizio era considerato innocuo,

    eppure


    oggi (e qualche centinaia di
    migliaia di


    persone morte) è bandito in

    tutto in


    tutto il mondo....


    Non dove tuttora si hanno serbatoi di

    malaria, ad esempio.

    Si deve sempre ragionare in termini di

    costo/beneficio.

    Andare pero' avanti con il principio di

    precauzione anche nella fantascienza
    pura e'

    da paranoici piu' che da luddisti.

    Cosa e' la fantascienza?
    Sai cosa e'un nano meccanismo?
    Si tratta di COMPLESSI MOLECOLARI, che
    interagiscono chimico-fisicamente con
    lamateria, in particolare, nell'esempio
    dell'articolo, materia biologica.... e
    secondo te se ci entrano cose del genere nel
    corposi puo' stare assolutamente tranquilli?
    Questa e'realta'NON fantascienza... sveglia.Wow, "complessi molecolari". Sai pure scriverlo. Secondo la tua definizione, dobbiamo temere ogni virus di transito (oops, forse non sai cosa sono). Svegliati pure tu, ma dal sonno della ragione: una bella martellata in testa gioverebbe.(idiota)
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Alessandrox
    - Scritto da: Anonimo

    Interessante, adesso pero' mi spieghi
    cosa

    sono i principi di base della

    ragionevolezza, per quale ragione li
    avrei

    negati e dove starebbe la trollaggine.
    Il

    principio di precauzione e' un
    rigurgito del

    principio di indifferenza

    ERRORE,e' ladiretta conseguenza
    dellaconsapevolezza
    dellalimitatezzadellanostra conoscenza.
    Ilsuocontrario e' ilrigurgito delPrincipio
    di ONNISCENZA. Che chiaramente e'una
    convinzione del tutto arbitraria e illusoriaMa risparmiami questo vomito.Che sarebbe il principio di onniscIenza?Arrivi, bava alla bocca, e neppure ti preoccupi di avere un minimo retroterra culturale per intervenire a proposito.
  • rumenta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: rumenta

    - Scritto da: puffetta





    - Scritto da: rumenta






    A rumenta
    sei un caso perso oh mio Dio.... che ricchezza di argomenti..... quale dialettica superba.... sono sopraffatto.....ho solo un favore da chiederti..... mi dici dove mandi in vacanza i neuroni?? deve essere davvero un bel posto, dato che non vogliono più tornare :D
  • puffetta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: Anonimo

    Se avessi anche tu qualcuno a te vicino
    al V

    anno di CTF (chimica delle tecnologie

    farmaceutiche) forse potresti capire la

    differenza tra chimica e nanotecnologia

    ROTFL quasi tutti i miei amici che si sono
    laureati 7 anni fa in CTF sono finiti a fare
    gli informatori per le case farmaceutiche,
    adesso posso ancora contarne circa una
    decina che me ne raccontano di ogni.

    Se dovessi basare il mio giudizio su quello
    che sento le farei chiudere seduta stante.Evidententemente è quello che volevano fare, dato che girava voce che guadagnano tantissimo, oppure non valgono nulla e non hanno altre prospettiveMeno male che c'è anche chi studia per passione e sceglie degli indirizzi precisi di ricerca come la sintesi o la cosmetica o l'alimentazioneSai anch'io ho tanti amici laureati che si sono accontentati di fare qualcosa e ho anche tanti amici con la solo la terza media che gli mangiano in testa!
  • cico scrive:
    Re: Pensate quanto può fare

    A rumenta
    sei un caso perso te invece sei un genio...
  • Anonimo scrive:
    Re: Pensate quanto può fare

    Se avessi anche tu qualcuno a te vicino al V
    anno di CTF (chimica delle tecnologie
    farmaceutiche) forse potresti capire la
    differenza tra chimica e nanotecnologiaROTFL quasi tutti i miei amici che si sono laureati 7 anni fa in CTF sono finiti a fare gli informatori per le case farmaceutiche, adesso posso ancora contarne circa una decina che me ne raccontano di ogni.Se dovessi basare il mio giudizio su quello che sento le farei chiudere seduta stante.
  • puffetta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    -

    azzz.... se lo dici tu che sono senza
    argomenti allora posso considerarmi pronto
    per il nobel :D
    Non solo lo dico , lo ribadisco pure. A proposito di telecamere:certo che in sala operatoria ci sono già le telecamere ma l'ultima scoperta fatta è una micro telecamera che viene ingerita come una pillola, va nell'intestino tenue dove è assai difficile, quasi impossibile, arrivarci con l'endoscopia (cosa molto dolorosa che non arriva fino in fondo).Non ti sembra più conveniente arrivare ad una medicina meno invasiva ?Non ti sembra che si debba diagnosticare una malattia in maniera più precia senza affidarsi all'interpretazione personale e, si spera professionale, di un chirurgo che ti deve aprire?Ecco quello che io penso possa servire la a nanotecnologia, non dimenticando mai che tutto è businnes.Cmq rimani pure delle tue idee perchè non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire!
  • Anonimo scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: rumenta
    - Scritto da: puffetta



    - Scritto da: rumenta


    A rumentasei un caso perso


    bella risposta..... posso
    prefigurare

    tre


    ipotesi (e sono solo le più


    semplici...):





    1)mancanza di argomenti;


    2)hai guardato solo le figure

    dell'articolo;


    3)semplice volgarità
    gratuita....




    al punto 1) ci sei tu

    al punto 2) idem

    azzz.... se lo dici tu che sono senza
    argomenti allora posso considerarmi pronto
    per il nobel :D


    al punto 3) quando ci vuole, ci
    vuole... e

    poi le pippe sono salutari

    già.... si vede quanto sono
    salutari.... tu te ne sei fatta tante vero??
    :D






    Non sono gli stessi, proprio
    per

    questo



    l'industria farmaceutica deve

    essere



    rivoluzionata.





    ma LOL.... non sono gli stessi
    vero??


    e la notizia dove l'hai trovata??


    sul corrierino dei piccoli??


    non sono nemmeno gli stessi che ci

    vendono


    le medicine al quadruplo del
    prezzo al

    quale


    sono vendute negli altri paesi, e

    neppure


    gli stessi che regalano
    partecipazioni a


    "congressi" ai dottori che
    prescrivono


    grandi quantità dei loro

    farmaci, no


    no..... quelli lì, brutti e

    cattivi,


    sono già spariti tutti ;)






    Se avessi anche tu qualcuno a te vicino
    al V

    anno di CTF (chimica delle tecnologie

    farmaceutiche) forse potresti capire la

    differenza tra chimica e nanotecnologia

    nessuna.
    le nanotecnologie sono e saranno appannaggio
    di chi ci può investire grandi
    capitali e indovina un pò.... sono
    proprio le industrie farmaceutiche :D
    le quali ormai si occupano un pò di
    tutto..... non crederai che la monsanto
    faccia solo medicine vero???


    I giovani scienziati che studiano la

    nanotecnologia sono soprattutto degli

    ingegneri e stanno rompendo le palle
    alle

    case farmaceutiche.

    ma LOL.... la rivoluzione del giovani
    ingegneri.... se ne sentiva la mancanza :D

    e secondo te ci riusciranno pure....
    insisto, continua a sognare....




    Invece di prendere farmaci
    che ti


    curano un



    male e te ne fanno venire un
    altro



    (businness della malattia!)
    con la



    nanotecnologia è
    possibile



    indirizzare ad una "singola"

    cellula



    veramente danneggiata, la
    cura.





    certo, certo.... continua a
    sognare, ma

    non


    lamentarti se poi ti svegli tutta

    bagnata :D



    Pensa solo cosa potrebbe fare una

    telecamerina in sala operatoria!
    già,

    dimenticavo: se poi si anima e si

    rivolta...

    già ci sono, le telecamerine, in sala
    operatoria....






    Con questo metodo le terapie


    diventeranno



    sempre più
    "fisiologiche" e

    meno



    sintetiche.



    Cerca medicina cellulare.



    Se poi non sono riuscita a

    spiegarmi,



    dimmelo!





    ti quoto una parte dell'articolo:


    Secondo ETC, infatti, tanto la


    sperimentazione scientifica quanto
    le

    prime


    effettive applicazioni, già
    ora


    stanno trasferendo forme di
    biologia


    sintetica nell'ambito di quella

    naturale,


    con la conseguenza di avvicinarsi

    moltissimo


    all'uomo prima che il loro impatto
    sia


    pienamente compreso.






    L'OGM è un'altra cosa ed è

    già in mano alle case
    farmaceutiche!

    Amen

    hemmm.... l'articolo parlava di
    NANOTECNOLOGIE, non di ogm, e il periodo da
    me citato a quelle si riferiva..... come
    volevasi dimostrare hai guardato solo le
    figure.....



    secondo te perchè io credo
    sia


    necessario preoccuparsi??


    perchè qualcuno pensa
    già

    di


    saltare alle applicazioni senza
    passare


    dalla sperimentazione....


    ora ti è più chiaro o

    pensi


    ancora che si debba marciare tutti
    uniti


    verso l'inevitabile "progresso"??





    Lo spero vivamente, pensa se fossimo
    ancora

    rimasti a bruciare carbone!



    repetita juvant..... qualcuno pensa
    già di saltare alle applicazioni
    senza passare dalla sperimentazione....
    come per il ddt.... vantaggi immediati ma
    danni permanenti a lungo termine....
    ma già a te non interessa,
    danneggiata già lo sei....

    ==================================
    Modificato dall'autore il 26/11/2004 8.43.23
  • rumenta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: puffetta

    - Scritto da: rumenta




    bella risposta..... posso prefigurare
    tre

    ipotesi (e sono solo le più

    semplici...):



    1)mancanza di argomenti;

    2)hai guardato solo le figure
    dell'articolo;

    3)semplice volgarità gratuita....


    al punto 1) ci sei tu
    al punto 2) idemazzz.... se lo dici tu che sono senza argomenti allora posso considerarmi pronto per il nobel :D
    al punto 3) quando ci vuole, ci vuole... e
    poi le pippe sono salutarigià.... si vede quanto sono salutari.... tu te ne sei fatta tante vero?? :D



    Non sono gli stessi, proprio per
    questo


    l'industria farmaceutica deve
    essere


    rivoluzionata.



    ma LOL.... non sono gli stessi vero??

    e la notizia dove l'hai trovata??

    sul corrierino dei piccoli??

    non sono nemmeno gli stessi che ci
    vendono

    le medicine al quadruplo del prezzo al
    quale

    sono vendute negli altri paesi, e
    neppure

    gli stessi che regalano partecipazioni a

    "congressi" ai dottori che prescrivono

    grandi quantità dei loro
    farmaci, no

    no..... quelli lì, brutti e
    cattivi,

    sono già spariti tutti ;)



    Se avessi anche tu qualcuno a te vicino al V
    anno di CTF (chimica delle tecnologie
    farmaceutiche) forse potresti capire la
    differenza tra chimica e nanotecnologianessuna.le nanotecnologie sono e saranno appannaggio di chi ci può investire grandi capitali e indovina un pò.... sono proprio le industrie farmaceutiche :Dle quali ormai si occupano un pò di tutto..... non crederai che la monsanto faccia solo medicine vero???
    I giovani scienziati che studiano la
    nanotecnologia sono soprattutto degli
    ingegneri e stanno rompendo le palle alle
    case farmaceutiche.ma LOL.... la rivoluzione del giovani ingegneri.... se ne sentiva la mancanza :De secondo te ci riusciranno pure.... insisto, continua a sognare....


    Invece di prendere farmaci che ti

    curano un


    male e te ne fanno venire un altro


    (businness della malattia!) con la


    nanotecnologia è possibile


    indirizzare ad una "singola"
    cellula


    veramente danneggiata, la cura.



    certo, certo.... continua a sognare, ma
    non

    lamentarti se poi ti svegli tutta
    bagnata :D

    Pensa solo cosa potrebbe fare una
    telecamerina in sala operatoria! già,
    dimenticavo: se poi si anima e si
    rivolta...già ci sono, le telecamerine, in sala operatoria....



    Con questo metodo le terapie

    diventeranno


    sempre più "fisiologiche" e
    meno


    sintetiche.


    Cerca medicina cellulare.


    Se poi non sono riuscita a
    spiegarmi,


    dimmelo!



    ti quoto una parte dell'articolo:

    Secondo ETC, infatti, tanto la

    sperimentazione scientifica quanto le
    prime

    effettive applicazioni, già ora

    stanno trasferendo forme di biologia

    sintetica nell'ambito di quella
    naturale,

    con la conseguenza di avvicinarsi
    moltissimo

    all'uomo prima che il loro impatto sia

    pienamente compreso.



    L'OGM è un'altra cosa ed è
    già in mano alle case farmaceutiche!
    Amenhemmm.... l'articolo parlava di NANOTECNOLOGIE, non di ogm, e il periodo da me citato a quelle si riferiva..... come volevasi dimostrare hai guardato solo le figure.....

    secondo te perchè io credo sia

    necessario preoccuparsi??

    perchè qualcuno pensa già
    di

    saltare alle applicazioni senza passare

    dalla sperimentazione....

    ora ti è più chiaro o
    pensi

    ancora che si debba marciare tutti uniti

    verso l'inevitabile "progresso"??


    Lo spero vivamente, pensa se fossimo ancora
    rimasti a bruciare carbone!
    repetita juvant..... qualcuno pensa già di saltare alle applicazioni senza passare dalla sperimentazione....come per il ddt.... vantaggi immediati ma danni permanenti a lungo termine....ma già a te non interessa, danneggiata già lo sei....==================================Modificato dall'autore il 26/11/2004 8.43.23
  • puffetta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: rumenta

    bella risposta..... posso prefigurare tre
    ipotesi (e sono solo le più
    semplici...):

    1)mancanza di argomenti;
    2)hai guardato solo le figure dell'articolo;
    3)semplice volgarità gratuita....
    al punto 1) ci sei tual punto 2) idemal punto 3) quando ci vuole, ci vuole... e poi le pippe sono salutari

    Non sono gli stessi, proprio per questo

    l'industria farmaceutica deve essere

    rivoluzionata.

    ma LOL.... non sono gli stessi vero??
    e la notizia dove l'hai trovata??
    sul corrierino dei piccoli??
    non sono nemmeno gli stessi che ci vendono
    le medicine al quadruplo del prezzo al quale
    sono vendute negli altri paesi, e neppure
    gli stessi che regalano partecipazioni a
    "congressi" ai dottori che prescrivono
    grandi quantità dei loro farmaci, no
    no..... quelli lì, brutti e cattivi,
    sono già spariti tutti ;)
    Se avessi anche tu qualcuno a te vicino al V anno di CTF (chimica delle tecnologie farmaceutiche) forse potresti capire la differenza tra chimica e nanotecnologiaI giovani scienziati che studiano la nanotecnologia sono soprattutto degli ingegneri e stanno rompendo le palle alle case farmaceutiche.

    Invece di prendere farmaci che ti
    curano un

    male e te ne fanno venire un altro

    (businness della malattia!) con la

    nanotecnologia è possibile

    indirizzare ad una "singola" cellula

    veramente danneggiata, la cura.

    certo, certo.... continua a sognare, ma non
    lamentarti se poi ti svegli tutta bagnata :DPensa solo cosa potrebbe fare una telecamerina in sala operatoria! già, dimenticavo: se poi si anima e si rivolta...

    Con questo metodo le terapie
    diventeranno

    sempre più "fisiologiche" e meno

    sintetiche.

    Cerca medicina cellulare.

    Se poi non sono riuscita a spiegarmi,

    dimmelo!

    ti quoto una parte dell'articolo:
    Secondo ETC, infatti, tanto la
    sperimentazione scientifica quanto le prime
    effettive applicazioni, già ora
    stanno trasferendo forme di biologia
    sintetica nell'ambito di quella naturale,
    con la conseguenza di avvicinarsi moltissimo
    all'uomo prima che il loro impatto sia
    pienamente compreso.
    L'OGM è un'altra cosa ed è già in mano alle case farmaceutiche! Amen
    secondo te perchè io credo sia
    necessario preoccuparsi??
    perchè qualcuno pensa già di
    saltare alle applicazioni senza passare
    dalla sperimentazione....
    ora ti è più chiaro o pensi
    ancora che si debba marciare tutti uniti
    verso l'inevitabile "progresso"??Lo spero vivamente, pensa se fossimo ancora rimasti a bruciare carbone!
  • rumenta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: avvelenato
    - Scritto da: rumenta



    vero.... tu invece stai attenta a
    quelli del

    progresso ad ogni costo, che magari
    sono gli

    stessi che hanno commercializzato le
    prime

    pillole anticoncezionali... sai, quelle
    che

    causavano deformazioni nei feti quando
    poi

    decidevi di avere un figlio.....





    tu sei come quello che vuol far la frittata
    senza rompere le uova.peccato che non si tratti di uova ma di persone.... e poi sarà meglio se ti decidi...http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=814110
  • rumenta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: puffetta

    - Scritto da: rumenta

    - Scritto da: puffetta


    la medicina sposata alle

    nanotecnologie, la


    scienza fatta sulla scala delle

    molecole.



    di dannoso??

    certamente molto più della
    medicina

    normale, che spesso già di suo
    ne ha

    fatti di casini.....

    pensa ad una nanomacchina nata male che

    magari è pure in grado di

    autoriprodursi.....

    Fatti meno pippe e documentati un po' di
    piùbella risposta..... posso prefigurare tre ipotesi (e sono solo le più semplici...):1)mancanza di argomenti;2)hai guardato solo le figure dell'articolo;3)semplice volgarità gratuita....







    State attenti ai tradizionalisti
    ciechi


    seduti sul trono dello scetticismo,

    molte


    volte parlano per difendere la loro


    posizione superata dagli studiosi
    che


    avanzano.



    vero.... tu invece stai attenta a
    quelli del

    progresso ad ogni costo, che magari
    sono gli

    stessi che hanno commercializzato le
    prime

    pillole anticoncezionali... sai, quelle
    che

    causavano deformazioni nei feti quando
    poi

    decidevi di avere un figlio.....



    Non sono gli stessi, proprio per questo
    l'industria farmaceutica deve essere
    rivoluzionata.ma LOL.... non sono gli stessi vero??e la notizia dove l'hai trovata??sul corrierino dei piccoli??non sono nemmeno gli stessi che ci vendono le medicine al quadruplo del prezzo al quale sono vendute negli altri paesi, e neppure gli stessi che regalano partecipazioni a "congressi" ai dottori che prescrivono grandi quantità dei loro farmaci, no no..... quelli lì, brutti e cattivi, sono già spariti tutti ;)
    Invece di prendere farmaci che ti curano un
    male e te ne fanno venire un altro
    (businness della malattia!) con la
    nanotecnologia è possibile
    indirizzare ad una "singola" cellula
    veramente danneggiata, la cura.certo, certo.... continua a sognare, ma non lamentarti se poi ti svegli tutta bagnata :D
    Con questo metodo le terapie diventeranno
    sempre più "fisiologiche" e meno
    sintetiche.
    Cerca medicina cellulare.
    Se poi non sono riuscita a spiegarmi,
    dimmelo!ti quoto una parte dell'articolo: Secondo ETC, infatti, tanto la sperimentazione scientifica quanto le prime effettive applicazioni, già ora stanno trasferendo forme di biologia sintetica nell'ambito di quella naturale, con la conseguenza di avvicinarsi moltissimo all'uomo prima che il loro impatto sia pienamente compreso. secondo te perchè io credo sia necessario preoccuparsi??perchè qualcuno pensa già di saltare alle applicazioni senza passare dalla sperimentazione....ora ti è più chiaro o pensi ancora che si debba marciare tutti uniti verso l'inevitabile "progresso"??
  • avvelenato scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: rumenta

    vero.... tu invece stai attenta a quelli del
    progresso ad ogni costo, che magari sono gli
    stessi che hanno commercializzato le prime
    pillole anticoncezionali... sai, quelle che
    causavano deformazioni nei feti quando poi
    decidevi di avere un figlio.....

    tu sei come quello che vuol far la frittata senza rompere le uova.
  • puffetta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: rumenta
    - Scritto da: puffetta

    la medicina sposata alle
    nanotecnologie, la

    scienza fatta sulla scala delle
    molecole.

    di dannoso??
    certamente molto più della medicina
    normale, che spesso già di suo ne ha
    fatti di casini.....
    pensa ad una nanomacchina nata male che
    magari è pure in grado di
    autoriprodursi.....Fatti meno pippe e documentati un po' di più



    State attenti ai tradizionalisti ciechi

    seduti sul trono dello scetticismo,
    molte

    volte parlano per difendere la loro

    posizione superata dagli studiosi che

    avanzano.

    vero.... tu invece stai attenta a quelli del
    progresso ad ogni costo, che magari sono gli
    stessi che hanno commercializzato le prime
    pillole anticoncezionali... sai, quelle che
    causavano deformazioni nei feti quando poi
    decidevi di avere un figlio.....
    Non sono gli stessi, proprio per questo l'industria farmaceutica deve essere rivoluzionata.Invece di prendere farmaci che ti curano un male e te ne fanno venire un altro (businness della malattia!) con la nanotecnologia è possibile indirizzare ad una "singola" cellula veramente danneggiata, la cura.Con questo metodo le terapie diventeranno sempre più "fisiologiche" e meno sintetiche.Cerca medicina cellulare.Se poi non sono riuscita a spiegarmi, dimmelo!
    ==================================
    Modificato dall'autore il 25/11/2004 23.58.57
  • rumenta scrive:
    Re: Pensate quanto può fare
    - Scritto da: puffetta
    la medicina sposata alle nanotecnologie, la
    scienza fatta sulla scala delle molecole.di dannoso??certamente molto più della medicina normale, che spesso già di suo ne ha fatti di casini.....pensa ad una nanomacchina nata male che magari è pure in grado di autoriprodursi.....


    State attenti ai tradizionalisti ciechi
    seduti sul trono dello scetticismo, molte
    volte parlano per difendere la loro
    posizione superata dagli studiosi che
    avanzano.vero.... tu invece stai attenta a quelli del progresso ad ogni costo, che magari sono gli stessi che hanno commercializzato le prime pillole anticoncezionali... sai, quelle che causavano deformazioni nei feti quando poi decidevi di avere un figlio.....==================================Modificato dall'autore il 25/11/2004 23.58.57
  • puffetta scrive:
    Pensate quanto può fare
    la medicina sposata alle nanotecnologie, la scienza fatta sulla scala delle molecole.State attenti ai tradizionalisti ciechi seduti sul trono dello scetticismo, molte volte parlano per difendere la loro posizione superata dagli studiosi che avanzano.==================================Modificato dall'autore il 25/11/2004 22.46.19
  • rumenta scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    - Scritto da: brunposta

    - Scritto da: Anonimo



    Guardatevi il film "The Corporation",
    uscito

    nelle sale italiane da poco, un
    documentario

    straordinario la cui pubblicita' in TV
    e'

    stata

    censurata su pressioni delle
    multinazionali,

    e capirete perche' bisogna temere le

    nanotecnologie e NON avere alcuna fede
    che

    verranno usate con saggezza.

    Certo, a gente come te basta guardare il
    film che-spiega-tutto, poi siete convinti di
    avere la verita assoluta che manco il
    vangelo fra le mani, del resto, "Lo divevano
    su su un film...", vero? Se poi si vocifera
    pure che "la cui pubblicita' in TV e' stata
    censurata su pressioni delle multinazionali
    (odddio, le multinazionaliii)" allora per
    voi e' il nuovo verbo da diffondere come
    bravi apostoli del bene.scusa, dimmi una cosa, il film in questione racconta falsità o avvenimenti travisati ad arte??è un prodotto di disinformazione??hai le prove??perchè se sì allora facci sapere come e dove il film in questione ha raggirato lui e gli altri che lo hanno visto.....

    Dopo quello

    che le

    corporazioni hanno fatto negli anni 50
    con

    la

    petrolchimica (i tumori erano
    praticamente

    un male

    inesistente prima di quegli anni, oggi
    sono

    un

    epidemia...), negli anni 70 con gli
    ormoni

    nel latte

    di mucca (ancora oggi legali perche'
    nessun

    network televisivo sopravviverebbe
    senza la

    pubblicita' del cartello alimentare),
    negli

    anni '80

    con gli OGM (interi paesi a sussistenza

    agricola

    come l'india si sono trovati a
    ricomprare

    ogni anno i semi del raccolto perche'

    erano diventati capaci di
    autodistruggersi),

    il pensiero che le nanotecnologie
    stiano

    per affacciarsi al mercato di massa con

    le loro potenzialita', dovrebbe farci

    TREMARE.

    Tu puoi pure iniziare a tremate, io constato
    solo che prima degli anni 50 si viveva molto
    di meno, e magari si moriva di infezione o
    chissa cos'altro... E' normale che con una
    aspettativa di vita di 80 l'incidenza di
    certe malattie di tipo degenerativo sia
    maggiore che in gente che ne vive 60, tu
    credi? è normale anche il fatto che le malattie degenerative si manifestino in proporzione maggiore anche nelle fasce di età più basse??Per quanto riguarda l'India, mio
    caro, ti sei mai chiesto che costringa
    questi POVERI contadini a ricorrere alle
    sementi OGM? Il solo profitto: anche dovendo
    acquistare ogni anno le sementi, infatti, il
    rendimento dei prodotti OGM e' decisamente
    migliore, richiedono meno acqua, meno cure,
    meno pesticidi e hanno una resa maggiore, e
    loro fanno molti piu soldi. Se volessero
    ricorrere alle sementi tradizionali, le
    hanno a disposizione, quasi gratis, ma,
    chissa perche, non lo fanno. Certo, magari
    troveresti terribilmente chich
    regalargliele, ste sementi, tanto sono delle
    crudeli multinazionali senza scrupoli, e poi
    non hai investito tu miliardi di dollari in
    ricerca.ti dirò.... ecchissenefrega se hanno investito miliardi di dollari.... ma tu lo sai perchè lo hanno fatto?? solo perchè la monsanto aveva inventato un diserbante e voleva creare una soia che resistesse al diserbante in questione.....pensa, per poter usare un diserbante.....



    Per fortuna che io compro solo nelle
    catene

    Biopolis, che vendono roba di
    agricoltura

    biologica. Ma non tutti vivono nelle
    grandi

    citta' (Biopolis e altre catene sono
    solo a

    Roma,

    Milano, etc.), e non tutti possono

    permettersi di

    pagare *il doppio* la spesa...
    ...si potrebbe considerare una tassa sulla
    creduloneria, non credi?



    Di questo passo i prodotti naturali,
    che

    prima

    la gente raccoglieva da terra GRATIS
    Adesso stai delirando, per quasi tutta la
    storia l'umanita ha dovuto lottare fianco a
    fianco con la denutrizione, il cibo non e'
    mai stato abbondante ed economico come oggi!ops.... abbondante certamente, ma economico.....e poi se è così abbondante come mai non abbiamo ancora risolto il problema della fame nel mondo?? :D


    saranno rari come pietre preziose. Le

    bistecche

    di carne non trattata con
    antibatterici,

    ormoni

    artificiali e antibiotici, magari

    nanotecnologici,

    le troveremo solo nelle vetrine delle

    gioiellerie!!!
    ...



    Voi vi lamentate che le corporazioni
    stiano

    prendendo il controllo sulla
    proprieta'

    intellettuale con il DRM, Palladium e
    gli

    attacchi al P2P, ma ci stiamo
    dimenticando

    che hanno gia' preso il controllo di
    quello

    che mangiamo!! Non me ne frega niente

    se rimarro' un ignorante imbecille che

    potra'

    vedere solo l'episodio *famiglia
    felice*

    della Disney

    trasmesso dalla TV Microsoft, ma almeno

    vorrei poter MANGIARE senza dover
    rischiare

    alla lotteria un tumore all'intestino
    solo

    perche'

    una multinazionale ha trovato
    "accettabile"

    un

    rischio di 2% di casi di tossicita'
    nella

    sua

    nuova "super-farina-nanotecnologica"

    che non scade mai!!! :(((




    ...beato te che hai avuto la fortuna e il
    privilegio di vedere quel tal film, noi
    probabilmente moriremo giovanissimi
    intossicati da ormoni e tutte quelle cose
    che dici tu....beh, noi europei siamo in "guerra" con gli usa proprio perchè ci rifiutiamo di importare le loro carni gonfiate con gli ormoni....
    Leggere qualcosa di scientifico, mai?!!?
    :'(in effetti hai proprio ragione, siamo proprio dei paranoici ignorantoni :Dtienti pure le tue certezze (imho relative ;) ). io preferisco essere un paranoico vivo e libero che un imbecille morto o schiavo.....
  • avvelenato scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Quagliostro


    potresti chiamare

    luddista una persona che si rifiuta di
    usare

    il cellulare, ma non una che manifesta
    paure

    e perplessità su di una
    tecnologia

    con potenziale infinito. E di
    distruzione

    infinita.

    No che non sei luddista, ma piuttosto a
    metà tra il nichilista e il
    narcisista.

    mi sa che non vedi l'ora che arrivi
    l'apocalisse giusto per il piacere di
    metterti in prima fila e, dando le spalle ai
    4 cavallieri, puntare il dito a tutta
    l'umanità e urlare che "tu l'avevi
    detto!".

    :D LOL :D

    Il problema non sta nel manifestare le
    paure, ma nel farlo senza cedere al panico.

    "Chi ha paura si sente più sicuro nel
    male che nel bene."
    E. Wiechert
    forse da qualche parte hai letto mie proposte di proibire la ricerca sulla nanotecnologia?
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti

    hemmm.... vedi è proprio dei
    disonesti che mi preoccupo, di quelli che
    pur di sfruttare lo sfruttabile
    dichiarerebbero il falso mille volte.Per quanto il dato sia falsificato e falsificabile, la comunità scientifica ha tutto l'interesse di discuterne i pro e i contro (prima che diventi una teoria generalmente accettata deve essere osservata in più laboratori, non solo americani, per un bel pò di tempo). Il problema insorge al di fuori dei laboratori e dei convegni, ovvero lì dove opera la censura dei governi sorretti dai favori degli industriali (come ad esempio è stato per le ricerche sul tabacco e sui suoi effetti cancerogini, il cui dibattito è all'ordine del giorno, in america e non). In questa circostanza, il ricercatore ha un unica possibilità di cambiare le cose, è non ha a che fare con il suo lavoro: parlo della sua capacità di informarsi e di scegliere di conseguenza il proprio voto politico.Per questo un pò di post fa parlavo della capacità di esaminare la notizia dalla giusta prospettiva.A questo punto la scienza non c'entra più nulla: stiamo parlando di criminali, ed è compito degli esperti della giustizia e dei legislatori (e questi mi preoccupano più delle nanotec) di fare chiarezza. Non è certo ostacolando il progresso che si evitano i disastri, ma lo è permettendo che i criminali ne facciano un uso improprio. E come se volessimo combattere l'alcolismo impedendo che si coltivi l'uva! :PS: del resto,a volte lo fanno, ad esempio con la canapa... al
  • rumenta scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Anonimo
    Non so se hai presente i romanzi di
    "Invasione" di Turtledove, la pensi
    esattamente come uno dei rettilonzi
    invasori, che ci mettono 500 anni per
    decidere se introdurre la TV o meno :)si , li ho riletti almeno un 2 o 3 volte..... e ti consiglio di leggere anche Colonizzazione, davvero notevole :)e si, la tv penso avremmo fatto meglio ad introdurla il più tardi possibile :D

    Al di là delle battute, se dovessimo
    aspettare di sapere tutto su una cosa prima
    di consentirne l'uso, staremmo freschi. E
    poi come fai a stabilire quando sai TUTTO su
    una cosa, quando il progresso scientifico
    è di per sè imprevedibile e
    anche se fosse "quantificabile" non è
    certo regolarmente lineare nel tempo?appunto, ci si mette il tempo che è necessario.
    Prendi solo il campo della medicina, le
    interazioni fra diverse categorie di
    principi attivi sono spesso sconosciute o al
    massimo ipotizzate. hemmm.... scusa ma allora le controindicazioni riportate dalle avvertenze delle medicine sono balle???? dai non esageriamo....In base al tuo principio
    la penicillina si sarebbe dovuta studiare
    fino a qualche anno fa prima di metterla in
    commercio.no, ma almeno si sarebbero evitati i morti per allergia.... io sono uno di quelli che morirebbero di shock anafilattico se curato con la pennicillina :)

    Poi fino a 3 o 4 anni fa era considerato un
    far west anche l'informatica e la rete,
    però non si stava così male,
    vero? proprio un bell'esempio del e già, internet può entrarti nell'organismo e provocarti danni irreparabili.....beh, ma a pensarci bene in effetti a TE ha fatto malissimo :DPoi sono arrivati i geni che si
    svegliano la mattina e decidono dall'esterno
    di dettar legge senza avere idea di quello
    che dicono... con i risultati che puoi
    vedere.
    Non ti sembra che così sia
    esattamente quello che altri stanno facendo
    sulla nanotech? (o su altri rami di
    ricerca?).spero che tu stia scherzando..... paragonare le cautele doverose nella ricerca sulle nanotecnologie alle cagate di un politico prezzolato che tenta di regolamentare l'irregolamentabile è lievemente assurdo.




    appunto.

    il problema NON si pone, dato che le

    nanotecnologie, di qualunque tipo
    siano, NON

    devono essere usate fino a che non ne
    sono

    state comprese tutte le implicazioni.

    senza se e senza ma.

    quando si saprà TUTTO sulle

    nanotecnologie e sui loro effetti
    allora ben

    vengano, se sono utili ed assolutamente
    NON

    dannose.

    così come sono ora invece, senza

    alcuna regola, sono solo un far west,
    dove

    tutti siamo esposti alle possibili

    conseguenze negative del loro utilizzo

    incontrollato.
  • Alessandrox scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Banus
    Il relitto di pianeta è un rischio
    che c'è già adesso.Ah bene... cio' vuoldire allora che bisogna aggiungere altri rischi perche' quelli attuali non sonosufficenti a farci rischiare davvero?Interessante ragionamento....
    L'inquinamento chimico c'è dai tempi
    dei Romani: indovina dove buttavano gli
    scarti della lavorazione del metallo? Ed
    erano così bravi da mettere il piombo
    sui condotti degli acquedotti.Ah certo... gli scarti degli antichi romani hanno inquinato ilmondo quanto quelli dei nostri giorni... CAzzo non lo sapevo. Ma anche nei libri di storia non e' nemmeno appena accennato...
    Torniamo indietro di 150 anni? Allora
    abbattiamo i 3/4 della popolazione mondiale
    perchè non ci sono risorse per tutti.Magari sfruttiamo le risorse con un po'piu'di raziocinio e promuoviamo politiche di contenimento dellacrescita? Ilnostropaese e' arrivato a crescita ZERO in 40-50 anni ma si sa'... noi siamo una razza a parte eh?
    Il progresso è comunque l'unica
    possibilità per trovare una soluzione
    a questi problemi. Poi mi va bene criticare
    l'operato di certe corporation che pensano
    (ovviamente) solo al loro profitto, ma
    criticare il progresso in sè mi
    sembra davvero molto stupido.Non mi pare che si stia criticando alcun tipodi progresso dicendo "stiamo attenti",semmai c'e' da chiedersi come questo "progresso" sia guidato e indirizzato. Non credi?
  • Alessandrox scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    Interessante, adesso pero' mi spieghi cosa
    sono i principi di base della
    ragionevolezza, per quale ragione li avrei
    negati e dove starebbe la trollaggine. Il
    principio di precauzione e' un rigurgito del
    principio di indifferenzaERRORE,e' ladiretta conseguenza dellaconsapevolezza dellalimitatezzadellanostra conoscenza. Ilsuocontrario e' ilrigurgito delPrincipio di ONNISCENZA. Che chiaramente e'una convinzione del tutto arbitraria e illusoria
  • Alessandrox scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    se non si sono studi sugli effetti a
    lungo

    termine io ci andrei cauto..... anche
    il ddt

    all'inizio era considerato innocuo,
    eppure

    oggi (e qualche centinaia di migliaia di

    persone morte) è bandito in
    tutto in

    tutto il mondo....
    Non dove tuttora si hanno serbatoi di
    malaria, ad esempio.
    Si deve sempre ragionare in termini di
    costo/beneficio.
    Andare pero' avanti con il principio di
    precauzione anche nella fantascienza pura e'
    da paranoici piu' che da luddisti.Cosa e' la fantascienza?Sai cosa e'un nano meccanismo?Si tratta di COMPLESSI MOLECOLARI, che interagiscono chimico-fisicamente con lamateria, in particolare, nell'esempio dell'articolo, materia biologica.... e secondo te se ci entrano cose del genere nel corposi puo' stare assolutamente tranquilli? Questa e'realta'NON fantascienza... sveglia.
  • Masque scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    - Scritto da: Anonimo
    Dopo quello che le corporazioni hanno fatto negli
    anni 50 con la petrolchimica (i tumori erano
    praticamente un male inesistente prima di quegli
    anni, oggi sono un epidemia...) [...]Questa poi... Guarda che se prima di quegli anni non si erano fatti studi significativi per isolarli, non significa che non esistessero. Oppure tutto quello che non conosco non esiste?
  • Alessandrox scrive:
    Re: Medievalismo
    - Scritto da: Anonimo
    Allo stato puro.Ma cosa c' entra?Tu sei un'espertoin nanotecnologie?Ma come... se gli scienziati dellemultinazionali diconoche le nanotech. sonobuone e giuste e' progresso, se invece altri scienziati,dopo unostudio, pubblicato e documentato, affermano che bisogna essere prudenti e' MEDIEVALISMO...????Ragazzi si parladi studi scientifici,senon siete daccordo DIMOSTRATE CHE SBAGLIANO con delle controprove, altrimenti TACETE.Alla faccia dell'obbiettivita'.....
  • rumenta scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo

    Ci siamo chiariti, non volevo essere troppo
    polemico, ma spesso queste differenze
    vengono ignorate con troppa facilità
    (e preferisco "abbundare quam deficere").
    Contento di non trovarmi davanti il solito
    fanatico moralista.mai stato, anzi.....però non voglio trovarmi nella cacca perchè qualcuno ha pensato di utilizzare qualcosa di non ancora sperimentato ;)

    ..... peccato che la maggioranza

    delle comunità di ricercatori
    siano

    sponsorizzate dalle multinazionali....
    ma

    forse anche quelle

    (le multinazionali) sono fantascienza :D


    ma chiariamo anche che "la maggior parte
    delle comunità scientifiche" non
    esiste perchè ne esiste solo una, ed
    è composta principalmente da
    accademici (le università, tanto per
    chiarirci). occhio che però la maggior parte dei ricercatori stanno in america, dove le ricerche sono sponsorizzate ampiamente dall'industria, anche nelle grandi università (che anzi si rubano i finanziatori l'una con l'altra...)Che poi buona parte dei
    finanziamenti arrivino da privati, è
    un altro paio di maniche che solleverebbe
    altre questioni (di carattere
    economico-politico), ma chi ci lavora, e chi
    giudica i lavori sono prevalentemente gente
    "disinteressata" se non per le rilevanze
    strettamente teoriche.d'accordo per la teoria, ma è della pratica che mi preoccupo!!

    e te lo dice un ricercatore (in erba) che
    ha scelto questa professione perchè
    viene pagata (molto, mooolto poco, anzi
    molto poco.co.co!!! ;) ) dallo stato e non
    da una fabbrica, e lavora per la
    collettività e non per assicurare i
    brevetti ai padroni.buon per te, e sono contento che ci siano ancora persone che la pensano così.
    Evitiamo di generalizzare troppo, che,
    seppur minimi, questi dettagli fanno la
    differenza. Tra onesti e tutti gli altri.

    alhemmm.... vedi è proprio dei disonesti che mi preoccupo, di quelli che pur di sfruttare lo sfruttabile dichiarerebbero il falso mille volte.per questo vorrei esser certo al di là di ogni ragionevole dubbio che le nanotecnologie NON costituiscano un pericolo per me e per chi mi è caro.e questa non mi sembra una posizione da luddista....
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    Ci siamo chiariti, non volevo essere troppo polemico, ma spesso queste differenze vengono ignorate con troppa facilità (e preferisco "abbundare quam deficere"). Contento di non trovarmi davanti il solito fanatico moralista...... peccato che la maggioranza
    delle comunità di ricercatori siano
    sponsorizzate dalle multinazionali.... ma
    forse anche quelle
    (le multinazionali) sono fantascienza :Dma chiariamo anche che "la maggior parte delle comunità scientifiche" non esiste perchè ne esiste solo una, ed è composta principalmente da accademici (le università, tanto per chiarirci). Che poi buona parte dei finanziamenti arrivino da privati, è un altro paio di maniche che solleverebbe altre questioni (di carattere economico-politico), ma chi ci lavora, e chi giudica i lavori sono prevalentemente gente "disinteressata" se non per le rilevanze strettamente teoriche.e te lo dice un ricercatore (in erba) che ha scelto questa professione perchè viene pagata (molto, mooolto poco, anzi molto poco.co.co!!! ;) ) dallo stato e non da una fabbrica, e lavora per la collettività e non per assicurare i brevetti ai padroni.Evitiamo di generalizzare troppo, che, seppur minimi, questi dettagli fanno la differenza. Tra onesti e tutti gli altri.al
  • Quagliostro scrive:
    Re: Luddisti

    potresti chiamare
    luddista una persona che si rifiuta di usare
    il cellulare, ma non una che manifesta paure
    e perplessità su di una tecnologia
    con potenziale infinito. E di distruzione
    infinita.No che non sei luddista, ma piuttosto a metà tra il nichilista e il narcisista.mi sa che non vedi l'ora che arrivi l'apocalisse giusto per il piacere di metterti in prima fila e, dando le spalle ai 4 cavallieri, puntare il dito a tutta l'umanità e urlare che "tu l'avevi detto!".:D LOL :DIl problema non sta nel manifestare le paure, ma nel farlo senza cedere al panico. "Chi ha paura si sente più sicuro nel male che nel bene." E. Wiechert
  • Aspide scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    Quoto al 100%!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    Non so se hai presente i romanzi di "Invasione" di Turtledove, la pensi esattamente come uno dei rettilonzi invasori, che ci mettono 500 anni per decidere se introdurre la TV o meno :)Al di là delle battute, se dovessimo aspettare di sapere tutto su una cosa prima di consentirne l'uso, staremmo freschi. E poi come fai a stabilire quando sai TUTTO su una cosa, quando il progresso scientifico è di per sè imprevedibile e anche se fosse "quantificabile" non è certo regolarmente lineare nel tempo?Prendi solo il campo della medicina, le interazioni fra diverse categorie di principi attivi sono spesso sconosciute o al massimo ipotizzate. In base al tuo principio la penicillina si sarebbe dovuta studiare fino a qualche anno fa prima di metterla in commercio.Poi fino a 3 o 4 anni fa era considerato un far west anche l'informatica e la rete, però non si stava così male, vero? Poi sono arrivati i geni che si svegliano la mattina e decidono dall'esterno di dettar legge senza avere idea di quello che dicono... con i risultati che puoi vedere.Non ti sembra che così sia esattamente quello che altri stanno facendo sulla nanotech? (o su altri rami di ricerca?).

    appunto.
    il problema NON si pone, dato che le
    nanotecnologie, di qualunque tipo siano, NON
    devono essere usate fino a che non ne sono
    state comprese tutte le implicazioni.
    senza se e senza ma.
    quando si saprà TUTTO sulle
    nanotecnologie e sui loro effetti allora ben
    vengano, se sono utili ed assolutamente NON
    dannose.
    così come sono ora invece, senza
    alcuna regola, sono solo un far west, dove
    tutti siamo esposti alle possibili
    conseguenze negative del loro utilizzo
    incontrollato.
  • avvelenato scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    Mah capisco una diffidenza per cose che non
    si capiscono, ma da qui a pensare che
    nanobot e dintorni siano un danno per l'uomo
    ci vuole proprio una mente viziata da troppi
    film di fantascienza.secondo te è tanto diverso un virus da una macchina nanotecnologica?secondo te è davvero impossibile creare macchine nanotecnologiche autoreplicanti?secondo te sarà doveroso implementare dei sistemi affinché queste non si replichino all'infinito?secondo te è implausibile il timore di vedere il mondo intero trasformato in grey goo (pappetta grigia)?secondo me non siamo ancora al livello degli studi compiuti sulle EM: potresti chiamare luddista una persona che si rifiuta di usare il cellulare, ma non una che manifesta paure e perplessità su di una tecnologia con potenziale infinito. E di distruzione infinita.
  • Straha scrive:
    Re: Anche "PREDA" di Michael Crichton...
    - Scritto da: Anonimo
    E' un bel libro di narrativa, molto
    avvincente, ma tale è.anche "Ventimila leghe sotto i mari" e "Dalla terra alla luna" lo erano :D
  • rumenta scrive:
    Re: Anche "PREDA" di Michael Crichton...
    anche Microgenesi non è malvagio.....
  • rumenta scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Anonimo

    La letteratura sciientifica è la

    più grande fonte di informazione

    distorta che ci porterà dritti
    alla

    catastrofe.


    "RICORDATI CHE DEVI MORIREEE!
    RICORDATI CHE DEVI MORIREEE!

    u--uu--un attimo che mmm-mo me lo segno..!"

    PS: ma si parlava della necessità di
    regolarizzare i controlli sulle
    nanotecnologie o dell'incapacità
    della gente comune di capire a che livello
    deve essere affrontato il problema?appunto.il problema NON si pone, dato che le nanotecnologie, di qualunque tipo siano, NON devono essere usate fino a che non ne sono state comprese tutte le implicazioni.senza se e senza ma.quando si saprà TUTTO sulle nanotecnologie e sui loro effetti allora ben vengano, se sono utili ed assolutamente NON dannose.così come sono ora invece, senza alcuna regola, sono solo un far west, dove tutti siamo esposti alle possibili conseguenze negative del loro utilizzo incontrollato.
    Però ad essere onesto, devo dargli
    ragione. Se certa gente tornasse a zappare
    la terra invece di imparare a navigare su
    internet, avremmo più cavoli freschi
    a cena e meno stronzate sui forum. :Dbravo!!e premettendo che ancora non si sente la mancanza di cavoli freschi a cena....... tu quando parti??così vi mettete avanti col lavoro :D

    Alsì, in effetti più che artificiale non potevi averla..... :D
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    Ho visto "The Corporation" la settimana scorsa al cinema Porto Astra di Padova, che, essendo dotato di sette sale, definirei multisala. Poche programmazioni al giorno, certo, ma è già qualcosa...
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capirete!
    - Scritto da: Anonimo
    [...]il film "The Corporation", uscito
    nelle sale italiane da poco, un documentario
    straordinario la cui pubblicita' in TV e'
    stata censurata su pressioni delle multinazionali,[...]Uh? Veramente è stato uno dei film di cui ho visto più trailer trasmessi o pubblicità continue con annessi articoli sui giornali nel periodo appena trascorso. Penso che solo Sky Captain sia stato più pubblicizzato.Ma ovviamente è sempre più bello dire che è stato censurato dalle multinazionali, sennò che gusto c'è?
  • Anonimo scrive:
    Re: Anche "PREDA" di Michael Crichton...
    E' un bel libro di narrativa, molto avvincente, ma tale è.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Anonimo

    La letteratura sciientifica è la

    più grande fonte di informazione

    distorta che ci porterà dritti
    alla

    catastrofe.


    "RICORDATI CHE DEVI MORIREEE!
    RICORDATI CHE DEVI MORIREEE!

    u--uu--un attimo che mmm-mo me lo segno..!"

    PS: ma si parlava della necessità di
    regolarizzare i controlli sulle
    nanotecnologie o dell'incapacità
    della gente comune di capire a che livello
    deve essere affrontato il problema?
    Però ad essere onesto, devo dargli
    ragione. Se certa gente tornasse a zappare
    la terra invece di imparare a navigare su
    internet, avremmo più cavoli freschi
    a cena e meno stronzate sui forum. :D

    AlLLLOOOOOLLLLLLLLLLLLLLLLLL...................:D
  • rumenta scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    se non si sono studi sugli effetti a
    lungo

    termine io ci andrei cauto..... anche
    il ddt

    all'inizio era considerato innocuo,
    eppure

    oggi (e qualche centinaia di migliaia di

    persone morte) è bandito in
    tutto in

    tutto il mondo....

    Non dove tuttora si hanno serbatoi di
    malaria, ad esempio.
    Si deve sempre ragionare in termini di
    costo/beneficio.
    Andare pero' avanti con il principio di
    precauzione anche nella fantascienza pura e'
    da paranoici piu' che da luddisti.ma LOL.... imho meglio un paranoico vivo e libero che un imbecille morto o schiavo,,,,,
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Anonimo
    Qualcuno è arrivato anche a dire che
    se l'energia
    elettrica del mondo fosse prodotta
    interamente per via eolica,
    il clima subirebbe dei cambiamenti notevoli,
    perche'
    da un punto di vista di bilancio energetico,
    quella prodotta
    con i generatori eolici e' comunque energia
    che viene sottratta all'atmosfera



    la madre dei coglioni e' sempre incinta
    purtroppo...http://www.theglobeandmail.com/servlet/story/RTGAM.20041109.wwind1109/BNStory/specialScienceandHealth/
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    Qualcuno è arrivato anche a dire che se l'energiaelettrica del mondo fosse prodotta interamente per via eolica,il clima subirebbe dei cambiamenti notevoli, perche'da un punto di vista di bilancio energetico, quella prodottacon i generatori eolici e' comunque energiache viene sottratta all'atmosferala madre dei coglioni e' sempre incinta purtroppo...
  • Anonimo scrive:
    Anche "PREDA" di Michael Crichton...
    ... non è malvagio come esempio di sviluppi futuri
  • Anonimo scrive:
    Medievalismo
    Allo stato puro.
  • Lucrezia scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    Forse intendevano NANO-tecnologia, ovviamente è una cosa cattiva, una cosa fatta dal nano per cui è bene che tutta la sinistra si scagli contro.Nerds
  • Lucrezia scrive:
    Re: brevetti = nuova dittatura
    Infatti approvo in pieno la tua idea. Però pernsa al buon Prodi, che è stato per non so qunti anni capo della comunità europea e nn ha mai fatto nulla in prosposito.Chissà perchè....... W i no global quando si accattano voti eh... però per il resto....
  • Anonimo scrive:
    Nanodecoder
    Col nuovo nanodecoder impiantato direttamente sulla corteccia cerebrale si potrà piratare tutto senza essere beccati, a meno che le major non riescano a ottenere la possibilità di effettuare biopsie, trapanazioni craniche ed EEG durante le perquisizioni :@
  • Anonimo scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    Sono d'accordo!:D
  • Banus scrive:
    Re: E il folding@home ?
    - Scritto da: Anonimo

    Guarda che la natura si autoregola, tutto
    deve essere proporzionato alle risorse
    disponibili.
    Andare contro la natura non porta molto
    lontano.Allora rinunciamo alla tecnologia che ci porta così lontano da madre natura. E lasciamo che secondo natura che solo i più forti vivano abbastanza a lungo da formare una famiglia. :pIl progresso serve anche per sfruttare in maniera più efficiente le risorse.E comunque considera che progresso tecnologia corporations==================================Modificato dall'autore il 25/11/2004 13.04.08
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Anonimo
    Da settimane cerco un cinema dove lo diano
    (zona TV-VE-PD) nessuno dei 4 multisala qui
    si è degnato

    Sono riuscito a trovare questo:http://www.fandango.it/ita/distribuzione/the_corporation/main.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    Effettivamente chi ha scritto che i semi si autodistruggono non è stato corretto. I semi non si autodistruggono affatto, ma semplicemente sono sterili, quindi l'anno venturo dovranno ricomprarli da chi li produce.Tornando al discorso iniziale, vorrei far notare che la biogenetica è una tecnica eccezionale che offre innumerevoli vantaggi per tutti.Alcuni sembra facciano delle vere e proprie crociate contro le scienza, il che mi sembra tanto roba del medioevo. La nanotecnologia come le biotecnologie ed altri filoni scientifici hanno anche il rovescio della medaglia e bisogna lottare tutti insieme per fare in modo che la faccia "buona" prevalga su quella "oscura" (mi ricorda tanto un film di fantascienza), portando avanti queste crociate si finirà con l'affermare che con i coltelli si ammazzano le persone e quindi tutti dovremmo mangiare con le mani strappando la carne a morsi.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?

    La letteratura sciientifica è la
    più grande fonte di informazione
    distorta che ci porterà dritti alla
    catastrofe."RICORDATI CHE DEVI MORIREEE!RICORDATI CHE DEVI MORIREEE!u--uu--un attimo che mmm-mo me lo segno..!"PS: ma si parlava della necessità di regolarizzare i controlli sulle nanotecnologie o dell'incapacità della gente comune di capire a che livello deve essere affrontato il problema?Però ad essere onesto, devo dargli ragione. Se certa gente tornasse a zappare la terra invece di imparare a navigare su internet, avremmo più cavoli freschi a cena e meno stronzate sui forum. :DAl
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    Mapperfavore, ancora il modello malthusiano no!!! Noooo!!!! :D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    mi tooca ancora volta dare ragione al governo cinese, massimo un figlio per coppia, nel giro di alcune generazioni si diminuirebbe la popolazione mondiale, facnedo in modo che la natura si riequilibri e le risorse si sistemino da sole.quindi a mio avviso sarebbe bello , vivere in un modo in cui siamo in quattro gatti, ma essendo così pochi, possiamo aver e un tenore di vita elevato, in quanto ci sono abbastanza risorse, e quindi le ns scelte non influirebbero sul futuro del pianeta. Un po come facevano gli indiani d'america, che prendevano solo lo stretto necessario e ringraziavano per averlo preso
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti


    Torniamo indietro di 150 anni? Allora
    abbattiamo i 3/4 della popolazione mondiale
    perchè non ci sono risorse per tutti.
    Il progresso è comunque l'unica
    possibilità per trovare una soluzione
    a questi problemi.L'obiettivo finale quale sarebbe?Diventare sempre di più? Mille miliardi vanno bene?E per quale motivo? Per aumentare i profitti delle corporation?Guarda che la natura si autoregola, tutto deve essere proporzionato alle risorse disponibili.Andare contro la natura non porta molto lontano.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Mah capisco una diffidenza per cose che
    non

    si capiscono
    E anche parlare, di cose che non si
    conoscono, magari...
    Un nano programmato per dissociare composti
    chimici rilasciato in aria... vogliamo fare
    una prova su du te?Affascinante. Di nani programmati conosco un certo leader locale, non sapevo che avessero rilasciato un buon sdk per nani... L'hai avuto assieme al lego mindstorm? :D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    Mi pare che l'articolo abbia messo in luce
    l'assenza di regole e dunque il rischio o la
    realtà di un far west nanotec.
    La ricerca di un buon sistema normativo in
    materia potrebbe essere un utile piano di
    confronto.
    Brrrr... Questa storia del "far west" mi ricorda qualcosa... Capisco che tra politicanti e legulei si vogliano imporre norme a tutto e tutti, ma vediamo di non perdere di vista la realta' oppure davvero finira' per essere discussa in aula la normativa sui teletrasporti! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: brevetti = nuova dittatura
    Il problema, non è il brevetto in se ma la durata del brevetto.Se brevetti durassero 10 anni invecie che 25 come accade oggi, si garantirebbe lo sviluppo, che ci piaccaia o meno ad oggi la ricerca la pagano le multinazionali e quindi vogliono tutelarsi, solo che con tempi così lungi si tutelano troppo.Io in liena di principio sono contro i brevetti software, ma se i brevetto software valesser 5 anni, per via che il mercato informatico è più dinamico degli altri, probabilmente si riuscirebbe ad ottenere un compromesso. in fondo fra un mese siamo nel 2005, e se ci fossero delle cose poste sotto brevetto dentro win2000 (ad esempio l'integrazioen tra browseer e sistema operativo), si potrebbe tranquillamente inizare a utilizzarli, ms avrebbe avuto il suo tornaconto e noi oggi potermmo dire , bravi zio bill hai invetato qualcosa di utilie ti abbiamo pagato l'idea per 5 anni, ma da oggi lo facciamo anche noi.personalemnte ritenmgo che integrare os e browser sia una ca**ta, e che senza brevetti si vivrebbe meglio, ma forse, e ripeto forse la durata potrebbe essere un ragioneveole compromesso.Vuoi brevttare un nuovo pesticida agricolo, ok sappi che da quando lo brevetti, hai 10 raccolti disponibili, per ripagarti le spese di ricerca e guadgnarci, dopo di che tutti lo possono produrre.che ve ne pare?
  • Anonimo scrive:
    Re: brevetti = nuova dittatura
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Il sistema di brevetti e` stato
    inventato da

    poco quindi non abbiamo mai
    sperimentato il

    suo potenziale.



    guarda che i brevetti esistono dalla fine
    del 1500 DC.

    evidentemente l'usare troppo linux ti
    distrae parecchio :Dsi .. grazie alla distorsione che ha generato un sottoprodotto della privatizzazione della censura governativa in Inghilterra .. che culo il mondo anglosassone ..
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    Mah capisco una diffidenza per cose che non
    si capisconoE anche parlare, di cose che non si conoscono, magari...Un nano programmato per dissociare composti chimici rilasciato in aria... vogliamo fare una prova su du te?
  • Anonimo scrive:
    Re: brevetti = nuova dittatura
    - Scritto da: Anonimo
    Il sistema di brevetti e` stato inventato da
    poco quindi non abbiamo mai sperimentato il
    suo potenziale.
    guarda che i brevetti esistono dalla fine del 1500 DC.evidentemente l'usare troppo linux ti distrae parecchio :D
  • Anonimo scrive:
    brevetti = nuova dittatura
    Il sistema di brevetti e` stato inventato da poco quindi non abbiamo mai sperimentato il suo potenziale.Ma potete immaginare le conseguenze se, ipoteticamente, qualcuno avesse potuto brevettare, che so, l'agricoltura.Non crediate sia ridicolo: un'idea come "l'agricoltura" oggi sarebbe brevettabilissima! Ci sono brevetti ben piu` assurdi (la ruota? o le scrollbar ecc... il mondo informatico e` pieno).E` solo un esempio per sottolineare il concetto chiave che con i brevetti, presto o tardi *accadra`* che una singola corporation abbia il controllo esclusivo di un'invenzione di importanza *capitale* per l'umanita`.In una societa` sana questo non sarebbe possibile, la gente si approprierebbe in modo "naturale" dell'invenzione.Il problema e` che qua il potere delle corporation e` GIA` troppo forte, controllano di fatto le forze necessarie per farsi obbedire (legge e forze armate, in ultima analisi).Pertanto la prossima "agricoltura" non sara` copiabile e saremo tutti sudditi di chi la "possiede".Saranno le nanomacchine? Forse, o forse sara` qualcos'altro, nn so.Il caso ogm e` molto pauroso e dovrebbe gia` far riflettere sul futuro. Ma ancora di piu` dovrebbe far riflettere il caso Iraq: nell'ultima conquista americana non si sono neanche disturbati ad usare la tecnologia, hanno semplicemente messo una legge che vieta ai contadini di riutilizzare le loro sementi dai precedenti raccolti, aka i contadini sono costretti ad acquistarle ogni anno dalle solite 4 corporation. Se questi non sono ladri legalizzati allora ditemi voi cosa sono.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    Mi pare che l'articolo abbia messo in luce l'assenza di regole e dunque il rischio o la realtà di un far west nanotec.La ricerca di un buon sistema normativo in materia potrebbe essere un utile piano di confronto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo






    Non dove tuttora si hanno serbatoi
    di


    malaria, ad esempio.


    Si deve sempre ragionare in
    termini di


    costo/beneficio.


    Andare pero' avanti con il
    principio di


    precauzione anche nella
    fantascienza

    pura e'


    da paranoici piu' che da luddisti.



    Negando i principi base della
    ragionevolezza

    (lo e' il "principio di precauzione" che

    citi malamente) mostri la tua natura di

    troll sofisticato, di quelli che infondo

    aiutano le discussioni.



    buona giornata

    Le precauzioni sulle nanotecnologie hanno dei
    fondamenti scientifici; non dobbiamo pensarle
    nei termini proposteci dalla fiction: per
    esempio in
    qualche puntata di Stargate SG1 o dei Borg
    di StarTrek,
    in cui venivano iniettate nel sangue delle
    nanomacchine.
    Ma pensiamo ad esempio ai nanotubi in
    carbonio,
    con cui ci volevano costruire l'ascensore
    spaziale
    (e non e' fantasia). Questi hanno
    dimensioni, tali
    che poi le loro polveri vanno direttamente
    negli
    alveoli polmonari, con conseguenze che non
    conosciamo
    (ricordate l'amianto...).Le conseguenze sono probabilmente le stesse di ogni esposizione prolungata al particolato, credo che dal punto di vista epidemiologico non vi sia differenza. Pero' non e' che gli ascensori spaziali siano diffusi come lo era l'eternit...
  • Anonimo scrive:
    Una domanda ...
    Non ho capito bene ... La Biotecnologia consiste nella modifica genetica degli alimenti e qui posso capire se qualcuno parla di imprevedibilità del risultato ed è chiara la sua applicazione nelle colture. Questa è una tecnologia concettualmente chiara e si fa benissimo con tecniche macroscopiche. La Nanotecnologia io l'ho sempre pensata come la realizzazione di macchine o prodotti artificiali microsocopici, tecnologia che per ora è ancora agli inizi, di cui si stanno occupando grosse aziende del settore dell'elettronica.Come si applica questo all'agricoltura ? Dico OGGI e non nel 23" secolo
  • Banus scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Bruco
    Certo, certo, finora è andato tutto
    bene. Da qui a dire che per i prossimi
    duecento anni andrà ancora tutto bene
    invece che non consegneremo alle generazioni
    future un relitto di pianeta ce ne passa.
    Ma si, chissenefrega di quelli che verranno
    tra duecento anni! Anche cento, cinquanta!Il relitto di pianeta è un rischio che c'è già adesso.L'inquinamento chimico c'è dai tempi dei Romani: indovina dove buttavano gli scarti della lavorazione del metallo? Ed erano così bravi da mettere il piombo sui condotti degli acquedotti.Torniamo indietro di 150 anni? Allora abbattiamo i 3/4 della popolazione mondiale perchè non ci sono risorse per tutti.Il progresso è comunque l'unica possibilità per trovare una soluzione a questi problemi. Poi mi va bene criticare l'operato di certe corporation che pensano (ovviamente) solo al loro profitto, ma criticare il progresso in sè mi sembra davvero molto stupido.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    Immagino che una discussione lucida ed argomentata sia impossibile, eh?!Vabbe'.
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo



    Non dove tuttora si hanno serbatoi di

    malaria, ad esempio.

    Si deve sempre ragionare in termini di

    costo/beneficio.

    Andare pero' avanti con il principio di

    precauzione anche nella fantascienza
    pura e'

    da paranoici piu' che da luddisti.

    Negando i principi base della ragionevolezza
    (lo e' il "principio di precauzione" che
    citi malamente) mostri la tua natura di
    troll sofisticato, di quelli che infondo
    aiutano le discussioni.

    buona giornataLe precauzioni sulle nanotecnologie hanno deifondamenti scientifici; non dobbiamo pensarlenei termini proposteci dalla fiction: per esempio inqualche puntata di Stargate SG1 o dei Borg di StarTrek,in cui venivano iniettate nel sangue delle nanomacchine.Ma pensiamo ad esempio ai nanotubi in carbonio,con cui ci volevano costruire l'ascensore spaziale(e non e' fantasia). Questi hanno dimensioni, taliche poi le loro polveri vanno direttamente neglialveoli polmonari, con conseguenze che non conosciamo(ricordate l'amianto...).
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Bruco

    - Scritto da: Anonimo

    Mapperfavore, siamo (presumibilmente)

    grandi, vaccinati e non dipendiamo
    certo da

    cinema o televisione per avere
    un'opinione.

    Esiste una comunita' scientifica che
    sovente

    si tira allegre bordate sull'argomento,

    prima di scadere citando persino le
    leggende

    metropolitane attingiamo alla
    letteratura.

    Tullio regge avrebbe avuto da dire la
    sua,

    ad esempio... :D

    La letteratura sciientifica è la
    più grande fonte di informazione
    distorta che ci porterà dritti alla
    catastrofe.

    Libero di pensare altrimenti che chi investe
    miliardi di dollari nella ricerca finisca
    col dire che ha trovato boiate...Dimentichi che esiste anche chi non si discosta dal metodo, generando cosi' "effetti Duesberg" anche in presenza di grandi interessi. Non esiste, salvo che nelle fantasie di Urbani, un controllo planetario sulle pubblicazioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Bruco

    - Scritto da: Anonimo

    Mapperfavore, siamo (presumibilmente)

    grandi, vaccinati e non dipendiamo
    certo da

    cinema o televisione per avere
    un'opinione.

    Esiste una comunita' scientifica che
    sovente

    si tira allegre bordate sull'argomento,

    prima di scadere citando persino le
    leggende

    metropolitane attingiamo alla
    letteratura.

    Tullio regge avrebbe avuto da dire la
    sua,

    ad esempio... :D

    La letteratura sciientifica è la
    più grande fonte di informazione
    distorta che ci porterà dritti alla
    catastrofe.Non e' la letteratura scientifica, ma le mediazionipolitiche. Se vai da un ingegnere e ti fai progettareuna casa, lui ti fara' un progetto e tu lo realizzeraia tue spese. Ma poi strada facendo ti accorgi ad esempio checosta troppo e quindi decidi di risparmiare a capa dicacchio: per esempio anziche' usare il cementodel progetto ne usi uno piu' leggero che costa meno, tantocheccefrega, e' lo stesso, la casa viene su uguale.Poi la casa crolla. La colpa e' di chi ha fatto il progetto?Per ogni verita' scientifica c'e' qualcuno chee' pronto a proporre una verita' "scientifica" alternativa. Machi ha ragione? Tullio Regge diceva che bisognarisparmiare a livello energetico e diventare indipendentidai combustibili fossili, che l'italia non ha, e quindisfruttare tutte le energie alternative possibili, compresele turbine pelton messe nello scarico del cesso. E subitoi politici a riproporre il nucleare, in barba ai referendum,perché guardando bene, quel referendum non eraper bloccare il nucleare...Qualcuno è arrivato anche a dire che se l'energiaelettrica del mondo fosse prodotta interamente per via eolica,il clima subirebbe dei cambiamenti notevoli, perche'da un punto di vista di bilancio energetico, quella prodottacon i generatori eolici e' comunque energiache viene sottratta all'atmosfera! Secondo voi il climacambierebbe di più sottraendo qualche terawattora, oppureimmettendo nell'atmosfera tonnellate e tonnellatedi anidride carbonica, etc.?
  • Bruco scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    Interessante, adesso pero' mi spieghi cosa
    sono i principi di base della
    ragionevolezza, per quale ragione li avrei
    negati e dove starebbe la trollaggine. Il
    principio di precauzione e' un rigurgito del
    principio di indifferenza, almeno dal punto
    di vista epistemologico. Buona giornata
    anche a te, grazie.Non so in cosa consista il principio di precauzione, però io preferisco fare riferimento al "principio del rifiuto della catastrofe": la probabilità di un "evento sfortunato" va pesata in base alle conseguenze che esso provocherebbe.Anche questo è un principio scientifico alla base di quella branca della statistica matematica nota come "teoria delle decisioni".Per questo motivo sono contrario a nanotecnologie, OGM, energia nucleare, e via dicendo.Certo, certo, finora è andato tutto bene. Da qui a dire che per i prossimi duecento anni andrà ancora tutto bene invece che non consegneremo alle generazioni future un relitto di pianeta ce ne passa.Ma si, chissenefrega di quelli che verranno tra duecento anni! Anche cento, cinquanta!E poi, se si dovesse aspettare così tanto tempo, il progresso tecnologico non farebbe più alcun passo in avanti! Pronti allora, costruiamoci una bomba a orologeria sotto il culo!
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capirete!

    petrolchimica (i tumori erano praticamente
    un male
    inesistente prima di quegli anni, oggi sono
    un
    epidemia...)è una balla: i tumori erano diffusi anche ai tempi dei dinosauri (sono stati trovati fossili che lo dimostrano)
    come l'india si sono trovati a ricomprare
    ogni anno i semi del raccolto perche'
    erano diventati capaci di autodistruggersi),sì, ed io ho sentito dire che il dentifricio lo fanno con l'antigelo per auto
    il pensiero che le nanotecnologie stiano
    per affacciarsi al mercato di massa con
    le loro potenzialita', dovrebbe farci
    TREMARE.ed invece il pensiero che qualche chirurgo ti tagliuzzi un po' qua ed un po' là senza sapere quello che sta facendo è molto rassicurante
    Per fortuna che io compro solo nelle catene
    Biopolis, che vendono roba di agricoltura
    biologica. Ma non tutti vivono nelle grandi
    citta' (Biopolis e altre catene sono solo a
    Roma,
    Milano, etc.), e non tutti possono
    permettersi di
    pagare *il doppio* la spesa...e non è business quello?
    Di questo passo i prodotti naturali, che
    prima
    la gente raccoglieva da terra GRATISdi quanti migliaia di anni fa stiamo parlando? L'avessero saputo i miei nonni non avrebbero faticato tanto per coltivare la terra
    Non me ne frega niente
    se rimarro' un ignorante imbecille che
    potra'
    vedere solo l'episodio *famiglia felice*
    della Disney
    trasmesso dalla TV Microsoft,contento tu ...
    ma almeno
    vorrei poter MANGIARE senza dover rischiare
    alla lotteria un tumore all'intestino solo
    perche'
    una multinazionale ha trovato "accettabile"
    un
    rischio di 2% di casi di tossicita' nella
    sua
    nuova "super-farina-nanotecnologica"
    che non scade mai!!! :(((mi sa che hai fatto un po' di confusione: nano-tecnologia non equivale ad ogm.
  • Bruco scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    - Scritto da: Anonimo
    Mapperfavore, siamo (presumibilmente)
    grandi, vaccinati e non dipendiamo certo da
    cinema o televisione per avere un'opinione.
    Esiste una comunita' scientifica che sovente
    si tira allegre bordate sull'argomento,
    prima di scadere citando persino le leggende
    metropolitane attingiamo alla letteratura.
    Tullio regge avrebbe avuto da dire la sua,
    ad esempio... :DLa letteratura sciientifica è la più grande fonte di informazione distorta che ci porterà dritti alla catastrofe.Libero di pensare altrimenti che chi investe miliardi di dollari nella ricerca finisca col dire che ha trovato boiate...
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    - Scritto da: Anonimo
    Solo una cosa, non è Montalto, ma
    Monsanto... sono quelli
    che, qualche anno fa hanno importato
    CLANDESTINAMENTE in Italia cerealiHai ragione, e' Monsanto e non Montalto. Chiedo venia.Tra l'altro cominciassero a rivedere le leggi suibrevetti, stai tranquillo che non si darebbero cosi'da fare per ungere a destra e a manca per farapprovare le "loro" leggi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo



    Non dove tuttora si hanno serbatoi di

    malaria, ad esempio.

    Si deve sempre ragionare in termini di

    costo/beneficio.

    Andare pero' avanti con il principio di

    precauzione anche nella fantascienza
    pura e'

    da paranoici piu' che da luddisti.

    Negando i principi base della ragionevolezza
    (lo e' il "principio di precauzione" che
    citi malamente) mostri la tua natura di
    troll sofisticato, di quelli che infondo
    aiutano le discussioni.

    buona giornataInteressante, adesso pero' mi spieghi cosa sono i principi di base della ragionevolezza, per quale ragione li avrei negati e dove starebbe la trollaggine. Il principio di precauzione e' un rigurgito del principio di indifferenza, almeno dal punto di vista epistemologico. Buona giornata anche a te, grazie.
  • Anonimo scrive:
    Re: ok ma dove lo danno?
    Mapperfavore, siamo (presumibilmente) grandi, vaccinati e non dipendiamo certo da cinema o televisione per avere un'opinione.Esiste una comunita' scientifica che sovente si tira allegre bordate sull'argomento, prima di scadere citando persino le leggende metropolitane attingiamo alla letteratura.Tullio regge avrebbe avuto da dire la sua, ad esempio... :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti

    Non dove tuttora si hanno serbatoi di
    malaria, ad esempio.
    Si deve sempre ragionare in termini di
    costo/beneficio.
    Andare pero' avanti con il principio di
    precauzione anche nella fantascienza pura e'
    da paranoici piu' che da luddisti.Negando i principi base della ragionevolezza (lo e' il "principio di precauzione" che citi malamente) mostri la tua natura di troll sofisticato, di quelli che infondo aiutano le discussioni.buona giornata
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    - Scritto da: Anonimo
    se non si sono studi sugli effetti a lungo
    termine io ci andrei cauto..... anche il ddt
    all'inizio era considerato innocuo, eppure
    oggi (e qualche centinaia di migliaia di
    persone morte) è bandito in tutto in
    tutto il mondo....Non dove tuttora si hanno serbatoi di malaria, ad esempio.Si deve sempre ragionare in termini di costo/beneficio.Andare pero' avanti con il principio di precauzione anche nella fantascienza pura e' da paranoici piu' che da luddisti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    - Scritto da: Anonimo
    Per fortuna che io compro solo nelle catene
    Biopolis, che vendono roba di agricoltura
    biologica. Ma non tutti vivono nelle grandi
    citta' (Biopolis e altre catene sono solo a
    Roma,
    Milano, etc.), e non tutti possono
    permettersi di
    pagare *il doppio* la spesa...

    e bravo!!! compra, compra, l'agricoltura
    Biologica è la truffa del 2000 fatta
    per prendere in giro i consumatori, falde
    acquifere inquinate e pioggia acida rendono
    quei prodotti non biologici ma comuni a
    tutti gli altri e poi considerato il fatto
    che il contadino del campo limitrofo spruzza
    i disserbanti anche il vento diviene
    complice (fonte: ammissione dei ricercatori
    del CNR che tutti i giorni vengono a
    mangiare al mio ristorante), tu ci fai anche
    il vanesio perchè puoi permetterti il
    lusso di pagare il doppio per la tua morte?
    oh contento te!!!:sE' arrivata la volpe del deserto,che sa tutto, perche' gliel'ha dettosuo *cuggino* che lavora al CNR. Tra l'altro ituoi amici del CNR, sono gli stessi che negli anni60 i campi di grano li irradiavano con il CESIOradioattivo, per far venire le spighe piu' grandi! E ineffetti erano ben piu' grandi. Peccato fossero ancheradioattive!L'agricoltura biologica deve sottostare a determinati canoni e certificazioni. Chiaramente non tutto quello che c'e' scritto BIOe' genuino come quello che si coltivava 150 anni fa(50 no, perche' 50 anni fa con i pesticidi e idiserbanti ci innaffiavano i campi...); e inoltreesiste sempre l'inquinamento biologico fatto di virus, batteri,funghi, etc. (che tra l'altro con i pesticidi si sono pure rinforzati).Ma non hai mai sentito parlare di concentrazioni? Secondo teil residuo chimico che rimane in un alimentocoltivato in un campo a biologico e uno a pesticidi,dove nel primo ci va qualche residuo del secondo trasportatodal vento e' lo stesso?Inoltre il biologico riguarda tutta la catena, per esempiole uova prodotte non da galline e polletti fatti crescere,in 20cm quadrati, ma lasciate libere di scorazzare per icampi.Ci siamo mai chiesti perche' sono aumentatedi cosi' tanto le intolleranze alimentari?Andate a rivedervi un vecchio Report, credo fossedi 1 o 2 anni fa (ma nell'archivio RAI si dovrebbe trovare),in cui parlano del biologico. C'e' anche chi fiutato l'affare,si è messo ad aggirare le leggi cheregolano il "biologico": per esempio eliminarela terra "inquinata" (deve stare tre anni a riposose non ricordo male, ma sul documentario di Report lo dice)e farne portare di nuova. Comunque e' anche probabileil contrario, ovvero che, fiutato l'affare, si comincino (sempreche non l'hanno gia' fatto) a taroccare le etichette,per cui ti vendono con il marchio "BIO" e quindia prezzi raddoppiati anche i prodotti convenzionali.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    Grande brunposta!!!!
  • Anonimo scrive:
    ok ma dove lo danno?
    Da settimane cerco un cinema dove lo diano (zona TV-VE-PD) nessuno dei 4 multisala qui si è degnato - Scritto da: Anonimo

    Guardatevi il film "The Corporation", uscito
    nelle sale italiane da poco, un documentario
    straordinario la cui pubblicita' in TV e'
    stata
    censurata su pressioni delle multinazionali,
    e capirete perche' bisogna temere le
    nanotecnologie e NON avere alcuna fede che
    verranno usate con saggezza. Dopo quello
    che le
    corporazioni hanno fatto negli anni 50 con
    la
    petrolchimica (i tumori erano praticamente
    un male
    inesistente prima di quegli anni, oggi sono
    un
    epidemia...), negli anni 70 con gli ormoni
    nel latte
    di mucca (ancora oggi legali perche' nessun
    network televisivo sopravviverebbe senza la
    pubblicita' del cartello alimentare), negli
    anni '80
    con gli OGM (interi paesi a sussistenza
    agricola
    come l'india si sono trovati a ricomprare
    ogni anno i semi del raccolto perche'
    erano diventati capaci di autodistruggersi),
    il pensiero che le nanotecnologie stiano
    per affacciarsi al mercato di massa con
    le loro potenzialita', dovrebbe farci
    TREMARE.

    Per fortuna che io compro solo nelle catene
    Biopolis, che vendono roba di agricoltura
    biologica. Ma non tutti vivono nelle grandi
    citta' (Biopolis e altre catene sono solo a
    Roma,
    Milano, etc.), e non tutti possono
    permettersi di
    pagare *il doppio* la spesa...

    Di questo passo i prodotti naturali, che
    prima
    la gente raccoglieva da terra GRATIS, adesso
    saranno rari come pietre preziose. Le
    bistecche
    di carne non trattata con antibatterici,
    ormoni
    artificiali e antibiotici, magari
    nanotecnologici,
    le troveremo solo nelle vetrine delle
    gioiellerie!!!

    Voi vi lamentate che le corporazioni stiano
    prendendo il controllo sulla proprieta'
    intellettuale con il DRM, Palladium e gli
    attacchi al P2P, ma ci stiamo dimenticando
    che hanno gia' preso il controllo di quello
    che mangiamo!! Non me ne frega niente
    se rimarro' un ignorante imbecille che
    potra'
    vedere solo l'episodio *famiglia felice*
    della Disney
    trasmesso dalla TV Microsoft, ma almeno
    vorrei poter MANGIARE senza dover rischiare
    alla lotteria un tumore all'intestino solo
    perche'
    una multinazionale ha trovato "accettabile"
    un
    rischio di 2% di casi di tossicita' nella
    sua
    nuova "super-farina-nanotecnologica"
    che non scade mai!!! :(((

  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    Solo una cosa, non è Montalto, ma Monsanto... sono quelliche, qualche anno fa hanno importato CLANDESTINAMENTE in Italia cereali transgenici e che, grazie ad una soffiata di agricoltori (grandi!), sono stati beccati con le dita nella marmellata. Comunque, OGM a parte, la Monsanto è sporchissima, una vera organizzazione criminale di stampo mafioso, e visto che più su nel thread si è parlato di Report, leggetevi questo, per vedere cosa sono capaci di fare, e che impatto hanno sulla nostra vita di cricetini in gabbia, ci sembra di essere liberi di correre... in realtà stiamo solo trottando sulla ruota. *vrrrr* *vrrrr* =)http://www.report.rai.it/servizio.asp?s=7- Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo


    L'India ha distrutto i campi coltivati
    OGM

    diversi anni fa, oggi le grandi
    corporation

    fornitrici di semi ogm non possono
    vendere

    sementi in quella nazione.....

    Dove hai letto che le hanno distrutte?
    A me non risulta (e nemmeno a Report) che
    abbiano
    distrutto alcunché.
    Quanto alle venditrici di semi OGM
    che si autodistruggono dopo il primo uso
    (mi sembra il film sui "cloni" con
    Schwarzennegger,
    di cui non mi ricordo il titolo, quello in
    cui mettevano un gene particolare di
    autodistruzione, in modo che
    potessero tenere i cloni "per le palle"...),
    c'e' la Montalto
    (multinazionale) che e' anche quella che sta
    cercando di
    bloccare in Italia e nell'Unione le leggi
    contro gli OGM. Qui non
    si tratta di bloccare gli OGM, ma si vuole
    impedire
    che la gente sappia che un prodotto
    abbia l'etichetta con su scritto che e' OGM
    (perché sanno che automaticamente non
    li comprerebbe
    NESSUNO!!!). Oltretutto una volta che gli
    OGM hanno
    inquinato una coltivazione difficilmente te
    ne liberi
    (tra l'altro mi chiedo perche' i semi del
    mais o
    della soia transgenica, non si
    autodistruggono come quelli indiani,
    in tal caso sarebbe molto piu' facile
    liberarsene).

    Purtroppo questi non hanno capito una cosa
    (o meglio l'hanno capito ben prima di noi
    ma non gli interessa): gli OGM bypassano
    milioni e milioni
    di anni di evoluzione naturale, e stanno
    mischiando
    cio' sono sempre stati regni distinti,
    ovvero il
    regno "animale" e quello "vegetale": con le
    nanotecnologie
    andranno ancora oltre, ovvero ci metteranno
    dentro
    anche il regno "minerale". In nome di una
    sola cosa: il
    profitto!

    Quanto ai miliardi di dollari che hanno
    speso in
    ricerca, cazzi loro. Non si puo' brevettare
    la natura
    e l'uomo. Il brevetto, come il copyright e'
    nato per proteggere
    gli inventori e gli autori, per dare loro un
    giusto riconoscimento,
    non per far fare milioni di dollari alle
    multinazionali
    in modo che possono tenerci perennemente per
    le palle.
    E noi come pecoroni a dire si a tutto: i
    libri digitali
    che possono decidere loro quando e quante
    volte puoi
    leggerli, etc.

    Tra l'altro qualcuno mi sa dire dove sono
    finiti i
    vecchi pomodori S. Marzano? Quelli che
    vendono
    adesso, perfetti e lucenti, spacciati con
    questo nome, non hanno gusto di nulla, come
    il gelato
    al gusto di "puffo".

    Che impieghino gli OGM per altre cose
    meno nocive, per esempio per
    fare i fiori colorati, le rose blu, etc... ;)




    ma un pò più di

    sensibilità no eh? in fondo di
    mondi

    in cui vivere abbiamo solo questo... una

    volta che lo si è rovinato dove

    andiamo???
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    - Scritto da: Anonimo
    L'India ha distrutto i campi coltivati OGM
    diversi anni fa, oggi le grandi corporation
    fornitrici di semi ogm non possono vendere
    sementi in quella nazione.....Dove hai letto che le hanno distrutte?A me non risulta (e nemmeno a Report) che abbianodistrutto alcunché.Quanto alle venditrici di semi OGMche si autodistruggono dopo il primo uso(mi sembra il film sui "cloni" con Schwarzennegger,di cui non mi ricordo il titolo, quello in cui mettevano un gene particolare di autodistruzione, in modo chepotessero tenere i cloni "per le palle"...), c'e' la Montalto (multinazionale) che e' anche quella che sta cercando dibloccare in Italia e nell'Unione le leggi contro gli OGM. Qui nonsi tratta di bloccare gli OGM, ma si vuole impedireche la gente sappia che un prodotto abbia l'etichetta con su scritto che e' OGM(perché sanno che automaticamente non li comprerebbeNESSUNO!!!). Oltretutto una volta che gli OGM hannoinquinato una coltivazione difficilmente te ne liberi(tra l'altro mi chiedo perche' i semi del mais odella soia transgenica, non si autodistruggono come quelli indiani,in tal caso sarebbe molto piu' facile liberarsene).Purtroppo questi non hanno capito una cosa(o meglio l'hanno capito ben prima di noima non gli interessa): gli OGM bypassano milioni e milionidi anni di evoluzione naturale, e stanno mischiandocio' sono sempre stati regni distinti, ovvero ilregno "animale" e quello "vegetale": con le nanotecnologieandranno ancora oltre, ovvero ci metteranno dentroanche il regno "minerale". In nome di una sola cosa: ilprofitto!Quanto ai miliardi di dollari che hanno speso inricerca, cazzi loro. Non si puo' brevettare la naturae l'uomo. Il brevetto, come il copyright e' nato per proteggeregli inventori e gli autori, per dare loro un giusto riconoscimento,non per far fare milioni di dollari alle multinazionaliin modo che possono tenerci perennemente per le palle.E noi come pecoroni a dire si a tutto: i libri digitaliche possono decidere loro quando e quante volte puoileggerli, etc.Tra l'altro qualcuno mi sa dire dove sono finiti ivecchi pomodori S. Marzano? Quelli che vendonoadesso, perfetti e lucenti, spacciati conquesto nome, non hanno gusto di nulla, come il gelatoal gusto di "puffo".Che impieghino gli OGM per altre cosemeno nocive, per esempio perfare i fiori colorati, le rose blu, etc... ;-)

    ma un pò più di
    sensibilità no eh? in fondo di mondi
    in cui vivere abbiamo solo questo... una
    volta che lo si è rovinato dove
    andiamo???
  • Funz scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    - Scritto da: Avion

    HA RISPOSTO! E HA RISPOSTO A ME!!! :o

    Questa è evidentemente una
    legittimazione di me come presidente del suo
    fan club. ;)Beh, io ho avuto il privilegio di essere cazziato da lui in persona :D:D
  • kubu scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!

    Schiavoni Complimenti !Appoggio!
  • Anonimo scrive:
    Re: Luddisti
    se non si sono studi sugli effetti a lungo termine io ci andrei cauto..... anche il ddt all'inizio era considerato innocuo, eppure oggi (e qualche centinaia di migliaia di persone morte) è bandito in tutto in tutto il mondo....
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    L'India ha distrutto i campi coltivati OGM diversi anni fa, oggi le grandi corporation fornitrici di semi ogm non possono vendere sementi in quella nazione.....ma un pò più di sensibilità no eh? in fondo di mondi in cui vivere abbiamo solo questo... una volta che lo si è rovinato dove andiamo???
  • Anonimo scrive:
    Luddisti
    Mah capisco una diffidenza per cose che non si capiscono, ma da qui a pensare che nanobot e dintorni siano un danno per l'uomo ci vuole proprio una mente viziata da troppi film di fantascienza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capirete!
    Per fortuna che io compro solo nelle cateneBiopolis, che vendono roba di agricoltura biologica. Ma non tutti vivono nelle grandicitta' (Biopolis e altre catene sono solo a Roma,Milano, etc.), e non tutti possono permettersi dipagare *il doppio* la spesa...e bravo!!! compra, compra, l'agricoltura Biologica è la truffa del 2000 fatta per prendere in giro i consumatori, falde acquifere inquinate e pioggia acida rendono quei prodotti non biologici ma comuni a tutti gli altri e poi considerato il fatto che il contadino del campo limitrofo spruzza i disserbanti anche il vento diviene complice (fonte: ammissione dei ricercatori del CNR che tutti i giorni vengono a mangiare al mio ristorante), tu ci fai anche il vanesio perchè puoi permetterti il lusso di pagare il doppio per la tua morte? oh contento te!!!:s
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capirete!
    - Scritto da: Anonimo

    Guardatevi il film "The Corporation", uscito
    nelle sale italiane da poco, un documentario
    straordinario la cui pubblicita' in TV e'
    stata
    censurata su pressioni delle multinazionali,
    e capirete perche' bisogna temere le
    nanotecnologie e NON avere alcuna fede che
    verranno usate con saggezza. Dopo quello
    che le
    corporazioni hanno fatto negli anni 50 con
    la
    petrolchimica (i tumori erano praticamente
    un male
    inesistente prima di quegli anni, oggi sono
    un
    epidemia...), negli anni 70 con gli ormoni
    nel latte
    di mucca (ancora oggi legali perche' nessun
    network televisivo sopravviverebbe senza la
    pubblicita' del cartello alimentare), negli
    anni '80
    con gli OGM (interi paesi a sussistenza
    agricola
    come l'india si sono trovati a ricomprare
    ogni anno i semi del raccolto perche'
    erano diventati capaci di autodistruggersi),
    il pensiero che le nanotecnologie stiano
    per affacciarsi al mercato di massa con
    le loro potenzialita', dovrebbe farci
    TREMARE.

    Per fortuna che io compro solo nelle catene
    Biopolis, che vendono roba di agricoltura
    biologica. Ma non tutti vivono nelle grandi
    citta' (Biopolis e altre catene sono solo a
    Roma,
    Milano, etc.), e non tutti possono
    permettersi di
    pagare *il doppio* la spesa...

    Di questo passo i prodotti naturali, che
    prima
    la gente raccoglieva da terra GRATIS, adesso
    saranno rari come pietre preziose. Le
    bistecche
    di carne non trattata con antibatterici,
    ormoni
    artificiali e antibiotici, magari
    nanotecnologici,
    le troveremo solo nelle vetrine delle
    gioiellerie!!!

    Voi vi lamentate che le corporazioni stiano
    prendendo il controllo sulla proprieta'
    intellettuale con il DRM, Palladium e gli
    attacchi al P2P, ma ci stiamo dimenticando
    che hanno gia' preso il controllo di quello
    che mangiamo!! Non me ne frega niente
    se rimarro' un ignorante imbecille che
    potra'
    vedere solo l'episodio *famiglia felice*
    della Disney
    trasmesso dalla TV Microsoft, ma almeno
    vorrei poter MANGIARE senza dover rischiare
    alla lotteria un tumore all'intestino solo
    perche'
    una multinazionale ha trovato "accettabile"
    un
    rischio di 2% di casi di tossicita' nella
    sua
    nuova "super-farina-nanotecnologica"
    che non scade mai!!! :(((

    ma dai su non fare cosi' ! è solo un piccolo robottino che ti penetra nel cervello e che ti titilla il nerbo della coglionaggine, che mai sarà di tanto grave !Dai su fai il bravo, ingoia !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Guardatevi "The Corporation" e capir
    - Scritto da: Anonimo

    Guardatevi il film "The Corporation", uscito
    nelle sale italiane da poco, un documentario
    straordinario la cui pubblicita' in TV e'
    stata
    censurata su pressioni delle multinazionali,
    e capirete perche' bisogna temere le
    nanotecnologie e NON avere alcuna fede che
    verranno usate con saggezza.Certo, a gente come te basta guardare il film che-spiega-tutto, poi siete convinti di avere la verita assoluta che manco il vangelo fra le mani, del resto, "Lo divevano su su un film...", vero? Se poi si vocifera pure che "la cui pubblicita' in TV e' stata censurata su pressioni delle multinazionali (odddio, le multinazionaliii)" allora per voi e' il nuovo verbo da diffondere come bravi apostoli del bene. Dopo quello
    che le
    corporazioni hanno fatto negli anni 50 con
    la
    petrolchimica (i tumori erano praticamente
    un male
    inesistente prima di quegli anni, oggi sono
    un
    epidemia...), negli anni 70 con gli ormoni
    nel latte
    di mucca (ancora oggi legali perche' nessun
    network televisivo sopravviverebbe senza la
    pubblicita' del cartello alimentare), negli
    anni '80
    con gli OGM (interi paesi a sussistenza
    agricola
    come l'india si sono trovati a ricomprare
    ogni anno i semi del raccolto perche'
    erano diventati capaci di autodistruggersi),
    il pensiero che le nanotecnologie stiano
    per affacciarsi al mercato di massa con
    le loro potenzialita', dovrebbe farci
    TREMARE.Tu puoi pure iniziare a tremate, io constato solo che prima degli anni 50 si viveva molto di meno, e magari si moriva di infezione o chissa cos'altro... E' normale che con una aspettativa di vita di 80 l'incidenza di certe malattie di tipo degenerativo sia maggiore che in gente che ne vive 60, tu credi? Per quanto riguarda l'India, mio caro, ti sei mai chiesto che costringa questi POVERI contadini a ricorrere alle sementi OGM? Il solo profitto: anche dovendo acquistare ogni anno le sementi, infatti, il rendimento dei prodotti OGM e' decisamente migliore, richiedono meno acqua, meno cure, meno pesticidi e hanno una resa maggiore, e loro fanno molti piu soldi. Se volessero ricorrere alle sementi tradizionali, le hanno a disposizione, quasi gratis, ma, chissa perche, non lo fanno. Certo, magari troveresti terribilmente chich regalargliele, ste sementi, tanto sono delle crudeli multinazionali senza scrupoli, e poi non hai investito tu miliardi di dollari in ricerca.

    Per fortuna che io compro solo nelle catene
    Biopolis, che vendono roba di agricoltura
    biologica. Ma non tutti vivono nelle grandi
    citta' (Biopolis e altre catene sono solo a
    Roma,
    Milano, etc.), e non tutti possono
    permettersi di
    pagare *il doppio* la spesa......si potrebbe considerare una tassa sulla creduloneria, non credi?

    Di questo passo i prodotti naturali, che
    prima
    la gente raccoglieva da terra GRATISAdesso stai delirando, per quasi tutta la storia l'umanita ha dovuto lottare fianco a fianco con la denutrizione, il cibo non e' mai stato abbondante ed economico come oggi!
    saranno rari come pietre preziose. Le
    bistecche
    di carne non trattata con antibatterici,
    ormoni
    artificiali e antibiotici, magari
    nanotecnologici,
    le troveremo solo nelle vetrine delle
    gioiellerie!!!...

    Voi vi lamentate che le corporazioni stiano
    prendendo il controllo sulla proprieta'
    intellettuale con il DRM, Palladium e gli
    attacchi al P2P, ma ci stiamo dimenticando
    che hanno gia' preso il controllo di quello
    che mangiamo!! Non me ne frega niente
    se rimarro' un ignorante imbecille che
    potra'
    vedere solo l'episodio *famiglia felice*
    della Disney
    trasmesso dalla TV Microsoft, ma almeno
    vorrei poter MANGIARE senza dover rischiare
    alla lotteria un tumore all'intestino solo
    perche'
    una multinazionale ha trovato "accettabile"
    un
    rischio di 2% di casi di tossicita' nella
    sua
    nuova "super-farina-nanotecnologica"
    che non scade mai!!! :(((

    ...beato te che hai avuto la fortuna e il privilegio di vedere quel tal film, noi probabilmente moriremo giovanissimi intossicati da ormoni e tutte quelle cose che dici tu....Leggere qualcosa di scientifico, mai?!!?:'(
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    - Scritto da: Buzz
    E' un semplice errore di battitura..
    Può capitare!
    Poi se si fanno le pippe con sti giochetti
    per arrivare chissà dove, direi che
    non è il caso di farsi paranoie come
    stiamo facendo ora io e te, ma di
    consigliare un buon analista all'editore!
    :)HAI RAGIONE.
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    E' un semplice errore di battitura.. Può capitare!Poi se si fanno le pippe con sti giochetti per arrivare chissà dove, direi che non è il caso di farsi paranoie come stiamo facendo ora io e te, ma di consigliare un buon analista all'editore! :)
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    - Scritto da: Buzz
    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Buzz


    A che pro?





    Forse per vedere se sono seguiti

    Le stats non bastano? :D


    o per dare nizio a forum come questo.

    Si, un post utilissimo per la
    comunità che aumenterà
    sicuramente le hit dei banner! :D

    Perdonami, ma continuo a non capire quali
    vantaggi ci siano.. Forse sono scemo :)Non sei scemo, però spiegami perche non correggono l'erroreoppure non dicono: "siete voi che sbagliate perchè si dice NONOTECNOLOGIE".Non credo che in una redazione importante come P.I. siano già tutti a letto.
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Buzz

    A che pro?


    Forse per vedere se sono seguitiLe stats non bastano? :D
    o per dare nizio a forum come questo.Si, un post utilissimo per la comunità che aumenterà sicuramente le hit dei banner! :DPerdonami, ma continuo a non capire quali vantaggi ci siano.. Forse sono scemo :)
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    - Scritto da: Buzz
    A che pro?Forse per vedere se sono seguiti o per dare inizio a forum come questo.
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    A che pro?
  • Anonimo scrive:
    Re: PER LA REDAZIONE...
    - Scritto da: Anonimo
    Cos'è una Nonotecnologia? non si dice
    nAnotecnologia?

    oppure vuol dire no! no! tecnologia?Non ne sono sicuro, ma penso che certi errori P.I. li faccia apposta.
  • Anonimo scrive:
    Guardatevi "The Corporation" e capirete!
    Guardatevi il film "The Corporation", uscito nelle sale italiane da poco, un documentario straordinario la cui pubblicita' in TV e' stata censurata su pressioni delle multinazionali, e capirete perche' bisogna temere le nanotecnologie e NON avere alcuna fede che verranno usate con saggezza. Dopo quello che le corporazioni hanno fatto negli anni 50 con la petrolchimica (i tumori erano praticamente un male inesistente prima di quegli anni, oggi sono un epidemia...), negli anni 70 con gli ormoni nel latte di mucca (ancora oggi legali perche' nessun network televisivo sopravviverebbe senza la pubblicita' del cartello alimentare), negli anni '80 con gli OGM (interi paesi a sussistenza agricola come l'india si sono trovati a ricomprare ogni anno i semi del raccolto perche' erano diventati capaci di autodistruggersi), il pensiero che le nanotecnologie stiano per affacciarsi al mercato di massa con le loro potenzialita', dovrebbe farci TREMARE. Per fortuna che io compro solo nelle catene Biopolis, che vendono roba di agricoltura biologica. Ma non tutti vivono nelle grandi citta' (Biopolis e altre catene sono solo a Roma, Milano, etc.), e non tutti possono permettersi di pagare *il doppio* la spesa... Di questo passo i prodotti naturali, che prima la gente raccoglieva da terra GRATIS, adesso saranno rari come pietre preziose. Le bistecche di carne non trattata con antibatterici, ormoni artificiali e antibiotici, magari nanotecnologici, le troveremo solo nelle vetrine delle gioiellerie!!! Voi vi lamentate che le corporazioni stiano prendendo il controllo sulla proprieta' intellettuale con il DRM, Palladium e gli attacchi al P2P, ma ci stiamo dimenticando che hanno gia' preso il controllo di quello che mangiamo!! Non me ne frega niente se rimarro' un ignorante imbecille che potra' vedere solo l'episodio *famiglia felice* della Disney trasmesso dalla TV Microsoft, ma almeno vorrei poter MANGIARE senza dover rischiare alla lotteria un tumore all'intestino solo perche' una multinazionale ha trovato "accettabile" un rischio di 2% di casi di tossicita' nella sua nuova "super-farina-nanotecnologica" che non scade mai!!! :(((
  • TPK scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    - Scritto da: Avion

    - Scritto da: LucaSchiavoni

    - Scritto da: Avion







    Appoggio e rilancio.





    Fondiamo un fan club di Luca
    Schiavoni

    :D



    mah insomma

    ogni tanto non ci azzecca



    beve chianti e sonnecchia :)



    ciao, sniff sniff



    LucaS

    HA RISPOSTO! E HA RISPOSTO A ME!!! :o

    Questa è evidentemente una
    legittimazione di me come presidente del suo
    fan club. ;)No, e' l'evidente designazione di Natalie Portman come presidentessa...
  • Avion scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    - Scritto da: LucaSchiavoni
    - Scritto da: Avion




    Appoggio e rilancio.



    Fondiamo un fan club di Luca Schiavoni
    :D

    mah insomma
    ogni tanto non ci azzecca

    beve chianti e sonnecchia :)

    ciao, sniff sniff

    LucaSHA RISPOSTO! E HA RISPOSTO A ME!!! :oQuesta è evidentemente una legittimazione di me come presidente del suo fan club. ;)
  • Luca Schiavoni scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    - Scritto da: Avion

    Appoggio e rilancio.

    Fondiamo un fan club di Luca Schiavoni :Dmah insommaogni tanto non ci azzeccabeve chianti e sonnecchia :) ciao, sniff sniffLucaS
  • Avion scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    - Scritto da: Anonimo
    Ribadisco l'iniziativa di sollecitare la
    redazione affinchè appronti una
    raccolta delle vignette del mitico Luca
    Schiavoni, sempre più ganze ed
    azzeccate!

    Quanti lo desiderano, si accodino a questo
    mex :)

    Schiavoni Complimenti !Appoggio e rilancio.Fondiamo un fan club di Luca Schiavoni :D
  • Anonimo scrive:
    PER LA REDAZIONE...
    Cos'è una Nonotecnologia? non si dice nAnotecnologia?oppure vuol dire no! no! tecnologia?
  • Anonimo scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    Quoto in pieno...Ma, a chi ha scritto: "Nonotecnologie", che gli facciamo fare, un album di papere???
  • TPK scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    Sottoscrivo!
  • avvelenato scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    - Scritto da: Anonimo
    Ribadisco l'iniziativa di sollecitare la
    redazione affinchè appronti una
    raccolta delle vignette del mitico Luca
    Schiavoni, sempre più ganze ed
    azzeccate!

    Quanti lo desiderano, si accodino a questo
    mex :)

    Schiavoni Complimenti !quoto
  • Anonimo scrive:
    Re: [LucaS] PETIZIONE!
    Approvo!
  • Anonimo scrive:
    [LucaS] PETIZIONE!
    Ribadisco l'iniziativa di sollecitare la redazione affinchè appronti una raccolta delle vignette del mitico Luca Schiavoni, sempre più ganze ed azzeccate!Quanti lo desiderano, si accodino a questo mex :)Schiavoni Complimenti !
Chiudi i commenti